Prove Ulivo a Roma, ma Renzi si rilancia: “Non mi logorano”

Pubblicato il 29 giugno 2017 da ansa

Romano Prodi

ROMA. – Tra Roma e Milano, sabato, correrà la sfida del centrosinistra. E l’esito appare tutt’altro che scontato. La piazza dei Ss Apostoli che Giuliano Pisapia ha lanciato qualche settimana fa, quando le urne sembravano alle porte, continua ad arricchirsi di presenze, grandi ex, sigle in cerca di autore e, soprattutto, di un nuovo Ulivo che li rappresenti.

Dall’altra parte, il segretario Pd Matteo Renzi non mette neanche in conto la possibilità di una resa. A Milano, riunendo l’assemblea dei circoli Dem venerdì e sabato, rilancerà se stesso e la sua idea di partito: “non ci logorano”, è il mantra che l’ex premier, nelle ore più fragili della tenuta dei Dem, ripete a fedelissimi e iscritti.

Entrambe le kermesse cominceranno alle 17, quella targata Pisapia sabato, quella organizzata da Renzi domani. E, ad entrambe sarà presente il Pd: perché in molti, da Andrea Orlando a Nicola Zingaretti, da Retedem di Sergio Lo Giudice, a Gianni Cuperlo a Milano non ci saranno avendo scelto il “campo largo” che Pisapia promuoverà, non a caso, in uno dei luoghi simboli dell’Ulivo.

Assenze di rilievo che danno la misura di come, con le prese di distanza di Dario Franceschini e Romano Prodi, lo stato di salute del Pd renziano sia tutt’altro che florido. Proprio per questo, Renzi ha deciso di mutuare l’assemblea dei circoli in una sorta di mini-Lingotto, riunendo sotto il titolo “Italia 2020” non solo gli iscritti ma anche associazioni e personalità della società civile.

Al Teatro Linear Ciak di Milano parleranno tra gli altri don Luigi Ciotti, Lucia Annibali, il virologo Roberto Burioni in una kermesse che, venerdì, sarà introdotta dal segretario. L’obiettivo è mettere in campo “un’alleanza sociale” che vada oltre i caminetti. E’ quella la coalizione con cui Renzi vuol rispondere a chi, dentro e fuori il Pd, lo spinge nel mare magnum del centrosinistra.

“Le polemiche lasciamole a chi le fa di professione. Parliamo di come veramente possiamo avvicinare la politica ai giovani e i giovani alla politica. Non con gli stanchi rituali del passato”, è il messaggio di Renzi. “La parola d’ordine è futuro”, gli fa eco Maurizio Martina. Certo, complici le delusioni elettorali, la partita di Renzi non è facile.

Anche perché, plasticamente, a Roma sotto il palco di Pisapia e Mdp ci sarà mezzo centrosinistra: sul palco – la scaletta è ancora da definire – parleranno il fondatore di Campo Progressista, Pier Luigi Bersani e Leoluca Orlando mentre in platea, al di là di un pezzo di Pd, ci saranno la presidente della Camera Laura Boldrini e Massimo D’Alema, Verdi e costituzionalisti, i “centristi democratici” di Bruno Tabacci e anche una delegazione di Sinistra Italiana.

“Sabato avrà inizio un percorso che sarà in netta alternativa alle politiche del Pd”, avverte Roberto Speranza parlando di evento “destinato a cambiare la politica italiana”. Un evento dove, anche nel dialogante Pisapia, il renzismo non è più visto più come un alleato: “a me interessa il rapporto con il popolo”, sottolinea l’ex sindaco di Milano bocciando la rottamazione renziana: “io prediligo la rotazione”.

Resta da capire quale sarà il seguito della piazza di sabato. Orlando, ad esempio, assicura che non lascerà il Pd ma conferma la necessità di una coalizione, affermando, in opposizione a Renzi, che “il Pd da solo non va lontano”. E ponendo più di un dubbio sul fatto che il leader di un centrosinistra unito possa essere il segretario Dem: “deve dimostrare di essere l’uomo giusto”.

Ma nella piazza romana ci sarà anche un convitato di pietra: Prodi. Un suo messaggio non è escluso e in tanti lo aspettano. Il Professore, intanto, incassa la standing ovation del congresso nazionale della Cisl e la stretta di mano della segretaria della Cgil Susanna Camusso. “Senza sindacato non esiste centralità del lavoro”, sono le parole con cui Prodi infiamma la platea. Lui, dal palco, si definisce solo un “predicatore”, ma l’impressione è che, più di uno, sabato, sarebbe prontissimo a fare spazio alla sua tenda.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

09:59Baby gang: due minori denunciati dalla Polizia a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - La Polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito e preso a pugni un sedicenne, Ciro, che riportò la rottura del setto nasale. Il giovane, intorno alle 21.30, insieme ad altri compagni, stava tornando a casa dopo una partita di calcetto. Alle forze dell'ordine riferì di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, che non conosceva i quali prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno, rompendogli il naso. A seguito delle numerose aggressioni che si sono susseguite in città e in provincia il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel corso di una riunione in Prefettura, ha disposto una serie di iniziative per fronteggiare il fenomeno delle baby gang.

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

Archivio Ultima ora