Economia cresce. Pil Usa sopra le attese, balza la fiducia in Ue

Pubblicato il 29 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – L’economia americana cresce più delle attese. La fiducia in Europa balza ai massimi dal 2007. E vede rosa anche l’Italia: dopo la revisione al rialzo delle stime di crescita di Standard & Poor’s e Confindustria, anche il ministro Pier Carlo Padoan parla di crescita in miglioramento, con le misure messe in atto dal governo negli ultimi tre anni che iniziano a dare ”frutti molto piu’ visibili”.

Giornata nera invece per le principali piazze finanziarie. L’Europa chiude in rosso in quello che è il maggiore calo da settembre, con Milano che perde l’1,63%. Wall Street apre la seduta contrastata, per poi peggiorare con il passare delle ore: il rally delle banche, che si sostituiscono ai tecnologici come motore degli scambi, non basta a limitare il calo.

Secondo gli analisti, la flessione dei mercati insieme alle vendite sui bond è causata dai banchieri centrali troppo ‘falchi’. Ovvero dalle parole del presidente della Bce Mario Draghi e del governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney interpretate dai mercati come un’accelerazione della exit strategy dalle misure messe in atto per la crisi.

Neanche l’inatteso aumento sopra le attese del sentimento economico europeo riesce a frenare le perdite delle borse europee. A giugno l’indicatore è salito ai massimi dall’agosto del 2007, da prima della crisi finanziaria, confermando i segnali di rafforzamento della ripresa europea che sembra aver preso slancio, trainando anche una ripresa dell’inflazione, come dimostrato dal balzo dei prezzi in Germania saliti dell’1,5%.

Migliora anche l’Italia: “La crescita va migliorando, le istituzioni internazionali hanno cambiato verso l’alto le stime di crescita” afferma il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Nelle ultime ore Standard & Poor’s ha rivisto da +0,9% a +1,2% il pil italiano per il 2017. Convinta che l’Italia sia in recupero anche Confindustria, che ha alzato a +1,3% la sua stima di crescita per il 2017 dal +0,8% di soli sei mesi fa.

All’accelerazione europea si accompagna quella americana. A dispetto delle attese, il pil nel primo trimestre sale dell’1,4%, sopra le previsioni degli analisti e oltre le precedenti stime ufficiali che indicavano per i primi tre mesi dell’amministrazione Trump un +1,2% in seconda lettura e dello 0,7% in prima lettura. A spingere la ripresa americana sono ancora una volta i consumi, saliti dell’1,1%, e le esportazioni balzate del 7%.

La Casa Bianca si mostra ottimista, convinta che l’obiettivo di una crescita al 3% non sia poi così ambizioso, come affermano il consigliere economico di Trump, Gary Cohn, e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin. Ma dal Congressional Budget office arriva una doccia fredda: la crescita quest’anno di fermerà al 2,1%. Stime più basse di quelle della Casa Bianca arrivano anche da Standard & Poor’s, che prevede una crescita del 2,2% quest’anno, quando la Fed alzerà in un’atra occasione i tassi di interesse, avviando anche in settembre la riduzione del suo bilancio, esploso a 4.500 miliardi di dollari.

Contribuisce al miglioramento del quadro congiunturale statunitense il settore finanziario: le maggiori banche americane, tutte e 34, hanno superato per la prima a pieni voti gli stress test della Fed, che ha dato il via libera ai loro piani di distribuzione di capitale. Un semaforo verde che si traduce per i sei maggiori istituti – Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Morgan Stanley, JPMorgan e Wells Fargo – in un assegno agli azionisti da complessivi 100 miliardi.

L’attenzione ora è tutta per la nuova spinta all’economia che l’amministrazione Trump intende imprimere e che passa per un piano di infrastrutture da 1.000 miliardi di dollari e per la riforma delle tasse. Misure promesse in campagna elettorale e che, fra il Russiagate e la riforma sanitaria, restano ancora solo sulla carta.

Ultima ora

11:29Migranti: Australia, completato sgombero campo Manus

(ANSA) - CANBERRA, 24 NOV - Le autorità della Papua Nuova Guinea hanno reso noto di aver ricollocato gli ultimi richiedenti asilo che si trovavano nell'isola di Manus da tre settimane e che rifiutavano di andarsene, per paura di subire violenze da parte dei residenti locali nei nuovi insediamenti. Tutti e 378 gli uomini che alloggiavano nel campo sono stati trasferiti nella vicina cittadina di Lorengau, ha riferito la polizia locale. I legali dei rifugiati hanno denunciato che le forze di polizia hanno fatto uso di violenza, ma il ministro dell'immigrazione australiano Peter Dutton ha respinto le accuse. Il campo di Manus, dopo la chiusura ufficiale il mese scorso, si trovava in pessime condizioni dopo che era stata interrotta la corrente, il flusso dell'acqua ed il rifornimento di provviste. L'Australia paga la Papua Nuova Guinea e le altre isole del Pacifico per ospitare le migliaia di richiedenti asilo che hanno tentato di raggiungere le sue coste negli ultimi anni.

11:27Migranti: sbarchi in sud Sardegna, arrivati 40 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 24 NOV - Non si fermano gli sbarchi di migranti lungo le coste del Sud Sardegna. Dopo i 95 algerini arrivati nel corso della giornata di ieri, questa mattina nella zona di Sant'Anna Arresi e Teulada si sono registrati almeno altri tre sbarchi. Oltre 40 - ma il numero è destinato presto a crescere - gli algerini bloccati dai carabinieri e della polizia. Tutti, una volta ultimate le visite mediche e le operazioni di identificazione, saranno trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. Tutta l'area compresa tra Sant'Antioco, Sant'Anna Arresi e Teulada è costantemente pattugliata da carabinieri, polizia, guardia di finanza e guardia costiera.

11:24Caccia a Igor: indagati per fuga, nessun commento inquirenti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 NOV - Almeno cinque persone sarebbero indagate dalla Procura di Bologna per aver favorito o coperto la fuga e la latitanza di Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il serbo accusato degli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso il primo aprile, e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, assassinato l'8 aprile a Portomaggiore, nel Ferrarese. Lo scrive il quotidiano La Repubblica. Nessun commento da parte degli inquirenti. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi il numero degli indagati potrebbe essere minore a quello riferito dal quotidiano e potrebbe trattarsi di iscrizioni 'tecniche', cioè fatte per svolgere attività d'indagine coperta da segreto istruttorio. "Non so nulla a riguardo. Noi abbiamo sempre affermato che ci potessero essere dei complici o dei fiancheggiatori e abbiamo inoltrato diverse segnalazioni alla Procura", ha detto, interpellato in merito, l'avvocato Giorgio Bacchelli, difensore della vedova Fabbri, Maria Sirica.

11:23Migranti: fonti Libia, in tutto salvati 450 africani

(ANSAmed) - IL CAIRO, 24 NOV - Oltre ai circa 250 migranti africani salvati ieri a est di Tripoli, la Marina libica ne ha tratti in salvo più di 200 altri. Secondo quanto si è appreso, il salvataggio è stato compiuto dalla nave "Ibn Auf". L'annuncio non era stato dato ieri, perchè al momento della diffusione del comunicato stampa da parte della Marina e Guardia costiera libica, la nave era ancora in mare per altre azioni di salvataggio. Ieri sera era stato reso noto che circa 250 migranti africani che erano a bordo di due imbarcazioni erano stati salvati dalla Marina libica nelle acque antistanti la costa di Garabuli (Gasr Garabulli), a est di Tripoli. Tra i migranti c'erano anche 93 donne e 26 bambini. I migranti erano stati trasportati alla base navale di Tripoli dove è stata fornita assistenza umanitaria da parte di personale dell'Unhcr e dell'Oim, aveva riferito la Marina libica.

11:21Zimbabwe: attesa per giuramento da presidente di Mnangagwa

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Lo stadio di Harare ha iniziato a riempirsi in vista del giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, dopo le dimissioni di Robert Mugabe. Mnangagwa, ex ministro della giustizia e della difesa, era stato un fedelissimo del dittatore 93enne per decenni, prima di cadere in disgrazia per le ambizioni della moglie di Mugabe, Grace.

11:20Crotonese 31enne ucciso a colpi pistola nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 NOV - Un uomo di 31 anni, Francesco Citro, è stato ucciso a colpi di pistola sulla porta di casa nella tarda serata di ieri a Villanova di Reggiolo, nel Reggiano. Citro, di professione autista e originario di Cutro nel Crotonese, intorno alle 23 avrebbe aperto la porta dell'appartamento della palazzina di via Giovanni XXIII in cui viveva con la moglie e due figli piccoli, venendo freddato da qualcuno che aveva salito le scale. Circa tre ore prima era stata incendiata l'auto della moglie, parcheggiata sotto casa, e lo stesso 31enne era intervenuto insieme a dei vicini e ai vigili del fuoco per spegnere le fiamme. Sul posto erano giunti i carabinieri. Tre ore dopo, l'agguato che non ha dato scampo a Citro. Sull'omicidio indagano i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi. (ANSA).

11:11Violenza donne: campagna shock scuote Tunisia

(ANSAmed) - TUNISI, 24 NOV - Le strade di Tunisi e delle principali città del Paese sono tappezzate da manifesti che ritraggono, secondo lo stesso schema, una donna fotografata di spalle con una scritta che spiega quanto le accade e quel che la gente pensa di lei. Ecco alcuni esempi: giovane donna violentata, (finirà per dimenticare) - donna molestata sul luogo di lavoro (altre meno fortunate sono disoccupate) e ancora donna aggredita dal marito (è il destino che ha voluto così). Si tratta della campagna di sensibilizzazione "Faddina", lanciata dal Fondo dell'Onu per la Popolazione (Unfpa) nell'ambito della lotta contro le violenze alla donne per denunciare luoghi comuni della società che riguardano la donna, e che ha suscitato in Tunisia un'ondata di commenti negativi sui social network ma anche da parte alcune associazioni a difesa dei diritti delle donne, costrette a riflettere sulla reale situazione femminile in un paese dipinto con la legislazione più avanzata in materia rispetto a tutti gli altri paesi arabi e maghrebini.

Archivio Ultima ora