Svolta dei sindaci lombardi del centrosinistra, sì al referendum

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

MILANO. – Nel giorno in cui Giorgio Gori ha confermato la disponibilità a candidarsi alla presidenza della Regione Lombardia, i sindaci di centrosinistra di quasi tutti i capoluoghi lombardi hanno ufficialmente annunciato che voteranno Sì al referendum (consultivo) per l’autonomia fissato il 22 ottobre dal governatore leghista, Roberto Maroni, in concomitanza con quello del Veneto.

È stato proprio l’ufficio di Gori, sindaco di Bergamo, ad anticipare la nascita di un comitato che di fatto impone un cambio di linea al Pd, che fino a ieri aveva definito inutile la consultazione sostenuta dal centrodestra e dal Movimento 5 Stelle.

I sindaci Dem, compreso quello di Milano, Giuseppe Sala, avranno ragioni diverse da quelle di Maroni. Le spiegheranno l’11 luglio a Varese, città culla della Lega Nord (e del governatore) strappata dal centrosinistra un anno fa dopo ventitré anni. “L’autonomia e i benefici per la crescita e il lavoro per tutti non possono essere strumentalizzati da una parte politica che ha isolato fino ad ora la Lombardia – hanno intanto dichiarato in una nota congiunta i primi cittadini di Milano, Bergamo, Brescia, Varese, Lecco, Mantova, Cremona e Sondrio -. Per questo diciamo un Sì convinto e ci organizzeremo perché il referendum sia una vittoria di tutti i lombardi e non una bandierina di una parte”.

La mossa cambia lo scenario proprio all’indomani dei ballottaggi persi dal Pd e alla vigilia delle elezioni Regionali. La quasi totalità dei partiti è ora schierata per il Sì. “I lombardi – ha detto il segretario lombardo del partito di Matteo Renzi, Alessandro Alfieri – avranno ora a disposizione un’altra voce che non parlerà loro di fantomatici miliardi di euro ma di come rendere la Lombardia più forte e competitiva con maggiori poteri. Allo stesso tempo rimaniamo convinti che sia un grave errore non aver trattato da subito con il governo e aver invece voluto indire un referendum che costerà ai cittadini lombardi 46 milioni di euro”.

“Bene, finalmente. Ma una domanda – ha scritto Maroni su Facebook – la voglio fare al Pd lombardo e al suo segretario: perchè finora il Pd ha definito inutile il referendum e mi ha sempre attaccato accusandomi di sprecare soldi pubblici? Che confusione in casa dem… Che pazienza da parte mia”.

Il cambio di linea del Partito Democratico è stato sottolineano anche dai 5 Stelle: “L’endorsement al referendum dei sindaci Pd, una cosa la dice chiaramente – ha sostenuto il capogruppo regionale Andrea Fiasconaro – il Pd regionale ha mentito spudoratamente sulle aperture del Governo Renzi-Gentiloni per dare più autonomia e risorse alla Lombardia”.

(di Alessandro Franzi/ANSA)

Ultima ora

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

Archivio Ultima ora