Addio casalinge, in 10 anni sono mezzo milione in meno

Pubblicato il 10 luglio 2017 da ansa

ROMA. – Più povere, più anziane, più sole. Nel 2016 le donne che si riconoscono come casalinghe in Italia sono oltre mezzo milione in meno di dieci anni prima, ma ancora contano 7 milioni e 338 mila anime, pronte a difendere nel mondo il mito e lo stereotipo della mamma italiana tutta casa e famiglia.

Come vuole la leggenda, nella maggior parte dei casi vivono al Centro Sud e oltre una su due non ha mai lavorato al di fuori delle mura domestiche ma la loro età media è più alta di un tempo, e ha raggiunto i 60 anni. Così una casalinga su cinque si trova a vivere da sola, magari perché i figli hanno lasciato il nido ed è vedova o divorziata.

A raccontare le massaie del terzo millennio ci pensa l’Istat nel rapporto “Le casalinghe in Italia. Anno 2016” dove descrive una vita fatta di tanto lavoro, in media quasi 49 ore a settimana, più di molti impiegati; pochi soldi, che sono scarsi o insufficienti per una su due; e poco svago. Meno di una casalinga su tre va al cinema anche solo una volta all’anno o legge almeno un libro e ancora meno frequentano concerti, mostre e musei. Internet non fa parte della vita quotidiana di queste donne, tra le quali solo su due su dieci navigano abitualmente, e anche le più giovani sono poco connesse: usa il web appena il 41,4%.

La situazione delle 625 mila ragazze sotto i 35 anni che si dedicano solo alla casa è particolarmente delicata. Dichiarano di non cercare un impiego per motivi familiari ma questa situazione le espone a rischi economici e sociali di gran lunga superiore a quelli delle coetanee che lavorano. Una giovane casalinga su cinque vive in povertà assoluta (il 20%), a fronte del 5,3% delle coetanee lavoratrici e del 4,8% delle casalinghe più anziane.

Anche in generale, la situazione economica delle donne di casa “non è buona”, osserva l’Istat: oltre 700 mila sono quelle assolutamente indigenti nel 2015, con risorse insufficienti per comprare i beni e servizi essenziali per una vita dignitosa e 600 mila hanno cercato lavoro ma hanno perso le speranze di trovarlo.

L’Unione nazionale consumatori sottolinea che la povertà tra le massaie moderne in un solo anno è aumentata del 10%, mentre Federcasalinghe vede nei dati “un campanello d’allarme sul fatto che in Italia non esiste una politica razionale inclusiva nei confronti delle casalinghe”, vittime di una “discriminazione pesante”.

“Il tema delle casalinghe è forte e grande”, riconosce il segretario del Pd, Matteo Renzi, parlando a Radio Montecarlo. Ancora oggi solo il 37,7% delle casalinghe ha un bancomat o una carta di credito e la maggioranza di loro si trova a chiedere al marito i soldi anche per le piccole spese quotidiane.

Eppure qualcosa sta cambiando nel rapporto tra uomini e donne pure nelle famiglie più tradizionali. Il carico di lavoro familiare svolto dalle casalinghe è passato dall’89,6% del 1989 all’80,3% del 2014. In questo aiutano i 35 minuti di lavoro domestico in più svolto ogni giorno dagli uomini, coinvolti soprattutto nella cura dei figli. Ma contribuiscono anche le scelte delle donne, che dedicano un’ora e 23 minuti in meno al giorno alle faccende domestiche, rispetto all’89, e 39 minuti in più ai figli.

Sarà anche per queste trasformazioni che il 35,3% delle donne di casa esprime una soddisfazione elevata per la propria vita. E’ una quota importante, seppure inferiore di quasi dieci punti a quella delle donne che lavorano.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora