Il pericolo dell’Assemblea Nazionale Costituente

Pubblicato il 26 giugno 2017 da Mauro Bafile

CARACAS – Pare che ormai non ci sia più marcia indietro. Il Venezuela avanza verso un’Assemblea Nazionale Costituente, nei termini voluti dal Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Il Consiglio Nazionale Elettorale, nonostante le tante critiche all’iniziativa presidenziale e ai dubbi di costituzionalità manifestati dalla Procura della Repubblica, ha organizzato l’appuntamento elettorale in tempo record. E, sempre che non avvenga qualcosa di straordinario, l’elezione dei membri della Costituente avverrà il 30 luglio.

A differenza di quanto accaduto durante la presidenza di Hugo Chávez Frías, l’Assemblea Nazionale Costituente, chiamata a riformare lo Stato, non avrà una data perentoria entro la quale presentare la nuova Carta. Si potrà estendere fino a quando i membri dell’Assemblea lo considereranno opportuno e necessario. Nel frattempo, tutti i poteri pubblici saranno sospesi. Lo saranno, quindi, anche quelli assai critici col governo: Parlamento e, ora, Procura della Repubblica.

Il Paese sarà governato come lo fu la Francia tra il 1789 e il 1799, cioè, da una specie di “Comitato di Salute Pubblica”, ovviamente esteso agli oltre 500 membri della Costituente, che avrà amplio potere di controllo e decisione in ogni ambito della vita della società. In particolare, in quelli militare, giudiziario e legislativo.

L’Assemblea Costituente, nei termini proposti, è stata ritenuta dalla Procuratrice della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, una violazione ai principi sanciti dall’attuale Costituzione. E così è stata denunciata dagli esponenti del Tavolo dell’Unità Democratica e dalle frange meno radicali del “chavismo”. Lo strappo della Procuratrice Luisa Ortega Díaz ha provocato all’interno del chavismo un terremoto dalle conseguenze ancora non abbastanza analizzate. In effetti, Luisa Ortega Díaz, promossa Procuratrice Generale nel 2007, era stata fino a qualche settimana fa, la pedina del governo per imputare colpe ai propri “nemici”. Ma quando col suo intervento ha obbligato l’Alta Corte a ritirare, anche se parzialmente, le sentenze attraverso le quali si usurpavano le funzioni del Parlamento e si attribuivano poteri quasi illimitati al capo dello Stato, si è trasformata, agli occhi dell’Opposizione, in una “paladina della giustizia” e agli occhi del governo in una “nemica”. Inoltre, ora che ha chiesto l’impeachment dei magistrati del Tribunale Supremo di Giustizia è stata accusata, da esponenti del governo del “Partito Socialista Unito del Venezuela”, di essere corrotta. Addirittura, c’è chi come il deputato Pedro Carreño, ha chiesto che sia sottoposta a una valutazione psichiatrica e psicologica.

Tribunale Supremo di Giustizia

I Magistrati dell’Alta Corte, di cui la Procuratrice giorni prima aveva chiesto l’incriminazione, hanno dato a loro volta il nulla osta a un processo contro Ortega Dìaz accusandola di gravi irregolarità. Addirittura è stata avanzata la possibilità di ordinare il sequestro dei suoi beni e la proibizione di uscire dal Paese. Si vedrà nei prossimi giorni cosa accadrà. Ma, intanto, si susseguono le manifestazioni di protesta, sempre più numerose, e la repressione ha varcato i limiti della tolleranza. E’ diventata selvaggia e sfrenata, come lo dimostra l’omicidio del giovane David Vallenilla, raggiunto ben tre volte da pallettoni di gomma sparati a bruciapelo e senza pietà, pare, da un allievo sergente dell’Aviazione che, non si sa perché, era tra gli agenti della Guardia Nazionale. In poco più di 80 giorni di proteste e di repressione, ci sono state ben 75 vittime, quasi una al giorno.

Ieri, rispetto e stima; oggi solo rabbia e tanta paura. Chi semina vento, raccoglie tempesta. I video shock, che attraverso la rete hanno fatto il giro del mondo arrivando fino all’angolo più sperduto del pianeta, hanno messo in luce un aspetto inatteso e sconosciuto del comportamento della Guardia Nazionale, il corpo di polizia militarizzata, e della Polizia Nazionale Bolivariana, creata appena alcuni anni fa in sostituzione della “Metropolitana”. In particolare, la Guardia Nazionale era uno dei corpi militari più stimati e ammirati dei venezuelani. Non si tratta solo della brutale violenza con la quale si spara su giovani manifestanti, sui giornalisti e su chiunque protesti contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolas, Maduro, ma di accuse di rapine, scippi, furti di cui Polizia e Guardia Nazionale si starebbero rendendo colpevoli; furti, scippi e rapine opportunamente documentati perché, oggi, grazie agli smarthphone, siamo tutti giornalisti, tutti fotografi, tutti operatori.

Le immagini del poliziotto che spintona la giovane donna e le ruba l’orologio senza che la vittima colta di sorpresa e soffocata dall’effetto dei gas lacrimogeni, possa reagire; del collega che rovista nella borsetta di un’altra donna togliendole ogni cosa di valore; delle Guardie Nazionali che fuggono in moto come volgari ladri dopo aver tolto caschi e zainetti ad alcuni motociclisti, mostrano l’altro lato della moneta. Ma se molti di questi fatti sono stati documentati, ancor di più sarebbero quelli in cui polizia e Guardia Nazionale, in moto e in gruppo di sei o sette, dopo le manifestazioni, tendono agguati e rapinano i malcapitati che tornano a casa dal lavoro senza aver partecipato alle proteste degenerate in violenza. Parliamo ovviamente di una minoranza. Ma la loro condotta amorale getta fango sulla divisa che indossano.

Il presidente della Repubblica, i ministri della Difesa e degli Interni, non potendo fare altrimenti, hanno assicurato che i colpevoli saranno puniti. Ma, anche così, resta una domanda inquietante: quanti, dopo aver assistito a scene simili o aver visto i video amatoriali postati in rete, riusciranno più a sentirsi protetti dalla Polizia o dalla Guardia nazionale?
Bafile Mauro

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora