Iraq: l’Isis resiste nel centro di Mosul. Inferno per i civili

Pubblicato il 30 giugno 2017 da ansa

BAGHDAD/BEIRUT. – Non è bastata la riconquista delle rovine della simbolica moschea di Al Nuri da parte delle truppe irachene a stroncare la resistenza di alcune centinaia di jihadisti dell’Isis nel cuore di Mosul. I combattimenti continuano accaniti, con le forze irachene che avanzano a fatica e almeno 15.000 civili bisognosi di cibo e acqua, con temperature di oltre 40 gradi, che rimangono intrappolati.

Il comandante delle forze anti-terrorismo, generale Abdul Ghani Al Asaadi, ha detto che saranno necessari ancora alcuni giorni per ‘ripulire’ gli stretti vicoli e gli antichi edifici – della Città vecchia – o almeno quello che resta di essi – dai 200-300 jihadisti che si stima vi siano ancora trincerati, decisi a fermare in ogni modo le forze lealiste, facendo ricorso a cecchini, autobomba e attentatori suicidi.

Oltre 900.000 residenti, secondo un bilancio del ministero per le Migrazioni e gli Sfollati, sono fuggiti da Mosul da quando, nell’ottobre del 2016, è cominciata l’offensiva dell’esercito iracheno, appoggiato da milizie curde e a prevalenza sciite. Un’operazione che nelle ottimistiche previsioni iniziali doveva concludersi entro la fine dello scorso anno.

Il comandante della polizia federale, generale Raed Shaker Jawdat, ha annunciato oggi che le sue forze hanno riconquistato altri settori dei quartieri di Bab Lakash e Bab al Jadid, compresa la moschea di Kaab bin Malik. Ma le operazioni procedono tra mille cautele a causa della presenza di civili e di trappole esplosive lasciate dai jihadisti prima di ritirarsi, che richiedono lunghe operazioni di bonifica del territorio riconquistato.

Il primo ministro Haidar al Abadi aveva detto che la riconquista dell’area della moschea Al Nuri e del minareto di Hadba, distrutti la settimana scorsa, segna “la fine del falso stato dell’Isis”. Ma, a parte le difficoltà ancora incontrate dall’esercito a Mosul, vaste porzioni di territorio rimangono in mano all’Isis intorno ad Hawija, ad ovest di Kirkuk, e in una larga fascia lungo oltre 400 chilometri di frontiera con la Siria.

E intanto cresce il timore di rappresaglie contro sunniti sospettati di essere fiancheggiatori o semplicemente simpatizzanti dello Stato islamico. Vendette dietro le quali si nascondono anche antichi rancori interetnici, interconfessionali e tribali. L’Onu ha espresso oggi “estrema preoccupazione” per le minacce già ricevute da “centinaia di famiglie” di presunti membri dell’Isis o loro parenti.

Il portavoce dell’Alto commissariato per i diritti umani, Rupert Colville, ha parlato di “segnalazioni di cosiddette lettere notturne lasciate presso le abitazioni o distribuite nei quartieri” che intimano alle persone di lasciare le abitazioni a una data particolare, pena l’espulsione forzata. L’Onu ha quindi esortato il governo iracheno a prendere provvedimenti per fermare questi sgomberi imminenti o qualsiasi tipo di punizione collettiva, che renderebbe ancora più difficile il già arduo percorso della riconciliazione nazionale.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

09:14Barcellona: si teme per un italiano di Legnano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Si teme per la vita di un italiano dopo l'attentato che ha colpito Barcellona: si tratta di Bruno Gulotta, residente a Legnano, in Lombardia, che era in vacanza nella città catalana con la moglie e i figli. Gulotta, 35 anni, al momento dell'attacco si trovava sulla Rambla e sarebbe rimasto ucciso dal furgone killer che è piombato sulla folla provocando almeno 13 morti. Al momento tuttavia non ci sono conferme ufficiali della notizia.

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

08:15Barcellona: la Rambla riaperta al pubblico

BARCELLONA - La Rambla di Barcellona, colpita a morte da un attentato terroristico ieri, e' stata riaperta al pubblico dopo essere stata completamente ripulita durante la notte. Lo ha constatato un giornalista dell'ANSA. La passeggiata che dal centro conduce al porto della città' rimane pero' chiusa al traffico delle auto. Centinaia di turisti stanno lasciando gli alberghi o gli appartamenti affittati nel centro della citta'.

08:10Barcellona: governo Catalogna, attacco Cambrils legato

BARCELLONA - L'attacco della scorsa notte nella localita' turistica di Cambrils e' legato a quello di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Lo ha detto il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn alla radio RA C1 nelle prime ore del mattino precisando che l'attacco ''segue la stessa traccia. C'e' un collegamento''. La polizia non ha dato dettagli dell'attacco a Cambrils ma i media locali affermano che un'automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze.

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

Archivio Ultima ora