Italiani penultimi in Europa sul web, anche se naviga il 60% della popolazione

Pubblicato il 11 luglio 2017 da ansa

Internet

ROMA. – L’Italia è penultima in Europa per l’uso di Internet, anche se naviga il 60% della popolazione, in particolare i giovani via smartphone e tablet. Segnali positivi arrivano però dal mercato dei media, dove tornano a crescere tv e tlc, mentre arranca ancora l’editoria, ostaggio di una crisi ormai strutturale. E in un settore televisivo ancora dominato dai tre big, Sky resta regina dei ricavi con una quota del 32%, ma sul secondo gradino del podio si piazza la Rai che sfiora il 30%, scalzando Mediaset, terza con il 28%.

Luci e ombre delineano il quadro tracciato dal presidente dell’Agcom Angelo Marcello Cardani nella Relazione annuale al Parlamento. Cifre alla mano, accompagnato per la prima volta anche dalle slide, nella Sala della Lupa a Montecitorio Cardani si sofferma sul ritardo ormai cronico accumulato dall’Italia sul web: nonostante il balzo in avanti della banda ultralarga, che nel 2016 ha raggiunto il 72% delle case, restiamo al 25/o posto della classifica europea e ben al di sotto del valore medio Ue (37%).

Usiamo Internet meno degli altri europei per acquisti, servizi bancari e video on demand, siamo nella media per i social network, la superiamo nel consumo di contenuti digitali (musica, video, giochi online). Ovviamente l’età fa la differenza: se nella fascia 65-74 anni solo il 33% accede a Internet, tra i 14-34enni la percentuale sale al 92%; gli over 50 dedicano più tempo ai video e alle news, i più giovani alla comunicazione, soprattutto social, al gioco e alla musica.

In un settore delle comunicazioni che tira il fiato dopo un decennio nero e raggiunge quota 53,6 miliardi, tornano al segno più le tlc, con un +1.5% nei ricavi (e con il sorpasso dei servizi dati, +5.6% sui servizi voce, -7.6%), e sorride anche la tv, attestandosi di nuovo sopra gli 8 miliardi. Il mercato resta però molto concentrato, avverte Cardani, sia nella tv in chiaro, con oltre l’80% dei ricavi in capo a Rai e Mediaset, sia nella pay, con il gruppo 21st Century Fox/Sky Italia di gran lunga in testa (77%), mentre Fininvest/Mediaset è al 21%.

Nel complesso, il 90% dei ricavi resta in mano ai tre operatori principali: Sky con il 32% (in calo di 1,5 punti), Rai seconda al 29.7% (+1.8%, complice il canone in bolletta) e Mediaset al 28% (-0.6%). Seguono, con un netto distacco, i gruppi Discovery e Cairo Communication (La7), con quote vicine al 2% (in leggero aumento).

La Rai resta un “caso peculiare”, in quanto servizio pubblico (che deriva dal canone il 74% dei propri ricavi) che svolge però anche attività commerciale. Una questione sulla quale l’Agcom è pronta a farsi sentire in sede di rinnovo del contratto di servizio: vista l’assenza di una “scelta legislativa chiara sulla separazione (per canale, fascia oraria, contenuto) delle attività coperte dal canone”, andrà reso “trasparente il valore (pubblico) economico e qualitativo delle linee editoriali”, diversificata la produzione multipiattaforma, rinnovati i linguaggi, sostenuta la produzione nazionale.

Drammatica la situazione dell’editoria, con il settore stampa che vede ancora contrarsi i ricavi del 6.6% nel 2016. La crisi pesa anche sull’occupazione e su una professione giornalistica che “scivola nettamente verso la precarizzazione”. La questione “richiede l’attenzione di tutti gli attori in campo”, avverte Cardani, perché “la pluralità ma anche la qualità dell’informazione rappresentano condizioni imprescindibili di un sistema democratico”.

Cardani chiede una mano al Parlamento anche sul fronte fake news. Serve “un intervento normativo”, sottolinea, la via maestra non può essere l’autoregolamentazione dei colossi del web: se una notizia falsa porta traffico, non c’è da fidarsi che gli algoritmi la cancellino, evitando “opportunità di diffusione virale di forme illegali di informazione manipolata, di incitamento all’odio, di denigrazione”.

(di Angela Majoli e Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora