Più trasparenza in Ue, stretta su fisco alle multinazionali

Pubblicato il 04 luglio 2017 da ansa

STRASBURGO. – Maggior trasparenza fiscale per le multinazionali da oltre 750 milioni di fatturato con l’obbligo, proposto dal Parlamento Ue, di fornire informazioni pubbliche su quante tasse pagano in ogni Paese. E’ questo l’obiettivo del cosiddetto ‘country by country reporting’, approvato, non senza polemiche e critiche per le esenzioni concesse, da parte degli eurodeputati con 534 sì, 98 no e 62 astensioni.

Forte di questo voto, il Parlamento Ue inizierà al più presto i negoziati con i ministri in modo da arrivare a un accordo in prima lettura su questa normativa che punta a recuperare parte dei 50-70 miliardi di euro che le imprese evadono ogni anno nell’Ue.

Secondo le misure proposte, ogni multinazionale con un fatturato globale pari o superiore a 750 milioni di euro verrebbe chiamata a pubblicare le informazioni sull’imposta sul reddito per ogni giurisdizione fiscale in cui l’impresa o la sua affiliata opera. Dati da rendere disponibili gratuitamente e mantenere accessibili sul sito web dell’impresa e, inoltre, da inserire in un registro pubblico gestito dalla Commissione Ue.

Tra le informazioni richieste, il numero di impiegati a tempo pieno, il fatturato netto, il capitale dichiarato, l’ammontare di utili o perdite prima dell’imposizione fiscale, l’importo dell’imposta sul reddito in ogni giurisdizione, l’ammontare dei guadagni totali e se le imprese, le affiliate o le succursali beneficiano di un trattamento fiscale preferenziale.

Gli eurodeputati hanno approvato anche delle esenzioni pensate per proteggere le informazioni commercialmente sensibili, consentendo agli stati membri di concedere deroghe all’obbligo di fornire una o più informazioni. Tali deroghe dovrebbero essere rinnovate annualmente e sarebbero applicabili solo nel Paese che concede l’esenzione. Il Parlamento ha inserito un obbligo per le aziende che perdono il diritto all’esenzione a rendere pubblici immediatamente i dati omessi.

Sul punto delle deroghe si era registrata durante il passaggio nelle commissioni parlamentari una spaccatura tra Ppe e Alde, da una parte, e S&D dall’altra, con questi ultimi che accusavano i primi di avere inserito “una scappatoia” tale da rendere inefficace il testo. In plenaria è stato invece raggiunto un compromesso con limiti più stringenti, sul quale i socialisti si sono detti soddisfatti, ma non verdi e ong.

Per Eva Joly, vice presidente della Commissione d’inchiesta sui Panama Papers, “è ingiustificabile la volontà di aggiungere la clausola di salvaguardia che permette di scappare alla trasparenza in nome di presunti interessi commerciali”. Critiche anche da Oxfam sia per le esenzioni che per la soglia dei 750 milioni. In base alle stime dell’Ocse, lamenta l’ong, questa di fatto “esclude dall’obbligo di reporting l’85%-90% delle multinazionali”.

(di Alberto D’Argenzio/ANSA)

Ultima ora

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

18:47Calcio: Spalletti, dispiace se Nainggolan va in Cina

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Il calcio è fatto così. A Roma sanno cosa fare, negli ultimi anni sono sempre stati in alta classifica. Ora hanno passato il turno di Champions, hanno giocatori di altissimo livello, Di Francesco ha ottenuto ottimi risultati. Bisogna essere pronti a gestire queste situazioni". Dai microfoni di Premium Sport Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, commenta così, a poche ore dalla partita contro la Roma, l'eventuale cessione di Dzeko e Nainggolan da parte del club giallorosso. "Mi dispiacerebbe - dice - se Nainggolan finisse in Cina, è un alieno e per questo a volte fa anche delle cavolate ma è un giocatore fantastico".

18:46M5s: Di Maio, Grillo sarà sempre parte fondamentale M5S

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "C'è stato un tempo in cui una sola persona poteva riunire" un grande numero di persone ed era "Beppe Grillo, che sarà sempre una parte fondamentale del Movimento". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il programma M5S di governo.

18:46Calcio: cinquina Lazio, Crotone sbanca Verona

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Lazio perde Immobile per infortunio ma batte comunque 5-1 il Chievo e sale momentaneamente al terzo posto in classifica, in attesa del posticipo di stasera tra Inter e Roma. Importanti risultati per la parte bassa della classifica: il Crotone ha vinto 3-0 a Verona, portandosi in zona salvezza, mentre il Bologna ha sconfitto con lo stesso risultato il Benevento, ora ultimo dietro al Verona. La Spal ha preso un punto buono a Udine. La Samp batte la viola con una tripletta di Quagliarella, che scavalca Dybala nella classifica marcatori con 15 reti. Risultati: Bologna-Benevento 3-0; Lazio-Chievo 5-1; Sampdoria-Fiorentina 3-1; Sassuolo-Torino 1-1; Udinese-Spal 1-1; Verona-Crotone 0-3. Alle 18 Cagliari-Milan, alle 20.45 INter-Roma; domani Juventus-Genoa.

18:45Sterpaglie in fiamme, 2 ore stop treni lungo Tirrenica

(ANSA) - GROSSETO, 21 GEN - Il traffico ferroviario sulla linea Tirrenica, tra Orbetello (Grosseto) ed Albinia (Grosseto), è stato interrotto dalle 14.15 alle 16 circa per un incendio che si è sviluppato lungo la strada nella zona di Orbetello Scalo (Grosseto), vicino all'ex Sipe Nobel. A bruciare sono state le sterpaglie lungo la ferrovia. Intervento dei vigili del fuoco di Orbetello, sul posto stanno operando dieci uomini con quattro automezzi. Quattro i treni che hanno subito ritardi al massimo di 30 minuti mentre un convoglio è stato parzialmente cancellato. Per spegnere le fiamme è stato necessario interrompere la linea elettrica del tratto ferroviario con conseguente stop dei treni.

18:36Calcio: Lega replica a Sarri, finora pari in turnazione Juve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "E' del tutto alla pari finora la turnazione prima/dopo tra Juventus e Napoli, visto che proprio gli azzurri arrivano da 5 giornate consecutive in cui sono scesi in campo prima della Juventus". E' la replica della Lega di Serie A interpellata dall'Ansa dopo le parole del tecnico partenopeo Maurizio Sarri che si è lamentato per la diversa programmazione nelle future gare di campionato. "Escludendo le prime 2 giornate di agosto, per la diversa programmazione estiva serale - spiega la Lega - i partenopei hanno giocato prima della Juventus per ben 14 volte su 19". Le Lega aggiunge che "la programmazione delle giornate di campionato è spesso vincolata al calendario delle coppe, ragion per cui la Juventus, impegnata in Champions e in Tim Cup, disputerà obbligatoriamente alcune delle prossime giornate di sabato, anticipando il Napoli". Infine, "le formazioni in testa alla classifica sono quelle che creano il maggior interesse intorno al campionato, per cui di norma non si fanno mai giocare in contemporanea".

18:32Calcio: Sarri ‘calendario? Errore mastodontico Lega’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La sfida scudetto tra Napoli e Juventus si giocherà con diverse gare con il risultato dei partenopei già acquisito. L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, ai microfoni di Sky non le manda a dire: "nel calendario la Juventus ha partite abbastanza abbordabili, - le parole del tecnico - e questo potrebbe metterci un po' di pressione. Ritengo che la Lega abbia fatto un errore mastodontico perché tra queste otto partite magari ce ne sono quattro obbligate per gli impegni europei, ma nelle altre si poteva un pochino mediare. Si sarebbe potuto giocare in contemporanea o far giocare prima noi qualche partita. Per mediare - sottolinea - intendo creare delle situazioni e delle condizioni simili per le due squadre". "Mi dispiace - conclude Sarri - sono certo che si sia verificata in buona fede, ma un minimo di dubbio sulle capacità di chi deve organizzare queste cose mi viene".

Archivio Ultima ora