Tour: Kittel tedesco volante, poker di sprint con record

Pubblicato il 11 luglio 2017 da ansa

Il tedesco Marcel Kittel of Germany (taglia in scioltezza il traguardo di Bergerac, Francia, 11 luglio 2017. EPA/ROBERT GHEMENT

ROMA. – Marcel Kittel vinceva lo sprint quando ancora si correva con un gruppo a ranghi compatti e con i vari Demare, Cavandish, Sagan a contendersi ogni traiettoria, figurarsi adesso che è rimasto con pochi diretti concorrenti, fra i quali il connazionale tedesco John Degenkolb che, fino agli ultimi metri prima del traguardo di oggi, gli ha conteso il poker. Che la maglia verde ha calato, entrando direttamente nella storia del Tour de France di ciclismo, perché ha superato il connazionale Erik Zabel, fermo a 12 vittorie, mentre il gigante della Quickstep-Floors è passato avanti, toccando quota 13. E non è finita, visto che il tedesco volante ha ‘soltanto’ 29 anni e qualche Tour può ancora disputarlo da qui a fine carriera.

Kittel, anche sul traguardo di Bergerac – dove si è conclusa la decima tappa, cominciata da Périgueux – è partito dietro tutti e ha sbaragliato l’esigua concorrenza, con Degenkolb non in grado di mettere la propria ruota davanti alla sua. Uno sprint imperiale, senza ombre né discussioni, o polemiche. Una vittoria pulita, davanti al connazionale e poi a Dylan Groenewen, l’olandese che si è piazzato terzo, mentre al quarto e al quinto posto si sono sistemati rispettivamente Ruediger Selig e il norvegese Alexander Kristoff. Solo sesto il francese Nacer Bouhanni, ancora all’asciutto nella corsa che ama di più. Primo degli italiani il solito Sonny Colbrelli, nono.

In classifica generale non si è mossa foglia, dopo il primo giorno di riposo che anticipa la settimana della gestione delle energie (la seconda): l’inglese Chris Froome è ancora in vetta con 18″ di vantaggio su Fabio Aru e 51″ su Rigobero Uran. Non la tappa di oggi e nemmeno quella di domani, da Eymet a Pau (203,5 chilometri), possono modificare l’inerzia della corsa a tappe francese.

Da giovedì la musica cambierà e si tornerà a salire, questa volta a sub, sulle ruvide strade dei Pirenei, dove Aru costruì il proprio successo nella Vuelta di Spagna e dove Froome è abituato a respingere ogni attacco. Giovedì sarà la volta della Pau-Peyragudes, di 214,5 chilometri con cinque Gran premi della montagna, di cui uno (Port de Balès di ‘hors categorie’); il giorno dopo, cioè venerdì, toccherà alla Saint Girons-Foix, la tappa breve (poco più di 100 chilometri) di cui ha parlato ieri in conferenza stampa Aru, ammettendo di temere l’alta velocità. Ma non solo: ci saranno da temere tre Gpm, ma anche l’ultima discesa.

Ultima ora

12:52Svastica su cartello scuola Anna Frank a Pesaro

(ANSA) - PESARO, 19 NOV - "Ignoranti e delinquenti. Siete contro la storia e l'umanità. Faremo denuncia contro ignoti e ripuliremo subito. Non vanno sottovalutati certi comportamenti di pericolosa intolleranza e nuovo estremismo. Continueremo il lavoro sulla memoria nelle scuole affinché i valori di libertà e uguaglianza siano per sempre. #wepesaro". Così il sindaco di Pesaro Matteo Ricci sulla svastica disegnata sul cartello della scuola intitolata ad Anna Frank disegnata nella notte da ignoti con una bomboletta spray color nero.

12:51Spari dopo lite in movida Napoli, quattro ragazzi feriti

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - Quattro giovanissimi feriti da colpi di arma da fuoco: è il bilancio di una sparatoria avvenuta la scorsa notte in via Carlo Poerio, nel quartiere Chiaia, tra i crocevia più affollati della movida napoletana. Sull'episodio indaga la polizia: a quanto pare gli spari sarebbero avvenuti in seguito a una lite tra due comitive. Coinvolto un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 19 anni, alcuni dei quali provenienti dall'hinterland partenopeo e già noti alle forze dell'ordine. Il ferito più grave è un sedicenne, colpito al torace, ricoverato con prognosi riservata. Ferita al petto anche una ragazza di 19 anni, che dovrà essere operata per estrarle un proiettile dal seno. Nel bilancio dei feriti anche un ragazzo che ha riportato la frattura del setto nasale, probabilmente in seguito a una caduta.

11:27Catalogna: Juncker, ‘sono molto preoccupato, é un disastro’

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "La Catalogna è una grande, una enorme preoccupazione. Non mi piace la situazione che ha causato: è un disastro": lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, nel corso di un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais. "Per molti versi, ha reso tesa l'atmosfera politica, ha provocato una frattura interna nella società spagnola e nella società catalana", ha proseguito Juncker sottolineando che questa situazione "crea problemi nelle famiglie, tra amici. È triste. Questo non dovrebbe mai essere successo". "Il nazionalismo è un veleno", ha sottolineato: "Fuori dall'Europa mi chiedono se la Spagna si trova in uno stato di decomposizione: se il Paese sta per rompersi in due. Io dico di no, che la maggior parte degli spagnoli si oppone all'indipendenza, che neanche in Catalogna la maggioranza è chiara. Il governo e la Generalitat possono discutere il grado di autonomia, ma l'Europa è un club di nazioni e non accetto che le regioni vadano contro le nazioni".

11:21Francia: sondaggio Ifop-Jdd, popolarità Macron risale al 46%

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risale la popolarità del presidente francese Emmanuel Macron, secondo il barometro Ifop-Jdd, l'inquilino dell'Eliseo recupera quattro punti a novembre rispetto al mese precedente assestandosi al 46%. Come ricorda il Journal di Dimanche (Jdd) la popolarità di Macron era decisamente calata durante l'estate. Il presidente recupera in particolare ben 7 punti, al 22%, tra i simpatizzanti de La France Insoumise, il partito del populista di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon.

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

Archivio Ultima ora