Trump alla parata del 14 luglio a Parigi con Macron

Pubblicato il 28 giugno 2017 da ansa

PARIGI. – Prove di dialogo tra Emmanuel Macron e Donald Trump dopo l’intesa sulla Siria. Il presidente Usa ha accolto l’invito dell’omologo francese alla tradizionale parata militare del 14 luglio sull’avenue degli Champs-Elysées a Parigi, la stessa colpita in queste ultime settimane dal terrorismo. “In quell’occasione dei soldati americani parteciperanno alla sfilata militare al fianco dei compagni francesi”, precisa il servizio stampa dell’Eliseo, ricordando che quest’anno le celebrazioni per la Festa Nazionale commemoreranno “il centenario dell’ingresso degli Stati Uniti nella Prima Guerra Mondiale”.

E’ dal vertice Nato di Bruxelles, poi al G7 di Taormina, che il leader trentanovenne europeista moltiplica i segnali di dialogo con il leader della Casa Bianca, nonostante il gelo sull’uscita degli Usa dagli accordi sul clima siglati nel 2015 alla Cop21 di Parigi. A inizio giugno, in seguito all’annuncio shock di Washington, Macron deformò la frase cult di Trump ‘Make America great again’ – rilanciandola in chiave ecologica, ‘Make our planet great again’ e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia.

Ma se sulla salvaguardia del pianeta le posizioni sono radicalmente opposte, i due hanno però trovato una prima intesa forte sulla Siria. In caso di un nuovo attacco chimico da parte del regime di Bashar al-Assad ci sarà una risposta comune, hanno avvertito, al termine di un colloquio telefonico bilaterale. Il giorno prima, Washington aveva accusato Damasco di preparare un nuovo attacco chimico e si era detta pronta a replicare come ad aprile. E qui l’appoggio di Parigi appare totale.

Macron e Trump si incontrarono per la prima volta al vertice Nato di Bruxelles, dove le immagini della loro stretta di mano, a dir poco vigorosa, fecero il giro del mondo. Prima dell’arrivo di Macron, quando all’Eliseo c’era ancora Francois Hollande, Trump moltiplicò le stoccate contro l’inefficacia della politica francese anti-terrorismo e anche il fatto che a suo avviso “Parigi non è più Parigi”. Alla missione parigina è stata invitata anche la moglie Melania Trump che forse, sulle rive della Senna, avrà l’occasione di ritrovare la neo-Première Dame, Brigitte Macron.

Fonti dell’Eliseo spiegano che il programma della visita non è ancora definito nel dettaglio. Unica certezza: Trump non accompagnerà Macron a Nizza, dove è atteso nel pomeriggio per omaggiare gli 86 morti (e 434 feriti) degli attentati del 14 luglio scorso sulla Promenade des Anglais. In Place de la Concorde, la piazza in cui si chiude la parata dopo la discesa dei militari dall’Arco di Trionfo, gli operai sono al lavoro per montare il palco presidenziale in cui siederanno i due presidenti di Francia e Stati Uniti.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

17:57Furgone contro la folla sulla Rambla a Barcellona

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Un furgone ha travolto diverse persone sulla Rambla a Barcellona. Lo riferiscono testimoni e la polizia catalana, scrive la stampa spagnola. Il viale è stato transennato ed evacuato. Diverse i feriti. Il conducente ha abbandonato il veicolo e sarebbe fuggito a piedi. Si tratta di un furgone bianco, raccontano testimoni citati dai media. La polizia ha chiuso la zona e sul luogo stanno accorrendo diverse ambulanze e mezzi di soccorso.

17:51Calcio: Marotta, rosa Juve già a posto così

(ANSA) - TORINO, 17 AGO - "Restano 15 giorni di mercato e può succedere ancora di tutto. Ma la nostra rosa già oggi è a posto, sicuramente non si realizzerà nulla di stravolgente". Così Beppe Marotta, dg e ad della Juventus, ai microfoni di Jtv, nel pomeriggio dell'amichevole in famiglia dei bianconeri a Villar Perosa, 'feudo' della famiglia Agnelli. "Tutti gli anni si dice che può essere finito un ciclo - ha aggiunto Marotta - è normale quando una squadra vince tanto, abbiamo dimostrato, negli ultimi 6 anni, di essere un modello vincente e vogliamo andare avanti su questa strada. Se e non abbiamo fatto grandi rivoluzioni è perché questo è un gruppo molto molto forte, l'anno scorso ci è mancata solo la ciliegina sulla torta. Ma ripartiamo - ha concluso il dg bianconero - puntando a vincere tutte le competizioni in cui siamo in corsa".

17:50Calcio: Fifa Awards, in lizza Buffon e Bonucci

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Ci sono tre calciatori della Serie A, di cui due italiani, tra i 24 candidati al "The Best Men's Player 2017", il premio che la Fifa consegnerà il prossimo 23 ottobre a Londra al miglior giocatore della passata stagione. Si tratta degli juventini Gigi Buffon e Paulo Dybala e del neomilanista Leonardo Bonucci, il 3 giugno anche lui con la maglia bianconera nella finale Champions di Cardiff. Ma è nella categoria allenatori che l'Italia invece con Massimiliano Allegri, Carlo Ancelotti e Antonio Conte, che si giocheranno il riconoscimento insieme a Luis Enrique, Pep Guardiola, Leonardo Jardim, Joachim Loew, Josè Mourinho, Mauricio Pochettino Diego Pablo Simeone Tite e Zinedine Zidane. Tra i calciatori in corsa Aubameyang, Carvajal,Cristiano Ronaldo, Griezmann, Hazard, Ibrahimovic, Iniesta, Kane Kantè, Kroos , Lewandowski, Marcelo Messi Modric, Navas, Neuer, Neymar, Ramos, A.Sanchez, L.Suarez, Vidal. Votazioni dal 21/8 al 7/9 poi la Fifa comunicherà i nomi dei 3 finalisti di ogni categoria.

17:48Regeni: Boldrini, informativa governo sia anticipata

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "È essenziale che il Parlamento italiano continui a tenere alta l'attenzione sulla tragica fine di Giulio Regeni. Per questo ho chiesto al Presidente della Commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, che l'informativa del governo, richiesta da diversi gruppi, possa tenersi quanto prima". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini in una nota. "Non solo la sua famiglia - prosegue la presidente della Camera - ma un Paese intero ha il diritto di sapere che la ricerca della verità sull'uccisione di un giovane cittadino italiano rimarrà imperativo fondamentale per le nostre istituzioni e non sarà piegata a nessun'altra ragione".

17:45Donna fatta a pezzi: nomade, pensavo dormisse

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Per prima cosa ho visto i piedi ed ho pensato che fosse una donna addormentata nel cassonetto. Soltanto quando con il bastone ho staccato una delle due buste di plastica nera, mi sono resa conto che erano delle gambe tagliate". A parlare è Maria (nome di fantasia) la nomade romena di 39 anni che a Ferragosto ha scoperto in un cassonetto di viale Maresciallo Pilsudski, ai Parioli, le gambe di Nicoletta Diotallevi ed ha permesso di far arrestare l'assassino, il fratello della vittima, Maurizio Diotallevi. Un 'imprevisto' che non dimenticherà più, durante i tour giornalieri nella sua attività di rovista-cassonetti. "Ho paura - spiega - che i parenti dell'assassino si possano vendicare con me". Le gambe, dice, "per me erano congelate perché non c'era sangue nelle buste, ma io non le ho toccate. Ho cominciato ad urlare. C'era anche una signora poco lontano da me e a quel punto sono corsa al vicino commissariato. Urlavo 'gambe' gambe', in spagnolo ma il poliziotto non capiva, alla fine sono riuscita a spiegarmi".

17:42Rapporto Usa su libertà religiosa, più violazioni nel mondo

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 17 AGO - Si registra una maggiore diffusione ed intensità delle violazioni della libertà religiosa. È il dato generale messo nero su bianco nel rapporto annuale prodotto dalla Commissione per la libertà religiosa del Dipartimento di Stato americano. Segnalate le nazioni dove avvengono le vessazioni più gravi, tra cui Birmania, Repubblica Centrafricana, Cina, Eritrea, Iran, Nigeria, Corea del Nord, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Sudan, Syria, Tajikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam. In seconda fascia gli Stati dove persistono violazioni ma si registrano miglioramenti, come Cuba, Egitto, Iraq e Afghanistan. Alla presentazione del testo, ieri, il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha puntato il dito contro le condizioni in alcuni Paesi alleati degli Stati Uniti, in particolare Bahrein e Arabia Saudita, oltre alla Turchia. Immediate le reazioni: per il governo cinese, che ha protestato ufficialmente, la relazione "ignora i fatti"; per l'Iran il rapporto è "di parte".

17:40Scuola: oltre 11mila firme per petizioni stipendi prof

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Sono oltre 11 mila le firme raccolte dalle due petizioni lanciate attraverso il sito Change.org per l'equiparazione degli stipendi dei docenti italiani a quelli europei e per una retribuzione unica in tutti i livelli di istruzione. Partita alla vigilia di ferragosto la petizione per "l'equiparazione del trattamento economico tra docenti italiani ed europei", avanzata da Ilenia Barca di San Teodoro, ha già raccolto 6.485 adesioni, mentre quella per "l'equiparazione di stipendi e ore di servizio tra docenti italiani per ogni ordine e grado" ha già raggiunto 4.855 firme. Adesioni che continuano a crescere di minuto in minuto. Le petizioni saranno poi inviate al ministero dell'Istruzione.

Archivio Ultima ora