Italiani penultimi in Europa sul web, anche se naviga il 60% della popolazione

Pubblicato il 11 luglio 2017 da ansa

Internet

ROMA. – L’Italia è penultima in Europa per l’uso di Internet, anche se naviga il 60% della popolazione, in particolare i giovani via smartphone e tablet. Segnali positivi arrivano però dal mercato dei media, dove tornano a crescere tv e tlc, mentre arranca ancora l’editoria, ostaggio di una crisi ormai strutturale. E in un settore televisivo ancora dominato dai tre big, Sky resta regina dei ricavi con una quota del 32%, ma sul secondo gradino del podio si piazza la Rai che sfiora il 30%, scalzando Mediaset, terza con il 28%.

Luci e ombre delineano il quadro tracciato dal presidente dell’Agcom Angelo Marcello Cardani nella Relazione annuale al Parlamento. Cifre alla mano, accompagnato per la prima volta anche dalle slide, nella Sala della Lupa a Montecitorio Cardani si sofferma sul ritardo ormai cronico accumulato dall’Italia sul web: nonostante il balzo in avanti della banda ultralarga, che nel 2016 ha raggiunto il 72% delle case, restiamo al 25/o posto della classifica europea e ben al di sotto del valore medio Ue (37%).

Usiamo Internet meno degli altri europei per acquisti, servizi bancari e video on demand, siamo nella media per i social network, la superiamo nel consumo di contenuti digitali (musica, video, giochi online). Ovviamente l’età fa la differenza: se nella fascia 65-74 anni solo il 33% accede a Internet, tra i 14-34enni la percentuale sale al 92%; gli over 50 dedicano più tempo ai video e alle news, i più giovani alla comunicazione, soprattutto social, al gioco e alla musica.

In un settore delle comunicazioni che tira il fiato dopo un decennio nero e raggiunge quota 53,6 miliardi, tornano al segno più le tlc, con un +1.5% nei ricavi (e con il sorpasso dei servizi dati, +5.6% sui servizi voce, -7.6%), e sorride anche la tv, attestandosi di nuovo sopra gli 8 miliardi. Il mercato resta però molto concentrato, avverte Cardani, sia nella tv in chiaro, con oltre l’80% dei ricavi in capo a Rai e Mediaset, sia nella pay, con il gruppo 21st Century Fox/Sky Italia di gran lunga in testa (77%), mentre Fininvest/Mediaset è al 21%.

Nel complesso, il 90% dei ricavi resta in mano ai tre operatori principali: Sky con il 32% (in calo di 1,5 punti), Rai seconda al 29.7% (+1.8%, complice il canone in bolletta) e Mediaset al 28% (-0.6%). Seguono, con un netto distacco, i gruppi Discovery e Cairo Communication (La7), con quote vicine al 2% (in leggero aumento).

La Rai resta un “caso peculiare”, in quanto servizio pubblico (che deriva dal canone il 74% dei propri ricavi) che svolge però anche attività commerciale. Una questione sulla quale l’Agcom è pronta a farsi sentire in sede di rinnovo del contratto di servizio: vista l’assenza di una “scelta legislativa chiara sulla separazione (per canale, fascia oraria, contenuto) delle attività coperte dal canone”, andrà reso “trasparente il valore (pubblico) economico e qualitativo delle linee editoriali”, diversificata la produzione multipiattaforma, rinnovati i linguaggi, sostenuta la produzione nazionale.

Drammatica la situazione dell’editoria, con il settore stampa che vede ancora contrarsi i ricavi del 6.6% nel 2016. La crisi pesa anche sull’occupazione e su una professione giornalistica che “scivola nettamente verso la precarizzazione”. La questione “richiede l’attenzione di tutti gli attori in campo”, avverte Cardani, perché “la pluralità ma anche la qualità dell’informazione rappresentano condizioni imprescindibili di un sistema democratico”.

Cardani chiede una mano al Parlamento anche sul fronte fake news. Serve “un intervento normativo”, sottolinea, la via maestra non può essere l’autoregolamentazione dei colossi del web: se una notizia falsa porta traffico, non c’è da fidarsi che gli algoritmi la cancellino, evitando “opportunità di diffusione virale di forme illegali di informazione manipolata, di incitamento all’odio, di denigrazione”.

(di Angela Majoli e Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

11:05Moto:Aragon,Lorenzo punta a riscatto ‘siamo su buona strada’

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La gara a Misano Adriatico è iniziata nel segno di Jorge Lorenzo. Il maiorchino del Ducati Team è stato, come spesso accade in questa stagione, protagonista di una partenza fulminate e ha condotto la prova romagnola, segnata dalla pioggia, per diversi passaggi. Un errore, una distrazione, gli sono costati una caduta quando era saldamente al comando della corsa. Lorenzo è pronto a rifarsi al MotorLand di Aragón tra pochi giorni. Pista 'amica' dove ha vinto in due volte (2014 - 2015) accumulando altri quattro podi. "Peccato per la mia caduta in gara a Misano, perché avevo la possibilità di vincere il mio primo GP con la Ducati, ma comunque anche da questa situazione è stato importante trarre delle conclusioni positive che ci possono aiutare a migliorare. Sono stato di nuovo in testa ad una gara in modo stabile e questo conferma che siamo sulla buona strada e che stiamo lavorando nella direzione giusta. Adesso - aggiunge Lorenzo - arriviamo ad Aragon, uno dei circuiti dove mi sento maggiormente a mio agio''

11:02Auto: a Vallelunga il nono Aci Racing Weekend

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sarà un "Piero Taruffi" rinnovato quello che ospiterà il terzultimo ACI Racing Weekend 2017. Il circuito capitolino, dopo essersi rifatto il look con il nuovo asfalto e le modifiche al paddock, ospiterà quello che, di fatto, sarà un weekend fondamentale per i pretendenti al titolo di tutte le categorie in pista. A partire dal tricolore Gran Turismo, sempre più avvincente con 4 equipaggi racchiusi in una manciata di punti per il titolo assoluto, al TCR Italy con la sfida Scalvini - Baldan e l'esordio della lady romana Carlotta Fedeli oltre al ritorno di "Piedone" Giovanardi. Ma grande attesa anche per il tricolore Sport Prototipi, il MINI Challenge, la F.2 Italian Trophy e la Mitjet Italian Series dove farà il suo esordio il campione GP2 2012 Davide Valsecchi, ormai volto noto della Formula 1 su Sky. Una festa per l'autodromo romano che compie 65 anni con la presentazione di un libro che ne racconta la storia, venerdì sera. Ingresso gratuito scaricando il biglietto da acisport.it e vallelunga.it.

10:39Viabilità: chiuso traforo Gran San Bernardo

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Per un "problema di carattere tecnico" alle 8.50 è stato chiuso al traffico il traforo del Gran San Bernardo, che collega l'Italia alla Svizzera. "E' tutto al vaglio dei tecnici della società, stiamo conducendo delle valutazioni in merito. Al momento non sappiamo stimare i tempi per la riapertura", spiega un responsabile della Sistrasb, la Società italiana traforo del Gran San Bernardo. Il problema si è verificato "nella parte italiana" della galleria. La protezione civile della Valle d'Aosta ha applicato il piano per la viabilità che prevede il divieto di transito in salita per i mezzi pesanti. I veicoli leggeri possono invece percorrere il Colle del Gran Bernardo.(ANSA).

10:21Calcio: Allegri, ‘3 punti imparando a soffrire,ora il derby’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Gli 1-0 servono perché oltre ai tre punti in classifica si impara a soffrire". Doppio risultato per Massimiliano Allegri, che vede la Juventus lottare per 90' per avere la meglio sulla Fiorentina, unendo alla buona prova di carattere anche il primo posto in classifica in compagnia del Napoli. "Bene così, ora sotto con il derby!" ha aggiunto l'allenatore bianconero nel consueto tweet che accompagna la fine delle partite della Juventus, impegnata sabato sera all'Allianz Stadium contro il Torino.

10:19Contrada: difensore, sentenza conferma ruolo di Corte Europa

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - "Finalmente e senza mezzi termini: un pronuncia che conferma il ruolo protagonistico della Corte europea nell'ordinamento giuridico italiano, conferendo piena cogenza alle decisioni di Strasburgo". Il prof.Vittorio Manes, difensore di Bruno Contrada, commenta così la sentenza della Cassazione che ha dichiarato ineseguibile e improduttiva di effetti penali la condanna per l'ex numero 2 del Sisde. La sentenza, prosegue, è "molto coraggiosa e dai toni 'alti', decisamente consapevole della complessità dei problemi giuridici in gioco, che prende molto sul serio gli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo". E "detta una parola decisiva in ordine ai doveri del giudice nazionale che - a prescindere dalla condivisione della decisione europea sul caso concreto - non può sottrarsi alle pronunce di condanna del giudice di Strasburgo, a cui deve dare piena esecuzione, eliminando ogni effetto dell'eventuale sentenza di condanna 'domestica' ritenuta illegittima dalla corte Edu".(ANSA).

10:06‘Ndrangheta: arrestato in Olanda latitante Bonarrigo

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 21 SET - E' stato arrestato ad Amsterdam Gioacchino Bonarrigo, 33 anni, di Cinquefrondi, latitante da luglio 2011 quando evase dai domiciliari. L'uomo, ritenuto elemento di spicco della cosca Bellocco di Rosarno e con ramificazioni in Italia e all'estero, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga ed è stato arrestato dalla polizia olandese insieme ai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Destinatario di mandato di arresto europeo dal 2016, deve scontare anche 2 anni e 19 giorni di reclusione per armi e ricettazione. Dalla collaborazione tra i carabinieri del reparto operativo di Reggio e del Gruppo di Gioia Tauro e la polizia olandese, col raccordo del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, è emerso che il latitante, sotto false generalità, si muoveva in vari paesi europei, tra cui l'Olanda. E' stato quindi individuato in un quartiere del centro di Amsterdam e bloccato. (ANSA).

09:42Crolla solaio nella notte, quattro feriti a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 21 SET - Quattro persone - i genitori e i due figli - sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, a seguito di un crollo avvenuto in uno stabile di tre piani di via D'Alò Alfieri, a Taranto. Secondo le prime informazioni, pare che a cedere sia stato prima il solaio del terzo e ultimo piano (disabitato) che ha fatto poi cadere il pavimento con le macerie finite nella camera da letto del secondo piano. Una bambina sarebbe stata trasportata in codice rosso all'ospedale "Santissima Annunziata", ma non correrebbe pericolo di vita. Feriti in maniera non grave il genitori e il fratello sedicenne della piccola. Sul posto vigili del fuoco, 118, Polizia e carabinieri. L'edificio è stato sgomberato e messo in sicurezza.

Archivio Ultima ora