Francia e Spagna contrarie ad aprire loro porti a migranti

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

BRUXELLES. – L’Ue si dice pronta a dare segnali della propria solidarietà all’Italia con un piano d’azioni molto concrete da mettere in campo immediatamente, sostiene l’iniziativa dell’Italia sul codice di condotta per i salvataggi delle organizzazioni non governative, ma l’ipotesi di far sbarcare i migranti soccorsi nel Mediterraneo centrale nei porti di altri Stati membri sembra non trovare spiragli.

Parigi e Madrid hanno già fatto sapere di essere contrari alla richiesta, e sebbene ufficialmente la questione venga rimandata alla discussione dei commissari europei di domani a Strasburgo, e al vertice informale dei ministri dell’Interno dei 28 di giovedì a Tallin, il nodo – mettono in guardia più fonti – sarà pressoché impossibile da sciogliere. Il premier Paolo Gentiloni però avverte a sua volta: la condivisione Ue “è necessaria” per l’Italia “per evitare che i flussi diventino insostenibili alimentando reazioni ostili nel nostro tessuto sociale”.

Ad accrescere la preoccupazione sono i flussi dalla Libia che non accennano a diminuire. “Le indicazioni di cui disponiamo non denotano un rallentamento. Questo significa che un più ampio numero di persone potrebbe continuare a provare di lasciare il Paese tramite la rotta del Mediterraneo centrale”, spiega l’inviato speciale dell’Unhcr per il Mediterraneo centrale, Vincent Cochetel.

E mentre la Commissione Ue è al lavoro su un “piano in dieci punti”, per portare sollievo alla pressione sull’Italia, con un’accelerazione sui ricollocamenti, sugli accordi di riammissione, con lo stanziamento di fondi, il presidente francese Emmanuel Macron torna a fare il distinguo tra profughi e migranti economici. Per affrontare le crisi migratorie – ribadisce il capo dell’Eliseo – “bisogna condurre in maniera coordinata un’azione efficace e umana in Europa che ci permetta di accogliere i rifugiati politici che corrono un rischio reale, senza confonderli con i migranti economici e senza abbandonare l’indispensabile mantenimento delle nostre frontiere”.

Intanto però spunta anche un ‘non paper’, un documento non ufficiale circolato al vertice dei leader del 23 giugno, in cui Francia e Olanda, (Macron e il premier Mark Rutte) presentavano ‘un piano in dieci azioni per contenere i flussi’ focalizzato soprattutto su azioni dirette all’Africa, e guidato da una sorta di progetto pilota di cooperazione rafforzata.

D’altra parte sembra che alcune misure a cui lavora Bruxelles, raccolgano anche questi input, oltre agli spunti emersi dalla riunione dei ministri dell’Interno di domenica a Parigi, a cui hanno partecipato Marco Minniti, il francese Gerard Collomb, il tedesco Thomas de Maiziere, e il commissario europeo Dimitris Avramopoulos.

Tra le idee, quella di cambiare la regola in base a cui le navi delle organizzazioni non governative (che rappresentano il 35-40% della flotta che effettua soccorsi in mare) sbarcano i migranti a bordo dei mezzi di EunavforMed Sophia; contribuire ad organizzare un’area di soccorso e salvataggio (Sar) per la Tunisia; e rafforzare l’azione della Guardia Costiera libica.

Ma per molte delle azioni previste serviranno nuove risorse, e anche quella dei soldi da destinare al Fondo fiduciario d’emergenza dell’Unione europea per la stabilità e la lotta contro le cause profonde della migrazione, a Tallin, si potrebbe rivelare una discussione in salita. La Commissione Ue fino ad oggi ha finanziato il Fondo destinandovi 2,6 miliardi di euro, ma dagli Stati membri è arrivato ben poco, solo 89 milioni (da Italia e Germania). L’Olanda di recente ha sbloccato 50 milioni di euro, da destinare in parte anche a questo, ma da parte degli altri Paesi per ora è silenzio.

Intanto fonti diplomatiche avvertono, “nessuno ha creduto davvero al bluff” della chiusura dei porti alle navi delle ong paventata dall’Italia e “le minacce in Ue non vanno da alcuna parte”. Ma, sottolineano, “c’è un’enorme comprensione per la questione e c’è veramente la volontà di aiutarla”.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

17:53Assad, niente dialogo se Occidente non taglia con ribelli

(ANSA) - DAMASCO, 20 AGO - Il presidente siriano Bashar Assad ha rifiutato oggi qualsiasi collaborazione sulla sicurezza con i paesi occidentali o la riapertura delle loro ambasciate a Damasco fino a quando non verranno tagliati tutti i contatti con i ribelli e i gruppi di opposizione. Parlando a un gruppo di diplomatici siriani, Assad ha lodato la Russia, l'Iran, la Cina e gli Hezbollah libanesi per l'appoggio dato al suo governo. Ha aggiunto che La Siria guarderà ad est quando si tratterà di relazioni politiche, economiche e culturali.

17:50Francia:media,evacuata stazione Marsiglia per pacco sospetto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia è stata evacuata per la presenza di un pacco sospetto. Lo scrive Le Figaro online. Il "piano antiterrorismo Vigipirate è stato attivato intorno alle 15.30 - riferisce un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi - Nessun treno parte o esce dalla stazione per permettere alla polizia di intervenire". (ANSA)

17:50Moto: SBK, in Germania Davies vince anche gara-2

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ancora Chaz Davies. Il pilota gallese dell'Aruba.it ha vinto anche il secondo round del Gp di Germania di Superbike sul circuito del Lausitzring. Per lui è un 'due su due', visto che ieri si era imposto anche in gara-uno della nona tappa del Mondiale. Oggi sul traguardo Davies ha preceduto di oltre due secondi il leader della classifica iridata Jonathan Rea (Kawasaki), mentre al terzo posto si è piazzato un ottimo Marco Melandri, terzo con l'altra Ducati del team Aruba.it Racing. Prossimo appuntamento dal 15 al 17 settembre all'Autodromo Internacional do Algarve, in Portogallo.

17:47Sicurezza: Boeri, querce al posto delle barriere

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - La bellezza contro il terrore, le querce al posto delle barriere, per rendere più sicure le città. La proposta viene da Stefano Boeri, che su facebook invita a "contrapporre all'istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante". L'architetto invita gli amministratori a chiamare i creativi per progettare dei grandi vasi riposizionabili, ciascuno con un albero, da collocare agli ingressi di piazze o spazi pubblici. "Con un piccolo investimento, distribuendo accuratamente le piante negli spazi più vitali e aperti delle nostre città - spiega l'autore del Bosco Verticale - possiamo temporaneamente trasformare i nostri luoghi più cari in radure e boschi". Boeri ricorda quanto fatto nel 1982 da Beyus a Kassel: l'artista vendette 7000 pietre all'ingresso della mostra Documenta per comprare altrettante querce da piantare in città. "La sua lezione ci sia oggi di ispirazione per combattere con la vita chi sa solo predicare la morte. Anche una sola quercia può fermare il terrore".(ANSA).

17:33Buffon, ben venga Var se ci dà sembianze sportivi

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "L'introduzione del Var aiuterà molto a non esacerbare gli animi, a far sì che ogni tipo di decisione presa dall'arbitro ritrovi una reazione serena da parte di tutti, anche da parte dei tifosi". Lo ha detto il portiere della Juve e della nazionale, Gigi Buffon, commentando oggi, a Trieste, la reazione di squadre e tifosi alla prima applicazione della Var nel campionato di serie A, ieri, nella partita Juventus-Torino. Se serviva questo "per avere delle sembianze da sportivi", ha aggiunto Buffon, "ben venga".

17:16Marini, serve modello stabile protezione civile

(ANSA) - PERUGIA, 20 AGO - Per funzionare al meglio la Protezione civile "ha bisogno di un modello stabile di organizzazione", con "un sistema di comando ben definito": a dirlo è la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Che con l'ANSA ha parlato dell'anno trascorso dal terremoto del 24 agosto. "Siamo passati da un'organizzazione leggera - ha detto Marini - a una molto potenziata e strutturata negli anni 2000 e che trova la massima espressione dopo l'Aquila. E' stato poi deciso un sistema di regionalizzazione senza però adeguate risorse finanziarie. Ora gli ultimi provvedimenti, anche di carattere legislativo, provano a stabilizzare l'organizzazione della Protezione civile". Secondo Marini questo "non può che passare da un sistema integrato tra Regioni, Comuni e lo Stato". "Il sistema - ha concluso la presidente umbra - ha bisogno di questo doppio livello ma unitario e con una catena di comando ben definita". (ANSA).

17:09Alfano, minacce Isis? Attenzione in Italia resta altissima

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - 'E' chiaro che il nostro livello di attenzione rimane altissimo: non e' la prima volta che l'Italia viene minacciata dall'Isis e non prendiamo una minaccia come un'azione in corso'. Cosi' il ministro degli Esteri Alfano a Barcellona risponde sulle minacce di attentati in Italia. 'Il rischio zero non esiste, tutto il nostro lavoro consiste nel rendere minore questo coefficiente di rischio', ha aggiunto il titolare della Farnesina, che oggi, a Barcellona, ha deposto una corona di fiori sulla Rambla, il luogo dell'attacco di giovedì scorso dove sono state uccise 13 persone e ferite oltre 100 persone. Il titolare della Farnesina si è raccolto un momento di silenzio in memoria delle vittime. Il ministro è accompagnato dal governatore della Catalogna.

Archivio Ultima ora