Renzi in trincea: “Non mi logorate, sfida in direzione”

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Non ci sta a far la fine dei leader della sinistra del passato, Matteo Renzi. All’accerchiamento dei “padri” del Pd, di alleati e avversari interni e della sinistra tutta, risponde con fermezza. Il rischio è farsi logorare. L’obiettivo finale, sospettano i suoi, è impedirgli di essere candidato premier alle elezioni o comunque “commissariarlo”: l’effetto sarebbe fargliele perdere, quelle elezioni.

Perciò l’invito a Dario Franceschini, Andrea Orlando, Nicola Zingaretti e tutti coloro che lo attaccano (“polemiche precostituite”, sostengono i suoi) dopo le comunali è parlare nella direzione del 10 luglio. Lì si vedrà chi ha i numeri, chi ha dalla sua il partito e una proposta seria da rilanciare.

Renzi accoglie con calma e rispetto l’intervista, che agita non poco i Dem, in cui Walter Veltroni lo invita a “cambiare passo” e presentarsi “per” e non “contro”. E allo stesso modo recepisce il comunicato stampa in cui Romano Prodi replica a un presunto attacco del segretario e dice di avere la tenda già fuori dal Pd. I renziani si guardano spaesati e chiamano il leader: “che cosa hai detto?”, gli domandano. Col passare dei minuti si capisce che il Professore non ha digerito le uscite post ballottaggi in cui Renzi e i suoi hanno bocciato le coalizioni “tenute dal vinavil”, ha decretato il fallimento del modello Pisapia sponsorizzato da Prodi a Genova e ha affermato, in un colloquio con Qn, che “i migliori amici del Berlusca sono i suoi nemici”.

I parlamentari Dem sono spiazzati, Graziano Delrio alla Camera è scuro in volto: non si può perdere Prodi, dichiara. La linea del Nazareno la dà un tweet di Matteo Richetti: “la nostra volontà è il contrario” che cacciare Prodi. Ma altro discorso è il fuoco di fila che a stretto giro parte dall’interno del partito.

Contro Dario Franceschini e Nicola Zingaretti l’irritazione viene a stento trattenuta. Quando i due accusano Renzi di dividere e non unire, arrivano repliche come quella del renziano Ernesto Carbone che accusa il ministro di aver “fiutato il vento” sfavorevole al segretario come – è il sottinteso – fece con Enrico Letta quando passò con Renzi. Franceschini è in rotta con il segretario perché gli ha dato poco spazio negli organi dirigenti del partito, sottolineano tra l’altro i renziani. E Zingaretti dovrebbe fare piuttosto i conti con il risultato elettorale deludente dei comuni del Lazio.

Il sospetto è che ci sia un attacco alla leadership, come dimostrano le parole di Gianni Cuperlo, che accusa Renzi di “dividere” quando serve un leader “unitario”. Ma il segretario invita alla calma, a non alimentare la rissa. La leadership, affermano, non è in discussione: centinaia di migliaia di voti alle primarie lo testimoniano. Punto.

Sulla linea politica si discuterà ma non si può pretendere di imporla con un accerchiamento di correnti e un ritorno a “caminetti” che sembrano riportare a un passato in cui si faceva fuori Veltroni per il voto in Sardegna. Niente di tutto ciò, replicano i franceschiniani: il tentativo è far ragionare Renzi, portarlo ad analizzare la sconfitta elettorale e accettare il dialogo nel centrosinistra. Come si fa, replicano i renziani, a chiedergli di mettersi a discettare di coalizioni con Mdp che vota costantemente contro il governo?

La tentazione di qualche renziano sarebbe votare subito e chiudere il discorso, non far riorganizzare gli avversari, ma non sembrano esserci margini. Il dibattito, è la scommessa, terrà banco nei prossimi giorni, facendo male alla sinistra. “Se ci logorano non arriva il marxismo ma la destra”, nota pungente Matteo Orfini. Nelle prossime ore i “pontieri”, da Delrio a Maurizio Martina, lavoreranno per calmare gli animi e ricucire.

Renzi tira dritto per la sua strada: è pronto al dialogo sui contenuti perché per vincere, afferma, si deve lavorare all’Italia “2020”. Di questo parlerà a Milano venerdì. In direzione il 10 ci si confronterà sul partito e si vedrà chi ha i numeri. Ma i numeri dopo il congresso sono tutti per il segretario: 84 i membri della maggioranza e di questi una cinquantina sono renziani, meno di una ventina franceschiniani, 24 gli orlandiani e 12 gli emiliani. L’esito sembra già scritto. Almeno in quella sede.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

20:51Corruzione Sardegna: scarcerato imprenditore ai domiciliari

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - Il Gip del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Salvatore 'Tore' Pinna, finito ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su una presunta mazzetta per un appalto dell'Enas, l'Ente acque della Sardegna. Pinna, difeso dall'avvocato Leonardo Filippi e già coinvolto nello scandalo Sindacopoli, era stato iscritto nel registro degli indagati quando i pm Emanuele Secci e Gaetano Porcu avevano iniziato a indagare sulla tangente che sarebbe stata pagata per la realizzazione di un impianto di energia rinnovabile da 9 milioni e mezzo di euro a Ottana (Nuoro). Ieri il Tribunale del Riesame di Cagliari aveva scarcerato Gianni Lolli e Luigi Betti, finiti agli arresti domiciliari a Modena e Forlì nella stessa inchiesta. Entro il 21 ottobre, invece, si conoscerà il pronunciamento del Riesame sul ricorso presentato dagli avvocati dell'ex calciatore Renato Copparoni e dell'allora presidente dell'Enas, Davide Galantuomo, già sindaco di Quartu Sant'Elena. Secondo le difese non ci sarebbero né i gravi indizi di colpevolezza né le esigenze di custodia invocati nell'ordinanza in quanto i fatti contestati, spiegano, sono lontani nel tempo. Galantuomo è accusato di aver incassato una tangente di circa 90 mila euro, prima tranche di una mazzetta complessiva di 135mila euro per l'appalto da 9,5 milioni. Copparoni, invece, è indicato dalla Procura come il mediatore dell'affare, mentre i due indagati tornati ieri in libertà facevano parte delle società investirci che avevano proposto il progetto. Tore Pinna, assiemne a Copparoni, avrebbe svolto una funzione di mediazione, ricevendo la promessa di ottenere una parte dei soldi pagati - dice la Procura - da Betti e Lolli. (ANSA).

20:31Continua esodo Rohingya in Bangladesh

(ANSA)- DACCA, 17 OTT - Molte migliaia di rifugiati musulmani rohingya in fuga dallo Stato birmano di Rakhine sono giunti durante il fine settimana nei campi di accoglienza di Cox's Bazar, nel sud del Bangladesh, dove la situazione sanitaria diventa di giorno in giorno più allarmanete. I media di Dacca, dopo aver ricordato che dal 24 agosto scorso oltre 500.000 rifugiati hanno abbandonato la Birmania trasferendosi sul suolo bengalese, hanno segnalato oggi che nelle ultime settimane il flusso si era progressivamente ridotto, ma che fra sabato e domenica le agenzie umanitarie hanno confermato che circa 20.000 rohingya sono giunti via mare o attraversando il fiume Naf a Cox's Bazar. Infine il quotidiano Dhaka Tribune scrive che da agosto vi sono stati almeno 28 naufragi di barconi con a bordo rifugiati rohingya che hanno causato la morte di quasi 200 persone, quasi tutte donne e bambini.

20:26Turchia: bomba contro polizia, 18 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 17 OTT - È salito a 18 feriti, di cui 17 agenti, il bilancio dell'esplosione di un ordigno esploso questo pomeriggio al passaggio di un bus della polizia turca a Mersin, nel sud del Paese. Lo ha reso noto il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Bekir Bozdag, secondo cui "gli indizi mostrano che si è trattato di un attacco terroristico". Le autorità non si sbilanciano ancora sulla matrice dell'attentato. Come avviene regolarmente in casi analoghi, le autorità locali hanno imposto una censura sulla pubblicazione di notizie e immagini che riguarda anche i social media.

20:22Sardegna: Giunta vara finanziaria 2018-2020 da 7,7 miliardi

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - La Giunta regionale della Sardegna, su proposta dell'assessore del Bilancio Raffaele Paci, ha approvato la Finanziaria 2018-2020. La legge prevede un aumento delle entrate tributarie di 120 milioni fino a 6 miliardi e 276mila euro: alla fine sarà una manovra da 7 miliardi e 724mila euro, il 2% in più rispetto allo scorso anno. "Abbiamo approvato la legge in Giunta più di due mesi prima rispetto allo scorso anno e puntiamo ad evitare il ricorso all'esercizio provvisorio", ha spiegato Paci. Dei quasi otto miliardi, 40 milioni di euro saranno a disposizione del Consiglio regionale. Una novità?. "Stiamo fortemente rinnovando tutti i mezzi della Protezione civile, del Corpo forestale e di Forestas, una grande operazione di acquisto di mezzi in leasing". Altri dettagli saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa ancora da programmare.

20:19Ucraina: manifestanti montano tende in zona Parlamento

(ANSA) - MOSCA, 17 OTT - I manifestanti hanno montato delle tende nella zona del Parlamento ucraino e invitano a portar loro cibo e indumenti pesanti perché possano continuare a lungo la loro protesta. Lo riferiscono i media locali. Secondo l'agenzia Unian, avrebbero montato 11 grandi tende in via Grushevski, sei grandi tende e 25 più piccole a Parco Mariinski e 11 in piazza Costituzione. "Penso che sia una buona idea per noi tutti rimanere qui finché non esaudiscono le nostre richieste", ha affermato l'ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili.

20:17Corea Nord: Usa agli alleati, ‘prepariamoci al peggio’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Gli Stati Uniti "non escludono la possibilita' di negoziati diretti con la Corea del Nord, ma con i loro alleati Giappone e Corea del Sud devono prepararsi al peggio se la diplomazia dovesse fallire": lo ha detto il vicesegretario di stato americano, John Sullivan durante la sua visita a Tokyo.

Archivio Ultima ora