Tour, Aru vede giallo: “Soddisfatto, ma il bello viene adesso”

Pubblicato il 10 luglio 2017 da ansa

Tour: il guizzo di Fabio Aru nel primo arrivo in salita.

ROMA. – Il numero 104 è un Tour de France a eliminazione diretta e, dopo quello di tre anni fa vinto clamorosamente da Vincenzo Nibali, potrebbe anche essere in grado di regalare grandi soddisfazioni ai colori italiani. Il podio di Parigi per Fabio Aru, campione d’Italia in carica e portacolori di un Paese in cui i successi scarseggiano anche nel ciclismo, sembra una possibilità meno astratta, anche per le concomitanti defezioni di numerosi big.

Alcuni sono finiti a terra e poi in ospedale, come Valverde, Porte, Thomas (per non parlare di Sagan, squalificato, o di Cavendish, finito sulle transenne); altri, come Quintana e Contador, non ce l’hanno fatta a reggere il ritmo di una corsa finora forsennata, in pianura, in discesa e in salita. Una corsa che, in nove giorni, ha distribuito distacchi tutto sommato minimi, ma solo relativamente alle prime piazze: sabato erano in 10 dentro il minuto, da ieri sono quattro (Froome, Aru, Bardet e Uran).

Il corridore sardo ha evitato ogni trabocchetto fino a questo momento e lo ha fatto anche nella conferenza stampa del primo giorno di riposo, ammettendo di essere arrivato “a oggi nel miglior modo possibile”. “Sono molto soddisfatto di quello che abbiamo fatto e di come abbiamo interpretato il Tour – la sua ammissione -. Siamo sempre stati fra i primi, evitando pericoli e cadute, dando dimostrazione di grande concentrazione. Per 21 giorni dovremo restare concentrati. Ancora può accedere di tutto, le corse a tappe ci hanno insegnato che, fino all’ultimo, in tre settimane, possono esserci fatti clamorosi”.

Tornando allo scatto sul Mont du Chat, proprio mentre Froome si fermava per un problema meccanico, e alla spallata mostrata su alcune tv subita dall’inglese, Aru aggiunge che non ha individuato “volontarietà” nel tentativo di spallata della maglia gialla. “Poi, mi ha chiesto anche scusa”, le parole del sardo.

“C’era davvero tanta gente, due o tre file di persone – ribadisce Aru – Froome ha sbandato e mi stava cadendo addosso. Non è stato, il suo, un gesto volontario. La nostra tattica era di attaccare a cinque o sei chilometri dall’arrivo, non ho visto che Froome si fermava, l’ho sentito dopo alla radio. E ho rallentato. Se fosse accaduto a me? Non so cosa sarebbe accaduto”.

Aru teme la 13/a tappa, che porterà i corridori giovedì sui Pirenei. “Penso che, la Saint Girons-Foix sarà una frazione dura, a prescindere dal fatto che misura 100 chilometri – sottolinea il capitano dell’Astana -: penso che sarà una giornata impegnativa, anche per le alte velocità”.

E’ caduto in piedi, ma ha subito delle perdite, Chris Froome, cui mancherà nelle prossime due settimane il supporto del vice Geraint Thomas. Non un corridore qualsiasi. “Abbiamo vissuto un fine settimana difficilissimo, questo giorno di riposo ci serviva proprio. I primi due giorni della settimana penso si adattino bene agli sprinter, saranno le loro squadre a controllare la corsa. Poi toccherà di nuovo a noi e dovremo lavorare con un uomo in meno, ma siamo pronti”, le parole del keniano bianco, che punta dritto al poker nella Grande boucle, dopo le edizioni vinte nel 2013, 2015 e 2016.

Ultima ora

21:55Calcio: Juventus, noie muscolari per Hoewedes

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La fortuna non aiuta Benedikt Hoewedes: dopo aver dedicato il suo primo mese nella Juventus a recuperare la forma fisica, il tedesco ha riportato un risentimento muscolare ai flessori della coscia sinistra, la cui entità verrà approfondita con esami strumentali nei prossimi giorni. Niente derby, dunque, sabato per il difensore, che avrebbe potuto far rifiatare qualcuno.

21:47Calcio: Roma, Schick fermo 15 giorni

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La Roma dovrà fare a meno di Patrik Schick fino alla gara con il Napoli in programma il 14 ottobre. L'attaccante, infortunatosi in occasione della gara con il Verona, sarà infatti costretto a star fermo per due settimane e tornerà quindi a disposizione del tecnico Di Francesco dopo la sosta, e dopo aver quindi saltato le gare con Udinese e Milan in campionato e Qarabag in Champions League. La prognosi è arrivata questa sera dopo che l'attaccante ceco è stato sottoposto ad ulteriori controlli clinico-strumentali che, spiega il bollettino medico emesso dal club giallorosso, "hanno confermato l'infortunio muscolare al retto femorale sinistro, mettendo in evidenza una quota di edema post-distrattivo nel terzo prossimale della giunzione mio-tendinea del muscolo".

21:25Calcio: Real Madrid, rinnovo record con Emirates

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Rinnovo di sponsorizzazione record per il Real Madrid, che ha deciso di prolungare fino al termine della stagione 2021-2022 l'accordo con Emirates. Lo anticipa "Palco23", web magazine spagnolo specializzato nello sport business. Il club presieduto da Florentino Perez avrebbe firmato con un anno di anticipo il rinnovo della sponsorizzazione alla cifra di circa 70 milioni all'anno (per un totale quindi di 280 milioni), un record assoluto. I campioni d'Europa in carica, infatti, supereranno i rivali del Barcellona (55 milioni da Rakuten) e il Manchester United (che ne incassa 62 dalla Chevrolet). Oltre allo sponsor sulla maglia, il Real sta anche chiudendo le trattative con la Adidas per il rinnovo della sponsorizzazione tecnica: l'intesa prevedrebbe introiti nell'ordine di 150 milioni a stagione e un accordo pluriennale.

21:05Calcio: De Biasi riparte dalla Liga, ad un passo dall’Alaves

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Gianni De Biasi sarà il nuovo allenatore dell'Alaves, ultima in classifica nella Liga spagnola e che ha appena esonerato Luis Zubeldía. Stando alla stampa locale, la società avrebbe trovato l'accordo con l'ex ct dell'Albania, che vanta già un'esperienza nel campionato spagnolo (ha allenato il Levante nel 2007-2008). Il 61enne tecnico trevigiano risponde al profilo che il club sta cercando: di nazionalità europea, non spagnolo, con esperienza nella Liga e attualmente senza contratto. Dopo aver allenato, tra le altre, Torino, Brescia e Udinese, De Biasi ha vissuto il suo miglior periodo come allenatore sulla panchina dell'Albania, portata ad una storica qualificazione all'Europeo in Francia. Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, il contratto di De Biasi vale fino alla fine della stagione, con opzione per l'anno successivo. L'Alaves dovrebbe ufficializzare il suo arrivo nelle prossime ore.

20:59Istruzione: in Serbia Forum Cina-16 Paesi est Europa

(ANSAmed) - BELGRADO, 21 SET - La collaborazione e le politiche nel campo dell'istruzione sono al centro di un incontro di due giorni apertosi oggi a Novi Sad, nel nord della Serbia, fra i rappresentanti di Cina e di 16 Paesi dell'Europa centro-orientale e balcanica. Alla conferenza, che si tiene all'Università del capoluogo della Voivodina, sono intervenuti la premier serba, Ana Brnabic, e il ministro dell'istruzione, Mladen Sarcevic, unitamente ai rappresentanti cinese e degli altri Paesi partecipanti. L'iniziativa '16+1' e' stata avviata negli anni scorsi dalla Cina con l'obiettivo di intensificare i rapporti con i Paesi dell'Europa centrorientale e balcanica. Nei giorni scorsi in Montenegro, nell'ambito di tale formato, si è tenuto un Forum tra i sindaci di Pechino e delle capitali dei 16 Paesi interessati. (ANSAmed).

20:38Iraq: autorità curde confermano referendum 25 settembre

(ANSA) - BEIRUT, 21 SET - Le autorità della regione autonoma del Kurdistan, in Iraq, hanno annunciato che il referendum sull'indipendenza, che pure ha valore consultivo, si svolgerà come previsto il 25 settembre, nonostante la Corte suprema di Baghdad abbia disposto la sospensione della consultazione in attesa di stabilirne la costituzionalità. Il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, ha detto che le trattative col governo federale continueranno anche dopo il referendum, e che l'indipendenza potrebbe essere dichiarata tra due anni. L'Alto consiglio per il referendum, presieduto da Barzani, ha detto che le operazioni di voto si svolgeranno alla data prevista, dopo che nei negoziati delle ultime settimane con il governo centrale di Baghdad, "nessuna alternativa è stata offerta al posto del referendum e a garanzia dell'indipendenza". "Siamo pronti a cominciare un dialogo serio, cordiale e sincero con Baghdad e la comunità internazionale dopo il referendum", ha detto Barzani in un comizio a migliaia di sostenitori.

20:37Corea Nord: Ue verso nuove sanzioni, bozza d’accordo

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - L'Ue va verso l'adozione di nuove sanzioni nei confronti della Corea del Nord. E' quanto si apprende da fonti europee. I 28 hanno raggiunto una bozza di accordo anche se manca ancora una formalizzazione che, secondo le previsioni, potrebbe arrivare alla prossima riunione del Consiglio Affari Esteri, in agenda il 16 ottobre.

Archivio Ultima ora