Calcio venezuelano: Saragó lascia la panchina del Deportivo La Guaira

Pubblicato il 07 luglio 2017 da redazione

Saragò

CARACAS – Si chiude ufficialmente un capitolo della carriera per il tecnico Eduardo Saragó, il tecnico italo-venezuelano lascia la panchina del Deportivo La Guaira. Un addio che arriva dopo l’eliminazione nell’octagonal del Torneo Apertura 2017.

La fine della relazione tra Saragó ed il Deportivo La Guaria era nell’aria dopo un post apparso sull’account twitter del tecnico di origine italica. “Ringrazio tutte le persone che hanno fatto di tutto per portarmi a questa squadra un anno fa. Sono state infinite le soddisfazioni che abbiamo raggiunto. Questo é stato un ciclo sportivo che ci riempe d’orgoglio”.

Poi la notizia é stata confermata nelle prime ore del pomeriggio dal Deportivo La Guaira tramite un comunicato stampa.

In questa prima parte del campionato, la formazione arancione era stata ripescata nell’octagonal dopo le sanzioni inflitte allo Zulia (reo di aver schierato 4 stranieri in campo nella gara vinta 2-0 contro il Táchira) e Mineros (per aver schierato un giocatore non convocabile per questa stagione). Il Deportivo La Guaira ha chiuso la sua partecipazione nell’octagonal in semifinale dopo essere stato battuto dal Caracas ai calci di rigore.
Mentre nel Clausura 2016, ha chiuso al quinto posto, qualificandosi per l’Octagonal perdendo al primo turno contro il Caracas.

L’era Saragó sulla panchina degli arancioni é iniziata il 30 giugno del 2016 subentrando al posto di Leo González. Durante questo periodo ha guidato il La Guaira durante 50 gare valevoli per la Primera División. Il mister di origine calabrese, ha disputato 6 gare nella Coppa Sudamericana e 2 in Coppa Venezuela.

L’italo-venezuelano, nato 35 anni fa a Caracas, ha esperienza e carisma da vendere, nel passato ha condotto con risultati eccellenti, sia a livello giovanile che nella Primera División, formazioni di prestigiose società come Centro Italiano Venezolano di Caracas (giovanili), Zamora, Deportivo Italia, Deportivo Lara e Caracas.

Saragò ha iniziato la sua esperienza in “Primera” nel 2008 quando si sedette sulla panchina dello Zamora per disputare il Torneo Clausura. Durante la sua gestione, i bianconeri di Barinas chiusero la stagione al settimo posto con 26 punti. Grazie all’ottima performance, arrivò la chiamata del Deportivo Italia con cui vinse il Torneo Apertura 2008 e significò il ritorno in Coppa Libertadores degli azzurri dopo tanti anni.

Nel 2011 si trasferisce a Barquisimeto, e sotto la sua guida il Deportivo Lara riesce nella titanica impresa di conquistare sia il Torneo Apertura 2011 sia il Torneo Clausura 2012, scrivendo il proprio nome negli almanacchi del calcio venezuelano come il quarto allenatore che vince la ‘Estrella’ (lo scudetto) senza passare per la finale. Con la squadra che rappresenta la ‘ciudad musical de Venezuela’, Saragò ha inannellato una scia di 30 gare consecutive senza conoscere la sconfitta.

Dopo l’esperienza a Barquisimeto, il mister di origine calabrese, siede sulla panchina del Caracas con cui vince la Coppa Venezuela 2013 dopo aver battuto in finale gli acerrimi rivali del Deportivo Táchira. Il matrimonio tra Saragò ed i ‘rojos del Ávila’ è finito dopo il Torneo Adecuación 2015. Presto scopriremo il prossimo destino di Saragó.
(Fioravante De Simone)

Ultima ora

18:22Rigopiano: Borrelli, vicinanza e cordoglio famiglie vittime

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime di Rigopiano" è stato espresso anche dal Capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli che ha partecipato al comitato per la ricostruzione a Pieve Torina (Macerata) presieduto dal commissario Paola De Micheli. "L'anno scorso in queste ore c'era un particolare impegno per il sistema di protezione civile - ha ricordato -, avevamo 31 mila persone assistite e l'evento di Rigopiano. Ringrazio tutti i volontari e le volontarie che si sono prodigati per alleviare le sofferenze della gente". Le aree vennero "colpite da un duplice evento - ha aggiunto -: da un lato le eccezionali nevicate su cui si sono innestate le scosse telluriche, quattro di magnitudo superiori a 5 gradi della scala Richter, localizzate in Abruzzo, e a distanza di qualche ora l'evento di Rigopiano". Si è trattato - ha concluso Borrelli - di "un momento di particolare impegno che il sistema ha saputo fronteggiare efficacemente con tutte le forze che aveva in campo".

18:17Volantinaggio antifascista e evento Casapound a Genova

(ANSA) - GENOVA, 18 GEN - Sarà un sabato ad alta tensione per il quartiere genovese della Foce dove l'assemblea antifascista ha convocato un presidio con volantinaggio in piazza Alimonda a partire dalle 16. Alla stessa ora, nell'attigua via Montevideo, Casapound ha organizzato nella sua sede un'iniziativa pubblica per la Festa del tesseramento che è stata comunicata alla Questura questa mattina. La concomitanza di questi due eventi a poche decine di metri di distanza e a una settimana dall'accoltellamento dell'antifascista da parte di un militanti usciti dalla sede di Casapound sta creando un certo allarme in Questura. Impossibile vietare a Casapound di tenere l'iniziativa in uno spazio privato, ma altrettanto inopportuno sarebbe anche vietare il volantinaggio antifascista che fra l'altro era stato annunciato prima che fosse nota l'iniziativa del partito di estrema destra. Gli appuntamenti quindi si terranno entrambi, tenuti separati da un dispositivo di ordine pubblico imponente. Molto probabile che vengano rispolverate le reti mobili utilizzate lo scorso anno per il convegno delle ultradestre a Sturla, ma i dettagli organizzativi e il numero di uomini impiegati saranno decisi nelle prossime ore. Al mattino intanto, l'attenzione sarà tutta su San Fruttuoso a causa della vicinanza tra il banchetto per la raccolta firme di Forza Nuova in piazza Martinez e quello di Potere al popolo in piazza Terralba. (ANSA).

18:16Pakistan: attaccato team anti-polio, uccise due operatrici

(ANSA) - ISLAMABAD, 18 GEN - Due operatrici di un team anti-polio, madre e figlia, sono morte oggi quando uomini armati non identificati a bordo di una motocicletta hanno aperto il fuoco contro di loro alla periferia di Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan. Lo ha riferito la tv DawnNews di Islamabad. Un portavoce della polizia ha precisato che il team stava lavorando nell'ambito di un piano di vaccinazione contro la polio che riguarda oltre 2,4 milioni di bambini. Gli operatori impegnati in questo tipo di campagne sono spesso presi di mira dai talebani che li considerano 'spie' del governo. Nessun gruppo tuttavia ha per il momento rivendicato l'attacco. Il Pakistan è uno dei pochi Paesi al mondo, insieme ad Afghanistan e Nigeria, che non sono ancora completamente liberi dalla poliomielite.

18:12Terremoto: Borrelli, 92% casette consegnate a fine febbraio

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Le casette o Sae (Soluzioni abitative di emergenza) ad oggi consegnate sono 2.286 su 3.662 ordinate alla data del 29 novembre 2017. Contiamo di arrivare a consegnarle più di 2.600 a fine gennaio e 3.385 a fine febbraio e questo vorrebbe dire aver soddisfatto il 92% della richiesta totale". Numeri forniti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nella conferenza stampa a Pieve Torina, al termine del Comitato istituzionale tra le 4 regioni colpite dal sisma del 2016, a cui ha preso parte anche la commissaria straordinaria alla ricostruzione, Paola De Micheli. Borrelli ha ricordato che "ad oggi sono 51.400 le persone ancora assistite dal sistema di Protezione civile, di questi oltre 41 mila (28 mila nella sola regione Marche) percepiscono il Cas (contributo di autonoma sistemazione)". Nelle casette vivono ora 4.000 cittadini, 5.362 persone sono ancora in alberghi e container collettivi. Gli allevatori che invece hanno optato per i moduli rurali (Mapre) sono ad oggi 760.

18:10India: test per missile balistico a lungo raggio Agni-V

(ANSA) - NEW DELHI, 18 GEN - L'India ha realizzato oggi un nuovo test del suo missile balistico terra-terra a lungo raggio Agni-V, capace di portare una testata nucleare fino a 5.000 chilometri di distanza. Il successo del lancio, realizzato in mattinata dall'isola Abdul Khalam al largo delle coste dello Stato di Orissa, è stato confermato dal ministro della Difesa indiano, Nirmala Sitharaman. L'Agni-V e' stato sviluppato dalla Drdo a partire dal 1997, ed e' un'arma che, una volta completata, permettera' all'India di entrare nell'esclusivo gruppo di Paesi che dispongono di missili balistici intercontinentali (Icbm) strategici e di cui fanno parte Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia ed Israele. Pesante 50 tonnellate, l'Agni-V ha una lunghezza di 17 metri ed un diametro di due. Ha tre stadi ed e' in grado di trasportare, grazie ad una propulsione a combustibile solido, attrezzatura spaziale, satelliti ed ogive nucleari individuali e multiple.

18:08Calcio: dichiarato fallimento Vicenza, ma stagione prosegue

(ANSA) - VICENZA, 18 GEN - Il Tribunale di Vicenza ha dichiarato il fallimento del Vicenza Calcio ma nel contempo ne ha disposto l'esercizio provvisorio, che consentirà alla squadra di proseguire il proprio campionato di serie C sino a fine stagione. A dare l'annuncio, al palazzo di giustizia di Borgo Berga, è stato il presidente del Tribunale Alberto Rizzo, dopo che in mattinata si era tenuta l'udienza fallimentare, cui è seguita la Camera di consiglio con i giudici. "Da oggi - ha spiegato Rizzo - l'attività della società Vicenza Calcio proseguirà e il curatore avrà il potere di portare avanti la società, con l'obiettivo tutelare i creditori, in primis i giocatori, ma anche di ottenere i risultati sportivi sul campo". Curatore fallimentare, come da previsione, è stato nominato il commercialista Nerio De Bortoli, veneziano, che ha già seguito la procedura fallimentare del Venezia Calcio nel 2005. "De Bortoli - ha spiegato Rizzo - è un nostro professionista di fiducia e con lui ci sarà un rapporto continuo". (ANSA).

18:07Mondo di mezzo: processo di appello il 5 marzo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - E' stato fissato il 5 marzo il processo di secondo grado di Mondo di mezzo, il procedimento a carico di 28 imputati e per 19 dei quali la Procura di Roma contesta l'associazione di stampo mafioso, accusa non riconosciuta nel processo di primo grado. Il processo di secondo grado si celebrerà davanti alla III corte d'Appello presieduta da Claudio Tortora. La stessa Corte il 13 giugno del 2016 fece cadere l'aggravante della modalità mafiosa ad alcuni appartenenti delle famiglie Fasciani e Triassi. Nel processo di appello l'accusa sarà rappresentata dai sostituti procuratori Pietro Catalani e Antonio Sensale, affiancati dal pm Luca Tescaroli, già presente nel processo di primo grado. Anche il dibattimento di appello si svolgerà nell'aula bunker di Rebibbia così come avvenuto in primo grado davanti.

Archivio Ultima ora