Padoan: “Finiti i focolai di crisi bancarie”. Attesa su rimborsi

Pubblicato il 06 luglio 2017 da ansa

ROMA. – Con l’accordo per il salvataggio di Mps e delle banche venete si sono chiusi i “focolai di crisi” per le banche. A rivendicare l’azione del governo per sostenere il sistema bancario è il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, “fiducioso” che anche l’ultimo passaggio che manca per Veneto Banca e Popolare Vicenza, cioè l’approvazione del decreto che fa da cornice all’intervento di Intesa, si possa chiudere rapidamente e senza sostanziali modifiche.

Nelle stesse ore però si registra da un lato il nulla di fatto in commissione Finanze della Camera, che ha chiuso l’esame del provvedimento senza portare a casa le modifiche più attese, a partire da quelle per ampliare la platea dei risparmiatori. Dall’altro lato arriva invece l’affondo di Jeroen Dijsselbloem, che imputa proprio al “sistema politico italiano” la responsabilità di essere il freno alle riforme del sistema delle banche, aggiungendo peraltro che proprio i principi del bail in, che per Deutsche Bank sono stati ‘aggirati’ dall’Italia, hanno bisogno “di ritocchi significativi”.

La soluzione trovata dalle autorità europee insieme a Roma per le banche venete sarà peraltro al centro della riunione dell’Eurogruppo di lunedì, al quale, in via eccezionale, parteciperà anche il commissario alla concorrenza Margrethe Vestager, insieme ai capi di Single Resolution Board e di Single Supervisory Mechanism della Bce, Elke Konig e Danielle Nouy.

“Abbiamo rimesso in carreggiata la quarta banca del Paese” con riferimento a Mps, mentre “le banche venete sono state rilevate da Intesa che non ha problemi di credibilità” ha sottolineato Padoan, respingendo nuovamente le critiche arrivate in queste ultime settimane: “Una volta – ha detto con una battuta – si diceva che in Italia c’erano 50-60 milioni di commissari tecnici della nazionale. Mi sembra che siano diventati 50-60 milioni di ministri delle Finanze…”.

In Parlamento però la “migliore delle misure possibili” messa in campo per le banche venete ha incontrato un empasse: nonostante la volontà, rimasta, di chiudere rapidamente l’esame del decreto, la commissione Finanze non è riuscita a concludere il vaglio degli oltre 500 emendamenti lasciando in attesa anche la proposta del relatore, Giovanni Sanga (Pd), che raccoglie diverse istanze dei deputati.

In primis prevede che il rimborso per i risparmiatori delle venete avvenga per le obbligazioni acquistate entro il 1 febbraio 2016 anziché entro il 12 giugno 2014, data della pubblicazione nella G.U. Ue della direttiva sul bail in applicata anche nel caso delle 4 banche. Ma le venete, è il ragionamento che si fa nella maggioranza, in quel periodo erano ancora considerate solide, salvo poi precipitare nella crisi che ha portato ora alla liquidazione coatta, e i risparmiatori hanno continuato ad acquistare obbligazioni subordinate.

Altro capitolo sospeso la stretta sulla responsabilità dei manager che, nelle intenzioni dei Dem – apprezzate anche dagli altri gruppi – saranno automaticamente condannati all’interdizione perpetua se viene riconosciuta dal giudice la responsabilità in sede civile dei dissesti.

Questi temi, secondo quanto viene riferito, hanno bisogno ancora di qualche approfondimento – anche sull’eventuale aggravio di costi a carico di Intesa sul fronte dei rimborsi – motivo che ha spinto la commissione a chiudere con il mandato al relatore rinviando alla prossima settimana (con un probabile ritorno in commissione del testo) il voto di queste correzioni. Difficile che vengano invece ripescate alcune modifiche ‘tecniche’ che aveva presentato il governo, con un emendamento poi ritirato per evitare di incappare in una bocciatura ‘procedurale’.

(di Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

14:28Rissa dopo sconfitta a calcetto, denunciata intera squadra

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Una serata di sport, e di svago, è finita a botte, con i carabinieri costretti a intervenire in un centro sportivo di Venaria Reale, nel Torinese, per sedare una rissa. Denunciata una intera squadra di calcetto, cinque persone tra i 18 e i 52 anni che, sconfitti 14-0 sul campo, hanno pensato bene di vendicarsi aggredendo gli avversari negli spogliatoi. Tre le persone costrette a farsi medicare per le ferite, con prognosi tra gli otto e i dieci giorni. Per i calciatori violenti è scattata la denuncia per lesioni personali aggravate in concorso. Tre di loro hanno alcuni precedenti penali.(ANSA).

14:28Referendum: Martina, oggi astensione consapevole

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Oggi astensione consapevole al #referendumlombardia. Si è sprecato tempo e denaro per un quesito inutile": lo scrive questa mattina in un tweet Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole e vicesegretario del Partito Democratico.

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

Archivio Ultima ora