Confindustria vede la ripresa, ma a sette milioni manca il lavoro

Pubblicato il 28 giugno 2017 da ansa

ROMA. – L’economia italiana è in “recupero” e il 2017 è partito con il piede giusto, anzi sull’acceleratore. Tanto da innescare una maxi revisione del Pil che salirà dell’1,3% e non dello 0,8% come previsto solo sei mesi fa. Le nuove stime di Confindustria vanno ad allargare la lista dei ritocchi all’insù, dopo l’Istat e il Fmi. Un elenco destinato ad ampliarsi. Nella stessa mattinata anche l’agenzia Standard&Poor’ ha alzato le prospettive, portandole al +1,2%. Quindi sempre oltre le indicazioni di aprile del Governo (1,1%).

“Fragilità” però restano. Il Centro studi di viale dell’Astronomia (Csc) ricorda come siano 7,7 milioni le persone a cui manca il lavoro, tra disoccupati, part time forzati e scoraggiati. Comunque quest’anno, per gli industriali, viaggia con il vento in poppa e se delle correzioni dovranno essere messe a punto saranno piuttosto verso l’alto.

Diverso è il discorso per il 2018. Il Csc pur avendo aggiunto un decimo di crescita in più (dal +1,0% a +1,1%) rimane prudente, con rischi al ribasso “qualora si affacciasse con forza l’incertezza politica connessa alla fine della legislatura e alle elezioni parlamentari”. Una preoccupazione condivisa dallo stesso presidente Vincenzo Boccia, che parla del pericolo di “confusione” soprattutto per via del sistema proporzionale. “Abbiamo avuto un incremento del Pil più elevato rispetto alle attese”, sottolinea, ma “dobbiamo fare molto di più”.

Il premier Paolo Gentiloni definisce le cifre “incoraggianti” ma riconosce come adesso sia necessario trasferire quei numeri “nelle nostre case”. Si dice “moderatamente ottimista sul fatto che questa crescita graduale proseguirà”. E di certo per Gentiloni “va incoraggiata e non soffocata”. Un impegno lo prende subito: “dobbiamo insistere mettendo i giovani anche al centro dei possibili interventi di riduzione del carico fiscale sul lavoro”.

Il dossier di Confindustria torna, infatti, sui giovani, evidenziando la ancora “elevata disoccupazione”, che sta “alimentando una forte emigrazione dall’Italia all’estero e dal Sud al Nord”. Non solo, la ripresa riserva anche qualche effetto indesiderato. Il rientro dagli stati di crisi e il ritorno al tempo pieno stanno determinando un “allungamento degli orari di lavoro”, tagliati durante la recessione, con la conseguenza che il numero di persone occupate crescerà a “ritmo smorzato”.

Dopo il +1,3% del 2016 gli occupati saliranno ‘solo’ dello 0,8% sia nel 2017 che nel 2018. E per chi a casa porta la busta paga, vista la ripresa dell’inflazione, il guadagno sarà più magro: le retribuzioni arretreranno dello 0,5%. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, invita comunque a leggere positivamente i dati, vista anche la connessione tra “Pil e occupazione” e l’effetto di trascinamento del primo sulla seconda.

Pesa tuttavia il terreno perso durante la recessione. Siamo ancora sotto i livelli di Pil di dieci anni fa, registrati durate il picco pre crisi. E di questo passo per riagganciarli bisognerà aspettare il 2023. Nel frattempo occorre guardare ai conti, con un deficit in calo ma a un ritmo lento e il debito che invece non riesce a rientrare.

Un impulso arriva dagli investimenti, che corrono trainati anche dalle misure inserite nelle ultime manovre. Di certo l’export non tradisce e torna protagonista in questa fase di rilancio grazie anche a una ripresa del commercio globale. Basti pensare che il peso dell’export sul Pil è salito al 32%.

D’altra parte fa notare Confindustria tutto si tiene e “l’Italia segue a ruota” l’accelerazione che si manifestando negli altri big del panorama internazionale. Paesi con cui accorciamo, dimezziamo, le distanze, che però restano. Divario che non manca di evidenziare anche l’agenzia di rating S&P, che sì alza le previsioni per l’Italia ma allo stesso tempo esprime dubbi e preoccupazioni.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

11:15Chat erotica con una donna,aggredito dal marito e dal figlio

(ANSA) - NAPOLI, 21 SET - Una chat erotica tra un giovane e donna innesca la reazione di marito e figlio della donna: il 27enne finisce in prognosi riservata per coltellate ma ''difende'' gli aggressori e dice agli inquirenti: ''Era una rapina''. Procura e Carabinieri, però, ricostruiscono tutto e gli aggressori vengono arrestati. E' l'epilogo, nel Napoletano, di una serie di conversazioni compromettenti intrattenute tra il giovane e la donna. Il ferito, dopo l'aggressione subita, ha raccontato di un tentativo di rapina ma quando ha capito che non poteva più nascondere il segreto perché Carabinieri e Procura stavano arrivando alla verità, è stato costretto a svelare tutto. Questa mattina i Carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna (Napoli) hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Nola a carico degli aggressori, entrambi di Brusciano e già noti alle forze dell'ordine, ritenuti responsabili di tentato omicidio.

11:15Corea Nord: ministro Esteri, ‘Trump é cane che abbaia’

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Il ministro degli Esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, ha definito la minaccia del presidente Usa Donald Trump di distruggere la Corea del Nord il "suono di un cane che abbaia". Ri Yong Ho ha parlato ieri sera a New York, riporta la Cnn, affermando che "se (Trump) pensava di farci paura con il suono di un cane che abbaia, questo é veramente il sogno di un cane". E' la prima reazione del Nord al discorso di Trump all' Assemblea generale Onu martedì, durante il quale il presidente ha minacciato di "distruggere completamente la Corea del Nord".

11:05Moto:Aragon,Lorenzo punta a riscatto ‘siamo su buona strada’

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La gara a Misano Adriatico è iniziata nel segno di Jorge Lorenzo. Il maiorchino del Ducati Team è stato, come spesso accade in questa stagione, protagonista di una partenza fulminate e ha condotto la prova romagnola, segnata dalla pioggia, per diversi passaggi. Un errore, una distrazione, gli sono costati una caduta quando era saldamente al comando della corsa. Lorenzo è pronto a rifarsi al MotorLand di Aragón tra pochi giorni. Pista 'amica' dove ha vinto in due volte (2014 - 2015) accumulando altri quattro podi. "Peccato per la mia caduta in gara a Misano, perché avevo la possibilità di vincere il mio primo GP con la Ducati, ma comunque anche da questa situazione è stato importante trarre delle conclusioni positive che ci possono aiutare a migliorare. Sono stato di nuovo in testa ad una gara in modo stabile e questo conferma che siamo sulla buona strada e che stiamo lavorando nella direzione giusta. Adesso - aggiunge Lorenzo - arriviamo ad Aragon, uno dei circuiti dove mi sento maggiormente a mio agio''

11:02Auto: a Vallelunga il nono Aci Racing Weekend

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sarà un "Piero Taruffi" rinnovato quello che ospiterà il terzultimo ACI Racing Weekend 2017. Il circuito capitolino, dopo essersi rifatto il look con il nuovo asfalto e le modifiche al paddock, ospiterà quello che, di fatto, sarà un weekend fondamentale per i pretendenti al titolo di tutte le categorie in pista. A partire dal tricolore Gran Turismo, sempre più avvincente con 4 equipaggi racchiusi in una manciata di punti per il titolo assoluto, al TCR Italy con la sfida Scalvini - Baldan e l'esordio della lady romana Carlotta Fedeli oltre al ritorno di "Piedone" Giovanardi. Ma grande attesa anche per il tricolore Sport Prototipi, il MINI Challenge, la F.2 Italian Trophy e la Mitjet Italian Series dove farà il suo esordio il campione GP2 2012 Davide Valsecchi, ormai volto noto della Formula 1 su Sky. Una festa per l'autodromo romano che compie 65 anni con la presentazione di un libro che ne racconta la storia, venerdì sera. Ingresso gratuito scaricando il biglietto da acisport.it e vallelunga.it.

10:39Viabilità: chiuso traforo Gran San Bernardo

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Per un "problema di carattere tecnico" alle 8.50 è stato chiuso al traffico il traforo del Gran San Bernardo, che collega l'Italia alla Svizzera. "E' tutto al vaglio dei tecnici della società, stiamo conducendo delle valutazioni in merito. Al momento non sappiamo stimare i tempi per la riapertura", spiega un responsabile della Sistrasb, la Società italiana traforo del Gran San Bernardo. Il problema si è verificato "nella parte italiana" della galleria. La protezione civile della Valle d'Aosta ha applicato il piano per la viabilità che prevede il divieto di transito in salita per i mezzi pesanti. I veicoli leggeri possono invece percorrere il Colle del Gran Bernardo.(ANSA).

10:21Calcio: Allegri, ‘3 punti imparando a soffrire,ora il derby’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Gli 1-0 servono perché oltre ai tre punti in classifica si impara a soffrire". Doppio risultato per Massimiliano Allegri, che vede la Juventus lottare per 90' per avere la meglio sulla Fiorentina, unendo alla buona prova di carattere anche il primo posto in classifica in compagnia del Napoli. "Bene così, ora sotto con il derby!" ha aggiunto l'allenatore bianconero nel consueto tweet che accompagna la fine delle partite della Juventus, impegnata sabato sera all'Allianz Stadium contro il Torino.

10:19Contrada: difensore, sentenza conferma ruolo di Corte Europa

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - "Finalmente e senza mezzi termini: un pronuncia che conferma il ruolo protagonistico della Corte europea nell'ordinamento giuridico italiano, conferendo piena cogenza alle decisioni di Strasburgo". Il prof.Vittorio Manes, difensore di Bruno Contrada, commenta così la sentenza della Cassazione che ha dichiarato ineseguibile e improduttiva di effetti penali la condanna per l'ex numero 2 del Sisde. La sentenza, prosegue, è "molto coraggiosa e dai toni 'alti', decisamente consapevole della complessità dei problemi giuridici in gioco, che prende molto sul serio gli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo". E "detta una parola decisiva in ordine ai doveri del giudice nazionale che - a prescindere dalla condivisione della decisione europea sul caso concreto - non può sottrarsi alle pronunce di condanna del giudice di Strasburgo, a cui deve dare piena esecuzione, eliminando ogni effetto dell'eventuale sentenza di condanna 'domestica' ritenuta illegittima dalla corte Edu".(ANSA).

Archivio Ultima ora