L’Europa boccia l’offerta della May sulla Brexit

Pubblicato il 23 giugno 2017 da ansa

BRUXELLES. – Ad un anno esatto dal referendum sulla Brexit, Theresa May annaspa già sul primo punto del negoziato per il divorzio dalla Ue. E riesce nell’impresa di cementare i 27, che altrimenti continuano ad essere divisi sulla riforma di Dublino e sulla distribuzione dei rifugiati (col gruppo di Visegrad che protesta per le procedure aperte da Bruxelles contro Varsavia, Budapest e Praga), anche se poi promettono di fare di più per aiutare l’Italia e chiudere definitivamente la rotta dalla Libia. Ma intanto, sottolinea Jean Claude Juncker, mettono “meno di Norvegia e Svizzera” (che della Ue non fanno parte) nel fondo per l’Africa.

Per di più, mentre Emmanuel Macron e Angela Merkel ripristinano la tradizione della conferenza stampa franco-tedesca congiunta (con la cancelliera che nel vertice ha visto “uno spirito di rinnovata fiducia”), viene affossata la proposta del francese sulla protezione delle aziende strategiche europee dallo shopping cinese.

Definendole come “insufficienti”, “ben al di sotto delle aspettative”, “buone intenzioni ma da verificare”, “buon inizio ma non una svolta”, Jean Claude Juncker, Donald Tusk, Paolo Gentiloni e Angela Merkel sono stati tutto sommato diplomatici nel bocciare le proposte fatte da Theresa May, spacciate per “garanzie” a tutela dei diritti degli oltre tre milioni di europei che vivono nel Regno Unito.

Ignorando i sondaggi che danno Corbyn più gradito di lei come premier e sfidando le opinioni dei pentiti che riempiono i media nel giorno dell’anniversario della Brexit, l’inquilina di Downing Street alla fine della seconda giornata del vertice ha replicato d’aver fatto “una offerta giusta e seria” ed ha ribadito che lunedì prossimo sarà nero su bianco al tavolo del negoziato.

Ma intanto si è sostanzialmente limitata a concedere che i tre milioni non saranno cacciati, ribadendo che Londra non avrebbe accettato la giurisdizione della Corte di giustizia europea se un cittadino europeo volesse fare ricorso su una richiesta di permesso di residenza permanente. Così dal vertice europeo si è levato un coro unanime.

Col belga Charles Michel che ha smascherato il tentativo di bluff della premier: “Non abbiamo alcuna intenzione di comprare nulla a scatola chiusa”, ha detto, aggiungendo che quella fatta dalla May è stata “una proposta estremamente vaga, per qualcosa di incredibilmente complicato”. E l’olandese Mark Rutte ha aggiunto: “Quando se n’è andata ci siamo detti ‘Ok, interessante, ma adesso ne parli con Barnier’ “. Un diplomatico l’ha sintetizzata così: “May si è seduta al tavolo, ma ha una sola carta in mano. Barnier il resto del mazzo”. Ovvero: tenere in ostaggio il destino dei cittadini Ue è l’unico punto di forza.

L’inadeguatezza ‘brit’ percepita a Bruxelles è sottolineata con un dettaglio perfido rivelato da Juncker: “nessuno” dei 27 “era dell’idea di fare un negoziato” e quando May ha dato “l’impressione di voler discutere la proposta” è stata accolta dal silenzio. Il negoziato tecnico, ha detto poi il lussemburghese, “si fa dall’altra parte della strada”, ovvero nella sede della Commissione europea, non tra i leader. Ma su un punto specifico è stato assolutamente chiaro: “Inimmaginabile” escludere la competenza della Corte di Giustizia Ue.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

01:53Charlie Rose accusato molestie, sospeso

(ANSA) - NEW YORK, 20 NOV - Lo scandalo delle molestie sessuali travolge anche Charlie Rose, lo storico giornalista americano. Cbs lo sospende e la Pbs blocca la produzione e la distribuzione dello suo show per accuse di molestie sessuali da parte di otto donne.

22:41Inviato proiettile con missiva a sindaco Lega di Cascina

(ANSA) - CASCINA (PISA), 20 NOV - Una lettera anonima di minacce e di poche righe contenente un proiettile calibro 28 è stata recapitata stamani al sindaco leghista di Cascina (Pisa), Susanna Ceccardi. Lo ha reso noto lo stesso sindaco spiegando all'ANSA di "non essere al momento in grado di valutare se è davvero pericolosa o meno, ma che comunque non rinuncerò alla mia azione politica". Nella missiva c'è scritto: "Con il tuo razzismo non andrai da nessuna parte. Accetta questo nostro pensiero. Ripuliremo Cascina dalle merde come te". La lettera anonima è stata recapitata in Comune e aperta dall'ufficio protocollo dell'amministrazione cascinese. Il foglio è stato subito consegnato ai carabinieri che l'hanno inviata alla polizia scientifica per effettuare tutti i rilievi del caso. "Io sono convinta - ha concluso Ceccardi - di non essere razzista, ma solo di voler lavorare al servizio dei miei concittadini. E il mio impegno politico a favore prima di tutto degli italiani proseguirà".

22:28Coppa America: ecco nuove barche,monoscafi da oltre 22 metri

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - La 36/a edizione dell'America's cup di vela è cominciata con un salto nel futuro, ma senza rinnegare in toto il passato. Non si tratta di un compromesso tecnologico, ma di una scelta ben precisa, che precede una mini-rivoluzione sostanziale. Da Auckland, nella serata italiana, è rimbalzata la notizia della scelta ufficiale delle nuova barca, da parte di Emirates team New Zealand, il 'defender' del più prestigioso e antico trofeo velico, la cui fase finale si disputerà nel 2021 proprio in Nuova Zelanda. Frutto del lavoro condiviso tra i progettisti del team 'kiwi' e quelli di Luna Rossa, 'challenger of record' (con il guidone del Circolo della vela Sicilia di Palermo) e quindi primo sfidante ufficiale dell'edizione che verrà, la nuova imbarcazione, denominata Ac75, è in realtà un monoscafo rivoluzionario, della lunghezza di 22,86 metri, dotato di appendici (foil) lunghe oltre cinque metri ciascuna, che promettono velocità e spettacolo in ogni condizione di vento, ma anche di mare.

20:51Coniugi uccisi: sottoposto a fermo figlio vittime

(ANSA) - NAPOLI, 20 NOV - E' stato sottoposto a fermo Graziano Afratellanza, per il duplice omicidio dei suoi genitori, la scorsa notte a Parete, nel Casertano. A suo carico sono stati raccolti gravi indizi. In particolare sin dai primi accertamenti è risultato che i due ottantenni erano stati sgozzati con una lama di 14-15 centimetri mentre dormivano. L'esame esterno ha subito fatto ipotizzare ad un'aggressione: il figlio, unico convivente delle vittime si era reso sin da subito irreperibile a bordo della proprio automobile. Durante le indagini trovato abbandonato lungo una strada sterrata, il coltello a lama liscia compatibile con quella dell'omicidio. (ANSA).

Archivio Ultima ora