Padoan: “Finiti i focolai di crisi bancarie”. Attesa su rimborsi

Pubblicato il 06 luglio 2017 da ansa

ROMA. – Con l’accordo per il salvataggio di Mps e delle banche venete si sono chiusi i “focolai di crisi” per le banche. A rivendicare l’azione del governo per sostenere il sistema bancario è il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, “fiducioso” che anche l’ultimo passaggio che manca per Veneto Banca e Popolare Vicenza, cioè l’approvazione del decreto che fa da cornice all’intervento di Intesa, si possa chiudere rapidamente e senza sostanziali modifiche.

Nelle stesse ore però si registra da un lato il nulla di fatto in commissione Finanze della Camera, che ha chiuso l’esame del provvedimento senza portare a casa le modifiche più attese, a partire da quelle per ampliare la platea dei risparmiatori. Dall’altro lato arriva invece l’affondo di Jeroen Dijsselbloem, che imputa proprio al “sistema politico italiano” la responsabilità di essere il freno alle riforme del sistema delle banche, aggiungendo peraltro che proprio i principi del bail in, che per Deutsche Bank sono stati ‘aggirati’ dall’Italia, hanno bisogno “di ritocchi significativi”.

La soluzione trovata dalle autorità europee insieme a Roma per le banche venete sarà peraltro al centro della riunione dell’Eurogruppo di lunedì, al quale, in via eccezionale, parteciperà anche il commissario alla concorrenza Margrethe Vestager, insieme ai capi di Single Resolution Board e di Single Supervisory Mechanism della Bce, Elke Konig e Danielle Nouy.

“Abbiamo rimesso in carreggiata la quarta banca del Paese” con riferimento a Mps, mentre “le banche venete sono state rilevate da Intesa che non ha problemi di credibilità” ha sottolineato Padoan, respingendo nuovamente le critiche arrivate in queste ultime settimane: “Una volta – ha detto con una battuta – si diceva che in Italia c’erano 50-60 milioni di commissari tecnici della nazionale. Mi sembra che siano diventati 50-60 milioni di ministri delle Finanze…”.

In Parlamento però la “migliore delle misure possibili” messa in campo per le banche venete ha incontrato un empasse: nonostante la volontà, rimasta, di chiudere rapidamente l’esame del decreto, la commissione Finanze non è riuscita a concludere il vaglio degli oltre 500 emendamenti lasciando in attesa anche la proposta del relatore, Giovanni Sanga (Pd), che raccoglie diverse istanze dei deputati.

In primis prevede che il rimborso per i risparmiatori delle venete avvenga per le obbligazioni acquistate entro il 1 febbraio 2016 anziché entro il 12 giugno 2014, data della pubblicazione nella G.U. Ue della direttiva sul bail in applicata anche nel caso delle 4 banche. Ma le venete, è il ragionamento che si fa nella maggioranza, in quel periodo erano ancora considerate solide, salvo poi precipitare nella crisi che ha portato ora alla liquidazione coatta, e i risparmiatori hanno continuato ad acquistare obbligazioni subordinate.

Altro capitolo sospeso la stretta sulla responsabilità dei manager che, nelle intenzioni dei Dem – apprezzate anche dagli altri gruppi – saranno automaticamente condannati all’interdizione perpetua se viene riconosciuta dal giudice la responsabilità in sede civile dei dissesti.

Questi temi, secondo quanto viene riferito, hanno bisogno ancora di qualche approfondimento – anche sull’eventuale aggravio di costi a carico di Intesa sul fronte dei rimborsi – motivo che ha spinto la commissione a chiudere con il mandato al relatore rinviando alla prossima settimana (con un probabile ritorno in commissione del testo) il voto di queste correzioni. Difficile che vengano invece ripescate alcune modifiche ‘tecniche’ che aveva presentato il governo, con un emendamento poi ritirato per evitare di incappare in una bocciatura ‘procedurale’.

(di Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

18:56Calcio: serie B, Brescia Avellino 2-3

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Gran colpo dell'Avellino che nel posticipo della 22/a giornata di serie B espugna il campo di Brescia al termine di una gara con cinque gol e continui cambi di scenario: finisce 3-2 per la squadra di Novellino. L'Avellino passa in vantaggio al 16': cross da sinistra di Bidaoui sul secondo palo dove è appostato Molina che non sbaglia. Il Brescia ribalta però la partita in un minuto: tra il 27' e il 28' ecco la doppietta di Torregrossa con il primo gol di testa, il secondo di destro potente. Non è tutto perchè nella ripresa c'è un altro colpo di scena: l'Avellino prima fa il 2-2 (all'8') con Castaldo e poi trova il vantaggio al 15' con Bidaoui. In entrambe le circostanze, pasticci della difesa di casa. L'Avellino sale a quota 28 punti, il Brescia resta a 23.

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

18:47Calcio: Spalletti, dispiace se Nainggolan va in Cina

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Il calcio è fatto così. A Roma sanno cosa fare, negli ultimi anni sono sempre stati in alta classifica. Ora hanno passato il turno di Champions, hanno giocatori di altissimo livello, Di Francesco ha ottenuto ottimi risultati. Bisogna essere pronti a gestire queste situazioni". Dai microfoni di Premium Sport Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, commenta così, a poche ore dalla partita contro la Roma, l'eventuale cessione di Dzeko e Nainggolan da parte del club giallorosso. "Mi dispiacerebbe - dice - se Nainggolan finisse in Cina, è un alieno e per questo a volte fa anche delle cavolate ma è un giocatore fantastico".

18:46M5s: Di Maio, Grillo sarà sempre parte fondamentale M5S

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "C'è stato un tempo in cui una sola persona poteva riunire" un grande numero di persone ed era "Beppe Grillo, che sarà sempre una parte fondamentale del Movimento". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il programma M5S di governo.

18:46Calcio: cinquina Lazio, Crotone sbanca Verona

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Lazio perde Immobile per infortunio ma batte comunque 5-1 il Chievo e sale momentaneamente al terzo posto in classifica, in attesa del posticipo di stasera tra Inter e Roma. Importanti risultati per la parte bassa della classifica: il Crotone ha vinto 3-0 a Verona, portandosi in zona salvezza, mentre il Bologna ha sconfitto con lo stesso risultato il Benevento, ora ultimo dietro al Verona. La Spal ha preso un punto buono a Udine. La Samp batte la viola con una tripletta di Quagliarella, che scavalca Dybala nella classifica marcatori con 15 reti. Risultati: Bologna-Benevento 3-0; Lazio-Chievo 5-1; Sampdoria-Fiorentina 3-1; Sassuolo-Torino 1-1; Udinese-Spal 1-1; Verona-Crotone 0-3. Alle 18 Cagliari-Milan, alle 20.45 INter-Roma; domani Juventus-Genoa.

Archivio Ultima ora