Primo accordo Trump-Putin, tregua parziale in Siria

Pubblicato il 07 luglio 2017 da ansa

AMBURGO. – Il primo risultato, plastico e concreto, è l’accordo per un parziale cessate il fuoco in Siria. Ed è anche un segnale chiaro che sta lì a dimostrare che un buon rapporto tra Usa e Russia può convenire a molti e ha ricadute notevoli su diversi, spinosi, dossier internazionali. I due uomini forti alla guida di due Paesi da sempre nemici, Donald Trump e Vladimir Putin, si sono incontrati per oltre due ore a margine del G20. E, fedeli ai loro personaggi, hanno anche mostrato i muscoli in più di un’occasione.

Un incontro-scontro, stando alle ricostruzioni, che sembra però aver prodotto risultati concreti. E che, dopo mesi di accuse reciproche a distanza, le ultime proprio alla vigilia di questo G20, avrebbe addirittura rivelato una “chimica positiva” tra The Donald e lo zar russo. Così almeno ha assicurato il segretario di Stato americano Rex Tillerson, presente al faccia a faccia insieme al collega russo Serghei Lavrov.

Lo scontro più duro, quello che Tillerson nel linguaggio diplomatico ha definito “vigoroso”, è stato sul Russiagate. Che Trump ha voluto affrontare a brutto muso subito, appena i due leader, dopo la stretta di mano e i toni concilianti davanti ai fotografi (“Sono felice di conoscerla – ha detto Putin – spero che l’incontro produca risultati positivi”), si sono chiusi in una sala del centro congressi di Amburgo.

Questo almeno è ciò che l’amministrazione americana ha voluto far trapelare. Anche per cercare di sgombrare il campo da un dossier che in casa sta mettendo in grossa difficoltà il commander in Chief. Dunque niente sconti sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale che ha portato Trump alla guida del paese più potente del mondo. Le ricostruzioni di Lavrov e Tillerson assicurano che il chiarimento c’è stato.

“Putin ha negato che vi siano state interferenze”, ha assicurato il segretario di Stato. E il ministro degli Esteri russo gli ha fatto eco precisando che “il presidente Trump ha detto di aver sentito le dichiarazioni di Putin sul fatto che il Cremlino non si è intromesso nelle elezioni Usa e accetta questa sua posizione. Il presidente Usa ha inoltre sottolineato come questa campagna abbia assunto un carattere strano perché in tutti questi mesi non sono state fornite le prove d’intromissione da parte della Russia”.

Di più: i due leader hanno addirittura deciso di istituire un gruppo di lavoro comune sulla cyber-sicurezza. I presidenti, ha assicurato Lavrov, vedono la questione come “sempre più rischiosa” anche dal punto di vista della “minaccia terroristica”.

Superato lo scoglio principale, sul quale molti erano certi che i due avrebbero preferito glissare, Trump e Putin sono passati agli altri dossier. Primo fra tutti la Siria, dando un segnale concreto dei risultati che possono ottenere insieme. E facendosi personalmente garanti dell’ennesimo cessate il fuoco nel sudovest della Siria. Resta certo da vedere se questa volta la tregua reggerà, e potranno finalmente arrivare gli aiuti umanitari dei quali c’è un disperato bisogno. L’obiettivo – molto ambizioso – è quella di estendere il cessate il fuoco a tutto il paese, partendo da “altre aree dove è possibile la de-escalation”.

Tillerson, dopo il colloquio, si è spinto addirittura a dire di non vedere un ruolo a lungo termine per Assad, intoccabile, almeno fino ad ora, per Putin, e spesso al centro di accuse a distanza tra il leader russo e Trump. “Quando” Assad “lascerà, è ancora da decidere”, ha detto.

Ma il confronto è proseguito sui tanti temi aperti, dall’Ucraina (gli Usa hanno scelto “un rappresentate speciale” per la soluzione della crisi) alla Corea del Nord, alla lotta al terrorismo. Mentre i minuti passavano e il bilaterale entrava nei record dei più duraturi della storia.

“Quando i presidenti vedono che ci possono essere dei risultati per risolvere le questioni aperte il tempo non importa”, ha gongolato Lavrov. E tra “l’atmosfera costruttiva” e la “chimica positiva” il tempo è volato, tanto che, narra Tillerson, è dovuta intervenire Melania, con un ‘blitz’ nella sala del bilaterale, per ricordare al marito che gli altri leader mondiali li stavano attendendo per il concerto alla filarmonica dell’Elba. Stasera, insomma, è stato quasi un idillio. Ma l’incognita è la stessa che incombe sulla tregua in Siria: durerà?

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora