La rabbia della Procuratrice: “Un colpo di Stato peggio di quello di Carmona”

Pubblicato il 04 luglio 2017 da redazione

CARACAS. – Luisa Ortega Diaz ha alzato la sua voce dalla Procura sostenendo che “nel paese ormai si corre il pericolo di perdere la libertà, la democrazia e i diritti umani perché si vive un golpe più grottesco di quello perpetrato da Carmona nel 2002.” Queste le parole della Procuratrice stamattina dal suo ufficio, e proprio in occasione del giorno in cui si sarebbe iniziata l’udienza preliminare richiesta nei suoi confronti dal Tribunale Supremo di Giustizia.
Udienza alla quale la Procuratrice non ha assistito per considerarla quasi una pagliacciata che lei non convaliderà.
“Non convalido e non riconosco un circo che si ricorderà soltanto come un episodio vergognoso e doloroso della storia del paese.” “Non mi sottometterò ad un tribunale incostituzionale e illegittimo.” Ortega non poteva essere più chiara.
Ma la Procuratrice crede che, malgrado abbia ricusato i magistrati che compongono il Tribunale e non si sia presentata, secondo lei l’udienza avrà luogo comunque. E se questa affermazione fosse vera, si starebbe procedendo contravvenendo qualsiasi legalità.
“I magistrati che mi porteranno a giudizio sono illegittimi e incostituzionali” continua la Procuratrice. Ortega presenta gli argomenti per la sua difesa che dimostrano quanto tutta la situazione che a coinvolge sia manipolata e truccata.
La Procuratrice ha mostrato il documento di approvazione della designazione dei magistrati del 10 dicembre 2015, il quale non sarebbe stato firmato da Tarek William Saab, funzionario che come lei, avrebbe dovuto avallare le nomine. “Questo prova che la riunione del Consejo Moral Republicano, non c’è mai stata, le nostre firme non ci sono” perciò “i magistrati sono illegittimi” ha ribadito Ortega.
Tra l’altro ha criticato che ci sia un supplente per la Sala Costituzionale, tale Juan Carlos Valdez González, che non c’era sulla lista dei preselezionati inviata all’Assemblea Nazionale. Un altro fatto inspiegabile ed illegittimo.
E non ha risparmiato Pedro Pablo Carreño. Si è riferita alla richiesta di udienza preliminare fatta dal deputato nei suoi confronti e approvata dal Tsj poco dopo quattro giorni.
“Una celerità inconsueta che dovrebbe essere applicata per questioni trascendentali per il paese, ad esempio, per l’elezione dei deputati per l’Amazonas che da dicembre 2015 rimane ancora senza rappresentanti.”
La richiesta di Carreño, continua la Ortega, “confusa e stravagante” è datata 16 giugno e presenta una parte di una sentenza pubblicata il 28 di giugno, 8 giorni dopo. E non soltanto questo, Carreño crede che “io destabilizzi il paese e voglia il caos” ma “continuo a sostenere che le sentenze 155 e 156 del Tsj hanno rotto il filo costituzionale” e che “la convocazione all’ Assemblea Costituente deve essere fatta dal popolo e non dal Presidente.” Tutto secondo i precetti della Carta Magna.
Insomma c’è una guerra in corso tra Procura e governo. E la posizione della Procuratrice sembra seguire la norma e la legge mentre il governo segue la sua strada con l’obiettivo di togliere di mezzo chi non la pensa come loro.
La Procuratrice ha anche chiarito che non riconosce Katherine Nayarith Haringhton Padrón come Viceprocuratrice, designazione fatta dalla Sala Costituzionale, perché l’incarico legittimo è quello di Rafael González Arias, approvato dall’ Assemblea Nazionale, unico ente che può legalmente eleggere il Procuratore.
E ha concluso: “Se mi destituiscono, continuerò a collaborare per ristabilire l’ordine costituzionale che si è perso. Continuerò a lottare e trionferemo, Dio benedica il Venezuela.”

Ultima ora

06:43Russiagate: email per organizzare incontro con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 24 AGO - I membri del Congresso americano che indagano sul Russiagate hanno scoperto una email di uno dei massimi responsabili della campagna elettorale di Donald Trump in cui si fa riferimento agli sforzi per tentare di organizzare un incontro col presidente russo Vladimir Putin. Lo riporta la Cnn, citando Rick Dearborn, ex consigliere del candidato Trump e oggi vice 'chief of staff' alla Casa Bianca. Nella email si informa di una persona (non identificata e chiamata in codice 'WV')impegnata a trovare il canale giusto col Cremlino.

06:35Trump pronto a bandire i transgender dall’esercito

(ANSA) - NEW YORK, 24 AGO - Donald Trump tira dritto, tra le polemiche, sulla decisione di bandire le persone transgender dalle forze armate. E la Casa Bianca - rivela il Wall Street Journal - è pronta a inviare al Pentagono le linee guida per attuare il divieto. Al segretario alla difesa, l'ex generale James Mattis, si dà non solo il potere di fermare l'ammissione di individui transgender, ma anche quello di cacciare via personale già in servizio. Previsto anche lo stop alle spese per il trattamento medico del personale transgender in servizio.

06:28Rotterdam: nel van solo due bombole, nessun nesso Barcellona

(ANSA) - L'AJA, 24 AGO - Un agente dell' antiterrorismo spagnolo ha escluso che il furgoncino con le bombole di gas, peraltro pare solo due, trovato a Rotterdam vicino a una sala da concerti e ritenuto possibile arma di un ennesimo attentato, sia collegato con gli attacchi del 17 agosto a Barcellona e Cambrils. La stessa fonte ha detto che gli investigatori hanno scartato l'ipotesi di un legame tra l'autista del furgone, uno spagnolo fermato in serata, e la cellula responsabile di quegli attacchi. La polizia olandese ha interrogato per circa due ore l'uomo fermato dopo la segnalazione, giunta dalla Spagna, di una possibile minaccia alla band di Los Angeles Allah-Las. La polizia olandese ha fatto sapere che a bordo del van, esaminato accuratamente, non c'erano che un paio di bombole. "E' presto per dire se vi siano collegamenti con i fatti di Barcellona", aveva detto alla conferenza stampa il sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb. Il livello di allerta in Olanda resta comunque a livello 4 su una scala di cinque.

06:25Barcellona: Marta ricoverata in ospedale a Bassano

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 24 AGO - Marta Scomazzon, la ragazza rimasta ferita nell'attentato di Barcellona in cui è rimasto ucciso il suo fidanzato, Luca Russo, non è stata portata a casa, dopo essere rientrata in Italia ieri sera, ma è stata accolta nell'ospedale di Bassano, per essere assistita date le sue condizioni di salute. Lo ha confermato il direttore medico del nosocomio, Antonio Di Caprio. I medici, ortopedici e chirurghi, faranno domani una valutazione della situazione generale - finora si sapeva che aveva una frattura ad una caviglia e ad un gomito - prima di decidere le sue dimissioni. "Le condizioni sono buone, stazionarie - ha detto Di Caprio - ma ha riportato un politrauma, e come tutti i politraumatizzati necessita di un periodo di osservazione e di riposo". Il medico ha detto che la giovane ha espresso la volontà di poter salutare già domani la salma del fidanzato Luca, che si trova nell'obitorio dell'ospedale bassanese.

05:09Veglia ad Amatrice, 249 rintocchi di campana

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 24 AGO - Con una fiaccolata culminata con 249 rintocchi di campana, il numero delle vittime di Amatrice e Accumuli, sono iniziate questa notte le celebrazioni ad un anno esatto dal sisma che ha devastato una buona parte dell'Italia centrale il 24 agosto del 2016. Preceduta da una lettura delle biografie delle vittime, colma di commozione, la fiaccolata ha costeggiato la zona rossa di Amatrice, muovendo da piazza Sagnotti al parco don Minozzi. Qui sono stati suonati i 249 rintocchi e si è tenuta una veglia di preghiera celebrata dal vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, con i familiari delle vittime. Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ha quindi scoperto un monumento eretto al parco don Minozzi in ricordo dei morti.

00:21Terremoto: veglia Arquata, vescovo, ‘è notte del silenzio’

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 23 AGO - Un corteo silenzioso di persone, che si sono date appuntamento a Trisungo e hanno raggiunto Pescara del Tronto con dei bus, ricorda in una veglia di preghiera le 48 vittime del sisma di un anno fa nel territorio di Arquata. ''Per desiderio delle famiglie - ha spiegato il vescovo mons. Giovanni D'Ercole - questa è la notte del silenzio, dell'intimità, della memoria e della preghiera. È una notte per riflettere: domani sarà il giorno per progettare il futuro di questo territorio facendo tesoro degli errori del passato''. ''Sosteniamo familiari e superstiti e ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati in questo anno'' ha aggiunto. Il luogo del raccoglimento è il parco dove i bambini di Pescara del Tronto giocavano, trasformato in obitorio a cielo aperto nelle prime terribili ore dopo il sisma. Accanto al vescovo il parroco di Arquata, don Nazzareno. Alle 3:36l, l'ora della scossa, la lettura dei nomi delle vittime, accompagnata dai rintocchi della campana della vecchia chiesa.

23:18Champions: Liverpool e Cska Mosca a fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Liverpool, Apoel Nicosia, Cska Mosca, Qarabag e Sporting Lisbona sono le ultime cinque squadre ad accedere alla fase a gironi della Champions League. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Liverpool-Hoffenheim 4-2 (andata 2-1); Slavia Praga-Apoel Nicosia 0-0 (andata 0-2); Cska Mosca-Young Boys 2-0 (andata 1-0); Copenaghen-Qarabag 2-1 (andata 0-1); Steaua Bucarest-Sporting Lisbona 1-5 (andata 0-0).

Archivio Ultima ora