Tributo della collettività alle proteste in Venezuela: due morti e 10 detenuti

Pubblicato il 29 giugno 2017 da Mauro Bafile

CARACAS – Un bilancio difficile da accettare: due morti e 10 detenuti; due giovani vittime della violenza con cui le forze dell’Ordine reprimono le manifestazioni di protesta contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolas Maduro e 10 detenuti colpevoli di avervi partecipato. La nostra Collettività è da sempre profondamente integrata nel tessuto sociale del Venezuela. Non vive le vicende del Paese da semplice spettatore ma da vero protagonista. Lo fece durante la guerra d’indipendenza, quando l’Italia non esisteva neanche nelle menti più illuminate degli intellettuali e progressisti della penisola; lo ha fatto durante gli anni bui della dittatura, quando nella tetra sede della Seguridad Nacional si torturava e uccideva; e lo ha continuato a fare negli ultimi 50, 60 anni, quando bisognava costruire la democrazia; questa democrazia tanto imperfetta quanto amata, che oggi un paese intero si rifiuta di perdere. Sono sufficienti alcuni nomi per mostrare il legame profondo tra il paese e gli italo-venezuelani: Giacomo Castiglione, Francesco Isnardi, Carlo Luigi Castelli, Juan Germàn Roscio, Luigi Wenceslao Cattaneo di Sedrano, Alberto Carnevali, Raùl Leoni, Jaime Lusinchi, Alberto Adriani, Calderòn Berti, Simon Alberto Consalvi e tanti, tanti altri ancora.

La protesta anti-chavista

Una manifestazione filogovernativa

Oggi la partecipazione attiva alla vita del paese è visibile nei due schieramenti. Alcuni di quelli che militano tra le file del chavismo, sono apparsi in una lista, poi subito oscurata, pubblicata a sostegno della “Lettera degli italiani in Venezuela: una parte limitata della comunità è con l’opposizione” pubblicata da “l’Antidiplomatico.com”; l’altra ingrossa le file dei manifestanti e purtroppo anche quella dei morti e detenuti. Sono coloro che protestano contro la “violenza di Stato”, contro la vocazione autoritaria del governo ed esigono il rispetto delle libertà democratiche, dei diritti umani, della divisione dei poteri e dei valori sanciti nella Costituzione del 1999.
Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo e Jhonatan Zavatti sono le due giovani vittime della violenza con cui, dall’inizio delle proteste in aprile, le forze dell’Ordine stanno brutalmente reprimendo le manifestazioni di protesta.

Il giovane connazionale Canelon Scirpatempo ucciso a Barquisimeto

,

A Canelon Scirpatempo,32 anni, hanno sparato a bruciapelo, tanto che sul corpo del giovane erano evidenti i residui della polvere da sparo. I danni provocati dalla rosa delle pallottole di gomma hanno reso inutile ogni disperato tentativo dei medici per salvarlo. L’agonia di Canelòn Scirpatempo, ucciso nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” a Barquisimeto, è durata circa 30 ore.

Jhonatan Zavatti, 25 anni, è deceduto l’altro giorno dopo essere stato raggiunto alla testa da un colpo di arma da fuoco, nel corso di una manifestazione antigovernativa. E’ morto a Caracas dopo ore di agonia nonostante gli sforzi disperati dei medici. Zavatti è stato l’80sima vittima delle proteste anti-Maduro; proteste che si susseguono dallo scorso aprile. Era stato ferito durante una dimostrazione di piazza nel quartiere popolare di Petare.
Quanti siano gli italo-venezuelani arrestati in questi tre mesi è difficile da stabilire. Secondo dati delle nostre autorità diplomatiche e consolari i casi conosciuti sarebbero 10, 8 di questi avrebbero chiesto il loro intervento. Ma potrebbero essere di più, molti di più visto la quantità di arresti compiuti quotidianamente, con o senza ragione, dalla Polizia e dalla Guardia Nazionale.

Betty Grossi, la connazionale detenuta nel Sebin

Assai diversa è la situazione dei prigionieri politici italo-venezuelani. Tra questi, Betty Grossi, in stato di fermo nella sede del Sebin tristemente famosa col nome di “La Tumba”; il giovane Raul Emilio Baduel, figlio del generale la cui azione fu decisiva nella liberazione dell’estinto presidente Chàvez detenuto nell’isola La Orchila durante il tentativo di “golpe” del 2002; e l’avvocato Marcello Crovato. Casi a parte sono quelli dell’ex Sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, agli arresti domiciliari; e di Franco Beccalossi liberato recentemente grazie all’intervento del nostro Consolato. Era detenuto ingiustamente in una delle lugubri celle del Sebin.

Studenti, professionisti, paramedici, commercianti, giornalisti, non importa. La Polizia e la Guardia Nazionale arrestano indistintamente, senza fermarsi a distinguere se chi è detenuto ha partecipato o meno alle proteste. Bastano un telefonino, uno zainetto, una borsa di tela, per essere considerati sospettosi.

La sede dell’Ambasciata d’Italia a Caracas

Molto attive, nelle ultime settimane, le nostre autorità diplomatiche e consolari nella difesa dei giovani italo-venezuelani detenuti dalle forze dell’Ordine che oggi, addirittura, accusano i manifestanti di “terrorismo”. Sebbene sia vero che il loro intervento non assicura la liberazione del connazionale detenuto, è comunque certo che può evitare maltrattamenti, umiliazioni, violenze e soprusi; in casi estremi, il trasferimento nelle carceri peggiori del Paese come quella di Tocoròn, di Barcelona, o di El Dorado, di Ciudad Bolívar.

Il premier Paolo Gentiloni

Se per un verso la posizione dell’Italia è stata chiaramente esposta dal governo Gentiloni che ha esortato il presidente Maduro a liberare i prigionieri politici, a rispettare le libertà democratiche, a cessare la violenza, a riconoscere il Parlamento, a indire nuove elezioni e a fare un passo indietro con la Assemblea Costituente, dall’altra i nostri rappresentanti in Ambasciata e Consolato, sono impegnati a tessere un lavoro di filigrana in cui i contatti informali diventano a volte più importanti di quelli burocratici e ministeriali. La diplomazia è anche, forse soprattutto, questo. Portare a conoscenza delle nostre autorità i casi di connazionali arrestati, può rappresentare la differenza tra il carcere e la libertà e, comunque, contribuire a un cammino più spedito verso la liberazione del malcapitato.

Oggi, come lo dimostra il braccio di ferro tra Parlamento e Governo, tra Procura Generale e Alta Corte, il clima politico è molto teso. Le proteste si susseguono quotidianamente con un bilancio complessivo, fino ad ora, di quasi un morto al giorno. Il dibattito politico mostra un paese diviso senza che si riesca a vedere una possibilità di dialogo tra i protagonisti; il “chavismo” continua a perdere pezzi e, soprattutto, il sostegno delle frange più umili che sono poi quelle che soffrono le conseguenze della grave crisi economica. Se prima, all’inizio delle manifestazioni indette dal Tavolo dell’Unità Democratica, il governo, a Caracas, era riuscito a ghettizzare la protesta in una parte della città, oggi questa si sta espandendo a macchia d’olio coinvolgendo anche i quartieri più popolari come quelli di Petare, Caricuao, Catia, e La Vega.
E si riempiono sempre di più anche le strade di tutte le altre città piccole e grandi.
Mauro Bafile

Ultima ora

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

22:26Europa League: Lazio-Vitesse 1-1

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Lazio-Vitesse 1-1 nella quinta giornata del girone K di Europa League. Primo pari per i biancocelesti dopo le quattro vittorie consecutive che avevano permesso alla squadra di Simone Inzaghi di garantirsi la qualificazione ai sedicesimi come prima del gruppo con due giornate di anticipo. Olandesi a sorpresa in vantaggio al 13' con una punizione di Linssen. Lazio vicina al pareggio al 29' con l'esordiente Palombi che da distanza ravvicinata impegna il portiere Pasveer. Il pareggio arriva al 42' con un gran destro al volo di Luis Alberto su cross dalla destra di Basta. Nel finale Inzaghi regala l'esordio anche a Miceli, capitano della Primavera. Nell'altra partita del girone il Nizza batte 3-1 il Waregem (doppietta di Balotelli, un gol su rigore) e si qualifica come seconda.

22:18Consip: Ciccolo, processo disciplinare per Woodcock

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Il Pg della Cassazione Pasquale Ciccolo ha chiesto al Csm di fissare l'udienza per il processo disciplinare a carico dei pm napoletani Henry John Woodcock e Celeste Carrano. A entrambi viene contestato di aver ascoltato, nell'ambito dell'inchiesta Consip, come persona informata dei fatti, l'ex consigliere di palazzo Chigi Filippo Vannoni, sebbene ci fossero già gli elementi per la sua iscrizione nel registro degli indagati. A carico di Woodcock anche alcune opinioni che gli sono state attribuite da Repubblica sull'inchiesta. L'articolo di Repubblica venne pubblicato nei giorni delle polemiche più accese dell'inchiesta Consip, dopo la notizia di manipolazioni delle intercettazioni da parte da parte dell'allora capitano del Noe (oggi maggiore) Gianpaolo Scafarto. Il quotidiano attribuì a Woodcock l'opinione che quel falso doveva essere il frutto di un mero errore ,non certo di un depistaggio intenzionale. Interpellato dall'ANSA sulla richiesta Woodcock si è limitato a rispondere "no comment".

22:09Via libera Cdm a decreto su nuovi collegi per “Rosatellum”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Via libera del Cdm al decreto legislativo sui nuovi collegi elettorali. Lo si apprende da fonti di governo. Il provvedimento passa ora all'esame delle Camere.

21:47Calcio: Gil Dias, vogliamo tornare a vincere

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - "Domenica ci aspetta una partita importante, io e miei compagni faremo di tutto per ritrovare la vittoria". Sfodera ottimismo Gil Dias, il giovane esterno portoghese della Fiorentina attesa dalla difficile trasferta contro la Lazio. "Potremmo avere più punti in classifica - ha continuato Gil Dias - ma non dobbiamo mollare, semmai continuare a lottare per raggiungere i nostri obiettivi Penso però che sia io che la squadra stiamo crescendo" Per domani è previsto un nuovo allenamento, stavolta all'interno dello stadio e soprattutto aperto alla gente come è stato lo scorso 1 novembre: e così dalle 14,30 sarà accessibile il settore Maratona. Intanto dall'infermeria arrivano buone notizie per il tecnico Stefano Pioli, grande ex della sfida di domenica: Thereau, Badelj e Laurini appaiono recuperati e quindi convocabili dopo lo stop nelle ultime gare per problemi muscolari.

21:41Migranti: ‘irriducibili’ rifiutano mediazione,notte a Spinea

(ANSA) - VENEZIA, 23 NOV - Gli 'irriducibili' tra i migranti della base di Conetta, nel veneziano, che stanno dando vita a una 'marcia' di protesta, non hanno accettato la mediazione del Prefetto di Venezia Carlo Boffi che li aveva invitati a ritornare sui propri passi accelerando un alleggerimento della struttura. Gli 'irriducibili', diventati 69 dopo che a un primo gruppo si sono aggiunti quanti erano stati sistemati a Jesolo, hanno lasciato così il centro civico di Malcontenta (Venezia) e grazie alla Caritas passeranno la notte nella sede della Cooperativa Cssa di Spinea, sempre nel veneziano, dove saranno trasportati con un pullman e due pulmini. Tra i migranti, in protesta da giorni, si sono registrati alcuni malori, in due casi si è proceduto al ricovero in ospedale per uno a Mestre e per l'altro a Dolo. Attesa per domani un'ulteriore incontro per trovare una soluzione. Alla base di Conetta da 1.500 migranti ospitati si è scesi, negli ultimi mesi, prima a 1.100 ed ora a poco più di 800.

Archivio Ultima ora