Anchor accusano Trump di ricatto, e lui torna su Twitter

Pubblicato il 30 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Gli anchor lo accusano di ricatto, ma Donald Trump torna all’attacco su Twitter, nonostante le critiche e perfino il New York Post (del gruppo Murdoch) che oggi gli intima di smetterla. “Visto per la prima volta dopo tanto tempo @Morning Joe con i suoi bassi ascolti. FAKE NEWS. Mi ha chiamato per fermare un articolo del National Enquirer. Ho detto no!”, ha “cinguettato” di prima mattina il presidente Usa, dopo che i volti tv Joe Scarborough e Mika Brzezinski lo hanno accusato sul Washington Post di averli minacciati, usando la possibilità che il tabloid National Enquirer, da tempo braccio della macchina di public relations del tycoon diventato presidente, avesse nel cassetto un servizio scandalistico nei loro confronti.

Nell’accusare Trump di aver mentito sul lifting sanguinolento di Mika, e sostenendo che il presidente sia mentalmente instabile, gli anchor hanno asserito che persone della Casa Bianca li avevano avvertiti: l’Enquirer sarebbe andato in stampa se non fossero venuti a Canossa scusandosi degli attacchi continui al presidente.

“Ho gli sms e la documentazione delle telefonate”, ha detto Scarborough. Quanto allo “scoop” o presunto tale, non è da Pulitzer: in giugno il tabloid ha scritto che la love story tra i due è cominciata mentre erano sposati con altri. Si sapeva. Joe e Mika da maggio sono ufficialmente fidanzati.

Dylan Heard, il 35enne direttore del tabloid che mise in piazza Gennifer Flower all’epoca di Bill Clinton, si è lavato le mani: “Non siamo a conoscenza di alcun contatto tra Casa Bianca e anchor”. Joe e Mika, dopo il tweet di Trump, sono tornati alla carica: “Il suo comportamento è spaventoso e triste per il Paese”.

Forte di lettori che coincidono con l’elettorato trumpiano, il National Enquirer è vicino al presidente. Appartiene all’American Media Group di David Pecker, un amico di vecchia data tra le cui ambizioni rientra l’acquisto del gruppo Time Inc. Proprio l’Enquirer questa settimana ha “anticipato” un imminente “bagno di sangue” con il licenziamento da parte di un Trump “furioso” di una lunga lista di vip: dallo special counsel Robert Mueller ai ministri della giustizia Jeff Session, della casa Ben Carson, della salute Tom Price. Più Steve Bannnon, Kellyann Conway e il capo del budget Mick Mulvaney.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

Archivio Ultima ora