Gentiloni mette alle strette l’Ue. Sponda Juncker, Macron frena

Pubblicato il 29 giugno 2017 da redazione

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni al G20.
(Foto T. Barchielli)

BERLINO. – “Siamo sotto pressione e chiediamo il contributo concreto dell’Europa”. E’ nello scarto tra gli impegni politici e la realtà, il problema che l’Italia pone a Bruxelles e ai governi europei. Più di 70mila migranti sono sbarcati sulle coste italiane dall’inizio dell’anno. Perciò Paolo Gentiloni ripete più volte quell’aggettivo, “concreto”. E trova il sostegno di Angela Merkel e la sponda del presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker, secondo cui gli “sforzi eroici di Italia e Grecia vanno sostenuti”. Ma Emmanuel Macron frena, ponendo una serie di distinguo.

E allora il premier italiano va al punto: “Abbiamo internazionalizzato le operazioni di salvataggio ma l’accoglienza resta di un Paese solo”. Perciò ora chiediamo entro mercoledì un segnale tangibile di un cambio di passo o passerà al blocco navale. Gentiloni pone con determinazione il tema a Berlino, in un vertice dei paesi europei in vista del G20: la “strategia” abbracciata dall’Ue, anche su iniziativa italiana, è giusta, ma ora si deve “accelerare” sulle risposte.

Il premier lo spiega prima in un colloquio informale con Merkel, Macron, l’inglese Theresa May e l’olandese Mark Rutte, poi nella riunione preparatoria del G20. E incassa un forte sostegno politico. Ma anche, da parte del presidente francese, una disponibilità all’aiuto “condizionata”: Parigi è pronta a fare “la sua parte – dice Macron – sui richiedenti asilo” ma frena sui migranti per motivi economici, che sono “l’80% di quelli che arrivano in Italia”.

E così, mentre difende la linea dura adottata a Ventimiglia, Macron mette a nudo resistenze diffuse nei Paesi Ue e difficoltà nel tradurre gli impegni in azioni concordate. “Aiuteremo l’Italia, ci sta a cuore”, dice Merkel, prendendo la parola in risposta a una domanda non rivolta direttamente a lei. La cancelliera sottolinea il nodo Libia e rinvia al vertice di Tallin, che vedrà mercoledì riuniti i ministri dell’Interno dell’Ue, per “soluzioni concordate”.

Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk annuncia che porrà anche sul piatto del G20 la proposta di sanzioni per i trafficanti: il tema va affrontato, spiega, in sede Onu anche valutando una black list. “Concederemo ogni aiuto possibile all’Italia”, afferma lo spagnolo Rajoy.

Gentiloni elenca i fronti su cui il governo chiede di agire: “discutere del ruolo delle ong, della missione Frontex, delle risorse per lavorare in Libia e negli altri paesi africani, di allargare i programmi di ricollocamento”. Sul tavolo mettiamo da un lato l’impegno umanitario e il “rispetto delle regole”, dall’altro la pistola fumante del possibile blocco dei porti all’approdo delle navi che salvano migranti.

Al momento, spiegano fonti diplomatiche, il capitolo risorse è quello su cui è più facile ottenere risposte, viste le resistenze di numerosi paesi sui ricollocamenti. Ma all’Italia non basta più: “Il nostro sistema di accoglienza è a dura prova”, avverte Gentiloni. Che sul tema può contare sul pieno sostegno del presidente Sergio Mattarella, che si sta spendendo molto anche nel rassicurare i partner internazionali sulla stabilità del Paese in un momento delicato come la fine della legislatura.

Nel dibattito interno, intanto, lo scontro politico sul tema migranti si infiamma. “Il responsabile del disastro immigrazione è uno solo: Matteo Renzi”, scrive Beppe Grillo. La situazione è “fuori controllo”, incalza Silvio Berlusconi. E Matteo Salvini invoca il “blocco navale subito”. Ma Renzi mette i puntini sulle “i”: le responsabilità, sottolinea, hanno radici nel passato, quando il governo Berlusconi, con Maroni all’Interno, firmò l’accordo di Dublino. Quell’accordo l’Italia ha chiesto di rivederlo. Ma in concreto, è ancora tutto fermo.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:37Calcio: Real Madrid senza problemi, cala il tris a La Coruna

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Il Real Madrid cala il tris in Galizia, sul campo del Deportivo La Coruna, chiudendo come meglio non poteva la prima esibizione stagionale nella Liga. I campioni d'Europa hanno sbloccato il punteggio al 20' con il gallese Bale, hanno raddoppiato al 27' con Casemiro e chiuso i conti al 17' della ripresa con l'ottimo tedesco Tony Kroos, autore del 3-0 finale, su assist dello stesso Bale. Non si è fatta sentire l'assenza di Cristiano Ronaldo, nella squadra di Zinedine Zidane, che in attacco si è affidato al tridente formato da Isco, Benzema e Bale. (ANSA).

00:07Calcio: Inter, Spalletti “Io fuoriclasse? Non faccio gol…”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Sono molto soddisfatto dell'esordio a San Siro, a cominciare dalla presenza del pubblico che ci ha trasmesso il suo affetto. La squadra ha giocato un buon calcio, contro una squadra che comunque ha una sua organizzazione, che in alcuni frangenti ci ha messo in difficoltà". Luciano Spalletti traccia un bilancio tutto in positivo della prima ufficiale a San Siro da allenatore dell'Inter. "Icardi e Perisic? Hanno grande qualità nell'attaccare gli spazi, ma aggiungiamoci anche Miranda e Skriniar, che nei momenti di sofferenza hanno fatto il loro lavoro - ha detto a Mediaset Premium il tecnico nerazzurro -. C'è chi dice che il fuoriclasse sia io? Io mica faccio gol, sono i giocatori con le loro qualità a determinare i risultati. Io posso solo dare delle indicazioni". Sabato c'è il ritorno a Roma: "Incontro molti amici, ci vado con grande disponibilità a prescindere da come mi accolgieranno".

00:05Calcio: PSG forza sei, Neymar scatenato ne fa due

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Due gol e due assist. Si apre più che positivamente la parentesi nella Ligue 1 per Neymar che ha contribuito in modo determinante al 6-2 rifilato dal PSG al Tolosa. Il brasiliano ha aperto le marcature al 31' e 4' più tardi ha servito a Rabiot il pallone del 2-0, dopo che gli ospiti erano passati in vantaggio al 18' con Gradel. Al 30' st Cavani ha calato il tris su rigore e, dopo il gol ospite di Jullien al 33', Pastore ha fatto poker al 37'. In chiusura gol di Kurzawa al 39' - su assist di Neymar - e alto punto del brasiliano al 47'. (ANSA).

00:05Calcio: Pioli non soddisfatto da Var, su Simeone era rigore

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il risultato ci penalizza oltremisura, anche se abbiamo incontrato una squadra che in questo momento sta meglio di noi. La partita mi lascia comunque sensazioni positive, anche se dovevamo comunque rimanere in partita e cercare di non prendere il terzo gol. Dispiace, ma credo che la Fiorentina abbia fatto buone cose: dobbiamo crescere, ma abbiamo il materiale per fare un buon lavoro". Lo ha detto Stefano Pioli, commentando la sconfitta della Fiorentina sul campo dell'Inter. "Abbiamo disputato un precampionato faticoso, dal punto di vista degli inserimenti, ma abbiamo un buon organico: è chiaro che non possiamo ancora essere squadra - conclude - ma non abbiamo mollato e abbiamo avuto buoni atteggiamenti. Il rigore su Simeone? Pensavo solo che, siccome l'episodio era dubbio, forse era il caso che Tagliavento andasse a controllare di persona, ma se hanno deciso così lo accetto. Anche se secondo me il fallo di Miranda, a vedere le immagini, c'era".

23:53Calcio: Milan, Montella “non mi aspettavo Kessié così forte”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il rigore del vantaggio? Non mi sembra il caso di commentare anche la Var: ci si deve abituare, porterà serenità in campo e fuori. Stasera mi è piaciuto molto l'approccio della squadra alla partita, al di là dell'espulsione che ci ha agevolato. Se vogliamo diventare vincenti, però, dobbiamo crescere nella gestione, perché sul 3-0 abbiamo preso qualche giallo di troppo: è l'unico neo di questa partita". Così Vincenzo Montella ha commentato la vittoria del Milan sul campo del Crotone. "Kalinic in arrivo? Per una grande squadra è normale avere tre attaccanti - aggiunge Montella -. Chi mi ha stupito finora più degli altri? Forse Kessié: me lo aspettavo forte, ma non così. E ha ancora margini di miglioramento. Un altro che sta crescendo è André Silva: diventerà un attaccante di grandissimo livello. Il nostro obiettivo è di migliorarci, è per questo che sono stati acquistati giocatori di livello. Dopo Kalinic mercato chiuso? Purtroppo chiude il 31 agosto, in futuro mi auguro possa finire prima".

23:28Calcio: Lazio-Spal, prima donna medico in A come Carneiro

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Si chiama Raffaella Giagnorio, ha 52 anni ed è ferrarese, come la squadra che accompagna da anni in panchina. E' la prima medico donna a esordire in Serie A, in occasione del match che si sta disputando fra la Lazio e Spal. Come Eva Carneiro, l'avvenente medico britannica nota per essere stata la responsabile dell'area medica del Chelsea dal 2009 al 2015, prima della nota disputa legale a causa del licenziamento voluto dall'allora tecnico dei londinesi Mourinho. Al contrario, la dottoressa Giagnorio, ortopedico, medico dello sport e nutrizionista, può vantare un ottimo rapporto con lo staff dell'allenatore Semplici. E' responsabile medico della Spal dal 2013 e ha vissuto in panchina tutta l'ascesa dei ferraresi dalla Lega Pro fino alla massima serie. Davvero si può dire che se dopo 49 la Spal è tornata in A, una parte di merito va anche a lei.

23:26Calcio: Serie A, classifica

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La classifica del campionato di calcio di Serie A dopo la prima giornata: Juventus, Napoli, Milan, Inter, Chievo, Roma e Sampdoria punti 3; Bologna, Torino, Genoa, Sassuolo, Lazio e Spal 1; Benevento, Crotone, Fiorentina, Udinese, Atalanta, Verona e Cagliari 0.

Archivio Ultima ora