Confindustria vede la ripresa, ma a sette milioni manca il lavoro

Pubblicato il 28 giugno 2017 da ansa

ROMA. – L’economia italiana è in “recupero” e il 2017 è partito con il piede giusto, anzi sull’acceleratore. Tanto da innescare una maxi revisione del Pil che salirà dell’1,3% e non dello 0,8% come previsto solo sei mesi fa. Le nuove stime di Confindustria vanno ad allargare la lista dei ritocchi all’insù, dopo l’Istat e il Fmi. Un elenco destinato ad ampliarsi. Nella stessa mattinata anche l’agenzia Standard&Poor’ ha alzato le prospettive, portandole al +1,2%. Quindi sempre oltre le indicazioni di aprile del Governo (1,1%).

“Fragilità” però restano. Il Centro studi di viale dell’Astronomia (Csc) ricorda come siano 7,7 milioni le persone a cui manca il lavoro, tra disoccupati, part time forzati e scoraggiati. Comunque quest’anno, per gli industriali, viaggia con il vento in poppa e se delle correzioni dovranno essere messe a punto saranno piuttosto verso l’alto.

Diverso è il discorso per il 2018. Il Csc pur avendo aggiunto un decimo di crescita in più (dal +1,0% a +1,1%) rimane prudente, con rischi al ribasso “qualora si affacciasse con forza l’incertezza politica connessa alla fine della legislatura e alle elezioni parlamentari”. Una preoccupazione condivisa dallo stesso presidente Vincenzo Boccia, che parla del pericolo di “confusione” soprattutto per via del sistema proporzionale. “Abbiamo avuto un incremento del Pil più elevato rispetto alle attese”, sottolinea, ma “dobbiamo fare molto di più”.

Il premier Paolo Gentiloni definisce le cifre “incoraggianti” ma riconosce come adesso sia necessario trasferire quei numeri “nelle nostre case”. Si dice “moderatamente ottimista sul fatto che questa crescita graduale proseguirà”. E di certo per Gentiloni “va incoraggiata e non soffocata”. Un impegno lo prende subito: “dobbiamo insistere mettendo i giovani anche al centro dei possibili interventi di riduzione del carico fiscale sul lavoro”.

Il dossier di Confindustria torna, infatti, sui giovani, evidenziando la ancora “elevata disoccupazione”, che sta “alimentando una forte emigrazione dall’Italia all’estero e dal Sud al Nord”. Non solo, la ripresa riserva anche qualche effetto indesiderato. Il rientro dagli stati di crisi e il ritorno al tempo pieno stanno determinando un “allungamento degli orari di lavoro”, tagliati durante la recessione, con la conseguenza che il numero di persone occupate crescerà a “ritmo smorzato”.

Dopo il +1,3% del 2016 gli occupati saliranno ‘solo’ dello 0,8% sia nel 2017 che nel 2018. E per chi a casa porta la busta paga, vista la ripresa dell’inflazione, il guadagno sarà più magro: le retribuzioni arretreranno dello 0,5%. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, invita comunque a leggere positivamente i dati, vista anche la connessione tra “Pil e occupazione” e l’effetto di trascinamento del primo sulla seconda.

Pesa tuttavia il terreno perso durante la recessione. Siamo ancora sotto i livelli di Pil di dieci anni fa, registrati durate il picco pre crisi. E di questo passo per riagganciarli bisognerà aspettare il 2023. Nel frattempo occorre guardare ai conti, con un deficit in calo ma a un ritmo lento e il debito che invece non riesce a rientrare.

Un impulso arriva dagli investimenti, che corrono trainati anche dalle misure inserite nelle ultime manovre. Di certo l’export non tradisce e torna protagonista in questa fase di rilancio grazie anche a una ripresa del commercio globale. Basti pensare che il peso dell’export sul Pil è salito al 32%.

D’altra parte fa notare Confindustria tutto si tiene e “l’Italia segue a ruota” l’accelerazione che si manifestando negli altri big del panorama internazionale. Paesi con cui accorciamo, dimezziamo, le distanze, che però restano. Divario che non manca di evidenziare anche l’agenzia di rating S&P, che sì alza le previsioni per l’Italia ma allo stesso tempo esprime dubbi e preoccupazioni.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

11:41Calcio: Icardi fa gola a molti,si muove anche il Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - La possibile partenza di Gareth Bale, ma soprattutto la scarsa vena di Karim Benzema, alimentano le voci di un ricambio tecnico nel Real Madrid di Zinedine Zidane. Per l'attacco le strade portano a Mauro Icardi, attaccante argentino dell'Inter, che fa gola a tantissimi club e adesso, almeno secondo quanto scrive il Mundo deportivo, anche al club di Florentino Perez. Dalla Francia, invece, rimbalza la notizia che Philippe Coutinho - l'estate scorsa corteggiatissimo dal Barcellona - interessa al PSG. E' stato lo stesso Thiago Silva, difensore brasiliano della squadra parigina, nonché compagno di Coutinho nella Selecao, a rivelare - sempre secondo il giornale spagnolo - di "parlare spesso con Coutinho". "Spero che, a fine stagione, ci possa essere una grande sorpresa per noi - ha detto Thiago Silva -. Spero proprio che venga a giocare da noi, e in breve tempo".

11:29Violenze fisiche e sessuali a convivente segregata,arrestato

(ANSA) - GIZZERIA (CATANZARO), 22 NOV - Ha segregato per dieci anni, prima in varie case e poi in una baracca fatiscente senza luce e servizi igienici, la convivente romena sottoponendola ad ogni forma di violenza, fisica e sessuale, dalla quale sono nati due figli, di 9 e 3 anni. I carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme hanno eseguito un fermo disposto dalla Procura nei confronti di un italiano di 52 anni, per maltrattamenti in famiglia, riduzione in schiavitù e violenza sessuale pluriaggravata. Dalle indagini è emerso che alcune gravi lesioni provocate alla donna - anche alle parti intime e anche durante la gravidanza - erano state suturate con una lenza da pesca direttamente dall'uomo. Alla donna, inoltre, quasi sempre rinchiusa dentro la baracca e costretta per ore a subire inaudite violenze immobilizzata e legata al letto, non è stato mai consentito di avere relazioni sociali e di ricevere cure mediche neanche durante le gravidanze. L'uomo ha più volte minacciato i figli perché voleva partecipassero alle violenze.

11:22Calcio: Griezmann, felice nell’Atletico ma non escludo nulla

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - L'attaccante dell'Atletico Madrid, Antoine Griezmann, nel proprio libro biografico, parla del rapporto con l'Atletico Madrid, suo club di appartenenza, sottolineando di "essere felice di indossare la maglia dei 'colchoneros'". L'attaccante francese, inoltre, a proposito del rapporto con l'allenatore Diego Simeone, ammette che "è un apprendimento quotidiano e vorrei continuare a lavorare con lui". Tuttavia, Griezmann, che ha un contratto con l'Atletico Madrid fino al 2022, "non esclude nulla per il futuro". E questa sua frase potrebbe alimentare le voci di un possibile passaggio, nel mercato estivo dell'anno prossimo, al Barcellona, disposto a pagare la clausola rescissoria del francesino, attualmente fissata a 200 milioni, ma nel 2018 scenderà a 100 milioni.

11:00Siviglia: Berizzo ha il cancro e sarà operato

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il grande entusiasmo del Siviglia per la formidabile rimonta con il Liverpool in Champions, da 0-3 a 3-3, è stata gelata dalla notizia che l'allenatore Eduardo Berizzo è gravemente malato. Al tecnico, come informa sul sito ufficiale il club, "è stato diagnosticato un adenocarcinoma (un tumore maligno) della prostata". "Gli esami - comunica il club - permetteranno di decidere i passi da seguire per il trattamento". "Il Siviglia - conclude la nota - vuole mostrare pieno supporto al tecnico in questo momento e gli augura una pronta guarigione". Già il quotidiano Marca aveva rivelato la notizia della grave malattia, riportando le parole del presidente José Castro, dopo l'appassionante sfida con il Liverpool. Il massimo dirigente degli andalusi, però, aveva detto di voler "aspettare fino a domani per la comunicazione ufficiale". L'allenatore argentino, che l'estate scorsa ha preso il posto di Jorge Sampaoli, verrà operato, ma ancora non si sa quando. Di certo, l'intervento chirurgico avverrà in tempi molto brevi.

10:52Donna uccisa nel Bolognese, fermato il marito

(ANSA) - BOLOGNA, 22 NOV - Svolta nelle indagini nell'omicidio di Anna Lisa Cacciari, la pensionata ex fioraia 65enne trovata morta lunedì nella sua casa di Armarolo di Budrio. Nella tarda serata di ieri la Procura di Bologna ha sottoposto a fermo il marito, Athos Vitali: il provvedimento sarà sottoposto a convalida del Gip. Il fermo è stato emesso dal procuratore Giuseppe Amato e dai Pm Enrico Cieri e Stefano Orsi, che hanno coordinato le indagini dei Carabinieri. L'uomo, 69 anni, ha confessato, fornendo un quadro che gli investigatori definiscono "coerente" con gli indizi raccolti nei suoi confronti. Non è riuscito a spiegare movimenti e contatti che aveva detto di avere avuto tra le 7.30 e le 10 di lunedì, l'arco temporale del delitto. Ha ammesso in sostanza di aver avuto una discussione con la moglie, per motivi da poco. Quindi ha colpito la donna due volte con un coltello da cucina, arma trovata e sottoposta a sequestro. Vitali è stato quindi portato in carcere, mentre proseguono ulteriori accertamenti. (ANSA).

10:37Aereo militare Usa precipita nel Pacifico, 11 a bordo

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Un aereo della marina militare americana con a bordo 11 persone è precipitato nell'oceano Pacifico mentre stava rientrando verso la portaerei Uss Ronald Reagan. Lo riferisce un comunicato della stessa Marina Usa. L'incidente, le cui cause sono ancora sconosciute, è avvenuto a largo della costa giapponese, a sud-est di Okinawa. La settima flotta della Marina Usa, basata in Giappone, ha reso noto in un comunicato che le operazioni di soccorso sono partite proprio dalla portaerei Ronald Reagan, che stava operando nel Mar delle Filippine quando il velivolo si è schiantato in mare, alle 14.45 ora giapponese.

10:10Libano: Hariri alla parata per la festa di indipendenza

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri è arrivato vicino alla Piazza dei Martiri, nel centro di Beirut, per assistere alla parata militare per il 74/o anniversario dell'indipendenza, dopo essere rientrato nella notte a Beirut. Il premier, tornato 17 giorni dopo avere rassegnato le sue dimissioni da Riad, ha in programma oggi incontri con il presidente della Repubblica Michel Aoun e con quello del Parlamento Nabih Berri.

Archivio Ultima ora