Europei U21: tris di Saul, e la Spagna butta fuori l’Italia

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

Saul Niguez celebra la vittoria della Spagna sull’Italia U21. 27 luglio, 2017. (ANSA/AP Photo/Czarek Sokolowski)

ROMA. – Un’ora o quasi al livello della Spagna – anzi a tratti perfino meglio – poi l’Italia cede tra qualche rimpianto e saluta l’Europeo Under 21 alla soglia della finale. Il titolo se lo giocheranno, con la Germania, la giovane nazionale ‘Roja’ e il suo leader Saul, stasera autore di una tripletta. Il 3-1 finale è severo con la nazionale di Di Biagio, andata oltre le assenze e gli sfavori del pronostico iniziale.

Il peccato azzurro è stato non aver capitalizzato la maggior brillantezza del primo tempo, più che essere andati sotto al primo vero tiro in porta degli spagnoli dopo 53′; ci si sono messi poi anche gli errori di Donnarumma e l’ingenuità di Gagliardini, espulso sullo 0-1 per un inutile fallo da secondo giallo. Bernarderschi l’aveva anche rimessa sui binari giusti, ma la stanchezza e le incertezze del portiere azzurro hanno lasciato scivolar via la giovane Italia: la sconfitta non è netta come quella di quattro anni fa in finale, ma fa male lo stesso, e tanto.

La Spagna che si presenta in campo a Cracovia è quella dei baby fenomeni, da Asensio a Saul, favoritissimi per la vittoria finale e destinati a rinnovare i fasti della ‘Roja’ di Xavi e Iniesta. Di Biagio deve rinunciare a Conti e Berardi squalificati, Caldara stringe i denti e va in campo al centro della difesa. Al suo fianco, a destra, c’è Calabria nella zona di Deulofeu. In avanti, il posto di Berardi è preso da Chiesa.

In tribuna, oltre al presidente Figc, Carlo Tavecchio, e al ministro per lo sport, Luca Lotti, c’è il papà di Donnarumma, l’uomo mercato del momento: stavolta dalla curva non partono dollari e contestazioni, semmai il saluto romano di un singolo tifoso, ed è evidente che non è per il portiere.

L’Italia parte bene, pressando alta la Spagna per non far partire l’azione, e sfrutta l’ampiezza. Nei primi dieci minuti ci provano Chiesa, ma il destro è debole, e Bernardeschi che di sinistro spara alto. La Spagna si fa vedere al 9′ da fuori con Ceballos, sull’angolo conseguente Deulofeu prova a beffare Donnarumma direttamente dalla bandierina: il n.1 azzurro vola per togliere il pallone da sotto la traversa.

L’occasione d’oro è però sui piedi di Pellegrini, al 22′: il pallone filtrato da Petagna gli arriva sul destro ai limiti dell’area piccola, ma Arrizabalaga respinge d’istinto. La Spagna, ferita, reagisce. Alla mezzora Deulofeu spreca sottoporta, poi decide di spostarsi a destra per sfuggire alla guardia di Calabria: al 33′ è Rugani a salvare sulla palla bassa dell’ex milanista su cui Donnarumma è poco reattivo. Il tempo si chiude col tentativo di Petagna, abile a trovare lo spazio in area tra tre ma debole col destro.

Si riparte con copione analogo ma la Spagna alza i ritmi e il gol del vantaggio arriva dopo soli otto minuti, alla prima azione: bravo Saul di sinistro a trovare lo spazio giusto dal limite dell’area. La reazione azzurra è immediata, al 12′ Calabria pesca bene sul palo opposto Pellegrini, che non se la sente di calciare e mette al centro sprecando l’occasione del pari. E allora arriva un’altra punizione per l’Italia: Gagliardini fa il secondo fallo da giallo, inutile e ingenuo, e la squadra di Di Biagio resta in 10.

Resta solo la chance del colpo d’autore, e lo estrae dal mazzo Federico Bernardeschi al minuto 17′: punta l’area dalla trequarti, sposta palloni e maglie rosse che lo marcano e di sinistro infila l’1-1 dal limite (aiutato da una deviazione).

A classe risponde classe, e Saul riporta avanti la Spagna dopo soli tre minuti, un gran sinistro a 25 metri sul quale Donnarumma parte tardi: è 2-1. Subentra la stanchezza negli azzurrini (Locatelli e Cerri subentrano a Chiesa e Petagna) e la Spagna sfrutta gli spazi: Deulofeu e Asensio vanno vicini al terzo gol. Ma è la serata di Saul: la sua stoccata sull’assist di Asensio alla mezzora è la firma sul 3-1. Addio Europei.

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora