Aziende pronte ad assumere, ma mancano i candidati idonei

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

MILANO. – Otto aziende su dieci sono pronte a fare nuove assunzioni ma mancano i candidati idonei. Il dato, emerso in una ricerca condotta dal gruppo Randstad e dall’Alta Scuola di psicologia Agostino Gemelli (Asag) dell’Università Cattolica di Milano, suona quasi come una beffa nel giorno in cui l’Istat ha reso noto che a maggio il tasso di disoccupazione è aumentato di 0,2 punti percentuali attestandosi all’11,3%, dopo il calo di aprile. La ricerca rivela un forte aumento nelle assunzioni pianificate per il 2017.

L’80% delle aziende ha intenzione di assumere nuovi dipendenti (era il 62% nel 2016), soprattutto per far fronte a una carenza interna di competenze (37%), alla crescita nazionale o internazionale dell’azienda (25%) e alla crescita economica del mercato (22%).

Nonostante il forte aumento della propensione all’assunzione nel 2017, le aziende faticano a trovare candidati idonei ed i principali ostacoli nel reperimento di nuove figure sono la carenza di competenze professionali specifiche (se ne lamenta il 60%, +10% rispetto al 2016), la mancanza di esperienza lavorativa nel settore (47%, -8% sul 2016) e la scarsa conoscenza delle lingue straniere (35%, -12% sul 2016).

La carenza di competenze riguarda anche il personale che già lavora. Per colmarlo, quasi due aziende su tre (64%) sono pronte a programmi di istruzione e formazione. Il 58% delle aziende interpellate pensa che la sfida più grande nel 2017 sarà attrarre talenti per le successive fasi di crescita, per il 56% lo sforzo maggiore dovrà essere destinato a trattenere quelli che già ci sono, mentre per il 53% occorre creare le condizioni adeguate perché possano svilupparsi e migliorarsi.

I principali elementi che contribuiscono a rendere desiderabile un posto di lavoro sono le buone opportunità di crescita professionale (66%), la buona cultura aziendale, l’ambiente di lavoro e il clima organizzativo (63%) e il pacchetto retributivo competitivo (37%).

La principale ragione che spinge oggi i dipendenti a rassegnare le dimissioni è una miglior offerta per condizioni economiche (nel 58% dei casi), seguita dalla possibilità di più rapidi avanzamenti di carriera altrove (33%) e dalla scelta di cambiare professione (32%). Per trattenerli, i benefit su cui le aziende sembrano puntare maggiormente sono i bonus (62%), i piani di formazione e accrescimento delle competenze (58%), la mensa aziendale oppure i ticket (57%).

(di Massimo Lapenda/ANSA)

Ultima ora

11:38Frustavano figli con filo elettrico, condannati

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Sono stati condannati a 3 anni e sei mesi di carcere i genitori egiziani finiti alla sbarra per maltrattamenti sui figli, accusati di averli sottoposti a punizioni corporali di eccessiva violenza, di averli frustarli con il filo elettrico sulle mani e sotto le punte dei piedi, di averli legati alla sedie, di averli costretti a frequentare la scuola araba e a portare il velo. I ragazzini, tra i 10 e i 18 anni all'epoca dei fatti, sono stati affidati a una comunità. Dovranno essere risarciti di diecimila euro ciascuno. A parlare dei maltrattamenti era stata una delle figlie, che aveva confidato a un'insegnante: "piuttosto che tornare a casa, mi uccido". Il pm Dionigi Tibone aveva chiesto cinque anni di reclusione per il padre e tre anni e sei mesi per la madre. "Nella mia lunga carriera ho affrontato pochi casi così gravi", aveva spiegato in aula il magistrato. (ANSA).

11:34Brexit: Juncker, negoziati fanno progressi

(ANSA) - BRUXELLES, 24 NOV - I negoziati sulla Brexit "stanno facendo progressi": così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker arrivando al quinto vertice sul Partenariato orientale in corso a Bruxelles. Oggi alle 16,30, al termine del vertice, è previsto un incontro tra la premier britannica Theresa May ed il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Ci si attende che May faccia delle aperture per far progredire le trattative, in vista del summit europeo del 14 e 15 dicembre.

11:29Migranti: Australia, completato sgombero campo Manus

(ANSA) - CANBERRA, 24 NOV - Le autorità della Papua Nuova Guinea hanno reso noto di aver ricollocato gli ultimi richiedenti asilo che si trovavano nell'isola di Manus da tre settimane e che rifiutavano di andarsene, per paura di subire violenze da parte dei residenti locali nei nuovi insediamenti. Tutti e 378 gli uomini che alloggiavano nel campo sono stati trasferiti nella vicina cittadina di Lorengau, ha riferito la polizia locale. I legali dei rifugiati hanno denunciato che le forze di polizia hanno fatto uso di violenza, ma il ministro dell'immigrazione australiano Peter Dutton ha respinto le accuse. Il campo di Manus, dopo la chiusura ufficiale il mese scorso, si trovava in pessime condizioni dopo che era stata interrotta la corrente, il flusso dell'acqua ed il rifornimento di provviste. L'Australia paga la Papua Nuova Guinea e le altre isole del Pacifico per ospitare le migliaia di richiedenti asilo che hanno tentato di raggiungere le sue coste negli ultimi anni.

11:27Migranti: sbarchi in sud Sardegna, arrivati 40 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 24 NOV - Non si fermano gli sbarchi di migranti lungo le coste del Sud Sardegna. Dopo i 95 algerini arrivati nel corso della giornata di ieri, questa mattina nella zona di Sant'Anna Arresi e Teulada si sono registrati almeno altri tre sbarchi. Oltre 40 - ma il numero è destinato presto a crescere - gli algerini bloccati dai carabinieri e della polizia. Tutti, una volta ultimate le visite mediche e le operazioni di identificazione, saranno trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. Tutta l'area compresa tra Sant'Antioco, Sant'Anna Arresi e Teulada è costantemente pattugliata da carabinieri, polizia, guardia di finanza e guardia costiera.

11:24Caccia a Igor: indagati per fuga, nessun commento inquirenti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 NOV - Almeno cinque persone sarebbero indagate dalla Procura di Bologna per aver favorito o coperto la fuga e la latitanza di Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il serbo accusato degli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso il primo aprile, e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, assassinato l'8 aprile a Portomaggiore, nel Ferrarese. Lo scrive il quotidiano La Repubblica. Nessun commento da parte degli inquirenti. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi il numero degli indagati potrebbe essere minore a quello riferito dal quotidiano e potrebbe trattarsi di iscrizioni 'tecniche', cioè fatte per svolgere attività d'indagine coperta da segreto istruttorio. "Non so nulla a riguardo. Noi abbiamo sempre affermato che ci potessero essere dei complici o dei fiancheggiatori e abbiamo inoltrato diverse segnalazioni alla Procura", ha detto, interpellato in merito, l'avvocato Giorgio Bacchelli, difensore della vedova Fabbri, Maria Sirica.

11:23Migranti: fonti Libia, in tutto salvati 450 africani

(ANSAmed) - IL CAIRO, 24 NOV - Oltre ai circa 250 migranti africani salvati ieri a est di Tripoli, la Marina libica ne ha tratti in salvo più di 200 altri. Secondo quanto si è appreso, il salvataggio è stato compiuto dalla nave "Ibn Auf". L'annuncio non era stato dato ieri, perchè al momento della diffusione del comunicato stampa da parte della Marina e Guardia costiera libica, la nave era ancora in mare per altre azioni di salvataggio. Ieri sera era stato reso noto che circa 250 migranti africani che erano a bordo di due imbarcazioni erano stati salvati dalla Marina libica nelle acque antistanti la costa di Garabuli (Gasr Garabulli), a est di Tripoli. Tra i migranti c'erano anche 93 donne e 26 bambini. I migranti erano stati trasportati alla base navale di Tripoli dove è stata fornita assistenza umanitaria da parte di personale dell'Unhcr e dell'Oim, aveva riferito la Marina libica.

11:21Zimbabwe: attesa per giuramento da presidente di Mnangagwa

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Lo stadio di Harare ha iniziato a riempirsi in vista del giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, dopo le dimissioni di Robert Mugabe. Mnangagwa, ex ministro della giustizia e della difesa, era stato un fedelissimo del dittatore 93enne per decenni, prima di cadere in disgrazia per le ambizioni della moglie di Mugabe, Grace.

Archivio Ultima ora