Renzi e Pisapia, sfida a sinistra. Nasce Insieme

Pubblicato il 01 luglio 2017 da ansa

La manifestazione “Insieme, nessuno escluso”, convocata da Campo Progressista, in Piazza SS. Apostoli, Roma, 1 luglio 2017. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

MILANO. – “Fuori dal Pd c’è la sconfitta della sinistra”, avverte Matteo Renzi. “Da soli non si va da nessuna parte”, replica Giuliano Pisapia. La sfida a sinistra, inizia da qui. E’ nelle parole, ancor più che nei chilometri, la distanza che separa il teatro di Milano dove il segretario riunisce i circoli Pd e la piazza Santi Apostoli a Roma di prodiana memoria dove l’ex sindaco e Pier Luigi Bersani tengono a battesimo il nuovo soggetto della sinistra, “Insieme” (ma il nome è provvisorio).

Ad unirli, attacca Renzi, è la “nostalgia” di un “passato meraviglioso che non è mai esistito” e di una formula come l’Unione che ha “fermato l’Italia”. “Ascoltiamo tutti, ma sui temi del futuro non ci fermiamo davanti a nessuno”, afferma il leader Dem.

Ma sulle politiche Pisapia invoca “discontinuità netta” e colpisce duro su Imu e abolizione dell’articolo 18. “Italia 2020”, dice il Pd a Milano. “Nessuno escluso”, risponde la sinistra a Roma. Due manifestazioni, commentano in serata fonti Dem, con stile, toni e contenuti molto diversi. A Milano – sottolineano – c’è apertura al civismo, a Roma alleanza contro il Pd, non per l’Italia. Ma noi, affermano ancora i Dem, non cadiamo nelle provocazioni e lavoriamo aperti sul progetto.

La linea la dà Renzi, giocando d’anticipo: parla alle 13, in un enorme teatro milanese che i circoli Dem riescono a riempire a fatica (la platea si colma, ma le file in fondo sono coperte). “C’è chi prova a riscrivere il passato, noi scriviamo il futuro”, esordisce. “Non ho nostalgia dei tavoloni con dodici sigle che si chiamavano Unione e scendevano in piazza gli uni contro gli altri”, attacca.

Il leader Dem non cita mai Romano Prodi, che minaccia di spostare la sua “tenda” più in là dal Pd. Ma cita Walter Veltroni e il suo Lingotto: è quello il modello. La sinistra “arancione” vuol fare “la guerra contro di noi? La facciano, noi non facciamo proposte ‘per’, non ‘contro'”. Ma a Mdp che si dice pronto ad allearsi solo con un Pd senza Renzi, risponde a muso duro: “I leader li decidono i voti, non i veti”.

“Così attaccano l’unica diga contro i populisti. Fuori dal Pd non c’è la rivoluzione socialista, marxista, leninista: se va male vincono M5s o Lega o – se va bene – il centrodestra europeo”, avverte Renzi. “Chi immagina il centrosinistra senza il Pd vince il premio nobel della fantasia. Pisapia senza i Dem non avrebbe vinto”.

Il messaggio è rivolto anche agli avversari interni al Pd, che gli chiedono l’alleanza a sinistra e ne mettono in discussione la leadership. “E’ il solito virus dell’autodistruzione. Ma io rispondo alle primarie, non a caminetti e capicorrente che vogliono posti in lista”. Insomma, il leader Dem rivendica il primato a sinistra e si rifiuta di parlare di alleanze e legge elettorale, come gli chiedono di fare Prodi ma anche, dal suo partito, Franceschini e Zingaretti.

Il presidente del Lazio è in piazza a Roma ad ascoltare Pisapia, come Andrea Orlando, Gianni Cuperlo, anche Antonio Bassolino. “Questa piazza non è alternativa al Pd perché il Pd è nato per unire”, rimarca Orlando. La minoranza Dem condivide il messaggio di Pisapia: “Da soli si perde”. Piazza Santi Apostoli è gremita (ma aperta per metà, non per intero).

Sulle note di Rino Gaetano (a Milano c’è Vasco Rossi) e sotto le insegne del rosso e dell’arancione, ci sono il commissario al terremoto Vasco Errani e la presidente della Camera Laura Boldrini, che invoca “discontinuità dalle politiche che non hanno funzionato”.

Massimo D’Alema annuncia la corsa in solitaria del nuovo soggetto: si punta a “un grande successo” elettorale “per riaprire la partita col Pd”. Pier Luigi Bersani, dal palco: “Nasciamo alternativi, in discontinuità con Renzi, i gigli magici e l’arroganza. Il Pd pensa che il centrosinistra si riassuma nel capo ma serve un centrosinistra largo o non si può battere la destra e riprendere centinaia di migliaia di voti”.

Pisapia parla per ultimo, presentato da Gad Lerner come “l’anti-leader”, il “leader riluttante”. E non cita mai Renzi, neanche una volta. Annuncia la nascita di Insieme e del processo unitario a sinistra con gruppi locali e in Parlamento. “Oggi nasce la nuova casa comune del centrosinistra: senza dimenticare il passato, ma radicalmente innovativo e inclusivo, perché da soli non si vince”, afferma.

Non è detto che il progetto riesca, ammette. Ma a unire può essere un tema, spiega, come il lavoro. Ed è su questo punto che l’incomunicabilità tra le due sinistre si fa più evidente. Pisapia parla di “unità sindacale”, definisce un “errore” sia abolire l’articolo 18 che togliere l’Imu a tutti.

Ma Renzi da Milano rivendica i suoi risultati e dice chiaro e tondo che nella proposta politica non devierà dalla via imboccata al governo: “C’è ancora tanto da fare soprattutto al Sud”, afferma, “ma rischiamo di arrivare alla creazione di un milione di posti di lavoro” grazie al Jobs act.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:13Giovane scomparsa: trovata in autogrill nel Varesotto

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Dafne Di Scipio, la ventenne di Gallarate sparita da Marnate, nel Varesotto, lo scorso 14 ottobre, è stata ritrovata la notte scorsa in un autogrill di Castronno (Varese). La giovane, in buone condizioni, era a bordo di un'auto ritenuta sospetta e che per questo è stata controllata dalla polizia stradale. La ragazza è poi stata identificata dai carabinieri di Saronno e del Nucleo Investigativo di Varese.

09:46Trump in visita a Seul il 7-8 novembre

(ANSA) - PECHINO, 17 OTT - Il presidente americano Donald Trump sarà in Corea del Sud dal 7 e all'8 novembre, una delle tappe fissate nell'ambito della sua prima visita in Asia: il tycoon avrà nel primo giorno l'incontro con l'omologo Moon Jae-in, secondo quanto riferito dall'Ufficio presidenziale di Seul. "All'inizio avevamo tentato di invitare Trump per tre giorni, ma abbiamo concordato che Trump e sua moglie arrivino nel primo mattino del 7 novembre, considerando le difficoltà nel soddisfare in modo adeguato il protocollo diplomatico se fossero giunti nella notte", ha detto il portavoce dell'Ufficio presidenziale Park Soo-hyun, nel resoconto della Yonhap.

09:46Iraq: Trump, non ci schieriamo

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Stati Uniti non si schierano nel conflitto in corso tra Baghdad ed Erbil per il controllo della contesa regione di Kirkuk. "Abbiamo avuto per anni buoni rapporti con i curdi e come sapete anche con il governo centrale. Non ci schieriamo in questa battaglia", ha detto il presidente Donald Trump ribadendo che gli Usa "non avrebbero mai dovuto essere lì" riferendosi all'invasione del 2003. Lo riferisce il Washington Post.

09:44Afghanistan:due autobomba contro polizia a est, duri scontri

(ANSA) - KABUL, 17 OTT - Violenti scontri nella regione afghana di Patkia tra militari e insorti dopo l'attacco a un centro addestramento della polizia. Due autobomba guidate da altrettanti kamikaze sono esplose davanti alla struttura, hanno riferito all'ANSA testimoni oculari. Dopo le esplosioni, riferisce il ministero dell'Interno, è iniziato un attacco armato ancora in corso. Secondo fonti non confermate i morti sarebbero "decine".

08:45Primo raid Usa contro Isis in Yemen, ‘decine morti’

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Usa hanno condotto il primo attacco aereo contro l'Isis in Yemen, distruggendo due campi di addestramento e uccidendo "decine" di miliziani. Lo ha annunciato il Pentagono. I raid hanno "minato i tentativi dell'organizzazione di addestrare nuovi combattenti", recita un comunicato. Secondo fonti della Cnn, nei due campi colpiti si stima vi fossero almeno 50 miliziani dell'Isis. "L'Isis - prosegue il comunicato del Pentagono - ha usato i territori fuori controllo in Yemen per pianificare, dirigere, ispirare, reclutare per attacchi terroristici contro l'America e i suoi alleati in tutto il mondo. Per anni, lo Yemen è stato un hub per i terroristi". "Le Forze Usa stanno sostenendo le operazioni antiterrorismo contro l'Isis e l'Aqap - al Qaida nella Penisola arabica, ndr - per ridurre le capacità dei due gruppi di coordinare attacchi esterni e mantenere il controllo di pezzi di territorio nel Paese".

01:51Cnn, Pyongyang ‘diplomazia con Usa? Prima i missili’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - La Corea del Nord non è al momento interessata alla diplomazia con gli Stati Uniti: prima vuole centrare l'obiettivo di un missile intercontinentale in grado di raggiungere la costa orientale degli Usa. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti di Pyongyang. "Prima di impegnarci in sforzi diplomatici con l'amministrazione Trump vogliamo inviare un chiaro messaggio sul fatto che abbiamo le capacità di rispondere a qualsiasi aggressione americana" dicono le fonti alla Cnn.

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

Archivio Ultima ora