E’ iniziata la “Nueva era” del Monagas, ed ecco i suoi frutti

Pubblicato il 04 luglio 2017 da redazione

CARACAS – Il Monagas è una delle matricole della Primera División venezuelana. La formazione orientale ha disputato 19 dei suoi 29 anni di vita nelle massima serie, ma era sempre difficile vederla tra le prime otto e tantomeno vederla lottare per lo scudetto. Ma, nella seconda metà del 2016 c’è stata la svolta, quella che dallo stesso club con sede a Maturín hanno denominato come: “La Nueva Era”. E così ha potuto mettere in bacheca il primo títolo in Primera División, in passato aveva vinto la coppa di campione della Segunda División nel 2015.

Prima che ci fosse la svolta, sulla lavagna del mister c’erano due obiettivi: salvarsi e chiudere tra i primi otto della classifica. Durante gli inizi del XXI secolo, il Monagas ha disputato dei buoni campionati, riuscendo anche a salvarsi senza problemi. Poi c’è stato il declino fino ad arrivare alla retrocessione in Segunda nel 2013. Durante la sua permanenza in serie B, per due volta ha sfiorato la promozione, promozione poi realizzata nel 2015. Dopo un Torneo Apertura 2016 da mettere nel dimenticatoio, con acquisti non all’altezza e la squadra in piena lotta per non retrocedere. Vista la situazione, la dirigenza decide di fare una ristrutturazione e dare inizio a la denominata: “Nueva Era”.

La squadra ha messo su le basi per un progetto attraente, con giocatori che poi sarebbereo diventati fondamentali per vincere il título, vedi Luis ‘Cariaco’ González, Ángel Hernández ed altri. Però indubbiamente l’innesto fondamentale è stato l’arrivo del mister Jhonny Ferreira. Un tecnico giovane che con un gioco semplice, ma effettivo, aveva fatto un ottimo lavoro alla guida del Carabobo. Con lo stesso stile di gioco, ha portato il Monagas nell’Olimpo del calcio venezuelano.

Nel Clausura 2016, i Guerreros de Guarapiche si erano mostrati come una squadra solida. Dopo un inizio altalenante, la corazzata orientale ha iniziato ad oliare i suoi ingranaggi fino a chiudere la stagione regolare al terzo posto. Poi vengono eliminati al primo turno dell’Octagonal dal Deportivo Táchira, ma le meta stabilita ad inizio del Clausra era stata raggiunta.

Nel 2017 il club ha continuato con la sua rivoluzione, con l’obiettivo di continuare con l’ascesa alla vetta. Per questa stagione i suoi calciatori hanno iniziato ad indossare abbigliamento fornito dall’Adidas, lo scudo societario è stato cambiato e la dirigenza ha acquistato un pullman per le trasferte della squadra.

Poi sono arrivati campioni come Daniel Febles e Anthony Blondell che si sono adattati in fretta agli schemi di Ferreira. C’è da segnalare che Blondell è stato l’arma in più della corazzata orientale, ha fatto il suo esordio alla 5ta giornata, fino a quel momento la sua squadra aveva un record di 3 pareggi ed una sconfitta, con 4 gol fatti e 5 subiti. Invece dal suo ingresso nello scacchiere di Ferreira, i Guerreros del Guarapiche hanno avuto il seguente andamento: 9 vittorie, 7 pareggi, 3 sconfitte con 32 reti segnate e 19 subite. Il solo Blondell ha messo a segno 10 gol ed ha servito 4 assist (di cui quello del gol nella gara vinta all’andata contro il Caracas).

Con il suo gioco Ferreira è riuscito ad avere un reparto arretrato impenetrabile dove spicca la figura del portiere Ángel Herández ed un attacco letale con il tridente letale di González, Blondell e Febles. Grazie a questa svolta, iniziata nel Clausura 2016, il Monagas ha scritto con inchiostro blaugrana una nuova pagina nella Primera División venezuelana.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

19:43Barcellona: il dolore di Leo Messi “Sii forte”

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "C'è stato un attacco terroristico a Barcellona. Sii forte Barcellona": così il fuoriclasse del club blaugrana Leo Messi esprime il dolore, dopo l'attentato sulle Rambla, in un post con una foto che ritrae la città catalana dall'alto. Messaggio anche del Barca: "Con il cuore pesante per l'attacco alla nostra città. Tutta la forza e la stima per le vittime, le loro famiglie e cittadini di Barcellona", scrive il club catalano. "La città più bella del mondo, noi soffriamo per voi: forza e coraggio" il messaggio del'altro club, Espanyol.

19:12Calcio: Marotta, Juve e Milan favoritissime

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "La Juventus è favoritissima per la vittoria dello scudetto, altrettanto il Milan per la campagna acquisti dispendiosa che ha fatto". Questa la griglia di partenza della Serie A secondo l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta: "Tra le favorite ci sono anche l'Inter, che ha trovato stabilità - ha proseguito Marotta - e il Napoli, per continuità e processo di crescita che sta dando risultati". Assente nel vernissage di Villar Perosa il centrocampista francese Matuidi, ma non c'è nessun giallo: "Abbiamo - ha spiegato Marotta - un accordo verbale col Psg, ha sostenuto le visite mediche, non ha avuto tempo di venire qui ma a breve sarà ufficiale il suo trasferimento". Il dg bianconero blinda Alex Sandro. "Vuole rimanere qui, abbiamo respinto al mittente le richieste. Non tratteniamo gli scontenti, non c'è nessun caso, ma ci sono ancora 15 giorni per gestire eventuali richieste di altre società".

19:06Migranti: Serracchiani, Austria blocchi chi entra in Italia

(ANSA) - TRIESTE, 17 AGO - "Lo schieramento di 70 soldati austriaci sul Brennero può essere utile, se contribuiranno a limitare il flusso dei migranti illegali dall'Austria verso l'Italia". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando l'annuncio delle autorità austriache, a proposito di un imminente dispiegamento di militari sul confine con l'Italia. "Sappiamo che la campagna elettorale, in Austria come in Italia, induce ad alzare i toni e - ha continuato Serracchiani - a immaginare gesti a effetto, ma l'auspicio è che ci sia prima di tutto il senso di responsabilità a guidare determinate scelte. Questa in particolare non ha alcun effetto pratico e soprattutto è contraddittoria, dal momento che siamo noi, in particolare in Friuli Venezia Giulia, a registrare arrivi di migranti in rientro dai Paesi del nord. Per questo, è importante migliorare sempre di più la collaborazione tra forze dell'ordine sull'area confinaria".

19:00Calcio: Marotta, per Keita fatta offerta congrua

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "Keita? Un'opportunità che, per condizioni contrattuali ed età, tutte le società devono tentare di cogliere, nel rispetto del presidente Lotito e della Lazio". Così Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, sulla trattativa che coinvolge l'attaccante senegalese di proprietà dei biancocelesti: "Emre Can e Rabiot sono giocatori il cui contratto scade nel 2018, come Keita, ma che giocano titolari nelle loro squadre senza alcun dramma - ha aggiunto Marotta, a margine dell'amichevole in famiglia a Villar Perosa -. Noi abbiamo fatto un'offerta a Lotito che riteniamo congrua, lui è padrone di decidere le strategie in casa propria e noi ci siamo ritirati".

18:41F.1: Alonso, senza progetto vincente lascio

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Un progetto vincente o lascio la F1": Fernando Alonso ha le idee chiare sul suo futuro nel Circus e dice "tra novembre e dicembre deciderò il da farsi". Parlando con la CNN durante la pausa estiva, il 36enne pilota della McLaren ha fatto sapere che se la F1 non gli darà più occasione di primeggiare "guarderò altrove. La F1 è ancora la mia priorità, è la mia vita e vincere il campionato mondiale è quello che spero", ha detto il due volte iridato. "Se non vedo nessun progetto che mi permetterà di battermi per la vittoria, guarderò al di fuori del F1. Questa è una decisione che prenderò a fine anno. Prima, valuterò e proverò ogni possibilità". A 36 anni la fame di successo di Alonso resta comunque intatta, come ha dimostrato la sua esperienza alla 500 Miglia di Indianapolis a maggio. "Ho corso lì e ho provato ancora la sensazione che posso vincere questa gara - ha affermato - e la sensazione di poter vincere quella gara è stata davvero speciale".

18:33Auguri a amichetta con spray su Palazzo Gotico, identificati

(ANSA) - PIACENZA, 17 AGO - Identificati e denunciati i vandali che settimane fa avevano deturpato il palazzo Gotico di piazza Cavalli, monumento simbolo di Piacenza, lasciando sull'antico colonnato e sulle scalinate scritte con vernice spray nera per festeggiare il 18/o compleanno di una ragazza. La polizia municipale è risalita agli autori, tre minorenni amici di "Aurora", la festeggiata neo maggiorenne il cui nome appariva nei graffiti. Convocata al Comando di via Rogerio, la ragazza ha ammesso che i festeggiamenti, la sera stessa della data impressa sul Palazzo Gotico, erano terminati insieme a amici e amiche in piazza Cavalli, e che le scritte erano state realizzate proprio in quel momento. La giovane ha fornito elementi utili per rintracciare i deturpatori: i tre - due ragazze e un ragazzo - sono stati convocati e indagati, con trasmissione del fascicolo alla Procura minorile di Bologna. I genitori si sono dichiarati disponibili a rifondere il danno, chiedendo di incontrare gli assessori competenti per porgere le scuse.

18:33Calcio: Bologna ufficializza l’arrivo di Palacio

(ANSA) - BOLOGNA, 17 AGO - Rodrigo Palacio è ufficialmente un giocatore del Bologna. L'attaccante argentino, 35 anni, ha firmato il contratto che lo legherà al club rossoblù per la stagione 2017/18 e indosserà la maglia n. 24. Il nuovo arrivo ha già svolto fra ieri e oggi due sessioni di allenamento differenziato, ma difficilmente sarà fra i convocati per la partita di domenica contro il Torino. Palacio, in Italia dalla stagione 2009/2010, ha vestito le casacche di Genoa (tre anni) e Inter (cinque anni), realizzando complessivamente 74 gol in campionato, 35 coi rossoblù e 39 coi nerazzurri. Vanta inoltre 28 presenze e 3 reti con la nazionale argentina, con la quale ha disputato i Mondiali del 2006 e del 2014. "Sono sorpreso, non mi aspettavo di trovare tanti giocatori forti e un centro tecnico così bello, speriamo di fare un buon campionato", sono state le prime parole di Palacio dopo la firma dell'accordo.

Archivio Ultima ora