No agli sbarchi nei porti Ue, bocciata la proposta dell’Italia

Pubblicato il 06 luglio 2017 da ansa

(Borja Ruiz Rodriguez/MSF via AP)

TALLINN. – Un ‘no’ pesante dei partner Ue alla richiesta italiana di aprire gli altri porti europei per condividere la pressione dei migranti salvati nel Mediterraneo centrale. Due promesse sulla Libia e sui rimpatri, ed un ‘mandato’ a lavorare al codice di condotta per le ong di concerto con Bruxelles. E’ il bagaglio con cui il capo del Viminale Marco Minniti riparte da Tallin, dalla prima riunione che l’Ue dedica veramente alla crisi dei migranti in Italia.

Nonostante il muro eretto dai partner, Minniti ha comunque annunciato che sulla questione dei porti, la cosiddetta ‘regionalizzazione’, non è stata ancora detta l’ultima parola. Roma difenderà il suo punto di vista “con fermezza” all’incontro con Frontex e gli Stati coinvolti nell’operazione Triton, fissato a Varsavia per l’11 luglio: “Sarà quella la sede giusta per discutere della revisione del piano operativo” della missione. Perché al di là delle dichiarazioni rilasciate dai ministri arrivando alla riunione, ha evidenziato Minniti, “all’incontro il tema non era in agenda e non è stato trattato”.

Ma a dare la misura di quanto l’ipotesi italiana sia pressoché una ‘mission impossible’ è la sfilza dei ‘no’ arrivati uno dopo l’altro da vari Stati membri, con la Germania in testa, dopo quelli già espressi da Parigi e Madrid. “Non sosteniamo la cosiddetta regionalizzazione delle operazioni di salvataggio”, ha chiarito secco il ministro tedesco Thomas de Maiziere, animato dal timore che l’iniziativa possa dare il via ad un nuovo ‘pull factor’ (effetto attrazione).

“Aprire più porti non risolverà il problema”, ha avvertito anche l’olandese Stef Blok. “E’ difficile pensare di dire ad una nave con a bordo migranti sofferenti di andare mille miglia più avanti”, ha indicato invece il lussemburghese Jean Asselborn. “L’Italia ha chiesto aiuto e noi vogliamo dargliene, ma i nostri porti sono già sottoposti ad una pressione importante”, ha concluso lo spagnolo Ignacio Zoido. Lo stesso commissario Ue Dimitris Avramopoulos non ha nascosto che “l’obiettivo di Triton così com’è attualmente, è chiaro”. Anche se “serve più lavoro all’interno dell’Ue e con i vicini nordafricani per condividere il peso ed assicurare che l’Italia non sia lasciata sola”.

L’unanimità dei ministri europei – come dimostrato dalla dichiarazione della presidenza estone del consiglio Ue – si è vista invece sull’impegno a lavorare con l’Africa, a partire dalla Libia. Un intervento non scontato, data la situazione di instabilità.

Ma di fronte ai progressi compiuti grazie al ruolo dell’Italia, si è deciso di investire risorse e impegno politico per rafforzare la guardia costiera libica sul controllo delle proprie acque territoriali; accrescere la presenza delle agenzie Onu, Oim e Unhcr, per migliorare le condizioni nei centri d’accoglienza; e rafforzare la frontiera sud della Libia, anche trasformando le potenzialità delle tribù per formare una moderna guardia di frontiera. Un lavoro collegato al rapporto costruito con Niger e Ciad, che completano la cintura meridionale della Libia.

Il 24 luglio, al secondo appuntamento del gruppo di contatto Europa-Africa settentrionale, a Tunisi, si parlerà proprio di questo. Accordo unanime anche sui rimpatri, giudicati “cruciali”, con un maggiore ruolo di Frontex, come ha spiegato il presidente estone del Consiglio Ue, il ministro Andres Anders, visto che gli arrivi sulle coste italiane sono soprattutto di migranti economici.

Quanto al codice di condotta, che l’Italia preparerà con la Commissione europea e in dialogo con le ong, il lavoro dovrebbe essere finalizzato a breve. Anche per questo, dalla settimana prossima gli esperti Ue saranno già al lavoro per dare concretezza alle misure adottate a Tallin e alleggerire la pressione sull’Italia.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

18:25Hillary difende Bill, nel suo caso si indagò su molestie

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Hillary Clinton torna a difendere il marito Bill dopo che la senatrice di New York Kirsten Gillibrand, potenziale candidata dem per la Casa Bianca nel 2020, ha detto che l'allora presidente degli Stati Uniti - assolto al processo di impeachment - avrebbe dovuto dimettersi dopo lo scandalo Lewinski. "Quello fu un periodo doloroso, non solo nel nostro matrimonio ma nel nostro Paese, ma fu pienamente investigato, fu affrontato all'epoca e gli fu chiesto conto", ha dichiarato in una intervista alla radio Wabc. "Non so cosa Gillibrand volesse dire perché il suo commento intero era in qualche modo contraddittorio, ma lascerò che lei parli per sé stessa", ha aggiunto. Le dichiarazioni di Gillibrand hanno riaperto una ferita nel partito, come le accuse di molestie al senatore Al Franken, nonostante le sue scuse.

18:22Cc fa strage in famiglia: militare in coma farmacologico

(ANSA) - TARANTO, 19 NOV - E' tenuto in coma farmacologico al Policlinico di Bari, dove è ricoverato nel reparto maxillofacciale, l'appuntato dei carabinieri di 53 anni, Raffaele Pesare, di Sava, in servizio al Nucleo radiomobile di Manduria, che ieri mattina ha ucciso con la pistola d'ordinanza suo padre Damiano, di 85 anni, sua sorella Pasana (detta Nella), di 50, e suo cognato Salvatore Bisci, di 69, prima di tentare il suicidio sparandosi al mento con la pistola d'ordinanza. Il proiettile ha bucato il palato ed uscito dalla parte sinistra del setto nasale, senza ledere gli organi vitali. Il militare ora è piantonato in stato di arresto per omicidio plurimo. L'interrogatorio di garanzia si terrà solo quando le sue condizioni di salute lo permetteranno. Secondo una prima ipotesi investigativa, Pesare avrebbe compiuto la strage per dissidi con il cognato sui proventi della raccolta di olive di un terreno di proprietà del padre che gestiva assieme a Bisci. Pesare è sposato e ha due figli di 18 e 24 anni.

18:12Ex generale suicida: Rigopiano in lettera ritrovata

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 19 NOV - La vicenda dell'hotel Rigopiano compare sullo sfondo del suicidio del generale dei Carabinieri Forestali, Guido Conti, nelle campagne di Pacentro (L'Aquila) due giorni fa. "Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti ci sono anche prescrizioni a mia firma. Non per l'albergo, di cui non so nulla, me per l'edificazione del centro benessere. Vivo con cruccio", aveva scritto Conti in una delle due lettere ai familiari il cui testo è stato pubblicato su diversi organi di stampa. "Stupisce che questa correlazione sia stata da taluno ipotizzata in assenza di qualsiasi collegamento diretto e indiretto. Tutto ciò aggiunge dolore al dolore", dice un familiare di Conti. Camera ardente aperta nella sala d'udienze del tribunale di Sulmona. Lunedì 20 novembre i funerali alla presenza dei vertici dei Carabinieri che lo hanno ricordato con commozione nella Virgo Fidelis Abruzzo e Molise.

18:00Renzi, combattiamo lo schifo della svastica a Pesaro

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Siamo tutti insieme a fianco del sindaco Matteo Ricci, della sua comunità, dei nostri fratelli ebrei. Questo gesto contro la scuola elementare Anna Frank ha un nome tecnico: si chiama schifo. E noi combatteremo lo schifo senza tregua a Pesaro come ovunque, tutti insieme". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando la svastica comparsa sul cartello della scuola Anna Frank di Pesaro.

17:59C.sinistra: Bersani, non si va anti con accrocchi e teatrini

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Per dirla con Catalano: l'unità è meglio... ma le cose sono un po' più complicate. A Walter e agli altri che come lui fanno appelli, ricordo che non ho sentito nessuno segnalare problemi nonostante le sconfitte degli ultimi 3 anni..mi si vuol riconoscere di avere uno straccio di idea di come battere la destra? Che avevo avvertito che c'era la mucca nel corridoio? Se restiamo in superficie con accrocchi e teatrini, la gente che ha ci ha mollati penserà: 'eccoli qua, portano acqua al solito mulino e il giorno dopo ricominciano..". Lo ha detto Pierluigi Bersani, a "1/2 ora in più" su Rai 3 dove ripete: "proporre aggregazioni senza contenuti, senza mettere una riga, senza rimettere in discussione politiche e metodi di governo, quella gente che vota altrove continuerà a votare altrove". Insomma, la gente "che è andata nel bosco, resterà nel bosco".

17:59Speranza, è Pisapia che ha cambiato idea

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Noi stiamo sempre dalla stessa parte, lavoriamo a costruire un progetto alternativo alle politiche sbagliate degli ultimi anni. Più che cambiare idea noi non vorrei che sia Pisapia ad aver cambiato idea, spero proprio di no". Lo dice Roberto Speranza all'assemblea di Mdp in corso a Roma, rispondendo a chi gli chiede di Giuliano Pisapia a "ripensarci".

17:58C.Sinistra: Pisapia, Mdp e SI ci ripensino

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - Mdp e altri "ci ripensino. Trovino o troviamo insieme il modo di non regalare il nostro Paese a chi l'ha rovinato tante volte". L'ha detto il leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, a Bologna. Pisapia ha rivolto un "richiamo affettuoso di amicizia, gentile e non polemico e senza entrare nelle scelte degli altri. Perché in questo momento storico, si trovi il modo di fare, magari non tutta la marcia, ma almeno un pezzo di strada insieme".

Archivio Ultima ora