Corea del Nord: scontro all’Onu sulle sanzioni. Freno Russia-Cina

Pubblicato il 05 luglio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Aumentano la tensione e le divisioni con Russia e Cina sulla Corea del Nord dopo il primo test di un missile balistico intercontinentale che potrebbe raggiungere l’Alaska, uno dei “pacchi regalo” promessi anche in futuro dal dittatore Kim Jong-un agli Stati Uniti. Donald Trump non ha ancora deciso quale strategia seguire, anche se intanto vuole rafforzare la morsa delle sanzioni, come ha annunciato in una riunione d’urgenza del consiglio di sicurezza l’ambasciatrice Usa Niki Haley, che presenterà una bozza nei prossimi giorni, con il forte sostegno di Parigi e Londra.

Haley però ha lanciato altri due messaggi forti. Primo: le azioni della Corea del Nord “stanno chiudendo rapidamente la possibilità di una soluzione diplomatica” e gli Usa “sono pronti a usare qualsiasi mezzo”, inclusa la “forza militare, se dovremo”. Secondo: gli Usa vogliono lavorare con la Cina ma sono pronti a tagliare i loro rapporti commerciali con tutti i Paesi che hanno relazioni con Pyongyang in violazione delle risoluzioni Onu. Un chiaro avviso per Pechino.

Ma Russia e Cina, dopo la rinnovata alleanza fra Putin e Xi, fanno fronte comune sostenendo che “deve essere esclusa l’ipotesi di una azione militare” e chiedendo lo stop allo scudo antimissile Usa Thaad in Corea del sud. Mosca inoltre ha messo le mani avanti su nuove sanzioni, sostenendo che è inaccettabile strangolare economicamente la Corea del nord.

Il presidente americano vuole sondare personalmente la comunità internazionale nell’imminente G20. E vuole vedere come andranno gli incontri con due leader chiave del dossier, Vladimir Putin e Xi Jinping, che hanno già proposto una soluzione congiunta: la moratoria del programma missilistico e nucleare nordcoreano, insieme alla contemporanea rinuncia allo scudo missilistico americano e alle maxi esercitazioni congiunte di Usa e Corea del Sud, che però hanno risposto immediatamente a Pyongyang con il lancio di missili balistici.

Un altro monito è arrivato dal gen. Vincent K. Brooks, comandante delle truppe americane a Seul: “L’autocontrollo, che è una scelta, è tutto quello che separa armistizio e guerra”, ha scritto in un comunicato congiunto con il gen. Lee Sun-jin, capo del Comando di Stato maggiore sudcoreano, riferendosi alla tregua del 1953 che non ha mai concluso ufficialmente la Guerra di Corea. “Siamo in grado di cambiare la nostra scelta quando ciò è ordinato dai leader della nostra alleanza. Sarebbe un grave errore per chiunque credere il contrario”, ha avvisato Brooks.

Trump invece continua a tener alta la tensione su Pechino, frustrato dalla sua incapacità – o non volontà – di disinnescare la miccia nordcoreana: “Il commercio tra la Cina e la Corea del Nord è cresciuto di quasi il 40% nel primo trimestre. Proprio così, con tutto che Pechino sta lavorando con noi – ma dovevamo fare un tentativo!”, ha punzecchiato.

Del resto, che la luna di miele con Xi sia già finita lo rivelano altri segnali lanciati da Trump: dalle sanzioni a una banca cinese che aiutava Pyongyang alla vendita di armi a Taiwan, dall’invio di una nave da guerra in acque rivendicate da Pechino alla guerra commerciale sull’acciaio. Trump ha fatto capire che gli Usa sono pronti ad agire da soli, ma anche l’opzione militare appare improbabile e rischiosissima, sia che si trattasse di un “attacco chirurgico” o di una invasione.

Il capo del Pentagono Jim Mattis ha già ammesso che “sarebbe probabilmente il peggiore conflitto nell’arco della vita di gran parte delle persone”. Il numero delle vittime stimato andrebbe da 60 mila (se i bersagli fossero solo militari) a 300 mila persone. Per questo Trump finora non ha tracciato linee rosse e rischia di restare prigioniero delle politiche dei suoi predecessori.

Secondo il Nyt, “l’unica opzione realistica” resta l’avvio di negoziati. Kim minaccia nuovi test ma tiene la porta aperta: “La Corea del Nord non metterà mai sul tavolo dei negoziati le sue testate nucleari e i suoi missili balistici, né arretrerà di un centimetro dalla strada del rafforzamento della sua forza nucleare, a meno che non si metta termine definitivamente alla politica ostile degli Usa e alla minaccia nucleare al nostro Paese”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

09:02Iraq: premier, cominciata operazione per riprendere Hawija

(ANSA-AP) - IRBIL, 21 SET - Le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riacquistare il controllo della città di Hawija (240 km a nord di Bagdad) in mano all'Isis: lo ha annunciato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. L'operazione e' cominciata oggi all'alba, solo due giorni dopo l'avvio dell'offensiva nella provincia occidentale di Anbar.

09:00Francia: Philippot, vice Le Pen, lascia Front National

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Terremoto nel Front National dopo la doppia sconfitta elettorale: il numero 2, considerato l'ideologo del partito, Florian Philippot, ha annunciato stamane sulla tv France 2, la sua uscita dal FN al culmine di una polemica con la presidente, Marine Le Pen. Ieri sera, la Le Pen aveva annunciato il ritiro delle deleghe nel partito a Philippot, dopo che il suo vice aveva rifiutato a più riprese di lasciare la presidenza del suo movimento, Les Patriotes.

08:54Iran: Tillerson, Trump non ha condiviso sua decisione

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Donald Trump ha preso la sua decisione se certificare o meno l'accordo su nucleare alla prossima scadenza prevista ma non l'ha condivisa con nessuno "esternamente", neppure con Theresa May che glielo aveva chiesto ieri: lo ha detto il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, dopo una riunione dei 5+1 a margine dell'assemblea Onu.

08:48Usa: Ivanka Trump si apre su depressione post parto

(ANSA) - WASHINGTON, 21 SET - Ivanka Trump parla in tv della sua esperienza con la depressione post parto, rivelando di averne sofferto "in qualche forma con ognuno dei miei bambini". La figlia del presidente Usa Donald Trump e sua consigliera alla casa Bianca lo ha detto durante la registrazione di un popolare programma condotto da un noto 'medico televisivo', il 'The Dr. Oz Show', che andra' in onda nei prossimi giorni e di cui sono state diffuse anticipazioni. "E' stato un periodo molto arduo ed emotivo per me", ha spiegato Ivanka, "sentivo come se non potessi essere all'altezza delle mie potenzialita' da genitore, o da imprenditrice o da manager". La figlia del presidente ha quindi ammesso che non aveva in principio intenzione di rivelare tali dettagli ma che si tratta di un tema importante "che riguarda genitori in tutto il paese". Ivanka e' sposata con Jared Kushner, tra i piu' stretti consiglieri del presidente Trump, e la coppia ha tre figli: Arabella di sei anni, Joseph di tre e Theodore di un anno.

08:37Messico: sisma, 115 morti nella capitale, totale 245

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - Il sindaco di Città del Messico, Miguel Angel Mancera, afferma che un totale di 115 persone sono morte nella capitale dopo il terremoto di magnitudo 7.1 che ha scosso la città e gli stati vicini. Ciò porta il numero di morti a livello nazionale a 245, basandosi sul precedente bilancio del governo federale.

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

Archivio Ultima ora