De Mita abbraccia Alfano: “Ridare dignità alla storia della Dc”

Pubblicato il 04 luglio 2017 da ansa

Ciriaco De Mita

ROMA. – Ciriaco De Mita coinvolge anche Angelino Alfano lungo il suo percorso di recupero della tradizione popolare e democristiana. Distante dal Pd, valutato troppo autoreferenziale, e dalle destre, l’ex premier chiama a discutere del centro e delle sue prospettive, a Santa Chiara dietro il pantheon, esponenti del mondo post-Dc, come Giuseppe De Mita, Giampiero D’Alia, Marco Follini e Lorenzo Dellai, oltre lo stesso ministro degli Esteri.

L’ex premier chiarisce che non pensa assolutamente alla creazione di nuovo partito. L’obbiettivo semmai è “dare voce a una speranza”, rilanciare “il pensiero” di una politica intesa come rappresentanza dell’ interesse generale, e non sterile gestione dell’esistente.

Moderato da Stefano Folli, “Popolari al bivio”, questo il titolo dell’incontro, registra una visione unanime di critica aspra del panorama attuale, in cui la crisi economica ha disarticolato le realtà sociali, a partire dal ceto medio, che per decenni si sono fatte rappresentare dalla “balena bianca”.

De Mita non cita Matteo Renzi, ma pensa a lui quando ironizza su chi pensa di “vincere andando da solo, senza vedere che tutti quelli che gli stanno dietro si organizzano per superarlo”. Ma esclude anche una possibile alleanza con Berlusconi. “Un giorno mia madre mi chiese cosa stesse succedendo. Io dissi che non era chiaro. Lei – racconta – mi ringraziò, ‘allora vuol dire che non sono rimbambita’. E aggiunse, ‘ma mai con Berlusconi'”.

Anche Alfano definisce il centrodestra “irriformabile”. Ma boccia le aperture di Lorenzo Dellai al Pd: “Come si fa a dialogare con chi ha postulato la scomparsa del centro, di chi non concepisce l’idea di una coalizione. Solo per questa ragione – ha aggiunto – vale la pena provarci. Ci sono le condizioni per costruirlo”.

Concorde anche Marco Follini, che chiede a tutti di superare i due grandi mali della seconda Repubblica: i dogmi della leadership e del nuovismo. In chiusura, sempre de Mita, ribadisce che questi incontri “vanno moltiplicati, senza escludere nessuno”, ma non per fare liste o partiti, quanto per un “passaggio salvifico”, per recuperare la “democrazia rappresentativa”.

“Qui – conclude sempre rivolto a Renzi – c’è chi, dopo aver governato tre anni, chiede di fare la rivoluzione. Ma la politica è umiltà e ascolto, l’azione furba non porta da nessuna parte”.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

19:23Corte conti: condanna per 70/o compleanno Durnwalder

(ANSA) - BOLZANO, 23 NOV - Nuova condanna della Corte dei conti di Bolzano per la festa per i 70 anni dell'allora governatore Luis Durnwalder il 24 settembre 2011 a Castel Tirolo, sopra Merano: la giunta comunale e il segretario comunale di Falzes, il Comune d'origine di Durnwalder, sono stati condannati al risarcimento di 4.200 euro per aver attinto per questo evento al fondo di rappresentanza. Il sindaco Josef Gatterer e gli assessori Siegfried Gatterer, Paul Neumair, Dorothea Passler Mair e Meinhard Durnwalder dovranno risarcire 420 euro e il segretario comunale Peter Schönegger 2.100 euro. La scorsa estate la Corte dei conti condannò, con la medesima accusa, l'ex presidente ad un risarcimento di 8.000 euro per danno erariale nei confronti della Provincia.

19:19Champions: Totti, qualificazione dipende da noi

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - E' ancora aperta la qualificazione della Roma alla Champions League? "Dipende da noi". Così Francesco Totti, a margine di una partita di calcio contro la violenza sulle donne disputata oggi su iniziativa del Dipartimento per le Pari opportunità alla Totti Soccer School di Ostia. A chi gli chiedeva come avesse visto la squadra ieri contro l'Atletico Madrid l'ex capitano giallorosso ha risposto: "Bene, bene".

19:15Violenza sessuale: 9 anni a ex Milan Robinho

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - La nona sezione del tribunale di Milano, presieduta da Mariolina Panasiti, ha condannato l'ex giocatore del Milan, Robinho, al secolo Robson de Souza Santos, a nove anni di carcere, per violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazza albanese, all'epoca dei fatti 22enne, avvenuta in una discoteca di Milano il 22 gennaio 2013. La violenza, secondo le indagini, è stata consumata da Robinho, che in quel periodo giocava nel Milan, con altre 5 persone. Il calciatore ora si trova in Brasile dove gioca per l'Atletico Mineiro.

19:07Calcio: Balata, sarò presidente garante di tutti

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Vengo da un organo di giustizia sportiva e sono stato sempre libero, parlo e mi confronto con tutti. Non ho né padroni, né condizionamenti. Sarò un presidente garante di tutti, un presidente terzo": lo dice il nuovo n.1 della Lega di Serie B Mauro Balata dopo l'assemblea elettiva dei club cadetti. "Sono felice di questa giornata e orgoglioso - continua Balata - perché è un giorno importante per tutto il movimento calcistico. Abbiamo trovato una unità che ci permette di guardare al futuro con nuova positività".

19:04Sci: annullata anche 2/a prova discesa Lake Louise

(ANSA) - LAKE LOUISE (CANADA), 23 NOV - Anche la seconda prova cronometrata della discesa di cdm uomini di Lake Louise in programma oggi è stata annullata: piove e fa stranamente caldo sulle Montagne rocciose. A disposizione degli atleti, con previsioni meteo in miglioramento, resta cosi' solo la terza prova di domani con inizio alle 20,15 ora italiana. A Lake Louise sono previste le prime gare veloci della stagione: sabato discesa e domenica superG.

18:54Malta: famiglia Daphne, rimuovere vice polizia da inchiesta

(ANSA) - LA VALLETTA, 23 NOV - La famiglia di Daphne Caruana Galizia, la giornalista investigativa assassinata a Malta, chiede che il vicecapo della polizia, Silvio Valletta, sia rimosso dall'indagine sul caso. Il responsabile, insieme alla moglie Justyne Caruan - ministro del governo - era finito al centro delle critiche della cronista.

18:51Rugby: O’Shea, ora serve concretezza

(ANSA) - PADOVA, 23 NOV - "Sarà un partita molto, molto dura. Loro sono una squadra migliore di un anno fa. Ma lo siamo anche noi". Il ct dell'Italrugby Conor O'Shea sembra voler mettere le mani avanti in vista della sfida di sabato a Padova contro il Sudafrica, rivincita di quella di un anno fa a Firenze in cui gli azzurri vinsero sovvertendo ogni previsione. "Contro l'Argentina abbiamo avuto una buona prestazione - dice ancora O'Shea riferendosi al match di sabato scorso - , ma abbiamo avuto difficoltà nelle nostre uscite dal campo e siamo stati poco precisi. Sono sicuro che potremo essere molto competitivi sabato contro gli Springboks se il nostro focus sarà quello giusto. Il Sudafrica è una grande squadra, un mese fa stava per battere gli All Blacks. E' vero che ha faticato molto contro l'Irlanda, ma la settimana scorsa ha sconfitto la Francia a Parigi. Ma come sempre noi dobbiamo pensare a noi stessi, alla nostra prestazione, e non agli avversari. Dovremo fare una prestazione di alto livello, concretizzando nei momenti giusti".

Archivio Ultima ora