Battaglia in piazza ad Amburgo, centinaia di feriti

Pubblicato il 07 luglio 2017 da ansa

EPA/CARSTEN KOALL

AMBURGO. – Gli scontri della notte erano solo un prologo: migliaia di black bloc hanno tenuto in scacco Amburgo per tutta la giornata, trasformandola in un campo di battaglia contro le forze dell’ordine. La polizia riferisce di 159 agenti feriti. Mentre i dimostranti, attraverso i loro portavoce, parlano di un centinaio di infortunati, alcuni anche gravemente. Nel pomeriggio si contavano 45 fermi e 15 persone sottoposte a un regime di sorveglianza.

Nonostante la città fosse presidiata da 20 mila uomini e donne delle forze dell’ordine, la polizia locale ha dovuto chiedere rinforzi ai Laender vicini: e centinaia di poliziotti sono arrivati dallo Schleswig-Holstein, dal Baden-Wuerttenberg e da Berlino.

L’intero repertorio della disobbedienza civile e della guerriglia urbana è stato eseguito nella città anseatica per questo G20: auto e cassonetti dati alle fiamme, vetrine distrutte, agguati alle ferrovie e alle auto della polizia, blocchi stradali. Un razzo luminoso ha colpito perfino uno dei molti elicotteri, usati per sorvolare il cielo blindato della città tedesca.

E la violenza delle proteste ha incrociato anche le strade dei leader: i manifestanti hanno costretto Melania Trump a rinunciare ad uscire in mattinata: la first lady è rimasta nella residenza del Senato, dove alloggia col marito, assediata. Per questo motivo anche il programma dei consorti dei capi di stato e di governo ha dovuto subire delle modifiche: saltata la visita al centro di ricerca del clima che stava a cuore al marito di Angela Merkel, si è optato per una conferenza all’Atlantic, dove i ricercatori hanno raggiunto il gruppo.

Anche l’Elbphilarmonie è finita nel mirino, quando in serata i leader si sono spostati dal centro congressi dove si tengono i lavori, per il concerto. A bordo di barche i dimostranti hanno tentato di raggiungere la spettacolare struttura che domina il porto di Amburgo, lanciandosi in acqua al limite della ‘zona rossa’.

Quasi impossibile per i residenti affrontare quella di oggi come una giornata normale: un asilo è stato addirittura evacuato per precauzione, su iniziativa dei responsabili dell’istituto. Mentre in un’altra scuola un bambino ha dovuto aspettare a lungo i genitori che non riuscivano a raggiungerlo per riportarlo a casa. Fino a tarda serata la situazione è rimasta fluida con cambiamenti da un minuto all’altro. Difficile fare previsioni per la notte, ha ammesso la Polizia.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora