Tour: Froome resiste nella tappa più dura, Aru ora è secondo

Pubblicato il 09 luglio 2017 da ansa

Christopher Froome in azione EPA/YOAN VALAT

ROMA. – La temutissima 9/a tappa del 104/o Tour de France di ciclismo non ha fornito indicazioni sul nome del possibile candidato alla maglia gialla di Parigi, ma ha partorito i nomi di chi il 23 prossimo – salvo clamorosi rovesci – il podio lo vedrà da lontano.

I nomi sono pesanti e si aggiungono a quello dello spagnolo Alejandro Valverde, che si è fermato su una curva nella cronometro d’apertura, a Duesseldorf, ritirandosi: il primo ad alzare bandiera bianca, in questa giornata da tutto o niente è stato il gallese Geraint Thomas, vicecapitano del Team Sky e, fino a stamattina, vicecapoclassifica alle spalle di Chris Froome. Caduto come al Giro d’Italia, questa volta si è rotto pure una clavicola.

A seguire si è arreso il tasmaniano Richie Porte, volato in discesa, dopo avere perso il controllo della bici ed essere finito fuori strada, prima di carambolare sull’asfalto e travolgere il malcapitato Daniel Martin, trovatosi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Nel frattempo, la grande selezione sulle prime rampe della salita verso il Mont du Chat, l’ultimo Gran premio della montagna dei sette di oggi, aveva tagliato fuori dai giochi sia Alberto Contador sia il colombiano Nairo Quintana, appesantiti e non in grado di rimanere con gli altri big. Altro che doppietta Giro-Tour, il ‘Kondor’ delle Ande rischia concretamente di restare con il solo secondo posto nella corsa rosa in tasca.

Oggi si è presentato sul traguardo a 1’15” dal vincitore di tappa, il connazionale Rigoberto Uran che ha fulminato al fotofinish Warren Barguil (nuova maglia a pois di miglior scalatore), speranza del ciclismo francese. Contador, ‘Pistolero’ ormai dalle polveri bagnate, è arrivato invece a 4’19”. Dunque, conti alla mano, Quintana nella generale adesso accusa un ritardo di 2’13”, lo spagnolo è sprofondato a 5’15”.

Sono bastati nove giorni per emettere i primi verdetti, a uno dei Tour de France più duri che la storia ricordi, ma anche per confermare che Froome quest’anno deve fare i conti con qualche nuovo rivale. Il principale, in questo momento, è proprio Fabio Aru che, fra i big, è stato il primo oggi a scattare in salita, proprio mentre il leader degli ‘Skymen’ alzava la mano e chiamava l’ammiraglia per un problema meccanico.

Lo scattino del sardo non è andato giù al keniano bianco con passaporto inglese, che poi gli ha rifilato una spallata, mandandolo quasi fuori dalla carreggiata. Sicuramente non si può dire che Froome sia maglia gialla di simpatia, sebbene il gesto di Aru sia da rivedere, né un campione di stile. Non è una novità.

La classifica generale si è allungata, con Aru a soli 18″ e il francese Romain Bardet a 51″. Jakob Fuglsang, oggi scattato improvvisamente e poi chissà perché, visto che il compagno dell’Astana era impegnato in una battaglia senza esclusione di colpi, insegue a 1’37”.

Dopo il giorno di riposo di domani, il primo, si ricomincerà a salire solo giovedì, sui Pirenei, che Aru ha già domato nella Vuelta. E se fosse un presagio?

Ultima ora

12:52Svastica su cartello scuola Anna Frank a Pesaro

(ANSA) - PESARO, 19 NOV - "Ignoranti e delinquenti. Siete contro la storia e l'umanità. Faremo denuncia contro ignoti e ripuliremo subito. Non vanno sottovalutati certi comportamenti di pericolosa intolleranza e nuovo estremismo. Continueremo il lavoro sulla memoria nelle scuole affinché i valori di libertà e uguaglianza siano per sempre. #wepesaro". Così il sindaco di Pesaro Matteo Ricci sulla svastica disegnata sul cartello della scuola intitolata ad Anna Frank disegnata nella notte da ignoti con una bomboletta spray color nero.

12:51Spari dopo lite in movida Napoli, quattro ragazzi feriti

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - Quattro giovanissimi feriti da colpi di arma da fuoco: è il bilancio di una sparatoria avvenuta la scorsa notte in via Carlo Poerio, nel quartiere Chiaia, tra i crocevia più affollati della movida napoletana. Sull'episodio indaga la polizia: a quanto pare gli spari sarebbero avvenuti in seguito a una lite tra due comitive. Coinvolto un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 19 anni, alcuni dei quali provenienti dall'hinterland partenopeo e già noti alle forze dell'ordine. Il ferito più grave è un sedicenne, colpito al torace, ricoverato con prognosi riservata. Ferita al petto anche una ragazza di 19 anni, che dovrà essere operata per estrarle un proiettile dal seno. Nel bilancio dei feriti anche un ragazzo che ha riportato la frattura del setto nasale, probabilmente in seguito a una caduta.

11:27Catalogna: Juncker, ‘sono molto preoccupato, é un disastro’

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "La Catalogna è una grande, una enorme preoccupazione. Non mi piace la situazione che ha causato: è un disastro": lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, nel corso di un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais. "Per molti versi, ha reso tesa l'atmosfera politica, ha provocato una frattura interna nella società spagnola e nella società catalana", ha proseguito Juncker sottolineando che questa situazione "crea problemi nelle famiglie, tra amici. È triste. Questo non dovrebbe mai essere successo". "Il nazionalismo è un veleno", ha sottolineato: "Fuori dall'Europa mi chiedono se la Spagna si trova in uno stato di decomposizione: se il Paese sta per rompersi in due. Io dico di no, che la maggior parte degli spagnoli si oppone all'indipendenza, che neanche in Catalogna la maggioranza è chiara. Il governo e la Generalitat possono discutere il grado di autonomia, ma l'Europa è un club di nazioni e non accetto che le regioni vadano contro le nazioni".

11:21Francia: sondaggio Ifop-Jdd, popolarità Macron risale al 46%

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risale la popolarità del presidente francese Emmanuel Macron, secondo il barometro Ifop-Jdd, l'inquilino dell'Eliseo recupera quattro punti a novembre rispetto al mese precedente assestandosi al 46%. Come ricorda il Journal di Dimanche (Jdd) la popolarità di Macron era decisamente calata durante l'estate. Il presidente recupera in particolare ben 7 punti, al 22%, tra i simpatizzanti de La France Insoumise, il partito del populista di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon.

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

Archivio Ultima ora