Renzi punta ancora sul suo Pd: “No a unioni litigiose”

Pubblicato il 26 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Non le coalizioni, la domanda di cambiamento. Da qui Matteo Renzi e i suoi ripartono. Il giorno dopo, guardano in controluce la sconfitta ai ballottaggi. E ribaltano la lettura. I cittadini hanno votato quasi sempre contro chi governava, per cambiare: Pistoia – ad esempio – è passata da sinistra a destra, Lecce da destra a sinistra. Dunque il rilancio, nella lunga corsa alle politiche, sono convinti che passi da un rafforzamento del Pd sui territori e della sua centralità a livello nazionale, con un ritorno alla proposta di cambiamento che fu la forza del Renzi della prima ora. Non da un nuovo “tavolo” modello Ulivo come quello proposto da Andrea Orlando. Né dal “modello Pisapia” che “perde” Genova.

Ma gli avversari della sinistra interna ed esterna al Pd sono di tutt’altra idea e stringono “l’assedio” al fortino renziano, convinti che in autunno potrà partire l’assalto alla leadership. Non basta il post notturno del segretario a placare le ansie da sconfitta. Quello che Renzi su Facebook derubrica a risultato “non granché”, diventa nelle riflessioni del giorno dopo dei parlamentari Pd una disfatta preoccupante.

Il leader Dem, di primo mattino, pubblica un grafico di Youtrend che mostra come nel conteggio dei 111 comuni al ballottaggio, il centrosinistra batta il centrodestra 67 a 59. Si attira così le ironie della Rete e le perplessità dei Dem. Ma i renziani insistono: non è un dato banale perché gli abitanti dei Comuni vinti dal Pd superano quelli dei Comuni dove ha prevalso la destra.

Basta? No, son solo chiacchiere, secondo gli avversari. Non si può banalizzare così, osservano, aver perso Genova e Spezia, Pistoia e l’Aquila, Monza e Lodi. Quella di Renzi, attacca Orlando, è una analisi da “vecchia politica” non in grado di ammettere le sconfitte. Gli orlandiani, che domani si riuniranno a Roma, chiedono un’analisi politica “seria” in direzione nazionale (l’ipotesi di convocazione è per il 10 luglio).

E il ministro propone un “tavolo” delle forze “sociali e politiche” per riunire il centrosinistra. La segreteria non la mettono in discussione. Per ora. Potrebbero farlo a novembre, dopo la paventata sconfitta in Sicilia (il no di Pietro Grasso complica le cose). E comunque spingono per una premiership contendibile a sinistra, per favorire l’unità.

La fine del renzismo, dicono i bersaniani con Roberto Speranza, è “l’unica via per ripartire”. Ma i renziani non ammettono discussioni. Non se ne parla di riaprire il congresso e neanche di tornare a coalizioni “litigiose tenute insieme dal vinavil”, attacca Matteo Orfini, che boccia il tavolo di Orlando pubblicando un’infografica con i ben 33 leader dell’Unione, ma sembra scettico anche sulle chance di Prodi di far da collante.

Lo schema resta per ora quello del “listone” Dem largo da centro a sinistra. E resta anche una aspirazione maggioritaria che Renzi, al lavoro al Nazareno, dovrebbe rilanciare questo weekend dall’assemblea dei circoli a Milano. “Se Bersani non vuole stare con noi rispettiamo la sua volontà”, attacca un deputato.

Ma la realtà, spiegano altri, è che i giochi si apriranno davvero in autunno, quando si chiuderà la finestra del voto e si potrà fare un ultimo tentativo sulla legge elettorale. Fino a lì, si proverà a tenere aperto un canale con Pisapia. Intanto, la priorità di Renzi è rafforzare il partito (si parla di una nuova pubblicazione, “Democratico”).

Qualche renziano torna a spingere per il voto anticipato ma, frenano i dirigenti Dem, non ce ne sono le condizioni: ci pensano gli altri partiti a tenere in piedi la legislatura. Paolo Gentiloni può affrontare con questa consapevolezza i prossimi passaggi parlamentari. Nel pomeriggio il premier vede Luigi Zanda e Anna Finocchiaro. Parlando di codice antimafia, ddl sulle crisi di impresa e stato di insolvenza. Poi ci sarà da affrontare lo ius soli: qualche dirigente Dem, soprattutto del Nord, suggerisce a Renzi di frenare sulla riforma, ma al momento si avanti, un passo indietro, secondo i renziani, “sarebbe un suicidio”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

13:39Germania: Berlino,corteo 500 neonazi,tensione con oppositori

(ANSA) - BERLINO, 19 AGO - Tensione a Berlino dove almeno 500 neonazisti hanno marciato in onore del 30esimo anniversario dalla morte di Rudolf Hess mentre altri 500 contro-manifestanti si sono riuniti vicino al corteo nel quartiere di Spandau. A separare i due cortei, la polizia antisommossa. Il portavoce, Carsten Mueller, ha detto che le autorità hanno importo una serie di restrizioni sulla marcia per assicurarsi che procedesse in maniera pacifica. In sostanza, la polizia ha autorizzato i manifestanti dell'ultradestra a marciare, senza però inneggiare al gerarca nazista, morto nella prigione di Spandau.

13:38Barcellona: Comitato sicurezza a Milano, rafforzate misure

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - A Milano rafforzate ulteriormente le misure di sicurezza in seguito all'attentato di Barcellona: sono state posizionate nuove barriere agli accessi laterali della Galleria Vittorio Emanuele, accanto a piazza Duomo, e presto ne arriveranno altre nella zona della Darsena e dei navigli. Lo ha riferito la vicesindaco Anna Scavuzzo al termine del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza convocato in Prefettura dopo l'attacco di Barcellona. "Ci stiamo concentrando sul Duomo e sulla Galleria e stiamo facendo le verifiche per il posizionamento dei new jersey in Darsena e Navigli" ha precisato.(ANSA).

13:21Terrorismo: Viminale, espulsi 3 stranieri

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Due cittadini marocchini ed un cittadino siriano sono stati espulsi dal territorio nazionale per motivi di sicurezza. Lo rende noto il Viminale. Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.

12:53Calcio: Genoa, Juric ‘l’obiettivo è la salvezza’

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - L'obiettivo è la salvezza, è questa la realtà". Lo ha detto l'allenatore del Genoa Ivan Juric nella conferenza alla vigilia del debutto in campionato a Reggio Emilia col Sassuolo. Il mister rossoblù deve fare i conti con alcune emergenze soprattutto in difesa (mancherà Izzo ancora squalificato per la vicenda del Calcioscommesse ai tempi dell' Avellino) e in attacco, perchè Lapadula non è ancora disponibile. Juric ha le idee chiare: "Nella retroguardia toccherà a Rossettini, anche se è arrivato da pochi giorni. Mentre davanti giocherà Galabinov, avrà un'occasione importante. Nazionale". Tra le novità un possibile posto da titolare dal 1' per il centrocampista Omeonga e il giovanissimo Salcedo in attacco: "E' un giocatore giovane ma completo" ha spiegato Juric che invita la sua squadra alla massima attenzione col Sassuolo: "E' bello che abbiano tanti italiani ed hanno la capacità di mantenerli. Giocano un buon calcio, prima con Di Francesco e ora con Bucchi: E' sicuramente una squadra con un buon potenziale".

12:38Napoli la provincia con più adolescenti, Ferrara ultima

(ANSA) - BOLOGNA, 19 AGO - Napoli e Caserta sono le province con più adolescenti in Italia, con l'8,3% e l'8% della popolazione, mentre la 'maglia nera' degli abitanti tra 11 e 17 anni spetta a Ferrara (5,2%). Radioimmaginaria, emittente di adolescenti con 40 redazioni in Italia ed Europa, ha rielaborato dati Istat al gennaio 2017 in vista della Teen Parade a BolognaFiere (6-7 settembre), manifestazione per avvicinare gli adolescenti al mondo del lavoro (annunciati i ministri Valeria Fedeli e Giuliano Poletti). "In Italia gli adolescenti sono poco più di 4 milioni, il 6,6% dei cittadini", sottolinea Ludovica, 17enne speaker cremonese di Radioimmaginaria. La top ten delle province con più giovanissimi è appannaggio quasi solo del Sud: al terzo posto Barletta-Andria-Trani sfiora l'8%, davanti a Caltanissetta e Bolzano con 7,7%. Bolzano è l'unica provincia settentrionale ai vertici. Seguono infatti altre province del sud: Foggia, Crotone, Agrigento, Catania e Palermo al 7,3%. (ANSA).

12:38Finlandia: Farnesina conferma, italiana tra 8 feriti

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - La Farnesina ha confermato che una signora italiana è tra i feriti dell'attacco a colpi di coltello avvenuto ieri nella cittadina portuale finlandese di Turku. La donne è ricoverata in ospedale. L'unità di crisi del Ministero degli Esteri e l'ambasciata italiana a Helsinki si sono immediatamente attivate - si apprende - per ogni cura e assistenza. La polizia finlandese ritiene che l'episodio, in cui sono morte due persone e ferito lo stesso assalitore, sia un atto di terrorismo .

12:38Venezuela: Ortega Diaz fuggita in Colombia in barca

(ANSA) - CARACAS, 19 AGO - L'ex procuratrice generale del Venezuela, Luisa Ortega Diaz, è fuggita dal suo Paese in barca ed è arrivata in Colombia, dove ha chiesto asilo alle autorità locali. La notizia, anticipata dalla stampa di Caracas, è stata confermata dalle autorità colombiane. Ortega Diaz ha prima raggiunto la costa caraibica del Venezuela e dalla penisola di Paraguanà ha raggiunto in barca Aruba, da dove ha preso un aereo privato che l'ha portata a Bogotà. L'ex procuratrice è fuggita insieme al marito, il deputato chavista German Ferrer, e due suoi collaboratori della Procura, tutti ricercati dalle autorità venezuelane.

Archivio Ultima ora