Sfida tra Renzi e Pisapia, il segretario boccia le vecchie formule

Pubblicato il 30 giugno 2017 da ansa

MILANO. – “Cambiare la vita delle persone, non inseguire le formule della politica del passato”. E’ nella missione che assegna al suo Pd, la risposta di Matteo Renzi alla sinistra di Pisapia e Bersani. Domani a Santi Apostoli gli “arancioni” lanceranno il loro progetto di centrosinistra “alternativo”. Ad ascoltarli ci sarà anche un pezzo di Pd. Ed è a tutti loro che Maurizio Martina parla quando dice che “non può esistere centrosinistra senza il Partito democratico”. E, è il messaggio, un Pd senza Renzi.

A chi pone veti sui nomi, i Dem vogliono opporre la sfida sui contenuti. Ma mostrano apertura al dialogo, anche sulla legge elettorale con apparentamenti evocata da Romano Prodi. Anche se, notano, in Parlamento servono numeri. “Italia 2020”, la kermesse dei circoli Pd, si apre a Milano sulle note di “Un mondo migliore” di Vasco Rossi. In platea nella enorme sala del teatro Linear Ciak, in questo primo giorno non gremito, prendono posto ministri e parlamentari, Dario Franceschini, critico verso la ‘chiusura’ del Pd di Renzi, e i leader della minoranza interna Andrea Orlando e Gianni Cuperlo, che ha invocato una leadership alternativa a Renzi.

“Il Pd non esiste senza centrosinistra”, è il messaggio fatto pervenire alla vigilia da Orlando. E a lui si incarica di replicare Martina, con un’inversione rispetto al programma che prevedeva l’apertura dei lavori di Renzi: “Non sarebbe pensabile aprire un secondo tempo congressuale”, avverte . E aggiunge, alludendo alla sinistra anti-renziana: “Non ci interesserà mai la logica del nemico-vicino”. “Le alleanze si fanno con la società, non sulle sigle”, scandisce il ministro, che annuncia per l’autunno un tour in treno e un forum programmatico.

E’ probabile il voto “a fine legislatura”, tra febbraio e inizio primavera, dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal Canada. E invoca la riforma elettorale, con parole che risuonano alle orecchie di chi ancora vagheggiava il voto anticipato con il Consultellum.

“Serve una legge elettorale con obbligo di accorpamenti o non c’è niente da fare”, osserva Romano Prodi. Per una legge con le coalizioni spingono anche Orlando e Franceschini. E i renziani non chiudono: le proposte Pd di Mattarellum e Rosatellum andavano in questo senso, ma le ha bocciate Mdp in commissione. A settembre, aggiungono, se ne riparlerà. Ma la realtà è di numeri parlamentari difficili.

Nelle parole scandite dai dirigenti Dem a Milano si nota la scelta di toni morbidi (un segnale soprattutto a Prodi e Veltroni) ma viene confermata l’ambizione di dare al Pd un profilo di partito aperto e “largo” di centrosinistra. Ma come ci si può alleare con Mdp che vota contro il governo?, domandano i renziani. “Non inseguo polemiche astratte e fumose”, ribadisce su Facebook il segretario, che domani lancerà il suo messaggio: apertura al dialogo sui programmi, ma no a vecchi riti e formule.

A distanza nel pomeriggio risponderanno Bersani e Pisapia: costruire la unità del centrosinistra alternativo al Pd, avendo modelli come l’Ulivo e l’Asinello, è l’idea in partenza. Ai Dem, è la convinzione, si possono contendere voti. La minoranza Pd domani sarà a Santi Apostoli, non a Milano, dove è stata oggi. Ma la scelta di toni della kermesse milanese, aiuta per ora a raffreddare la polemica interna. Franceschini ascolta Martina, applaude poco e non commenta, ma nel retropalco il clima è disteso – assicura chi c’è – con Renzi e gli altri dirigenti Dem. Orlando distilla solo un tweet: “Contento Martina ponga la legge sull’equo compenso come obiettivo Pd”.

Il confronto si riaprirà domani, alimentato dalla piazza di Pisapia, che si annuncia antirenziana e battagliera. Dal palco dei circoli Pd, dove l’allenatore di pallavolo Mauro Berruto tiene una lunga “lezione” sul fare squadra, si fa notare l’intervento del sindaco Beppe Sala. “Non prenderò – dice – la tessera Pd ma io ho vinto grazie alla macchina infernale Dem. Ora abbiamo avuto una sconfitta dura: gli elettori fanno fatica a difendere il Pd al bar. Ci vuole più cattiveria, i territori si sentono soli: parliamo di lavoro e sicurezza”.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:20Bambino di quattro anni cade da edificio, è grave

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Un bambino di quattro anni è grave in ospedale dopo essere caduto stamani da un edificio in via Isimbardi, a Milano. E' stato portato in ospedale in gravi condizioni ma all'arrivo dei soccorsi appariva cosciente. Sul posto gli operatori del 118 e gli agenti della Questura di Milano.

12:18Ubriaco entra in chiesa, urla e agita una borsa, arrestato

(ANSA) - BRESCIA, 22 OTT - Un uomo di nazionalità marocchina questa mattina durante la Messa delle 8.30 è entrato nella chiesa di Manerbio, nella Bassa Bresciana, e dopo aver preso posto nei primi posti ha iniziato ad urlare agitando una borsa. I presenti sono scappati spaventanti mentre il parroco invitava alla calma. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri. Era ubriaco al momento del suo ingresso in chiesa e non sarebbero emersi profili legati all'integralismo islamico.

11:29Spari nella notte a Torino, morto albanese. Due ricercati

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un albanese di 39 anni è morto all'ospedale Martini di Torino, dove era stato ricoverato perché ferito da alcuni colpi di pistola. La sparatoria nella notte in via Fidia, davanti ad un bar aperto tutta la notte. Due gli uomini che hanno fatto fuoco per poi dileguarsi, secondo la prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto. Ancora da chiarire i motivi dell'agguato. Tra le ipotesi degli inquirenti, un regolamento di conti tra bande albanesi. La polizia è sulle tracce dei fuggitivi.(ANSA).

11:12Siria: liberato principale campo petrolifero Isis

(ANSA) - BEIRUT, 22 OTT - Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano in mano all'Isis, quello di Al-Omar.

10:54Trump: De Niro, ‘prima lo arrestano meglio è’

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Robert De Niro non ha dubbi: prima arrestano o mettono in stato d'accusa (impeachment) il presidente americano Donald Trump, meglio è. La star di Hollywood non ha perso l'occasione per tornare ad attaccare l'inquilino della Casa Bianca anche dal Montenegro, dove si trovava venerdì per il Global Citizen Forum. "Nel mio Paese abbiamo un'amministrazione che non è affatto di aiuto", ha detto il 74enne attore democratico americano secondo quanto riporta Newsweek, sottolineando che il Paese ha perso la leadership nella lotta al cambiamento climatico perché "abbiamo un leader che non fa il leader, che non sa quello che fa". "Non posso immaginare che vada avanti per altri tre anni", ha aggiunto l'attore riferendosi sempre a Trump. "Prima può essere messo sotto accusa ('impeached')" meglio è, "o forse sarà arrestato e messo in prigione...". Non è la prima volta che de Niro attacca Trump: lo scorso ottobre l'aveva definito in un video "cane, maiale, truffatore": mi "piacerebbe prenderlo a pugni", aveva detto.

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

Archivio Ultima ora