Trump a Parigi con Macron apre uno spiraglio sul clima

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Macron e Trump

President Donald J. Trump e il Presidente francese Emmanuel Macron. EPA/JULIEN DE ROSA

PARIGI. – A volte la più rude stretta di mano può sancire l’avvio di una relazione fruttuosa. A cinque settimane dal primo vigoroso ‘braccio di ferro’ al vertice Nato di Bruxelles immortalato dai media di tutto il mondo, Donald Trump e Emmanuel Macron sembrano andare più che mai a braccetto. Sorrisi, sguardi complici, pacche sulle spalle. Finito il tempo delle diffidenza reciproca e dei commenti al veleno del presidente Usa contro quella Parigi colpita dal terrorismo che “non è più la stessa”.

Al fianco di Macron all’Eliseo, ‘The Donald’ sembra più che mai vedere la ‘vie en rose’. E persino sul clima sembra quasi voler aprire uno spiraglio, mentre si rafforza l’asse franco-americano sulla Siria e contro il terrorismo. L’uscita degli Usa dalla Cop21? “Qualcosa potrebbe accadere…”, dice sibillino davanti alle decine di giornalisti riuniti nel salone delle Feste dell’Eliseo, in occasione di questo primo viaggio di Stato in Francia per le celebrazioni del 14 luglio.

“Una meravigliosa festa nazionale”, commenta l’inquilino della Casa Bianca che dopo aver tanto vituperato la République ora rende omaggio a “un Paese bellissimo” e al suo popolo “meraviglioso”. E ancora, rivolgendosi a Macron dopo la visita alla tomba di Napoleone sotto alla cupola degli Invalides, ringrazia per “questa visita di uno degli edifici più belli al mondo”. Un radicale cambio di apprezzamento che contribuirà, almeno così sperano a Parigi, a riportare i tanti turisti americani che dagli attentati del 2015 boicottano la Ville Lumière.

Quanto a Macron, è un “presidente super”, la “nostra relazione è molto buona”, commenta più francofilo che mai. Nel nuovo idillio parigino l’americano sembra persino più possibilista sul clima, anche se un rientro degli Usa negli accordi di Parigi appare fantascienza. La Cop21? “E’ un’occasione molto speciale, qualcosa potrebbe accadere. Vedremo ciò che succederà…”.

Poco prima, Macron aveva espresso “rispetto” per la decisione di Washington di abbandonare l’accordo. Da parte mia, ha però avvertito il trentanovenne europeista, “resto molto legato all’intesa di Parigi e alla volontà di andare avanti in quella cornice”. Ora “bisogna lasciare gli Usa lavorare sulla loro road map e continuare a parlarne. Oggi non c’è nessun cambiamento improvviso o inaspettato ma esiste, almeno credo, una volontà condivisa di discutere di questi temi, di lavorare, per trovare il miglior accordo possibile”.

Parole pronunciate prima della cena al Jules Verne, il ristorante panoramico di Alain Ducasse sulla Torre Eiffel, dove i due leader ritrovano Melania e Brigitte dopo un pomeriggio passato dalle due First Lady tra Notre Dame e una mini-crociera sulla Senna. “Una cena tra amici”, la definisce Macron, tra due nazioni “alleate da sempre”. Non meno cordiale Trump: “La Francia ci ha aiutato ad ottenere la nostra indipendenza, non dimentichiamolo mai”.

Se sul clima la strada resta comunque tutta in salita, i presidenti ‘novizi’ di Parigi e Washington manifestano grande intesa su Iraq, Siria e lotta al terrorismo. Insieme hanno concordato una “road map” per il dopoguerra e minacciato ancora Assad di una reazione immediata in caso di nuovo utilizzo di armi chimiche.

“Dobbiamo vincere le forze del male e della distruzione”, chiosa Trump, insistendo sull’imperativo di “rafforzare il nostro partenariato di sicurezza”. Dopo la cena alla Dama di Ferro, i due si ritroveranno per la tradizionale parata militare sugli Champs-Elysées. Un appuntamento ad alta portata simbolica, a cento anni dall’impegno delle truppe americane in sostegno della Francia nella Grande Guerra.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

00:38Basket: Eurolega, Milano batte Bamberg 71-62

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Dopo la maxi-remuntada di mercoledì con Valencia, ecco un'altra rimonta in doppia cifra dell'Olimpia contro il Brose Bamberg (71-62). Sedici i punti recuperati in Spagna con un grande Jerrells, undici quelli ribaltati oggi (senza Goudelock, out sei settimane) in un lampo da un eroico Kalnietis che ne infila dieci in fila (dopo lo 0 nei primi 35') per allestire un parziale di 19-0 (dal 46-57 al 65-57) che spegne il furore tedesco e le speranze di Trinchieri di battere per la terza volta consecutiva la squadra dove è cresciuto. Ma questa è la Milano di Pianigiani che alla sua squadra chiede sempre di non mollare mai: l'Olimpia è sulle gambe per via della maratona di Valencia, ha percentuali drammatiche al tiro (ne sbaglia 34 dei primi 47) ma non si scompone mai (o quasi, vista la randellata presa con Kaunas) nelle difficoltà. Così sono arrivati tutti e tre i successi in Eurolega e ora la classifica vede Milano ad appena una vittoria di distanza dall'ottavo posto che separa i sogni dagli incubi.

00:35Calcio: serie B, Frosinone-Avellino 1-1

(ANSA) - FROSINONE, 17 NOV - Nell'anticipo della 15/a giornata di B, finisce 1-1 (0-1) la sfida allo 'Stirpe' fra Frosinone e Avellino. I ciociari puntavano a fare bottino pieno ma alla fine ha avuto ragione Novellino che aveva promesso una prova gagliarda degli irpini. Il Frosinone recrimina per alcune scelte dell'arbitro Baroni, che ha visto bene in occasione del vantaggio ospite nell'assegnare il penalty per mani di Matteo Ciofani, trasformato da Castaldo al 5' pt, ma poi non ha ritenuto da rigore un fallo su Daniel Ciofani e una plateale manata al pallone su punizione di Ciano. A inizio ripresa il pareggio frusinate al 4' su inzuccata di Daniel Ciofani. Sempre nel primo tempo la squadra laziale ha colpito una traversa con Ciano e un palo con Dionisi. Un legno anche per i campani colpito da Migliorini. Nel primo tempo gravissimo infortunio a Lasik, si parla di frattura di tibia e perone, dopo un intervento che gli è costato anche il cartellino su Beghetto.

00:25Usa: incendio in palazzo a New York, fiamme sotto controllo

(ANSA) - NEW YORK, 17 NOV - Incendio in un edificio di sette piani a Manhattan, nell'area di Hamilton Heights. Circa 200 pompieri sono sul posto e le fiamme, anche se alimentate dal vento, sono al momento sotto controllo. Secondo le informazioni preliminari, non ci sarebbero feriti. Le cause dell'incendio, scoppiato sulla 144ma strada, non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora