Idiota

Pubblicato il 03 luglio 2017 da Luigi Casale

 

Oggi vorrei parlarvi della parola “idiota”. [Ogni riferimento è puramente voluto.]

Se consulto il vocabolario italiano, il primo che mi capita sottomano, il Dizionario della lingua italiana, di Devoto e Oli, leggo alla voce idiòta: “Caratterizzato da una vistosa e sconcertante stupidità”; … e cose simili (più o meno). La descrizione del lemma si conclude, poi: “dal greco: idiotes: individuo privato, senza cariche pubbliche”.

Faccio notare di passaggio che nella stessa pagina di Dizionario si trovano parole come idiòma e idiotismo, che proprio niente hanno a che vedere con la stupidità. Idioma è una lingua particolare, propria di un gruppo di parlanti ben definito (diciamo: una lingua nazionale oppure un dialetto); e idiotismo è una forma espressiva particolare, tipica di un gruppo di parlanti molto ristretto (corrispondente – potremmo dire – o a un quartiere o, al massimo, ad una sola città).

Allora vado a consultare un vecchio vocabolario di greco antico: il buon Bonazzi. Il cui titolo completo è: “Dizionario Greco – Italiano, compilato, ad uso delle scuole della Badia di Cava dei Tirreni, da S. E. l’Arcivescovo di Benevento, D. Benedetto Bonazzi, O.S.B. [Nota del redattore: benedettino], professore pareggiato nella R. Università di Napoli”. Meritava proprio questa citazione, ricca di informazioni, di cultura e di storia.

[L’altro vocabolario di greco antico, ancora in uso nelle scuole (che negli anni ha soppiantato il Bonazzi, monaco benedettino), è il Lorenzo Rocci S.J., religioso della Compagnia di Gesù].

Dicevo: vado a consultare lo storico vocabolario greco e concludo – mi pare di capire – che l’“idiòtes”, presso i greci era una persona che in un certo senso viveva da solo, badava ai fatti suoi, non si curava di partecipare alla vita pubblica e alla gestione dello Stato. E la chiamate stupida una persona tale?

Intanto oggi utilizziamo la parola così come essa ci è arrivata, e prendiamo atto dell’enorme scivolamento di significato che ha dovuto subire per arrivare fino a noi, passando attraverso la lingua latina che ce l’ha consegnata. E’ lì, che essa ha modificato la sua connotazione, nella nuova e diversa mentalità, propria della concezione della Res Publica presso la nobiltà romana, e dell’alta considerazione che il civis romanus   aveva della partecipazione alla vita politica.

Però a ben riflettere, oggi chi è più idiòtes (nel senso che come privato cittadino pensa esclusivamente ai fatti suoi!), chi prende parte alla politica o chi se ne tiene lontano?

Luigi Casale

luigicasale
Luigi Casale

Luigi Casale, insegnante in pensione e pubblicista. È nato nel 1943 a Torre Annunziata, alle falde del Vesuvio. Oggi, continuando a mantenere contatti affettivi e culturali con la Campania, vive tra Bressanone (Alto Adige) e Lussemburgo. Durante la sua carriera professionale, ha insegnato nei Licei dell’Alto Adige, nella Scuola Europea di Lussemburgo, e presso il Dipartimento d’italiano dell’Università di Clermont-Ferrand (Francia). Si occupa di didattica delle lingue classiche e di linguistica generale. Nel più ampio quadro delle questioni pedagogiche e sociali, su queste tematiche offrirà la sua collaborazione in questa rubrica.




Ultimi articoli


20 novembre 2017

Cafone!



13 novembre 2017

Abbondare



06 novembre 2017

Bottega



23 ottobre 2017

Ncigna



17 ottobre 2017

Giorno



02 ottobre 2017

Espedito



01 agosto 2017

Legenda o leggenda?



26 luglio 2017

Cultura



21 giugno 2017

Auguri



12 giugno 2017

Preparare



02 maggio 2017

Ite Missa Est



25 aprile 2017

Virtù



17 aprile 2017

Studium



10 aprile 2017

La scuola



03 aprile 2017

Istruzione, educazione



27 marzo 2017

Amante



14 marzo 2017

“Cicero, pro domo sua”



20 febbraio 2017

Eccetera



13 febbraio 2017

Urbano e villano



23 gennaio 2017

Affatto



09 gennaio 2017

Oratorio



03 gennaio 2017

La Befana



19 dicembre 2016

I pastori



12 dicembre 2016

Tetto, tegola, proteggere



05 dicembre 2016

Marmellata



28 novembre 2016

Erario, fisco e moneta



21 novembre 2016

Primo pelo



14 novembre 2016

Carosello



31 ottobre 2016

Istruzione, educazione



24 ottobre 2016

Ozio e negozio



17 ottobre 2016

Emancipazione



12 settembre 2016

Implicito ed esplicito