Renzi punta ancora sul suo Pd: “No a unioni litigiose”

Pubblicato il 26 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Non le coalizioni, la domanda di cambiamento. Da qui Matteo Renzi e i suoi ripartono. Il giorno dopo, guardano in controluce la sconfitta ai ballottaggi. E ribaltano la lettura. I cittadini hanno votato quasi sempre contro chi governava, per cambiare: Pistoia – ad esempio – è passata da sinistra a destra, Lecce da destra a sinistra. Dunque il rilancio, nella lunga corsa alle politiche, sono convinti che passi da un rafforzamento del Pd sui territori e della sua centralità a livello nazionale, con un ritorno alla proposta di cambiamento che fu la forza del Renzi della prima ora. Non da un nuovo “tavolo” modello Ulivo come quello proposto da Andrea Orlando. Né dal “modello Pisapia” che “perde” Genova.

Ma gli avversari della sinistra interna ed esterna al Pd sono di tutt’altra idea e stringono “l’assedio” al fortino renziano, convinti che in autunno potrà partire l’assalto alla leadership. Non basta il post notturno del segretario a placare le ansie da sconfitta. Quello che Renzi su Facebook derubrica a risultato “non granché”, diventa nelle riflessioni del giorno dopo dei parlamentari Pd una disfatta preoccupante.

Il leader Dem, di primo mattino, pubblica un grafico di Youtrend che mostra come nel conteggio dei 111 comuni al ballottaggio, il centrosinistra batta il centrodestra 67 a 59. Si attira così le ironie della Rete e le perplessità dei Dem. Ma i renziani insistono: non è un dato banale perché gli abitanti dei Comuni vinti dal Pd superano quelli dei Comuni dove ha prevalso la destra.

Basta? No, son solo chiacchiere, secondo gli avversari. Non si può banalizzare così, osservano, aver perso Genova e Spezia, Pistoia e l’Aquila, Monza e Lodi. Quella di Renzi, attacca Orlando, è una analisi da “vecchia politica” non in grado di ammettere le sconfitte. Gli orlandiani, che domani si riuniranno a Roma, chiedono un’analisi politica “seria” in direzione nazionale (l’ipotesi di convocazione è per il 10 luglio).

E il ministro propone un “tavolo” delle forze “sociali e politiche” per riunire il centrosinistra. La segreteria non la mettono in discussione. Per ora. Potrebbero farlo a novembre, dopo la paventata sconfitta in Sicilia (il no di Pietro Grasso complica le cose). E comunque spingono per una premiership contendibile a sinistra, per favorire l’unità.

La fine del renzismo, dicono i bersaniani con Roberto Speranza, è “l’unica via per ripartire”. Ma i renziani non ammettono discussioni. Non se ne parla di riaprire il congresso e neanche di tornare a coalizioni “litigiose tenute insieme dal vinavil”, attacca Matteo Orfini, che boccia il tavolo di Orlando pubblicando un’infografica con i ben 33 leader dell’Unione, ma sembra scettico anche sulle chance di Prodi di far da collante.

Lo schema resta per ora quello del “listone” Dem largo da centro a sinistra. E resta anche una aspirazione maggioritaria che Renzi, al lavoro al Nazareno, dovrebbe rilanciare questo weekend dall’assemblea dei circoli a Milano. “Se Bersani non vuole stare con noi rispettiamo la sua volontà”, attacca un deputato.

Ma la realtà, spiegano altri, è che i giochi si apriranno davvero in autunno, quando si chiuderà la finestra del voto e si potrà fare un ultimo tentativo sulla legge elettorale. Fino a lì, si proverà a tenere aperto un canale con Pisapia. Intanto, la priorità di Renzi è rafforzare il partito (si parla di una nuova pubblicazione, “Democratico”).

Qualche renziano torna a spingere per il voto anticipato ma, frenano i dirigenti Dem, non ce ne sono le condizioni: ci pensano gli altri partiti a tenere in piedi la legislatura. Paolo Gentiloni può affrontare con questa consapevolezza i prossimi passaggi parlamentari. Nel pomeriggio il premier vede Luigi Zanda e Anna Finocchiaro. Parlando di codice antimafia, ddl sulle crisi di impresa e stato di insolvenza. Poi ci sarà da affrontare lo ius soli: qualche dirigente Dem, soprattutto del Nord, suggerisce a Renzi di frenare sulla riforma, ma al momento si avanti, un passo indietro, secondo i renziani, “sarebbe un suicidio”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora