Prove Ulivo a Roma, ma Renzi si rilancia: “Non mi logorano”

Pubblicato il 29 giugno 2017 da ansa

Romano Prodi

ROMA. – Tra Roma e Milano, sabato, correrà la sfida del centrosinistra. E l’esito appare tutt’altro che scontato. La piazza dei Ss Apostoli che Giuliano Pisapia ha lanciato qualche settimana fa, quando le urne sembravano alle porte, continua ad arricchirsi di presenze, grandi ex, sigle in cerca di autore e, soprattutto, di un nuovo Ulivo che li rappresenti.

Dall’altra parte, il segretario Pd Matteo Renzi non mette neanche in conto la possibilità di una resa. A Milano, riunendo l’assemblea dei circoli Dem venerdì e sabato, rilancerà se stesso e la sua idea di partito: “non ci logorano”, è il mantra che l’ex premier, nelle ore più fragili della tenuta dei Dem, ripete a fedelissimi e iscritti.

Entrambe le kermesse cominceranno alle 17, quella targata Pisapia sabato, quella organizzata da Renzi domani. E, ad entrambe sarà presente il Pd: perché in molti, da Andrea Orlando a Nicola Zingaretti, da Retedem di Sergio Lo Giudice, a Gianni Cuperlo a Milano non ci saranno avendo scelto il “campo largo” che Pisapia promuoverà, non a caso, in uno dei luoghi simboli dell’Ulivo.

Assenze di rilievo che danno la misura di come, con le prese di distanza di Dario Franceschini e Romano Prodi, lo stato di salute del Pd renziano sia tutt’altro che florido. Proprio per questo, Renzi ha deciso di mutuare l’assemblea dei circoli in una sorta di mini-Lingotto, riunendo sotto il titolo “Italia 2020” non solo gli iscritti ma anche associazioni e personalità della società civile.

Al Teatro Linear Ciak di Milano parleranno tra gli altri don Luigi Ciotti, Lucia Annibali, il virologo Roberto Burioni in una kermesse che, venerdì, sarà introdotta dal segretario. L’obiettivo è mettere in campo “un’alleanza sociale” che vada oltre i caminetti. E’ quella la coalizione con cui Renzi vuol rispondere a chi, dentro e fuori il Pd, lo spinge nel mare magnum del centrosinistra.

“Le polemiche lasciamole a chi le fa di professione. Parliamo di come veramente possiamo avvicinare la politica ai giovani e i giovani alla politica. Non con gli stanchi rituali del passato”, è il messaggio di Renzi. “La parola d’ordine è futuro”, gli fa eco Maurizio Martina. Certo, complici le delusioni elettorali, la partita di Renzi non è facile.

Anche perché, plasticamente, a Roma sotto il palco di Pisapia e Mdp ci sarà mezzo centrosinistra: sul palco – la scaletta è ancora da definire – parleranno il fondatore di Campo Progressista, Pier Luigi Bersani e Leoluca Orlando mentre in platea, al di là di un pezzo di Pd, ci saranno la presidente della Camera Laura Boldrini e Massimo D’Alema, Verdi e costituzionalisti, i “centristi democratici” di Bruno Tabacci e anche una delegazione di Sinistra Italiana.

“Sabato avrà inizio un percorso che sarà in netta alternativa alle politiche del Pd”, avverte Roberto Speranza parlando di evento “destinato a cambiare la politica italiana”. Un evento dove, anche nel dialogante Pisapia, il renzismo non è più visto più come un alleato: “a me interessa il rapporto con il popolo”, sottolinea l’ex sindaco di Milano bocciando la rottamazione renziana: “io prediligo la rotazione”.

Resta da capire quale sarà il seguito della piazza di sabato. Orlando, ad esempio, assicura che non lascerà il Pd ma conferma la necessità di una coalizione, affermando, in opposizione a Renzi, che “il Pd da solo non va lontano”. E ponendo più di un dubbio sul fatto che il leader di un centrosinistra unito possa essere il segretario Dem: “deve dimostrare di essere l’uomo giusto”.

Ma nella piazza romana ci sarà anche un convitato di pietra: Prodi. Un suo messaggio non è escluso e in tanti lo aspettano. Il Professore, intanto, incassa la standing ovation del congresso nazionale della Cisl e la stretta di mano della segretaria della Cgil Susanna Camusso. “Senza sindacato non esiste centralità del lavoro”, sono le parole con cui Prodi infiamma la platea. Lui, dal palco, si definisce solo un “predicatore”, ma l’impressione è che, più di uno, sabato, sarebbe prontissimo a fare spazio alla sua tenda.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora