Intesa Milan-Donnarumma, la firma attesa nel fine settimana

Pubblicato il 06 luglio 2017 da ansa

Prima i fischi, appena prendeva la palla, poi anche uno striscione offensivo (“Dollarumma”) e addirittura le fotocopie di dollari poi gettate in campo dietro la porta: è cominciato così l’Europeo Under 21 di Gigio Donnarumma, portiere dell’U21 azzurra, in campo a Cracovia contro i pari età danesi.
ANSA/FERMO IMMAGINE

MILANO. – Il Milan e Gianluigi Donnarumma hanno finalmente trovato un’intesa sul prolungamento del contratto. Mancano solo la firma, epilogo una telenovela che ha visto la puntata decisiva andare in scena in un hotel a pochi chilometri da Casa Milan. Da una parte l’ad e il ds rossoneri, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, dall’altra non solo i procuratori del portiere, Mino ed Enzo Raiola, mamma Marinella e papà Alfonso, per la prima volta al tavolo delle trattative.

Concluso con una stretta di mano fra Fassone e Mino Raiola, l’incontro pare proprio quello determinante. Secondo indiscrezioni l’ufficialità è attesa entro il fine settimana, dopo mesi di rotture, ripensamenti, fughe in avanti, frenate e schermaglie mediatiche.

Le ultime risalgono a ieri, quando Fassone ha confermato che la proposta rossonera (quinquennale da 6 milioni di euro per Donnarumma, e da un milione di euro per il fratello Antonio) era stata approvata dal giocatore e dalla sua famiglia mentre non c’era ancora accordo con Raiola sulla clausola da 100 milioni di euro, dimezzata in caso di mancata qualificazione alla Champions e una serie di corollari economici, ossia le sue commissioni.

La presenza dei signori Donnarumma al fianco dei due procuratori significa che il fronte del calciatore è allineato, e conferma che la famiglia e il portiere hanno voluto fortemente prolungare il rapporto con il Milan. A sua volta il club, secondo quanto viene fatto filtrare, non avrebbe accettato compromessi sulle clausole, determinando commissioni definite “normali” per una simile operazione. Ora al massimo restano dettagli di cui potrebbe aver discusso Enzo Raiola con i dirigenti rossoneri in una secondo riunione avvenuta poco dopo a Casa Milan.

Il portiere ha seguito queste ultime fasi da Ibiza, dove ha deciso di volare lunedì senza sostenere l’esame di maturità, che a questo punto è rinviato all’estate prossima, quella del Mondiale 2018. A Milanello lo attendono martedì prossimo ma non è escluso che possa rientrare prima a Milano per mettere la firma sul suo primo contratto da professionista, che lo renderà il calciatore italiano più pagato in Serie A, con un ingaggio trenta volte superiore a quello di Buffon alla sua età.

Quest’anno il diciottenne era invece il meno pagato fra i titolari rossoneri, nonostante lo status di unica stella della squadra e idolo dei tifosi, ottenuto una parata dopo l’altra. La mancanza di gesti di particolare riconoscenza da parte della società a fine stagione, una serie di crisi diplomatiche in avvio di negoziato, assieme allo scetticismo di Raiola nei confronti del progetto cinese, nonché le richieste economiche dello stesso procuratore, sono concause della prima rottura: il 15 giugno Raiola annuncia a Fassone che Donnarumma non intende accettare la proposta di rinnovo da 5 milioni di euro.

Mentre l’Europeo Under 21 del portiere è turbato dalla bufera di critiche sui social e dal lancio di soldi finiti da parte del Milan Club Polonia, la trattativa fra le parti riprende dietro le quinte: il club sospende la ricerca di un sostituto e comincia ad avere un ruolo sempre più incisivo la famiglia Donnarumma, in particolare Antonio, destinato ora a fare la riserva della riserva del fratello Gianluigi. Lascia il segno anche la visita di Montella a casa Donnarumma a Castellammare di Stabia, ma il negoziato si sblocca solo domenica scorsa quando il Milan alza l’offerta di un milione, includendo Antonio nel pacchetto. Dopo qualche giorno di suspense, ora la firma sembra proprio l’unico elemento che manca.

Ultima ora

17:22Venezia, sindaco per un giorno fa il netturbino

(ANSA) - VENEZIA, 16 AGO - Guanti d'ordinanza e divisa della municipalizzata, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro si è improvvisato netturbino per un giorno, assistendo oggi gli operatori di 'Veritas' nella raccolta dei rifiuti porta a porta lungo le calli di Dorsoduro. La raccolta 'porta a porta' dei rifiuti a Venezia, iniziata recentemente, è stata un progetto sul quale Brugnaro ha voluto puntare fin dal suo insediamento e che, e in questi ultimi due anni ha già toccato quasi tutti i sestieri del centro storico. Ad ottobre sarà estesa anche a Cannaregio e la copertura totale del territorio lagunare avverrà entro febbraio 2018 con Castello. Al termine della raccolta porta a porta, il sindaco ha voluto seguire il tragitto delle imbarcazioni fino alla stazione di travaso di Sacca San Biagio. "Ho voluto toccare con mano la fatica di raccogliere la spazzatura nel centro storico - ha detto - e capire di persona la validità di questo progetto, avviato sperimentalmente a settembre del 2015 e ormai allargato a quasi tutta la città". (ANSA).

17:21Tenta espatriare con figlie minori, bloccato alla frontiera

(ANSA) - RIMINI, 16 AGO - Tenta di espatriare con le figlie minorenni, contro il volere della madre delle ragazzine approfittando del ponte di Ferragosto, ma la sua fuga è finita alla frontiera con la Svizzera, grazie all'intervento della Questura di Rimini. A presentare denuncia e ottenere il provvedimento d'urgenza del giudice tutelare di Rimini nei confronti dell'ex, la madre delle due, una di 16 l'altra di 9 anni, domiciliate nel Riminese. L'uomo, 43 anni, campano, secondo le informazioni fornite dalla donna all'ufficio passaporti e poi agli investigatori della Questura, sarebbe dovuto passare per prendere con sé le figlie e portarle all'estero, nel tentativo di non farle più vedere alla madre. Immediate le misure della polizia che prima ha contattato il 43enne per tentare di dissuaderlo annunciando la notifica del blocco dell'espatrio e poi ha diramato la segnalazione alla frontiera. Domenica una pattuglia ha rintracciato l'uomo con le due figlie poco prima che lasciassero l'Italia su un pullman. La madre è andata a riprenderle.(ANSA).

17:20Sicilia: Armao o Musumeci, Fi accelera su scelta candidato

(ANSA) - PALERMO, 16 AGO - Nello Musumeci o Gaetano Armao: sarebbero ormai questi i due nomi su cui sta lavorando Forza Italia per le regionali del 5 novembre in Sicilia. Secondo quanto filtra da ambienti di Fi, stamani Gianfranco Miccichè, ha avuto nuovi colloqui con alcuni dirigenti del partito e con esponenti di Ap. Nonostante le continue chiusure da parte di FdI a un intesa con il partito di Alfano, Miccichè sta proseguendo nel tentativo di trovare un accordo complessivo per ricostruire il centrodestra attorno al modello del Ppe europeo; in questo schema il candidato alla presidenza della Regione dovrebbe essere l'avvocato Gaetano Armao, ex assessore all'Economia nel governo di Raffaele Lombardo. Senza intesa, invece, Forza Italia alla fine potrebbe convergere su Musumeci, in passato sottosegretario nel governo Berlusconi. Incontri e colloqui si susseguono a ritmi serrati tra i partiti del centrodestra e il quadro potrebbe essere più chiaro nel giro di 48 ore.

17:18Palio Siena: problema a cavallo, Lupa non correrà

(ANSA) - FIRENZE, 16 AGO - La Lupa non correrà il Palio di Siena in programma nel tardo pomeriggio di oggi per un problema a Quore de Sedini, il cavallo toccato in sorte alla contrada. La decisione di escludere la Lupa dalla Carriera dedicata alla Madonna dell'Assunta è stata presa dal sindaco Bruno Valentini dopo il "responso unanime del collegio veterinario, composto dal veterinario comunale, dal collega nominato dal magistrato delle contrade e dal veterinario della contrada della Lupa" che ha "sancito l'impossibilità di correre per un'insorta zoppia all'arto posteriore destro". E' quanto rende noto il Comune di Siena. In una nota si spiega che è stata "attivata la procedura prevista dall'art. 50 del regolamento del Palio nei confronti del cavallo Quore de Sedini". La Lupa l'anno scorso aveva vinto sia il Palio del 2 luglio che quello del 16 agosto con la stessa accoppiata fantino-cavallo ovvero il pistoiese Jonathan Bartoletti detto 'Scompiglio' su Preziosa Penelope.

17:08Sicilia: Leoluca Orlando convoca Mdp e Si, nodo alleanza

(ANSA) - PALERMO, 16 AGO - Alleanza e candidato da sostenere per la presidenza della Regione siciliana: si discuterà di questo nel vertice convocato da Leoluca Orlando, in programma domani alle 10 a Palazzo delle Aquile, con i dirigenti di Mdp e Sinistra italiana. Dalla riunione, ragionano fonti della sinistra, dovrebbe emergere una posizione chiara e definitiva rispetto all'ipotesi di creare un 'campo largo', sul 'modello Palermo' assieme al Pd e a forze centriste. Mdp e Si, assieme a Orlando, hanno sempre sostenuto il principio della discontinuità nella scelta del programma e del candidato rispetto al governatore Rosario Crocetta e ai partiti che lo hanno sostenuto.

16:59Pil: Alfano, cresce grazie a stabilità garantita da noi

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Il #Pil è al massimo livello di crescita da 6 anni. Il motivo è la stabilità. L'abbiamo garantita noi. Le nostre scelte hanno premiato l'Italia". Lo scrive su twitter il leader di Ap, Angelino Alfano.

16:33Calcio: ricorso respinto, C.Ronaldo torna in Liga il 20/9

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Il 'Comitè de Competicion', l'organo disciplinare della Federcalcio spagnola, ha respinto il ricorso del Real Madrid avverso la maxisqualifica a Cristiano Ronaldo, confermando le 5 giornate di stop decise dal giudice sportivo. Lo scrive il catalano 'Sport', secondo cui la commissione d'Appello ha deciso di non 'cancellare' il secondo giallo comminato a CR7 per la presunta simulazione in area (punibile con una giornata di squalifica), mentre ha ovviamente confermato i quattro turni di stop per la spinta all'arbitro De Burgos Bengoetxea. Cristiano Ronaldo salterà dunque il ritorno di Supercoppa stasera al Bernabeu contro il Barcellona e le prime 4 gare di campionato contro Deportivo, Valencia, Levante e Real Sociedad. Il quattro volte Pallone d'Oro farà così il suo debutto in campionato solo il 20 settembre, contro il Betis.

Archivio Ultima ora