L’Europa boccia l’offerta della May sulla Brexit

Pubblicato il 23 giugno 2017 da ansa

BRUXELLES. – Ad un anno esatto dal referendum sulla Brexit, Theresa May annaspa già sul primo punto del negoziato per il divorzio dalla Ue. E riesce nell’impresa di cementare i 27, che altrimenti continuano ad essere divisi sulla riforma di Dublino e sulla distribuzione dei rifugiati (col gruppo di Visegrad che protesta per le procedure aperte da Bruxelles contro Varsavia, Budapest e Praga), anche se poi promettono di fare di più per aiutare l’Italia e chiudere definitivamente la rotta dalla Libia. Ma intanto, sottolinea Jean Claude Juncker, mettono “meno di Norvegia e Svizzera” (che della Ue non fanno parte) nel fondo per l’Africa.

Per di più, mentre Emmanuel Macron e Angela Merkel ripristinano la tradizione della conferenza stampa franco-tedesca congiunta (con la cancelliera che nel vertice ha visto “uno spirito di rinnovata fiducia”), viene affossata la proposta del francese sulla protezione delle aziende strategiche europee dallo shopping cinese.

Definendole come “insufficienti”, “ben al di sotto delle aspettative”, “buone intenzioni ma da verificare”, “buon inizio ma non una svolta”, Jean Claude Juncker, Donald Tusk, Paolo Gentiloni e Angela Merkel sono stati tutto sommato diplomatici nel bocciare le proposte fatte da Theresa May, spacciate per “garanzie” a tutela dei diritti degli oltre tre milioni di europei che vivono nel Regno Unito.

Ignorando i sondaggi che danno Corbyn più gradito di lei come premier e sfidando le opinioni dei pentiti che riempiono i media nel giorno dell’anniversario della Brexit, l’inquilina di Downing Street alla fine della seconda giornata del vertice ha replicato d’aver fatto “una offerta giusta e seria” ed ha ribadito che lunedì prossimo sarà nero su bianco al tavolo del negoziato.

Ma intanto si è sostanzialmente limitata a concedere che i tre milioni non saranno cacciati, ribadendo che Londra non avrebbe accettato la giurisdizione della Corte di giustizia europea se un cittadino europeo volesse fare ricorso su una richiesta di permesso di residenza permanente. Così dal vertice europeo si è levato un coro unanime.

Col belga Charles Michel che ha smascherato il tentativo di bluff della premier: “Non abbiamo alcuna intenzione di comprare nulla a scatola chiusa”, ha detto, aggiungendo che quella fatta dalla May è stata “una proposta estremamente vaga, per qualcosa di incredibilmente complicato”. E l’olandese Mark Rutte ha aggiunto: “Quando se n’è andata ci siamo detti ‘Ok, interessante, ma adesso ne parli con Barnier’ “. Un diplomatico l’ha sintetizzata così: “May si è seduta al tavolo, ma ha una sola carta in mano. Barnier il resto del mazzo”. Ovvero: tenere in ostaggio il destino dei cittadini Ue è l’unico punto di forza.

L’inadeguatezza ‘brit’ percepita a Bruxelles è sottolineata con un dettaglio perfido rivelato da Juncker: “nessuno” dei 27 “era dell’idea di fare un negoziato” e quando May ha dato “l’impressione di voler discutere la proposta” è stata accolta dal silenzio. Il negoziato tecnico, ha detto poi il lussemburghese, “si fa dall’altra parte della strada”, ovvero nella sede della Commissione europea, non tra i leader. Ma su un punto specifico è stato assolutamente chiaro: “Inimmaginabile” escludere la competenza della Corte di Giustizia Ue.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora