Incendi: ancora fiamme in Sicilia. Vertice a Roma

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

ROMA. – Non cessa l’allarme incendi in Sicilia: presso il Dipartimento della Protezione civile si è svolta una riunione sull’emergenza incendi nell’Isola. Poche ore prima fiamme di 3-4 metri di altezza, avevano colpito Lipari (Messina), e hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco per tutta la notte, sfiorando un traliccio dell’alta tensione e riducendo in fumo macchia mediterranea, rovi e sterpaglie.

Continua a bruciare da due giorni a Grammichele, nel catanese, una parte del sito di Kalatimpiati, struttura che si occupa di impianti di trattamento, recupero e valorizzazione dei rifiuti. Ed è tornata a bruciare la pineta di Chiaramonte Gulfi, nel ragusano: dopo 70 ore il bosco di contrada San Marco è in fiamme, così come la zona di Cassarello. Canadair sono al lavoro e i presidi dei Vigili del fuoco del comando provinciale di Ragusa sono stati riattivati, soprattutto a difesa delle aziende zootecniche.

Intanto al vertice sull’emergenza incendi è scaturito un impegno da parte della Sicilia a mettere in campo ogni urgente azione per porre rimedio alle fragilità del sistema regionale chiamato a gestire la lotta agli incendi boschivi, puntando, tra l’altro, a una migliore organizzazione della Sala Operativa Unificata, delle squadre a terra, dei lavori di prevenzione e ad una intensificazione delle comunicazioni con il territorio – Prefetture e Comuni su tutti – per fare in modo che la risposta di contrasto agli incendi sia quanto più immediata possibile.

La Protezione civile si è impegnata dal canto suo a fare un ulteriore sforzo, con le strutture nazionali, nel supportare la Regione per trovare nel più breve tempo possibile una soluzione alla mancanza di mezzi nella flotta regionale. Ciò che manca, infatti, non sono i Canadair, bensì alcune flotte regionali – tra le quali quella siciliana – che negli anni passati erano costituite da elicotteri anche del Corpo Forestale dello Stato messi a disposizione attraverso convenzioni con le Regioni, mezzi che quest’anno, con la riforma e il passaggio di competenze e risorse al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e all’Arma dei Carabinieri, non sono tutti disponibili.

“In Sicilia sono 2 i problemi da risolvere con urgenza: manca una convenzione per potenziare il servizio a terra con almeno 15 squadre aggiuntive di vigili del fuoco e manca una flotta aerea regionale poiché i 4 elicotteri del Corpo forestale che sino all’anno scorso erano dedicati alla Sicilia non ci sono più a seguito della soppressione del Corpo forestale dello Stato dovuta alla legge Madia. Mettano subito in funzione tutti gli elicotteri dell’ex Corpo forestale”, sollecita Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, il sindacato autonomo dei vigili del fuoco.

”In un periodo in cui c’è una recrudescenza degli incendi, sappiamo che gli agenti del corpo Forestale accorpati nei Vigili del fuoco sono negli uffici con compiti amministrativi se non a fare fotocopie. Tutto ciò è inaccettabile”, aggiunge la senatrice M5s Paola Nugnes.

Intanto è stato calcolato che sono 2.500 gli ettari andati in fiamme in Italia negli ultimi 7 giorni. I dati li ha raccolti Effis, il Sistema di Informazione Europeo degli Incendi Boschivi (European Forest Fire Information System), resi noti dal Centro Epson Meteo-Meteo.it. Le regioni più colpite sono la Sicilia, la Calabria e il Lazio; solo oggi sono stati circa 60 gli interventi effettuati nella capitale.

Ultima ora

17:42Rapporto Usa su libertà religiosa, più violazioni nel mondo

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 17 AGO - Si registra una maggiore diffusione ed intensità delle violazioni della libertà religiosa. È il dato generale messo nero su bianco nel rapporto annuale prodotto dalla Commissione per la libertà religiosa del Dipartimento di Stato americano. Segnalate le nazioni dove avvengono le vessazioni più gravi, tra cui Birmania, Repubblica Centrafricana, Cina, Eritrea, Iran, Nigeria, Corea del Nord, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Sudan, Syria, Tajikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam. In seconda fascia gli Stati dove persistono violazioni ma si registrano miglioramenti, come Cuba, Egitto, Iraq e Afghanistan. Alla presentazione del testo, ieri, il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha puntato il dito contro le condizioni in alcuni Paesi alleati degli Stati Uniti, in particolare Bahrein e Arabia Saudita, oltre alla Turchia. Immediate le reazioni: per il governo cinese, che ha protestato ufficialmente, la relazione "ignora i fatti"; per l'Iran il rapporto è "di parte".

17:40Scuola: oltre 11mila firme per petizioni stipendi prof

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Sono oltre 11 mila le firme raccolte dalle due petizioni lanciate attraverso il sito Change.org per l'equiparazione degli stipendi dei docenti italiani a quelli europei e per una retribuzione unica in tutti i livelli di istruzione. Partita alla vigilia di ferragosto la petizione per "l'equiparazione del trattamento economico tra docenti italiani ed europei", avanzata da Ilenia Barca di San Teodoro, ha già raccolto 6.485 adesioni, mentre quella per "l'equiparazione di stipendi e ore di servizio tra docenti italiani per ogni ordine e grado" ha già raggiunto 4.855 firme. Adesioni che continuano a crescere di minuto in minuto. Le petizioni saranno poi inviate al ministero dell'Istruzione.

17:36Calcio: Marotta, stop mercato con avvio 1/a lega importante

(ANSA) - TORINO, 17 AGO - Stop al mercato "quando inizia il primo campionato di una delle cinque leghe più importanti" d'Europa. Lo propone Beppe Marotta, direttore generale della Juventus. "Bisogna trovare un punto comune, a livello europeo, per un accordo di questo genere: il mercato è diventato logorante, va accorciato. - ha detto il manager bianconero in un'intervista a Jtv, il canale tematico della Juventus - non si può trasformare il calcio in un Barnum con spettacoli che hanno poco a fare con il valore del gioco e con giocatori che alla prima esclusione, non si allenano e disertano gli allenamenti perché vogliono cambiare casacca".

17:30Migranti: Prodi, Ong? Indispensabile regolamentazione

(ANSA) - SCICLI (RAGUSA), 17 AGO - "Le Ong? Credo sia indispensabile la regolamentazione ma il salvataggio delle vite umane non deve essere messo in secondo piano". Lo ha detto Romano Prodi, ex premier ieri sera a Scicli alla presentazione del suo libro 'Il piano inclinato'. "Le migrazioni sono incontrollate - ha aggiunto l'ex presidente della commissione Europea - perchè frutto della guerra in Libia, che doveva durare solo poche settimane ed invece sta durando più della seconda guerra mondiale. Non bastano gli accordi tra i governi occorre coinvolgere con un accordo le 20 tribù libiche che detengono molto potere, ma anche qui non vedo una seria volontà di nessun politico europeo".

17:23Russia: Putin domani in visita in Crimea

(ANSA) - MOSCA, 17 AGO - Domani il presidente Vladimir Putin si recherà in visita a Sebastopoli, in Crimea. Lo fa sapere il Cremlino. Putin si recherà in alcune scuole della città, incontrerà studenti e genitori e altri cittadini. Così Interfax.

17:19Migranti: 300 tentano nuovo assalto a frontiera Ceuta

(ANSA) - MADRID, 17 AGO - La polizia marocchina in coordinamento con quella spagnola ha sventato oggi un nuovo tentativo di assalto alla frontiera di Ceuta da parte di circa 300 migranti irregolari subasahariani. Il nuovo tentativo di sfondamento si è prodotto nel giorno della riapertura del valico di Tarajal fra l'enclave spagnola e il Marocco, chiuso dopo tre tentativi di assalto in massa la settimana scorsa. I migranti sono stati dispersi dagli agenti marocchini prima di arrivare al confine riferisce Efe.

17:08Basket: azzurri preparano torneo di Tolosa

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Tre gare con Montenegro, Belgio e Francia guardando gli Europei. Gli azzurri del basket scendono in campo nel week end al torneo di Tolosa, altra tappa di preparazione in vista del torneo continentale che vedrà l'Italia esordire il 31 agosto a Tel Aviv contro Israele. Quello di Tolosa è il primo dei due appuntamenti all'estero (l'altro è l'Acropoli di Atene dal 23 al 25 agosto) prima dell'esordio all'EuroBasket. "Ora si alza il livello delle partite che andiamo a giocare - dice il ct Ettore Messina -. Abbiamo lavorato bene a Folgaria, a Trento e poi a Cagliari. Il nostro obiettivo è continuare sulla stessa lunghezza d'onda del primo mese di preparazione e in questa fase sarà importante rifinire la nostra condizione fisica. Dal punto di vista tecnico giocheremo contro squadre molto atletiche e con forza sotto canestro, specialmente Montenegro e Francia. Saranno tre partite molto utili per noi a due settimane dall'inizio dell'Europeo".

Archivio Ultima ora