L’aula dell’Eurocamera semivuota, Juncker: “Ridicoli”

Pubblicato il 04 luglio 2017 da ansa

STRASBURGO. – Nell’aula solitamente tranquilla del Parlamento europeo, soprattutto per gli standard italiani, la riunione plenaria ha rischiato di chiudersi con un incidente istituzionale senza precedenti. Jean-Claude Juncker doveva parlare dei risultati del semestre di presidenza maltese e delle proposte per i migranti ma l’aula semivuota dell’Eurocamera – presenti a inizio lavori solo una trentina di deputati su 751 – ha fatto perdere il controllo al presidente della Commissione Ue, e sono volati gli stracci.

“Il Parlamento europeo è ridicolo, siete ridicoli”, è sbottato Juncker, rifiutandosi poi di andare avanti con il suo discorso. Subito la difesa del presidente dell’Eurocamera, Antonio Tajani: “Moderi i termini – l’ha rimbeccato a più riprese -, lei può criticare ma è la Commissione sotto il controllo del Parlamento e non il contrario”.

Ne è nata una serie di scambi in crescendo. “Il fatto che ci siano solo una trentina di deputati presenti dimostra che il Parlamento europeo non è serio – ha attaccato Juncker -. Se ci fossero stati Angela Merkel o Macron e non un piccolo Paese come Malta non sarebbe stato così. Non parteciperò più a riunioni di questo tipo”.

Non è certo la prima volta che nell’emiciclo volano parole grosse. Bastino, per restare a episodi recenti, alcune esternazioni di Nigel Farage o di Matteo Salvini contro “i tecnocrati di Bruxelles”. Ma i veterani tra i frequentatori del Parlamento europeo non ricordano altri casi di un attacco così virulento all’aula da un leader di un’altra istituzione.

Unico precedente, lo scontro nel 2003 tra l’allora premier italiano Silvio Berlusconi e l’eurodeputato tedesco Martin Schulz, poi diventato capogruppo socialista e presidente del Parlamento. Nell’occasione, oltre a dare a Schulz del ‘kapò’, Berlusconi definì gli europarlamentari “turisti della democrazia”.

Tra i presidenti Juncker e Tajani, comunque, c’è stato un incontro di chiarimento. “Incidente chiuso”, ha fatto sapere Tajani. Anche se Juncker non avrebbe pronunciato la parola ‘scuse’ quanto piuttosto espresso “rammarico” per la scelta dei termini utilizzati. Sfumature per lasciare intendere da parte della Commissione che la critica di fondo rimane sul tavolo. Anche se al Parlamento europeo, su input dello stesso Tajani, già si ragiona su come gestire meglio l’organizzazione dei lavori per evitare che si ripeta la scena della plenaria semideserta in occasioni come questa.

L’exploit di Juncker ha ovviamente suscitato a sua volta una serie di reazioni a catena degli eurodeputati. “Juncker dovrebbe arrabbiarsi anche al Consiglio, quando ci sono innumerevoli riunioni in cui non si prendono decisioni, come tutte quelle sull’immigrazione”, ha detto ad esempio il capogruppo socialista Gianni Pittella. Mentre la capodelegazione del Pd Patrizia Toia, tra i pochi presenti in aula a inizio seduta, ha difeso i colleghi dando la colpa alle “troppe riunioni parallele”.

Più polemico l’eurodeputato del Pd Daniele Viotti. “Non tutto il nostro lavoro finisce in aula e non tutto il nostro lavoro si esplicita nel rendere omaggio al presidente della Commissione”, ha detto. La delegazione italiana del Ppe, invece, ha fatto sapere che l’assenza in aula era concordata con il capo delegazione maltese, che ha preso la parola a nome del gruppo in dissenso con il governo Muscat “ancora coinvolto in pesanti scandali”.

Una difesa d’ufficio di Juncker è arrivata infine dal suo vice, il commissario Frans Timmermans. “Cose che succedono quando i politici appassionati parlano con il cuore in mano”, ha minimizzato. Sui social network, intanto, l’episodio è diventato virale, con l’insulto di Juncker che rimbalza in video da utente a utente, alimentando commenti di ogni genere contro l’Ue. Incidente rientrato, insomma, ma un danno d’immagine resta.

(di Salvatore Lussu/ANSA)

Ultima ora

09:02Iraq: premier, cominciata operazione per riprendere Hawija

(ANSA-AP) - IRBIL, 21 SET - Le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riacquistare il controllo della città di Hawija (240 km a nord di Bagdad) in mano all'Isis: lo ha annunciato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. L'operazione e' cominciata oggi all'alba, solo due giorni dopo l'avvio dell'offensiva nella provincia occidentale di Anbar.

09:00Francia: Philippot, vice Le Pen, lascia Front National

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Terremoto nel Front National dopo la doppia sconfitta elettorale: il numero 2, considerato l'ideologo del partito, Florian Philippot, ha annunciato stamane sulla tv France 2, la sua uscita dal FN al culmine di una polemica con la presidente, Marine Le Pen. Ieri sera, la Le Pen aveva annunciato il ritiro delle deleghe nel partito a Philippot, dopo che il suo vice aveva rifiutato a più riprese di lasciare la presidenza del suo movimento, Les Patriotes.

08:54Iran: Tillerson, Trump non ha condiviso sua decisione

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Donald Trump ha preso la sua decisione se certificare o meno l'accordo su nucleare alla prossima scadenza prevista ma non l'ha condivisa con nessuno "esternamente", neppure con Theresa May che glielo aveva chiesto ieri: lo ha detto il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, dopo una riunione dei 5+1 a margine dell'assemblea Onu.

08:48Usa: Ivanka Trump si apre su depressione post parto

(ANSA) - WASHINGTON, 21 SET - Ivanka Trump parla in tv della sua esperienza con la depressione post parto, rivelando di averne sofferto "in qualche forma con ognuno dei miei bambini". La figlia del presidente Usa Donald Trump e sua consigliera alla casa Bianca lo ha detto durante la registrazione di un popolare programma condotto da un noto 'medico televisivo', il 'The Dr. Oz Show', che andra' in onda nei prossimi giorni e di cui sono state diffuse anticipazioni. "E' stato un periodo molto arduo ed emotivo per me", ha spiegato Ivanka, "sentivo come se non potessi essere all'altezza delle mie potenzialita' da genitore, o da imprenditrice o da manager". La figlia del presidente ha quindi ammesso che non aveva in principio intenzione di rivelare tali dettagli ma che si tratta di un tema importante "che riguarda genitori in tutto il paese". Ivanka e' sposata con Jared Kushner, tra i piu' stretti consiglieri del presidente Trump, e la coppia ha tre figli: Arabella di sei anni, Joseph di tre e Theodore di un anno.

08:37Messico: sisma, 115 morti nella capitale, totale 245

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - Il sindaco di Città del Messico, Miguel Angel Mancera, afferma che un totale di 115 persone sono morte nella capitale dopo il terremoto di magnitudo 7.1 che ha scosso la città e gli stati vicini. Ciò porta il numero di morti a livello nazionale a 245, basandosi sul precedente bilancio del governo federale.

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

Archivio Ultima ora