Ustica 37 anni dopo, Mattarella: “Ferita aperta, ora verità”

Pubblicato il 27 giugno 2017 da ansa

Il relitto dell’aereo di linea DC9 della compagnia aerea italiana Itavia (precipitato vicino all’isola di Ustica, il 27 giugno 1980, facendo 81 vittime) ricostruito nell’hangar di Pratica Di Mare, Roma, il 15 dicembre 2003.
ANSA

BOLOGNA. – Percorrere “fino in fondo la strada della verità” per provare a rimarginare quella che è una “ferita sempre aperta, per le vite spezzate, per le indicibili sofferenze dei familiari, e per il vulnus alla sensibilità civile e democratica del nostro Popolo”.

A 37 anni dalla sera che all’inizio dell’estate del 1980 vide affondare nel mare di Ustica il Dc-9 Itavia Bologna-Palermo e i suoi 81 passeggeri, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è tornato a chiedere con forza risposte alla “domanda di giustizia” che arriva, ininterrotta, dai familiari delle vittime, dalla città di Bologna e, in generale, da tutto il Paese.

Una strada complicata. E che per essere percorsa ha bisogno di documenti. Perché – ha detto la presidente dell’associazione parenti delle vittime, Daria Bonfietti, prima di entrare nella sala del Consiglio Comunale per l’incontro con il sindaco di Bologna – se “nonostante tutto arriviamo con sempre molta voglia di lottare” la direttiva Renzi che ha aperto gli archivi non è stata sufficiente: “Per la nostra vicenda – ha detto Bonfietti – c’è l’inesistenza totale di documentazione coeva. Ci sembra davvero molto poco. E’ solo perché gli archivi sono tenuti male o qualcuno ha buttato via tutto? Parliamone”.

Una richiesta, questa, fatta sua anche dal sindaco Virginio Merola, che nei prossimi giorni chiederà formalmente al presidente del Consiglio un incontro insieme alla presidente Bonfietti: “Il fatto che la desecretazione si riveli inconcludente non va assolutamente bene. La desecretazione deve essere vera. Quindi ogni ministero implicato deve poter collaborare”.

Per il sindaco “la verità è la questione essenziale per avere finalmente giustizia. Sono stati fatti molti passi avanti e però che molti pezzi di stato ancora non collaborino non fa onore alla nostra Repubblica”. Sicuramente, questa richiesta di verità sarà sostenuta dalle altre due più alte cariche dello Stato, che hanno invitato a non rassegnarsi nella ricerca.

In particolare il presidente del Senato Grasso nel suo messaggio all’associazione familiari ha spiegato come “Le innegabili opacità di questi anni hanno fin ora impedito una ricostruzione complessiva degli eventi di quella notte”; la presidente della Camera Boldrini ha infine ribadito “il dovere delle istituzioni di impegnarsi in modo incondizionato per fare luce”.

(di Roberto Anselmi/ANSA)

Ultima ora

17:53Assad, niente dialogo se Occidente non taglia con ribelli

(ANSA) - DAMASCO, 20 AGO - Il presidente siriano Bashar Assad ha rifiutato oggi qualsiasi collaborazione sulla sicurezza con i paesi occidentali o la riapertura delle loro ambasciate a Damasco fino a quando non verranno tagliati tutti i contatti con i ribelli e i gruppi di opposizione. Parlando a un gruppo di diplomatici siriani, Assad ha lodato la Russia, l'Iran, la Cina e gli Hezbollah libanesi per l'appoggio dato al suo governo. Ha aggiunto che La Siria guarderà ad est quando si tratterà di relazioni politiche, economiche e culturali.

17:50Francia:media,evacuata stazione Marsiglia per pacco sospetto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia è stata evacuata per la presenza di un pacco sospetto. Lo scrive Le Figaro online. Il "piano antiterrorismo Vigipirate è stato attivato intorno alle 15.30 - riferisce un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi - Nessun treno parte o esce dalla stazione per permettere alla polizia di intervenire". (ANSA)

17:50Moto: SBK, in Germania Davies vince anche gara-2

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ancora Chaz Davies. Il pilota gallese dell'Aruba.it ha vinto anche il secondo round del Gp di Germania di Superbike sul circuito del Lausitzring. Per lui è un 'due su due', visto che ieri si era imposto anche in gara-uno della nona tappa del Mondiale. Oggi sul traguardo Davies ha preceduto di oltre due secondi il leader della classifica iridata Jonathan Rea (Kawasaki), mentre al terzo posto si è piazzato un ottimo Marco Melandri, terzo con l'altra Ducati del team Aruba.it Racing. Prossimo appuntamento dal 15 al 17 settembre all'Autodromo Internacional do Algarve, in Portogallo.

17:47Sicurezza: Boeri, querce al posto delle barriere

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - La bellezza contro il terrore, le querce al posto delle barriere, per rendere più sicure le città. La proposta viene da Stefano Boeri, che su facebook invita a "contrapporre all'istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante". L'architetto invita gli amministratori a chiamare i creativi per progettare dei grandi vasi riposizionabili, ciascuno con un albero, da collocare agli ingressi di piazze o spazi pubblici. "Con un piccolo investimento, distribuendo accuratamente le piante negli spazi più vitali e aperti delle nostre città - spiega l'autore del Bosco Verticale - possiamo temporaneamente trasformare i nostri luoghi più cari in radure e boschi". Boeri ricorda quanto fatto nel 1982 da Beyus a Kassel: l'artista vendette 7000 pietre all'ingresso della mostra Documenta per comprare altrettante querce da piantare in città. "La sua lezione ci sia oggi di ispirazione per combattere con la vita chi sa solo predicare la morte. Anche una sola quercia può fermare il terrore".(ANSA).

17:33Buffon, ben venga Var se ci dà sembianze sportivi

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "L'introduzione del Var aiuterà molto a non esacerbare gli animi, a far sì che ogni tipo di decisione presa dall'arbitro ritrovi una reazione serena da parte di tutti, anche da parte dei tifosi". Lo ha detto il portiere della Juve e della nazionale, Gigi Buffon, commentando oggi, a Trieste, la reazione di squadre e tifosi alla prima applicazione della Var nel campionato di serie A, ieri, nella partita Juventus-Torino. Se serviva questo "per avere delle sembianze da sportivi", ha aggiunto Buffon, "ben venga".

17:16Marini, serve modello stabile protezione civile

(ANSA) - PERUGIA, 20 AGO - Per funzionare al meglio la Protezione civile "ha bisogno di un modello stabile di organizzazione", con "un sistema di comando ben definito": a dirlo è la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Che con l'ANSA ha parlato dell'anno trascorso dal terremoto del 24 agosto. "Siamo passati da un'organizzazione leggera - ha detto Marini - a una molto potenziata e strutturata negli anni 2000 e che trova la massima espressione dopo l'Aquila. E' stato poi deciso un sistema di regionalizzazione senza però adeguate risorse finanziarie. Ora gli ultimi provvedimenti, anche di carattere legislativo, provano a stabilizzare l'organizzazione della Protezione civile". Secondo Marini questo "non può che passare da un sistema integrato tra Regioni, Comuni e lo Stato". "Il sistema - ha concluso la presidente umbra - ha bisogno di questo doppio livello ma unitario e con una catena di comando ben definita". (ANSA).

17:09Alfano, minacce Isis? Attenzione in Italia resta altissima

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - 'E' chiaro che il nostro livello di attenzione rimane altissimo: non e' la prima volta che l'Italia viene minacciata dall'Isis e non prendiamo una minaccia come un'azione in corso'. Cosi' il ministro degli Esteri Alfano a Barcellona risponde sulle minacce di attentati in Italia. 'Il rischio zero non esiste, tutto il nostro lavoro consiste nel rendere minore questo coefficiente di rischio', ha aggiunto il titolare della Farnesina, che oggi, a Barcellona, ha deposto una corona di fiori sulla Rambla, il luogo dell'attacco di giovedì scorso dove sono state uccise 13 persone e ferite oltre 100 persone. Il titolare della Farnesina si è raccolto un momento di silenzio in memoria delle vittime. Il ministro è accompagnato dal governatore della Catalogna.

Archivio Ultima ora