Renzi snobba il nodo alleanze, ma Emiliano apre un nuovo fronte

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

Matteo Renzi durante l’assemblea nazionale dei circoli Pd al teatro Linear Ciak di Milano, 1 luglio 2017.
ANSA/UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA.- Già molto calda per lo scontro sulle alleanze, la direzione del Pd di giovedì prossimo rischia di diventare incandescente. Michele Emiliano, terzo arrivato al congresso e poco interessato alla lite sulla coalizione, apre un nuovo fronte tra i dem e contro il governo: il decreto sulle banche venete, così com’è, avverte il governatore pugliese, è invotabile. Una minaccia non tanto per i numeri in Parlamento – Fi ha annunciato il via libera – ma per aumentare la tensione interna visto che sull’ultimo decreto bancario, oltre a Padoan, si sono esposti anche il premier Gentiloni ed il leader Pd.

Matteo Renzi, dopo aver messo in chiaro la linea nell’assemblea dei circoli, “niente caminetti, niente discussioni fumose sulla coalizione”, è determinato a tenersi fuori dalle risse. Certo, il 10 uscirà il suo libro e chi ha avuto modo di parlare con lui fa capire che l’ex premier non le manderà a dire a critici e avversari non solo politici. Ma in un tweet il segretario Pd fa capire che lo scontro con Bersani e c. non interessa a nessuno.

Sono ben altre, a suo avviso, le cifre che appassionano gli italiani. “3.500.000 pensionati hanno la quattordicesima – enumera Renzi – 350mila giovani usano 18app, 35mila chiedono Ape, 350 parlano di coalizione #sinistra”.

A dar fastidio a Renzi su temi concreti ci pensa invece Emiliano che conta 10 deputati e due senatori. Il governatore fa sua la battaglia contro il decreto sulle banche venete, il cui iter in Parlamento non sarà affatto semplice come hanno fatto già capire i grillini che hanno presentato ben 450 emendamenti sui 700 avanzati dai gruppi.

Il governatore pugliese chiede di bloccare il provvedimento perchè “tradisce i risparmiatori, abbandonando completamente al loro destino centinaia di migliaia di piccoli azionisti e di obbligazionisti subordinati e comporta per lo Stato un onere spaventoso”. Un attacco in primis al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e quindi al governo su un tema sensibilissimo su cui si giocherà, scommettono in molti, gran parte della campagna elettorale per le elezioni politiche.

L’altro sfidante di Renzi al congresso, Orlando, “copre” invece il fronte a sinistra. Ma riceve solo picche dai renziani: il referendum tra gli iscritti sull’alleanza con Berlusconi, mette in chiaro oggi Ettore Rosato, “non ci sarà perchè il tema non si pone”. Politichese che Renzi lascia volentieri ad altri, convinto della distanza siderale di questi temi dalla vita delle persone.

Così come la riforma elettorale: oggi il Guardasigilli, sempre nello spirito di lavorare ad “un clima diverso” con la sinistra, chiede che il Pd lavori ad una legge maggioritaria, facendo sua la convinzione di Romano Prodi. Per Orlando bisogna “ricostruire la coalizione di centrosinistra: è l’unica risposta efficace per evitare di aprire al strada al populismo e al M5s”.

Ma i renziani sono di tutt’altro avviso: “Noi lottiamo per governare da soli, per arrivare al 40%”, sentenzia Ettore Rosato. Nessun dialogo per ora con Insieme, il nuovo soggetto tenuto a battesimo sabato a piazza Santi Apostoli da Giuliano Pisapia e gli ex democratici di Mdp.

Bruno Tabacci, braccio destro dell’ex sindaco di Milano, è tornato a chiedere la costituzione a settembre, con la ripresa del dibattito sulla legge elettorale, dei gruppi parlamentari unici della sinistra. Ma la liason vede più che perplesso il segretario SI Nicola Fratoianni che evidenzia come la differenza di fondo è che mentre Mdp è in maggioranza, SI non vota la fiducia al governo.

Se il tema delle banche è destinato a far discutere, peserà sulla lunga campagna elettorale anche il tema dei migranti e delle politiche migratorie. Gentiloni sta spingendo molto, e lo farà anche al G20, per una maggiore solidarietà europea nell’accoglienza. Renzi, considerando la prima intesa raggiunta a Parigi “un passo avanti”, si appella a tutti i partiti italiani “per smettere con le polemiche demagogiche e dare tutti una mano al nostro governo”.

Ma, al netto degli alleati di governo, il Pd sembra lasciato solo. Anzi sullo ius soli, su cui i dem sono determinati ad andare avanti, dovrà affrontare le barricate della Lega e di M5S.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

20:54Stadio Roma: da Comune parere unico favorevole

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Dopo un accurato e sinergico lavoro da parte degli Uffici e dei Dipartimenti coinvolti, Roma Capitale ha inviato alla Regione Lazio il parere unico favorevole riguardante il progetto dello stadio di Tor di Valle oggetto della Conferenza dei Servizi convocata dall'ente regionale il prossimo 24 novembre". Così in una nota il Campidoglio.

20:48Mondiali: Arabia Saudita esonera ct

(ANSA) - RIAD, 22 NOV - Dopo l'Australia, anche l'Arabia Saudita è senza commissario tecnico a nove giorni dal sorteggio di Mosca dei Mondiali di Russia 2018. La federazione saudita ha infatti deciso di esonerare Edgardo Bauza, che era in carica da nemmeno tre mesi, ovvero da settembre. L'argentino, che in precedenza, ad aprile, era stato esonerato anche dalla guida della nazionale del suo paese, era a sua volta subentrato all'olandese Bert Van Marwijk, cacciato dopo aver fatto qualificare l'Arabia Saudita al Mondiale, dopo 12 anni di assenza. Bauza ha quindi guidato la nazionale saudita per cinque amichevoli. Le ultime due, nella 'finestra' di questo mese, sono state due sconfitte contro Portogallo e Bulgaria.

20:42Elezioni: risoluzione M5s, siano presenti osservatori Osce

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - M5s ha presentato una risoluzione alla Camera in cui impegna il governo "ad adottare tempestivamente iniziative, anche normative", per chiedere all'Osce di inviare osservatori alle elezioni politiche della primavera 2018. Danilo Toninelli, primo firmatario, ha chiesto in Commissione Affari costituzionali di calendarizzare l'atto di indirizzo. Nella risoluzione si afferma "che a giudicare dalle denunce, recenti e non, successive alle tornate elettorali, è facile comprendere che nel nostro Paese i fenomeni di compressione della libertà di voto o connessi a brogli non sono da considerarsi occasionali né esigui, pur consci del fatto che non sia in discussione la libertà dell'esercizio materiale del voto". M5s ricorda poi che osservatori Osce sono stati presenti anche alle elezioni del 2006 e del 2008, dopo l'emanazione di due decreti da parte dei governi in carica. Di qui la richiesta all'esecutivo di "adottare iniziative, anche normative" per consentire la presenza degli osservatori Osce.

20:41Elezioni:verso nuova riunione Cdm domani per decreto collegi

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Dovrebbe svolgersi domani, o al più tardi venerdì, una nuova riunione del Consiglio dei ministri per approvare il decreto che disegna i collegi elettorali del Rosatellum. Il rinvio, a quanto riferiscono fonti di governo, è stato deciso oggi per la necessità di un approfondimento, ma del tema si sono fermati a parlare a Palazzo Chigi alcuni ministri al termine del Cdm di questo pomeriggio. Al colloquio post Cdm, a quanto si apprende, erano presenti Marco Minniti, Anna Finocchiaro, Dario Franceschini, Andrea Orlando, Angelino Alfano, Luca Lotti. La conversazione sarebbe stata l'occasione per un primo esame dei criteri di accorpamento: lo schema generale rispecchia quello del Mattarellum, ma alla luce dei dati dell'ultimo censimento ci sono variazioni ad esempio in Lombardia e Sicilia, con la prima regione che acquisterebbe due collegi e la seconda che ne perderebbe altrettanti.

20:40Giustizia: Eugenio Gramola nuovo presidente Tribunale Aosta

(ANSA) - AOSTA, 22 NOV - Il giudice Eugenio Gramola è il nuovo presidente del Tribunale di Aosta. Lo ha nominato all'unanimità, nel pomeriggio, il plenum del Consiglio superiore della magistratura. Si insedierà nelle prossime tre o quattro settimane, dopo che il presidente della Repubblica emanerà l'apposito decreto. Lo scorso 16 novembre era arrivato il parere favorevole del ministro Andrea Orlando alla proposta, che era già passata all'unanimità nella quinta commissione del Csm. Gramola è attualmente il magistrato che da più tempo lavora nel palazzo di giustizia di via Ollietti: è in servizio dal 1989, dopo che trascorse i suoi primi due anni di carriera da pretore a Pinerolo (Torino). E' stato gup nel processo con rito abbreviato a Annamaria Franzoni per l'omicidio del figlio Samuele Lorenzi, terminato con una condanna a 30 anni di carcere. Succede al giudice Massimo Scuffi, che ricopriva l'incarico di presidente dal novembre del 2009 e che andrà in pensione dal prossimo febbraio. "Dalla documentazione in atti emerge che il dottor Eugenio Gramola è un magistrato dotato di un profilo professionale eccellente, che ha maturato una vasta esperienza negli uffici giudicanti, sia civili che penali, e nel corso della sua carriera ha sempre manifestato, costantemente, preparazione, spirito di servizio, attitudine organizzativa e peculiare attenzione a tutte le problematiche inerenti il proprio ufficio", scrive di lui il relatore della quinta commissione del Csm. La sua attività è prevalentemente, dal 2006 ad oggi, di giudice del lavoro, a cui si aggiungono un ruolo civile e le funzioni di sostituito gip e gup. (ANSA).

20:39Calcio: E.League, Austria Vienna in cerca di punti a Milano

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Thorsten Fink torna a Milano da allenatore e nella sua mente ritornano i dolci ricordi della vittoria della Champions League nel 1999, quando vestiva la maglia del Bayern Monaco. Ora l'attenzione del tecnico dell'Austria Vienna è rivolta al Milan, avversaria di domani sera in Europa League: "Mi aspettavo un Milan in crisi? La squadra non è ai vertici come ci si poteva aspettare dopo una campagna acquisti sontuosa ma c'è una buona struttura di gioco, non vedo grosse debolezze. D'altronde, serve tempo. Il Milan è come Roma, non si può costruire in una notte". Fink spera di ottenere un risultato positivo a San Siro e spera in un passo falso dell'Aek Atene: "Sono contento di sfidare il Milan, è una grande occasione per i nostri giovani. Cercheremo di portare a casa dei punti e giocarci le nostre chance di qualificazione all'ultima giornata. Il Milan ci è superiore ma noi ci proveremo".

20:27Tumori inesistenti:medico diffida ‘Le Iene’,video manipolato

(ANSA) - NUORO, 22 NOV - "Non ho mai chiesto a un mio paziente di interrompere la chemioterapia, anche se non sono favorevole a questo tipo di protocollo medico, perché distrugge le cellule sane. Mentre gli ultrasuoni, la terapia che io uso contro i tumori più comuni, sono mirati e danno risultati. Sono pronta a dimostrarlo". Si difende così Alba Veronica Puddu, la dottoressa di 48 anni di Tertenia, e spiega all'ANSA il suo punto di vista dopo la bufera mediatica scatenata dalla trasmissione tv Le Iene, andata in onda domenica sera su Italia Uno. Un inviato, Silvio Schembri, si era finto paziente e la dottoressa gli aveva diagnosticato ben due tumori: "Non è vero niente - spiega - ho già dato mandato al mio legale Alberto Ippolito, a diffidare la testata dal trasmettere ancora il video, realizzato con telecamere nascosta, per il quale non ho mai dato nessun assenso. Quel video è stato manipolato".

Archivio Ultima ora