Iraq: l’Isis resiste nel centro di Mosul. Inferno per i civili

Pubblicato il 30 giugno 2017 da ansa

BAGHDAD/BEIRUT. – Non è bastata la riconquista delle rovine della simbolica moschea di Al Nuri da parte delle truppe irachene a stroncare la resistenza di alcune centinaia di jihadisti dell’Isis nel cuore di Mosul. I combattimenti continuano accaniti, con le forze irachene che avanzano a fatica e almeno 15.000 civili bisognosi di cibo e acqua, con temperature di oltre 40 gradi, che rimangono intrappolati.

Il comandante delle forze anti-terrorismo, generale Abdul Ghani Al Asaadi, ha detto che saranno necessari ancora alcuni giorni per ‘ripulire’ gli stretti vicoli e gli antichi edifici – della Città vecchia – o almeno quello che resta di essi – dai 200-300 jihadisti che si stima vi siano ancora trincerati, decisi a fermare in ogni modo le forze lealiste, facendo ricorso a cecchini, autobomba e attentatori suicidi.

Oltre 900.000 residenti, secondo un bilancio del ministero per le Migrazioni e gli Sfollati, sono fuggiti da Mosul da quando, nell’ottobre del 2016, è cominciata l’offensiva dell’esercito iracheno, appoggiato da milizie curde e a prevalenza sciite. Un’operazione che nelle ottimistiche previsioni iniziali doveva concludersi entro la fine dello scorso anno.

Il comandante della polizia federale, generale Raed Shaker Jawdat, ha annunciato oggi che le sue forze hanno riconquistato altri settori dei quartieri di Bab Lakash e Bab al Jadid, compresa la moschea di Kaab bin Malik. Ma le operazioni procedono tra mille cautele a causa della presenza di civili e di trappole esplosive lasciate dai jihadisti prima di ritirarsi, che richiedono lunghe operazioni di bonifica del territorio riconquistato.

Il primo ministro Haidar al Abadi aveva detto che la riconquista dell’area della moschea Al Nuri e del minareto di Hadba, distrutti la settimana scorsa, segna “la fine del falso stato dell’Isis”. Ma, a parte le difficoltà ancora incontrate dall’esercito a Mosul, vaste porzioni di territorio rimangono in mano all’Isis intorno ad Hawija, ad ovest di Kirkuk, e in una larga fascia lungo oltre 400 chilometri di frontiera con la Siria.

E intanto cresce il timore di rappresaglie contro sunniti sospettati di essere fiancheggiatori o semplicemente simpatizzanti dello Stato islamico. Vendette dietro le quali si nascondono anche antichi rancori interetnici, interconfessionali e tribali. L’Onu ha espresso oggi “estrema preoccupazione” per le minacce già ricevute da “centinaia di famiglie” di presunti membri dell’Isis o loro parenti.

Il portavoce dell’Alto commissariato per i diritti umani, Rupert Colville, ha parlato di “segnalazioni di cosiddette lettere notturne lasciate presso le abitazioni o distribuite nei quartieri” che intimano alle persone di lasciare le abitazioni a una data particolare, pena l’espulsione forzata. L’Onu ha quindi esortato il governo iracheno a prendere provvedimenti per fermare questi sgomberi imminenti o qualsiasi tipo di punizione collettiva, che renderebbe ancora più difficile il già arduo percorso della riconciliazione nazionale.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

11:20Pena morte: Usa, esecuzione in Alabama, aveva ucciso agente

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Il boia colpisce in Alabama, dove è stata portata a termine l'esecuzione di Torrey Twane Mcnabb, accusato di aver ucciso un agente di polizia nel 1997. I legali di Mcnabb hanno cercato fino alla fine di sospendere l'esecuzione con iniezione letale, ma i loro sforzi sono caduti nel vuoto.

11:00Violenza sessuale su minori, fermato 50enne nel Cagliaritano

(ANSA) - CAGLIARI, 20 OTT - Pornografia minorile e violenza sessuale su minori. Sono le accuse che nella tarda sera di ieri hanno portato al fermo di un uomo di 50 anni, residente nella provincia di Cagliari. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri del Comando provinciale di Cagliari che mantengono, di concerto con l'autorità giudiziaria, la massima riservatezza sulla vicenda visto che le presunte violenze e la pornografia minorile sarebbero avvenuta in ambito familiari. (ANSA).

11:00Incendio in abitazione a Como, morto 49enne, gravi tre figli

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Un uomo di 49 anni è morto in un incendio di un'abitazione a Como e tre dei suoi 4 figli sarebbero in gravissime condizioni. Secondo quanto si apprende, all'interno dell'appartamento sarebbe stato ritrovato materiale accatastato, che farebbe presupporre che l'incendio sia stato appiccato da qualcuno all'interno dell'abitazione. I bambini coinvolti sono 4, tre femmine e un maschio, tra i 3 e gli 11 anni. Il padre, 49 anni, di nazionalità marocchina, è morto. Le fiamme sono divampate all'ultimo piano di una palazzina, in via per San Fermo.

10:31Vertice Ue, Gentiloni ospita minivertice leader socialisti

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Minivertice dei leader socialisti del Consiglio europeo in corso nella sede della delegazione italiana. Secondo quanto si apprende, con il premier Paolo Gentiloni sono riuniti lo slovacco Robert Fico, il ceco Bohuslav Sobotka, il portoghese Antonio Costa, il maltese Joseph Muscat, l'austriaco Christian Kern e lo svedese Stefan Lofven.

10:20Minacce a dipendenti, 2 imprenditori indagati per estorsione

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 20 OTT - Due imprenditori agricoli, operanti nella Piana di Lamezia Terme, sono indagati dalla Procura della Repubblica lametina, che ha emesso nei loro confronti un'informazione di garanzia e l'avviso di conclusione indagini, per estorsione ai danni di 95 loro dipendenti. Il provvedimento è scaturito nell'ambito di una serie di controlli effettuati dagli uomini della Guardia di finanza attraverso il monitoraggio di automezzi, sopralluoghi, appostamenti, pedinamenti e riscontri cinefotografici. In particolare, i finanzieri hanno scoperto, che, nel periodo compreso tra gennaio e febbraio 2016 i due imprenditori avrebbero costretto i dipendenti, in prevalenza extracomunitari, ad accettare retribuzioni ridotte di circa un terzo rispetto a quelle risultanti in busta paga oppure non corrispondenti a quelle previste dal contratto collettivo nazionale con la minaccia del licenziamento.(ANSA).

10:18Cia, Corea nord vicina a poter colpire

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - La Corea del Nord è a "mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l'America con un missile balistico armato di testata nucleare. A lanciare l'allarme è il direttore della Cia, Mike Pompeo, sottolineando che nell'affrontare la questione nordcoreana gli Stati Uniti devono partire dall'idea che Kim Jong Un è "sull'orlo" di essere capace di colpire gli Usa. Pompeo aggiunge: Pyongyang è "pericolosamente vicina" a poter colpire l'America.

10:15Finte associazioni sportive smascherate da Gdf a Oristano

(ANSA) - ORISTANO, 20 OTT - Bar e pizzerie spacciati per associazioni sportive dilettantistiche e associazioni di promozione sociale per beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalle normative di settore. Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Oristano ne ha scoperte sei per un giro d'affari quantificato in un milione e 580 mila euro, con oltre 140mila euro di Iva evasa. I risultati dell'operazione "Face off" sono stati segnalati ai competenti uffici finanziari, che ora dovranno provvedere a recuperare le imposte evase. L'attività delle Fiamme Gialle mirava a contrastare l'utilizzo distorto dello strumento associativo per salvaguardare la libertà di giusta concorrenza tra gli operatori commerciali. In sostanza, la Guardia di Finanza oristanese ha accertato che i presunti soci delle associazioni paravento erano semplicemente clienti e che nessuno di loro ha mai partecipato ad assemblee societarie o alla nomina di propri rappresentanti, e che i presidenti delle sei false associazioni erano i titolari incontrastati delle attività commerciali esercitate. (ANSA).

Archivio Ultima ora