Dramma della disoccupazione a Torino, donna si dà fuoco

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

TORINO. – Ha preso il numero e si è messa in coda, come tutti gli altri. Ha aspettato il suo turno in silenzio, con pazienza, agli sportelli dell’Inps. Arrivato il suo turno, all’improvviso, si è cosparsa il volto con del liquido infiammabile che nascondeva nella borsetta e con un accendino si è data fuoco. “Sono disoccupata, sono disperata”, il grido di dolore prima che le fiamme la avvolgessero davanti allo sguardo terrorizzato dei dipendenti dell’Inps e delle altre persone in attesa.

La tragedia a Torino, negli uffici Inps di corso Giulio Cesare, alla periferia della città. Protagonista una 46enne, ora ricoverata nel centro grandi ustionati dell’ospedale Cto. Ha ustioni sul 25% del corpo, di cui il 10% di terzo grado. A non lasciarla sola nemmeno per un secondo, nella sala d’aspetto, il fratello, che prova a ricostruire la vicenda. “Questa mattina su Facebook ha scritto ‘oggi vado e li faccio neri’. Ma doveva fare ‘neri loro’, non se stessa”, racconta.

La donna da almeno una decina d’anni faceva le pulizie in una birreria di Settimo Torinese, ma nel gennaio scorso è arrivato il licenziamento. “Da un giorno all’altro mia sorella si è trovata senza stipendio, senza Tfr, senza indennità di disoccupazione. Con un affitto da pagare e un compagno disoccupato. Il sistema non funziona: per questo lei ha compiuto questo gesto disperato”. Ora è intubata e lotta tra la vita e la morte.

“Vorrei ringraziare l’uomo che l’ha soccorsa. Penso sia un marocchino, un musulmano – continua il familiare – In tanti si sono fatti prendere dal panico, ma lui no”. Secondo una prima ricostruzione dell’Inps, la donna si era recata in corso Giulio Cesare per chiedere delucidazioni proprio sull’indennità di disoccupazione.

“Era stata licenziata il 13 gennaio scorso – spiega Giovanni Firera, responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Inps Sede regionale del Piemonte – E, dopo una settimana di malattia, non avrebbe consegnato i moduli per la richiesta di indennità sino al 25 maggio. Da quella data, aveva poi ritirato il primo assegno, ma non quelli precedenti. Una tragedia mai accaduta prima, che ci lascia tutti senza parole”.

Che fosse in difficoltà gli amici lo sapevano. Ma nessuno pensava potesse arrivare a tanto. “Abbiamo ristrutturato i reparti ed esternalizzato le pulizie”, spiega il titolare del pub dove la donna lavorava. “Si è fatto di tutto per salvare la maggior parte dei posti di lavoro. Ma, per motivi economici, siamo stati costretti a lasciare a casa chi faceva le pulizie, il tutto nel rispetto delle procedure e delle norme. Sapevo che aveva un contenzioso con l’Inps, ma non riesco ancora a farmi ragione di un gesto così forte”.

La donna, il 24 gennaio, si era rivolta al patronato Inca della Cgil e solo il 12 giugno l’Inps ha accolto la sua domanda, “senza però – ad oggi – avere ancora liquidato quanto dovuto”. A spiegarlo è la Cgil di Torino. “Non solo è stata licenziata, ma è stata anche costretta ad avviare una causa per recuperare il pagamento di stipendi arretrati e del Tfr”.

Il dramma della disoccupazione fa discutere la politica. Per Stefano Fassina, di Sinistra Italiana, è “l’ennesimo indicatore delle condizioni reali del Paese, della disperazione di fasce sempre più larghe di popolo”. Attacca il Pd Sandra Savino, di Forza Italia. “Il suo slogan – dice – è: per ultimi gli italiani. Se sopravvivono”. Tuona contro la “precarizzazione del lavoro” il senatore Mdp Federico Fornaro, mentre il M5S chiede misure adeguate contro il precariato.

Ultima ora

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

20:48Ippica:a Full Drago Jockey Club ma infortunio costa carriera

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Vince e si procura un infortunio che ne chiude la carriera a 4 anni. È la storia di Full Drago che ha dominato l'edizione 2017 del Gran Premio Jockey Club nella giornata clou della stagione del galoppo a Milano, ma negli ultimi metri della corsa di Gruppo 2 da oltre 250 mila euro di montepremi il guaio a una gamba ha trasformato la festa in un dramma. Davanti a oltre cinquemila spettatori, come da previsioni il portacolori della scuderia Dioscuri ha dettato legge dal primo all'ultimo metro e non ha mai concesso speranze ai rivali, mantenuti sempre a distanza di sicurezza (secondo il tedesco Savoir Vivre, terzo il rivale di sempre Way To Paris). Peccato che la splendida galoppata sia anche l'ultima in corsa per Full Drago, applaudito a maggior ragione dal pubblico dell'ippodromo Snai San Siro: ora il cavallo di Alduino e Botti dovrà dimostrare di essere un campione anche nella veste di stallone. L'altra prova di cartello, il Gran Criterium-Gruppo 2 per i 2 anni, è stata vinta dal tedesco Royal Youmzain.

Archivio Ultima ora