Tributo della collettività alle proteste in Venezuela: due morti e 10 detenuti

Pubblicato il 29 giugno 2017 da Mauro Bafile

CARACAS – Un bilancio difficile da accettare: due morti e 10 detenuti; due giovani vittime della violenza con cui le forze dell’Ordine reprimono le manifestazioni di protesta contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolas Maduro e 10 detenuti colpevoli di avervi partecipato. La nostra Collettività è da sempre profondamente integrata nel tessuto sociale del Venezuela. Non vive le vicende del Paese da semplice spettatore ma da vero protagonista. Lo fece durante la guerra d’indipendenza, quando l’Italia non esisteva neanche nelle menti più illuminate degli intellettuali e progressisti della penisola; lo ha fatto durante gli anni bui della dittatura, quando nella tetra sede della Seguridad Nacional si torturava e uccideva; e lo ha continuato a fare negli ultimi 50, 60 anni, quando bisognava costruire la democrazia; questa democrazia tanto imperfetta quanto amata, che oggi un paese intero si rifiuta di perdere. Sono sufficienti alcuni nomi per mostrare il legame profondo tra il paese e gli italo-venezuelani: Giacomo Castiglione, Francesco Isnardi, Carlo Luigi Castelli, Juan Germàn Roscio, Luigi Wenceslao Cattaneo di Sedrano, Alberto Carnevali, Raùl Leoni, Jaime Lusinchi, Alberto Adriani, Calderòn Berti, Simon Alberto Consalvi e tanti, tanti altri ancora.

La protesta anti-chavista

Una manifestazione filogovernativa

Oggi la partecipazione attiva alla vita del paese è visibile nei due schieramenti. Alcuni di quelli che militano tra le file del chavismo, sono apparsi in una lista, poi subito oscurata, pubblicata a sostegno della “Lettera degli italiani in Venezuela: una parte limitata della comunità è con l’opposizione” pubblicata da “l’Antidiplomatico.com”; l’altra ingrossa le file dei manifestanti e purtroppo anche quella dei morti e detenuti. Sono coloro che protestano contro la “violenza di Stato”, contro la vocazione autoritaria del governo ed esigono il rispetto delle libertà democratiche, dei diritti umani, della divisione dei poteri e dei valori sanciti nella Costituzione del 1999.
Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo e Jhonatan Zavatti sono le due giovani vittime della violenza con cui, dall’inizio delle proteste in aprile, le forze dell’Ordine stanno brutalmente reprimendo le manifestazioni di protesta.

Il giovane connazionale Canelon Scirpatempo ucciso a Barquisimeto

,

A Canelon Scirpatempo,32 anni, hanno sparato a bruciapelo, tanto che sul corpo del giovane erano evidenti i residui della polvere da sparo. I danni provocati dalla rosa delle pallottole di gomma hanno reso inutile ogni disperato tentativo dei medici per salvarlo. L’agonia di Canelòn Scirpatempo, ucciso nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” a Barquisimeto, è durata circa 30 ore.

Jhonatan Zavatti, 25 anni, è deceduto l’altro giorno dopo essere stato raggiunto alla testa da un colpo di arma da fuoco, nel corso di una manifestazione antigovernativa. E’ morto a Caracas dopo ore di agonia nonostante gli sforzi disperati dei medici. Zavatti è stato l’80sima vittima delle proteste anti-Maduro; proteste che si susseguono dallo scorso aprile. Era stato ferito durante una dimostrazione di piazza nel quartiere popolare di Petare.
Quanti siano gli italo-venezuelani arrestati in questi tre mesi è difficile da stabilire. Secondo dati delle nostre autorità diplomatiche e consolari i casi conosciuti sarebbero 10, 8 di questi avrebbero chiesto il loro intervento. Ma potrebbero essere di più, molti di più visto la quantità di arresti compiuti quotidianamente, con o senza ragione, dalla Polizia e dalla Guardia Nazionale.

Betty Grossi, la connazionale detenuta nel Sebin

Assai diversa è la situazione dei prigionieri politici italo-venezuelani. Tra questi, Betty Grossi, in stato di fermo nella sede del Sebin tristemente famosa col nome di “La Tumba”; il giovane Raul Emilio Baduel, figlio del generale la cui azione fu decisiva nella liberazione dell’estinto presidente Chàvez detenuto nell’isola La Orchila durante il tentativo di “golpe” del 2002; e l’avvocato Marcello Crovato. Casi a parte sono quelli dell’ex Sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, agli arresti domiciliari; e di Franco Beccalossi liberato recentemente grazie all’intervento del nostro Consolato. Era detenuto ingiustamente in una delle lugubri celle del Sebin.

Studenti, professionisti, paramedici, commercianti, giornalisti, non importa. La Polizia e la Guardia Nazionale arrestano indistintamente, senza fermarsi a distinguere se chi è detenuto ha partecipato o meno alle proteste. Bastano un telefonino, uno zainetto, una borsa di tela, per essere considerati sospettosi.

La sede dell’Ambasciata d’Italia a Caracas

Molto attive, nelle ultime settimane, le nostre autorità diplomatiche e consolari nella difesa dei giovani italo-venezuelani detenuti dalle forze dell’Ordine che oggi, addirittura, accusano i manifestanti di “terrorismo”. Sebbene sia vero che il loro intervento non assicura la liberazione del connazionale detenuto, è comunque certo che può evitare maltrattamenti, umiliazioni, violenze e soprusi; in casi estremi, il trasferimento nelle carceri peggiori del Paese come quella di Tocoròn, di Barcelona, o di El Dorado, di Ciudad Bolívar.

Il premier Paolo Gentiloni

Se per un verso la posizione dell’Italia è stata chiaramente esposta dal governo Gentiloni che ha esortato il presidente Maduro a liberare i prigionieri politici, a rispettare le libertà democratiche, a cessare la violenza, a riconoscere il Parlamento, a indire nuove elezioni e a fare un passo indietro con la Assemblea Costituente, dall’altra i nostri rappresentanti in Ambasciata e Consolato, sono impegnati a tessere un lavoro di filigrana in cui i contatti informali diventano a volte più importanti di quelli burocratici e ministeriali. La diplomazia è anche, forse soprattutto, questo. Portare a conoscenza delle nostre autorità i casi di connazionali arrestati, può rappresentare la differenza tra il carcere e la libertà e, comunque, contribuire a un cammino più spedito verso la liberazione del malcapitato.

Oggi, come lo dimostra il braccio di ferro tra Parlamento e Governo, tra Procura Generale e Alta Corte, il clima politico è molto teso. Le proteste si susseguono quotidianamente con un bilancio complessivo, fino ad ora, di quasi un morto al giorno. Il dibattito politico mostra un paese diviso senza che si riesca a vedere una possibilità di dialogo tra i protagonisti; il “chavismo” continua a perdere pezzi e, soprattutto, il sostegno delle frange più umili che sono poi quelle che soffrono le conseguenze della grave crisi economica. Se prima, all’inizio delle manifestazioni indette dal Tavolo dell’Unità Democratica, il governo, a Caracas, era riuscito a ghettizzare la protesta in una parte della città, oggi questa si sta espandendo a macchia d’olio coinvolgendo anche i quartieri più popolari come quelli di Petare, Caricuao, Catia, e La Vega.
E si riempiono sempre di più anche le strade di tutte le altre città piccole e grandi.
Mauro Bafile

Ultima ora

05:09Terremoto Ischia: estratto vivo bimbo sette mesi

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - E' stato estratto vivo il neonato di sette mesi rimasto intrappolato sotto le macerie di una casa crollata a Casamicciola, ad Ischia, in seguito al terremoto. Lunghissimo applauso dei soccorritori che dicono 'sta benissimo'. La mamma è corsa sulle macerie per andargli incontro. Ora si scava per estrarre i suoi fratellini.

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

Archivio Ultima ora