Renzi snobba il nodo alleanze, ma Emiliano apre un nuovo fronte

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

Matteo Renzi durante l’assemblea nazionale dei circoli Pd al teatro Linear Ciak di Milano, 1 luglio 2017.
ANSA/UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA.- Già molto calda per lo scontro sulle alleanze, la direzione del Pd di giovedì prossimo rischia di diventare incandescente. Michele Emiliano, terzo arrivato al congresso e poco interessato alla lite sulla coalizione, apre un nuovo fronte tra i dem e contro il governo: il decreto sulle banche venete, così com’è, avverte il governatore pugliese, è invotabile. Una minaccia non tanto per i numeri in Parlamento – Fi ha annunciato il via libera – ma per aumentare la tensione interna visto che sull’ultimo decreto bancario, oltre a Padoan, si sono esposti anche il premier Gentiloni ed il leader Pd.

Matteo Renzi, dopo aver messo in chiaro la linea nell’assemblea dei circoli, “niente caminetti, niente discussioni fumose sulla coalizione”, è determinato a tenersi fuori dalle risse. Certo, il 10 uscirà il suo libro e chi ha avuto modo di parlare con lui fa capire che l’ex premier non le manderà a dire a critici e avversari non solo politici. Ma in un tweet il segretario Pd fa capire che lo scontro con Bersani e c. non interessa a nessuno.

Sono ben altre, a suo avviso, le cifre che appassionano gli italiani. “3.500.000 pensionati hanno la quattordicesima – enumera Renzi – 350mila giovani usano 18app, 35mila chiedono Ape, 350 parlano di coalizione #sinistra”.

A dar fastidio a Renzi su temi concreti ci pensa invece Emiliano che conta 10 deputati e due senatori. Il governatore fa sua la battaglia contro il decreto sulle banche venete, il cui iter in Parlamento non sarà affatto semplice come hanno fatto già capire i grillini che hanno presentato ben 450 emendamenti sui 700 avanzati dai gruppi.

Il governatore pugliese chiede di bloccare il provvedimento perchè “tradisce i risparmiatori, abbandonando completamente al loro destino centinaia di migliaia di piccoli azionisti e di obbligazionisti subordinati e comporta per lo Stato un onere spaventoso”. Un attacco in primis al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e quindi al governo su un tema sensibilissimo su cui si giocherà, scommettono in molti, gran parte della campagna elettorale per le elezioni politiche.

L’altro sfidante di Renzi al congresso, Orlando, “copre” invece il fronte a sinistra. Ma riceve solo picche dai renziani: il referendum tra gli iscritti sull’alleanza con Berlusconi, mette in chiaro oggi Ettore Rosato, “non ci sarà perchè il tema non si pone”. Politichese che Renzi lascia volentieri ad altri, convinto della distanza siderale di questi temi dalla vita delle persone.

Così come la riforma elettorale: oggi il Guardasigilli, sempre nello spirito di lavorare ad “un clima diverso” con la sinistra, chiede che il Pd lavori ad una legge maggioritaria, facendo sua la convinzione di Romano Prodi. Per Orlando bisogna “ricostruire la coalizione di centrosinistra: è l’unica risposta efficace per evitare di aprire al strada al populismo e al M5s”.

Ma i renziani sono di tutt’altro avviso: “Noi lottiamo per governare da soli, per arrivare al 40%”, sentenzia Ettore Rosato. Nessun dialogo per ora con Insieme, il nuovo soggetto tenuto a battesimo sabato a piazza Santi Apostoli da Giuliano Pisapia e gli ex democratici di Mdp.

Bruno Tabacci, braccio destro dell’ex sindaco di Milano, è tornato a chiedere la costituzione a settembre, con la ripresa del dibattito sulla legge elettorale, dei gruppi parlamentari unici della sinistra. Ma la liason vede più che perplesso il segretario SI Nicola Fratoianni che evidenzia come la differenza di fondo è che mentre Mdp è in maggioranza, SI non vota la fiducia al governo.

Se il tema delle banche è destinato a far discutere, peserà sulla lunga campagna elettorale anche il tema dei migranti e delle politiche migratorie. Gentiloni sta spingendo molto, e lo farà anche al G20, per una maggiore solidarietà europea nell’accoglienza. Renzi, considerando la prima intesa raggiunta a Parigi “un passo avanti”, si appella a tutti i partiti italiani “per smettere con le polemiche demagogiche e dare tutti una mano al nostro governo”.

Ma, al netto degli alleati di governo, il Pd sembra lasciato solo. Anzi sullo ius soli, su cui i dem sono determinati ad andare avanti, dovrà affrontare le barricate della Lega e di M5S.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

17:53Assad, niente dialogo se Occidente non taglia con ribelli

(ANSA) - DAMASCO, 20 AGO - Il presidente siriano Bashar Assad ha rifiutato oggi qualsiasi collaborazione sulla sicurezza con i paesi occidentali o la riapertura delle loro ambasciate a Damasco fino a quando non verranno tagliati tutti i contatti con i ribelli e i gruppi di opposizione. Parlando a un gruppo di diplomatici siriani, Assad ha lodato la Russia, l'Iran, la Cina e gli Hezbollah libanesi per l'appoggio dato al suo governo. Ha aggiunto che La Siria guarderà ad est quando si tratterà di relazioni politiche, economiche e culturali.

17:50Francia:media,evacuata stazione Marsiglia per pacco sospetto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia è stata evacuata per la presenza di un pacco sospetto. Lo scrive Le Figaro online. Il "piano antiterrorismo Vigipirate è stato attivato intorno alle 15.30 - riferisce un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi - Nessun treno parte o esce dalla stazione per permettere alla polizia di intervenire". (ANSA)

17:50Moto: SBK, in Germania Davies vince anche gara-2

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ancora Chaz Davies. Il pilota gallese dell'Aruba.it ha vinto anche il secondo round del Gp di Germania di Superbike sul circuito del Lausitzring. Per lui è un 'due su due', visto che ieri si era imposto anche in gara-uno della nona tappa del Mondiale. Oggi sul traguardo Davies ha preceduto di oltre due secondi il leader della classifica iridata Jonathan Rea (Kawasaki), mentre al terzo posto si è piazzato un ottimo Marco Melandri, terzo con l'altra Ducati del team Aruba.it Racing. Prossimo appuntamento dal 15 al 17 settembre all'Autodromo Internacional do Algarve, in Portogallo.

17:47Sicurezza: Boeri, querce al posto delle barriere

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - La bellezza contro il terrore, le querce al posto delle barriere, per rendere più sicure le città. La proposta viene da Stefano Boeri, che su facebook invita a "contrapporre all'istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante". L'architetto invita gli amministratori a chiamare i creativi per progettare dei grandi vasi riposizionabili, ciascuno con un albero, da collocare agli ingressi di piazze o spazi pubblici. "Con un piccolo investimento, distribuendo accuratamente le piante negli spazi più vitali e aperti delle nostre città - spiega l'autore del Bosco Verticale - possiamo temporaneamente trasformare i nostri luoghi più cari in radure e boschi". Boeri ricorda quanto fatto nel 1982 da Beyus a Kassel: l'artista vendette 7000 pietre all'ingresso della mostra Documenta per comprare altrettante querce da piantare in città. "La sua lezione ci sia oggi di ispirazione per combattere con la vita chi sa solo predicare la morte. Anche una sola quercia può fermare il terrore".(ANSA).

17:33Buffon, ben venga Var se ci dà sembianze sportivi

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "L'introduzione del Var aiuterà molto a non esacerbare gli animi, a far sì che ogni tipo di decisione presa dall'arbitro ritrovi una reazione serena da parte di tutti, anche da parte dei tifosi". Lo ha detto il portiere della Juve e della nazionale, Gigi Buffon, commentando oggi, a Trieste, la reazione di squadre e tifosi alla prima applicazione della Var nel campionato di serie A, ieri, nella partita Juventus-Torino. Se serviva questo "per avere delle sembianze da sportivi", ha aggiunto Buffon, "ben venga".

17:16Marini, serve modello stabile protezione civile

(ANSA) - PERUGIA, 20 AGO - Per funzionare al meglio la Protezione civile "ha bisogno di un modello stabile di organizzazione", con "un sistema di comando ben definito": a dirlo è la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Che con l'ANSA ha parlato dell'anno trascorso dal terremoto del 24 agosto. "Siamo passati da un'organizzazione leggera - ha detto Marini - a una molto potenziata e strutturata negli anni 2000 e che trova la massima espressione dopo l'Aquila. E' stato poi deciso un sistema di regionalizzazione senza però adeguate risorse finanziarie. Ora gli ultimi provvedimenti, anche di carattere legislativo, provano a stabilizzare l'organizzazione della Protezione civile". Secondo Marini questo "non può che passare da un sistema integrato tra Regioni, Comuni e lo Stato". "Il sistema - ha concluso la presidente umbra - ha bisogno di questo doppio livello ma unitario e con una catena di comando ben definita". (ANSA).

17:09Alfano, minacce Isis? Attenzione in Italia resta altissima

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - 'E' chiaro che il nostro livello di attenzione rimane altissimo: non e' la prima volta che l'Italia viene minacciata dall'Isis e non prendiamo una minaccia come un'azione in corso'. Cosi' il ministro degli Esteri Alfano a Barcellona risponde sulle minacce di attentati in Italia. 'Il rischio zero non esiste, tutto il nostro lavoro consiste nel rendere minore questo coefficiente di rischio', ha aggiunto il titolare della Farnesina, che oggi, a Barcellona, ha deposto una corona di fiori sulla Rambla, il luogo dell'attacco di giovedì scorso dove sono state uccise 13 persone e ferite oltre 100 persone. Il titolare della Farnesina si è raccolto un momento di silenzio in memoria delle vittime. Il ministro è accompagnato dal governatore della Catalogna.

Archivio Ultima ora