Mani della mafia su Niscemi, arrestati boss ed ex sindaco

Pubblicato il 29 giugno 2017 da ansa

CALTANISSETTA. – A Niscemi Cosa nostra aveva allungato le mani sul Comune con l’aiuto dell’ex sindaco, Francesco La Rosa, e di un ex consigliere, Calogero ‘Carlo’ Attardi. Su di loro, sostiene la Dda della Procura di Caltanissetta, che ha ottenuto gli arresti domiciliari dei due per voto di scambio con la mafia, i clan di Niscemi e Gela potevano contare. Il rapporto, per l’accusa, era consolidato: soldi, assunzioni e lavori in cambio di voti per le amministrative del 2012.

Quella tornata elettorale è ricostruita nelle 580 pagine dell’ordinanza del Gip Marcello Testaquatra che ha disposto il carcere per associazione mafiosa del boss Giancarlo Lucio Maria Giugno, 58 anni, già detenuto, e di altri tre affiliati: Salvatore Ficarra, di 47, Francesco Spatola, di 53, e Francesco Alesci, di 48. E gli arresti domiciliari per voto scambio elettorale politico-mafioso oltre che per La Rosa e ‘Carlo’ Attardi, anche per il padre di quest’ultimo, l’imprenditore Giuseppe Attardi, e per i fratelli Salvatore e Giuseppe Mangione, di 47 e 44 anni, collaboratori dell’ex sindaco. Che è ancora in consiglio comunale a Niscemi: ruolo che gli spetta di diritto in quanto sconfitto al ballottaggio a sindaco di domenica scorsa.

Elezione, quest’ultima, che non entra nell’inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta diretta da Amedeo Bertone che lancia comunque l’allarme: “le indagini delineano un quadro allarmante del rapporto esistente fra mafia e politica – afferma il magistrato – è uno scenario che bisogna approfondire per verificare il tipo di incidenza su appalti e sui vantaggi illeciti che Cosa nostra ha conseguito”.

E che avrebbe radici antiche. Per esempio al 18 luglio del 1992 quando è sciolto per infiltrazioni mafiose il Comune di Niscemi, dopo la sindacatura di Paolo Rizzo, cognato del boss Giancarlo Giugno. Secondo gli inquirenti il boss Giugno, tornato in libertà l’11 marzo 2010, si sarebbe interessato alla campagna elettorale per le amministrative a Niscemi appoggiando La Rosa e Calogero Attardi.

Alle elezioni, ricostruisce la Dda di Caltanissetta, era interessato anche Alessandro Barberi, all’epoca reggente di Cosa nostra a Gela e rappresentante provinciale, che avrebbe incontrato segretamente Giugno e tenuto i contatti con lui tramite dei suoi cognati, Salvatore Ficarra e Francesco Spatola.

In cambio dei voti, emerge dalle indagini della squadra mobile della Questura di Ragusa, ci sarebbe stato il versamento di soldi, la promessa di assunzioni nelle società di Giuseppe Attardi, padre del candidato Calogero, la possibilità della acquisizione di lavori in Comune, grazie a turbativa delle relative gare, la acquisizione di commesse e lavori.

La lista ‘La Rosa Sindaco’ non soltanto si sarebbe avvalsa dell’aiuto dei mafiosi per la raccolta del consenso elettorale, ma avrebbe anche “comprato” il voto degli elettori: 100 euro ciascuno e promesse di posti di lavoro. Nelle società del padre di Attardi sono risultati assunti, dopo le elezioni, 67 niscemesi tra cui Ficarra. Il boss Barberi preferiva i contanti: 20mila euro prima del voto e altri 22mila dopo. Con gli auguri per le elezioni di sindaco e consigliere comunali dagli ‘amici’ del clan.

(di Mimmo Trovato/ANSA)

Ultima ora

21:00Venezia: ancora degrado, fa pipì contro muro hotel Danieli

(ANSA) - VENEZIA, 19 AGO - E' l'estate del degrado e della maleducazione che debordano questa a Venezia dove, dopo i turisti che fanno tuffi e bagni nel canali come in piscina, si è visto pure un uomo urinare in pieno giorno contro un muro dell'hotel 'Danieli', 5 stelle tra i più esclusivi al mondo, uno dei simboli della città. L'uomo, piegato verso la parete in atteggiamento inequivocabile, è stato ripreso con lo smartphone da un veneziano, che poi, dal proprio profilo Facebook, ha messo on line il filmato del nuovo sfregio alla città lagunare. Il tutto in Riva degli Schiavoni, davanti al bacino di San Marco, con i turisti che passavo al fianco dell'incivile incontinente, che non è però stato individuato.

20:58Finlandia: italiana ferita era con figlia sei mesi

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Lisa Biancucci, la ricercatrice rimasta ferita nell'attentato di Turku, quando ha subito l'aggressione era con la figlia di sei mesi nel passeggino. Il particolare è stato reso noto dallo zio della donna che vive come gli altri familiari a Bibbiena, la cittadina aretina di cui è originaria la giovane studiosa e dove Lisa Biancucci si trovava fino a sabato scorso, quando è ripartita con il marito per Turku: è era venuta a Bibbiena per far battezzare la piccola. (ANSA).

20:51In codice rosso 4 ore per trasferimento,muore 23enne

(ANSA) - NAPOLI, 19 AGO - Ricoverato in codice rosso, aspetta quattro ore per essere trasferito in un altro ospedale per l'esecuzione di una agioTac. Ore che sarebbero risultate fatali per un 23enne che, a Napoli, è morto il giorno dopo il ricovero. E' quanto rende noto il consigliere regionale della Campania, Francesco Borrelli che diffonde la denuncia presentata dal responsabile del Pronto Soccorso del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo dove, tra l'altro, si legge che si è verificata una "inosservanza ai più elementari doveri professionali".

20:41Migranti: Serracchiani, Minniti in FVG il 5 settembre

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, sarà in Friuli Venezia Giulia il primo 5 settembre "per fare il punto con i prefetti e le forze dell'ordine" sulla situazione dei migranti in regione. Lo ha reso noto, in serata, la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, riferendo che Minniti "ha risposto positivamente all'invito della Regione" che nei giorni scorsi gli aveva inviato una lettera per rappresentare la situazione dei migranti in regione, con particolare riferimento a quella "complessa di Gorizia e del suo territorio".

20:32Turista romano ucciso in Brasile

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Lo hanno ritrovato in uno stanzino, riverso a terra in una pozza di sangue. Massimiliano Bottoni, turista italiano di 54 anni, è stato ucciso ad Armação de Búzios, in Brasile. Secondo le prime informazioni rilasciate dagli investigatori e dai media locali, sembra che ad ucciderlo, a coltellate, sia stata una prostituta, la 28enne Amanda Cabral Vasconcellos, dopo averlo ospitato per tre giorni in casa sua. La donna è stata arrestata insieme con Paulo Giovani Carvalho de Oliveira, un 36enne sospettato di essere una delle persone ingaggiate dalla prostituta per nascondere il corpo di Bottoni. Il movente dell'atroce delitto non è ancora stato chiarito, anche se sembra possa esserci stata una lite al termine di un festino organizzato a casa della donna arrestata. A Roma gli amici di Bottoni sono sotto shock, stentano ancor a credere a quanto sia successo. "Non era certo quel tipo di persone che si mette nei guai", racconta Giuseppe, al fianco di Massimiliano dai tempi delle scuole medie.

20:30Cancello fuori dai binari, bimbo muore vicino Roma

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il cancello è uscito improvvisamente dai binari e lo ha schiacciato: un bambino di 4 anni, in vacanza con la mamma e la sorellina di un anno, è morto oggi pomeriggio ad Anzio, località balneare vicino a Roma. La notizia è stata diffusa dalla compagnia di elisoccorso Elitaliana che è intervenuta sul posto. I medici hanno tentato di rianimare il piccolo per 45 minuti, ma senza successo.

20:24Calcio: Serie A, Juventus-Cagliari 3-0

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Tutto facile per la Juventus che, nell'esordio del campionato di Serie A, batte il Cagliari in casa per 3-0. Di Mandzukic, Dybala e Higuain le reti del successo dei bianconeri che, quando il punteggio era sull'1-0, hanno rischiato di essere raggiunti dai sardi, a causa di un rigore concesso dall'arbitro Maresca con l'ausilio della Var. Ci ha pensato Buffon a rimediare, parando la conclusione sbilenca di Farias e mantenendo imbattuta la propria porta.

Archivio Ultima ora