Allarme Usa: “Assad pronto a nuovi attacchi chimici”

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Il regime di Damasco sarebbe pronto a sferrare un nuovo attacco chimico contro la popolazione siriana. Una nuova possibile strage che non risparmierebbe civili innocenti, compresi anziani e bambini. A lanciare l’allarme la Casa Bianca, che invia al presidente Bashar al Assad un messaggio inequivocabile: se un fatto del genere dovesse realmente accadere, il dittatore e le sue forze militari la pagherebbero molto cara.

E se il Cremlino bolla queste parole come “minacce inaccettabili”, il Pentagono sarebbe già pronto ad agire. Anche se stavolta il presidente americano Donald Trump punta ad un coinvolgimento dei principali alleati. A confortarlo le telefonata con il presidente francese Emmanuel Macron (il primo contatto tra i due leader dopo il G7 di Taormina) dalla quale è scaturito l’impegno a una “risposta comune’ contro Assad in caso di attacco con gas sarin o altre sostanze tossiche.

L’insolito comunicato voluto da Trump e diffuso a sorpresa in tarda serata – scrivono i bene informati – avrebbe spiazzato gli stessi vertici militari americani, anche perché nelle stesse ore era in corso nella base siriana di Latakia un incontro tra Assad e l’inviato militare russo, il generale Valery Gerasimov.

Non a caso il Pentagono ha impiegato ore prima di confermare che nella base aerea di Shayrat sono stati effettivamente avvistati grazie ai droni di sorveglianza e alle immagini dei satelliti movimenti più che sospetti. Movimenti molto simili a quelli che precedettero il letale attacco dello scorso 4 aprile, partito dalla stessa base e responsabile di almeno 80 morti tra i civili. Seguì la dura rappresaglia di Washington, che ordinò il primo raid aereo americano contro le forze di Damasco dall’inizio della guerra civile in Siria.

In particolare a preoccupare il Pentagono è una serie di attività che da un paio di giorni verrebbero svolte attorno ad un hangar da sempre tenuto sotto osservazione, perché considerato un laboratorio-deposito di sostanze chimiche. Hangar davanti al quale sarebbe ora parcheggiato un aereo di quelli usati per caricare le cosiddette ‘bombe sporche’.

Se Donald Trump ha voluto giocare d’anticipo, senza aspettare che prima si pronunciassero i vertici militari, è stato molto probabilmente per dare un senso di urgenza all’allarme, e per inviare un chiaro monito implicitamente rivolto anche a Mosca e Teheran, le due capitali vicine a Damasco.

A rendere più esplicito questo aspetto, le parole usate dall’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley: “Ogni ulteriore attacco chimico contro la popolazione siriana sarà addebitato ad Assad, ma anche alla Russia e all’Iran che lo aiutano a uccidere la sua stessa gente”.

Critiche alla Casa Bianca arrivano però anche da Teheran: “La nuova pericolosa escalation della tensione in Siria da parte degli Usa, basata su falsi pretesti, servirà solo all’Isis”, ha detto il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:13Giovane scomparsa: trovata in autogrill nel Varesotto

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Dafne Di Scipio, la ventenne di Gallarate sparita da Marnate, nel Varesotto, lo scorso 14 ottobre, è stata ritrovata la notte scorsa in un autogrill di Castronno (Varese). La giovane, in buone condizioni, era a bordo di un'auto ritenuta sospetta e che per questo è stata controllata dalla polizia stradale. La ragazza è poi stata identificata dai carabinieri di Saronno e del Nucleo Investigativo di Varese.

09:46Trump in visita a Seul il 7-8 novembre

(ANSA) - PECHINO, 17 OTT - Il presidente americano Donald Trump sarà in Corea del Sud dal 7 e all'8 novembre, una delle tappe fissate nell'ambito della sua prima visita in Asia: il tycoon avrà nel primo giorno l'incontro con l'omologo Moon Jae-in, secondo quanto riferito dall'Ufficio presidenziale di Seul. "All'inizio avevamo tentato di invitare Trump per tre giorni, ma abbiamo concordato che Trump e sua moglie arrivino nel primo mattino del 7 novembre, considerando le difficoltà nel soddisfare in modo adeguato il protocollo diplomatico se fossero giunti nella notte", ha detto il portavoce dell'Ufficio presidenziale Park Soo-hyun, nel resoconto della Yonhap.

09:46Iraq: Trump, non ci schieriamo

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Stati Uniti non si schierano nel conflitto in corso tra Baghdad ed Erbil per il controllo della contesa regione di Kirkuk. "Abbiamo avuto per anni buoni rapporti con i curdi e come sapete anche con il governo centrale. Non ci schieriamo in questa battaglia", ha detto il presidente Donald Trump ribadendo che gli Usa "non avrebbero mai dovuto essere lì" riferendosi all'invasione del 2003. Lo riferisce il Washington Post.

09:44Afghanistan:due autobomba contro polizia a est, duri scontri

(ANSA) - KABUL, 17 OTT - Violenti scontri nella regione afghana di Patkia tra militari e insorti dopo l'attacco a un centro addestramento della polizia. Due autobomba guidate da altrettanti kamikaze sono esplose davanti alla struttura, hanno riferito all'ANSA testimoni oculari. Dopo le esplosioni, riferisce il ministero dell'Interno, è iniziato un attacco armato ancora in corso. Secondo fonti non confermate i morti sarebbero "decine".

08:45Primo raid Usa contro Isis in Yemen, ‘decine morti’

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Usa hanno condotto il primo attacco aereo contro l'Isis in Yemen, distruggendo due campi di addestramento e uccidendo "decine" di miliziani. Lo ha annunciato il Pentagono. I raid hanno "minato i tentativi dell'organizzazione di addestrare nuovi combattenti", recita un comunicato. Secondo fonti della Cnn, nei due campi colpiti si stima vi fossero almeno 50 miliziani dell'Isis. "L'Isis - prosegue il comunicato del Pentagono - ha usato i territori fuori controllo in Yemen per pianificare, dirigere, ispirare, reclutare per attacchi terroristici contro l'America e i suoi alleati in tutto il mondo. Per anni, lo Yemen è stato un hub per i terroristi". "Le Forze Usa stanno sostenendo le operazioni antiterrorismo contro l'Isis e l'Aqap - al Qaida nella Penisola arabica, ndr - per ridurre le capacità dei due gruppi di coordinare attacchi esterni e mantenere il controllo di pezzi di territorio nel Paese".

01:51Cnn, Pyongyang ‘diplomazia con Usa? Prima i missili’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - La Corea del Nord non è al momento interessata alla diplomazia con gli Stati Uniti: prima vuole centrare l'obiettivo di un missile intercontinentale in grado di raggiungere la costa orientale degli Usa. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti di Pyongyang. "Prima di impegnarci in sforzi diplomatici con l'amministrazione Trump vogliamo inviare un chiaro messaggio sul fatto che abbiamo le capacità di rispondere a qualsiasi aggressione americana" dicono le fonti alla Cnn.

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

Archivio Ultima ora