Di Francesco: “Per vincere a Roma ci vuole un grande gruppo”

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

Il nuovo allenatore dell’AS Roma Eusebio Di Francesco durante la conferenza di presentazione a Trigoria, Roma, 14 giugno 2017. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – “Sono sereno e convinto che sarà una grande annata, ma per poter ambire a qualcosa di importante bisogna avere all’interno una grande coalizione e una grande forza di squadra”. La ricetta per il successo che ha in mente Eusebio Di Francesco per la sua Roma è racchiusa in una parola: gruppo. Da chi sarà composto è ancora presto per dirlo visto che il mercato è in pieno svolgimento e a Trigoria più che altrove il via vai è all’ordine del giorno (per Gonalons in entrata dopo aver superato le visite mediche, c’è Ruediger in uscita con destinazione Chelsea), ma il tecnico abruzzese è convinto che impostando l’annata all’insegna dell’unità si potranno superare gli alti e bassi della Capitale.

“Pregi e difetti della piazza sono noti, si esalta e si abbatte con grande facilità – ricorda nel corso di un forum su Facebook dalla redazione del quotidiano abruzzese ‘il Centro’ -. Noi invece dobbiamo essere bravi a creare un gruppo, e non parlo solo di squadra, ma anche di società e ambiente”.

“Dobbiamo dare messaggi positivi, compattarci il più possibile, poi è ovvio che dipende tantissimo dai risultati, siamo legati a questo – sottolinea Di Francesco – però la forza sta anche nel non abbattersi nei momenti di difficoltà. Io ho avuto la fortuna di vincere uno scudetto a Roma (nel 2001, ndr) non essendo proprio protagonista perché venivo da un brutto infortunio, però ho vissuto quel grande gruppo. Ecco, credo che per poter ambire a qualcosa di importante bisogna ricreare i presupposti per avere all’interno una grande forza di squadra”.

Squadra che potrà avvalersi del ‘supporto’ dell’ex capitano, Totti. “Francesco lo avremo quasi sicuramente come dirigente. Ho parlato anche ultimamente con lui e, al di là del ruolo che deve ancora scegliere, devo dire che sarei contento di averlo vicino perché può essere un valore aggiunto” spiega Di Francesco, puntualizzando però che “l’allenatore lo faccio io, questo è sicuro ed è alla base di tutto. Però avere vicino delle persone che conoscono l’ambiente e anche tanti calciatori che magari ora conosco poco mi aiuterebbe a trovare la chiave di lettura per tante situazioni”.

La voglia di non sprecare l’opportunità di sedere sulla panchina giallorossa d’altronde è tanta. “Non sono un gradissimo sognatore, ma esserci arrivato è motivo di grande soddisfazione – confessa -. Rappresenta un po’ il percorso che ho fatto da calciatore, partendo dal basso e costruendo con gli anni una carriera facendo le mie esperienze che mi hanno portato ad avere questa possibilità che cercherò di sfruttare al meglio”.

Ultima ora

11:23Migranti: fonti Libia, in tutto salvati 450 africani

(ANSAmed) - IL CAIRO, 24 NOV - Oltre ai circa 250 migranti africani salvati ieri a est di Tripoli, la Marina libica ne ha tratti in salvo più di 200 altri. Secondo quanto si è appreso, il salvataggio è stato compiuto dalla nave "Ibn Auf". L'annuncio non era stato dato ieri, perchè al momento della diffusione del comunicato stampa da parte della Marina e Guardia costiera libica, la nave era ancora in mare per altre azioni di salvataggio. Ieri sera era stato reso noto che circa 250 migranti africani che erano a bordo di due imbarcazioni erano stati salvati dalla Marina libica nelle acque antistanti la costa di Garabuli (Gasr Garabulli), a est di Tripoli. Tra i migranti c'erano anche 93 donne e 26 bambini. I migranti erano stati trasportati alla base navale di Tripoli dove è stata fornita assistenza umanitaria da parte di personale dell'Unhcr e dell'Oim, aveva riferito la Marina libica.

11:21Zimbabwe: attesa per giuramento da presidente di Mnangagwa

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Lo stadio di Harare ha iniziato a riempirsi in vista del giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, dopo le dimissioni di Robert Mugabe. Mnangagwa, ex ministro della giustizia e della difesa, era stato un fedelissimo del dittatore 93enne per decenni, prima di cadere in disgrazia per le ambizioni della moglie di Mugabe, Grace.

11:20Crotonese 31enne ucciso a colpi pistola nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 NOV - Un uomo di 31 anni, Francesco Citro, è stato ucciso a colpi di pistola sulla porta di casa nella tarda serata di ieri a Villanova di Reggiolo, nel Reggiano. Citro, di professione autista e originario di Cutro nel Crotonese, intorno alle 23 avrebbe aperto la porta dell'appartamento della palazzina di via Giovanni XXIII in cui viveva con la moglie e due figli piccoli, venendo freddato da qualcuno che aveva salito le scale. Circa tre ore prima era stata incendiata l'auto della moglie, parcheggiata sotto casa, e lo stesso 31enne era intervenuto insieme a dei vicini e ai vigili del fuoco per spegnere le fiamme. Sul posto erano giunti i carabinieri. Tre ore dopo, l'agguato che non ha dato scampo a Citro. Sull'omicidio indagano i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi. (ANSA).

11:11Violenza donne: campagna shock scuote Tunisia

(ANSAmed) - TUNISI, 24 NOV - Le strade di Tunisi e delle principali città del Paese sono tappezzate da manifesti che ritraggono, secondo lo stesso schema, una donna fotografata di spalle con una scritta che spiega quanto le accade e quel che la gente pensa di lei. Ecco alcuni esempi: giovane donna violentata, (finirà per dimenticare) - donna molestata sul luogo di lavoro (altre meno fortunate sono disoccupate) e ancora donna aggredita dal marito (è il destino che ha voluto così). Si tratta della campagna di sensibilizzazione "Faddina", lanciata dal Fondo dell'Onu per la Popolazione (Unfpa) nell'ambito della lotta contro le violenze alla donne per denunciare luoghi comuni della società che riguardano la donna, e che ha suscitato in Tunisia un'ondata di commenti negativi sui social network ma anche da parte alcune associazioni a difesa dei diritti delle donne, costrette a riflettere sulla reale situazione femminile in un paese dipinto con la legislazione più avanzata in materia rispetto a tutti gli altri paesi arabi e maghrebini.

11:02Cina: gravi abusi in scuola materna a Pechino, si indaga

(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Scuote la Cina un grave caso di abusi in una scuola materna di Pechino, finita nel mirino dopo che alcuni genitori hanno denunciato che i loro bambini erano stati maltrattati, picchiati, costretti a spogliarsi ed anche ad ingerire farmaci non ben identificati. I piccoli, in base a quanto denunciato dai familiari, tornavano a casa con lividi e segni di aghi nella pelle. Così riportano diversi media cinesi. Le indagini sono subito scattate da parte delle autorità e la Commissione municipale di istruzione di Pechino ha annunciato che stamattina la scuola verrà ispezionata. La società proprietaria dell'istituto scolastico, la Ryb Education, ha diffuso un comunicato nel quale dichiara la sua piena collaborazione alle indagini ed sostiene di aver sospeso alcuni insegnanti.

10:52Siria: opposizione andrà unita a negoziati Onu

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - I rappresentanti dei diversi gruppi di opposizione siriana hanno trovato un accordo per inviare un'unica delegazione al prossimo round dei colloqui di pace sotto l'egida dell'Onu, il 28 novembre a Ginevra. Lo riferiscono i media internazionali. L'intesa è arrivata nel corso dei colloqui tra 140 esponenti di diversi gruppi che si stanno svolgendo nella capitale saudita, Riad.

10:41Germania: Spd apre,’non si negherà a colloqui governo’

(ANSA) - BERLINO, 24 NOV - Nella notte è arrivata l'apertura dei socialdemocratici tedeschi ai colloqui per il governo, dopo il fallimento del tentativo "Giamaica". "La Spd ha la ferma convinzione che si debba parlare. La Spd non si negherà ai colloqui", ha detto il segretario generale Hubertus Heil. Nelle stesse ore sono state smentite le voci circa le possibili dimissioni del leader Martin Schulz, finito sotto pressione per la velocità con cui aveva escluso di sedersi al tavolo con Angela Merkel dopo il fallimento di domenica con i liberali e i verdi.

Archivio Ultima ora