Opposizione in piazza a Istanbul: “Siamo un milione”

Pubblicato il 09 luglio 2017 da ansa

EPA/SEDAT SUNA

ISTANBUL. – “Questo 9 luglio è un primo passo e una rinascita per la Turchia”. Accolto a Istanbul da centinaia di migliaia di sostenitori, in un tripudio di vessilli turchi e bandiere con il volto di Ataturk, Kemal Kilicdaroglu apre così la più grande manifestazione dell’opposizione turca degli ultimi anni. Una distesa umana si staglia lungo il mar di Marmara, nella grande piazza di Maltepe, ultima tappa dei 430 km della ‘marcia per la giustizia’ iniziata 25 giorni fa ad Ankara.

Lì, all’indomani dell’arresto del deputato del partito socialdemocratico Chp, Enis Berberoglu, era partito il cammino di protesta della prima forza di opposizione al presidente Recep Tayyip Erdogan. Un’iniziativa che passo dopo passo si è trasformata in una “marcia per i diritti di tutti, anche di quelli che oggi non sono qui”.

“Diritto, legge, giustizia”, è lo slogan che i manifestanti scandiscono di continuo, in lunghe code che nel primo pomeriggio iniziavano già diversi chilometri prima di arrivare alla manifestazione. Il leader dell’opposizione parla per un’ora sotto un sole cocente e lancia la sfida di “riportare la giustizia in Turchia” dopo il “golpe civile del 20 luglio”, cioè le maxi-purghe decise con lo stato d’emergenza, con oltre 50mila arresti e 150mila epurazioni.

Kilicdaroglu ricorda che “in galera ci sono giornalisti e deputati” e invita la Corte costituzionale a restare indipendente. Come d’abitudine, non nomina direttamente Erdogan. Le sue politiche sono quelle del “Palazzo”, cioè della sua reggia di Ankara, dipinta come il simbolo della sua svolta autoritaria di questi anni.

Dal palco, il leader del Chp snocciola le sue richieste in 10 punti al governo di Ankara, a partire dalla fine dello stato d’emergenza, che scade tra 10 giorni e l’esecutivo sembra intenzionato a rinnovare per la quarta volta, senza per questo interrompere la lotta a “Feto”, la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Poi, arrivano gli appelli a tutelare la libertà di stampa, l’eguaglianza e la laicità.

Mentre parla, i manifestanti a bordo palco srotolano un’enorme bandiera turca. La manifestazione si è svolta tra imponenti misure di sicurezza, con 15mila agenti schierati, mezzi blindati e rigidi controlli. A parte qualche provocazione, e malgrado un presunto attacco dell’Isis sventato dall’antiterrorismo, tutta la marcia si era svolta senza incidenti di rilievo. Decine di migliaia di persone per mancanza di spazio sono rimaste ai margini dell’area deputata ad accoglierle.

Nella tradizionale guerra di cifre, e in assenza di numeri ufficiali, gli organizzatori parlano di circa 1 milione e mezzo di persone in piazza. Eppure, l’evento è stato totalmente ignorato dai media di stato e filo-governativi. A una settimana dall’anniversario del fallito golpe, che il governo di Ankara si prepara a celebrare in grande stile, con decine di eventi in tutto il Paese, è la sfida più significativa al monopolio delle piazze di Erdogan.

Tra manifestazioni vietate, stato d’emergenza e allarmi terrorismo, negli ultimi anni i raduni di massa erano stati appannaggio quasi esclusivo del popolo del presidente. Lo scorso luglio, l’unica grande manifestazione recente dell’opposizione, a piazza Taksim, fu quasi una concessione di Erdogan, a patto di consacrarla allo spirito di unità nazionale dopo il colpo di stato.

Oggi l’altra Turchia si è ripresa la piazza. Una sfida che Erdogan è pronto a raccogliere, preparando già nei prossimi giorni nuovi bagni di folla per l’anniversario del colpo di stato.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora