Trump a Parigi con Macron apre uno spiraglio sul clima

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Macron e Trump

President Donald J. Trump e il Presidente francese Emmanuel Macron. EPA/JULIEN DE ROSA

PARIGI. – A volte la più rude stretta di mano può sancire l’avvio di una relazione fruttuosa. A cinque settimane dal primo vigoroso ‘braccio di ferro’ al vertice Nato di Bruxelles immortalato dai media di tutto il mondo, Donald Trump e Emmanuel Macron sembrano andare più che mai a braccetto. Sorrisi, sguardi complici, pacche sulle spalle. Finito il tempo delle diffidenza reciproca e dei commenti al veleno del presidente Usa contro quella Parigi colpita dal terrorismo che “non è più la stessa”.

Al fianco di Macron all’Eliseo, ‘The Donald’ sembra più che mai vedere la ‘vie en rose’. E persino sul clima sembra quasi voler aprire uno spiraglio, mentre si rafforza l’asse franco-americano sulla Siria e contro il terrorismo. L’uscita degli Usa dalla Cop21? “Qualcosa potrebbe accadere…”, dice sibillino davanti alle decine di giornalisti riuniti nel salone delle Feste dell’Eliseo, in occasione di questo primo viaggio di Stato in Francia per le celebrazioni del 14 luglio.

“Una meravigliosa festa nazionale”, commenta l’inquilino della Casa Bianca che dopo aver tanto vituperato la République ora rende omaggio a “un Paese bellissimo” e al suo popolo “meraviglioso”. E ancora, rivolgendosi a Macron dopo la visita alla tomba di Napoleone sotto alla cupola degli Invalides, ringrazia per “questa visita di uno degli edifici più belli al mondo”. Un radicale cambio di apprezzamento che contribuirà, almeno così sperano a Parigi, a riportare i tanti turisti americani che dagli attentati del 2015 boicottano la Ville Lumière.

Quanto a Macron, è un “presidente super”, la “nostra relazione è molto buona”, commenta più francofilo che mai. Nel nuovo idillio parigino l’americano sembra persino più possibilista sul clima, anche se un rientro degli Usa negli accordi di Parigi appare fantascienza. La Cop21? “E’ un’occasione molto speciale, qualcosa potrebbe accadere. Vedremo ciò che succederà…”.

Poco prima, Macron aveva espresso “rispetto” per la decisione di Washington di abbandonare l’accordo. Da parte mia, ha però avvertito il trentanovenne europeista, “resto molto legato all’intesa di Parigi e alla volontà di andare avanti in quella cornice”. Ora “bisogna lasciare gli Usa lavorare sulla loro road map e continuare a parlarne. Oggi non c’è nessun cambiamento improvviso o inaspettato ma esiste, almeno credo, una volontà condivisa di discutere di questi temi, di lavorare, per trovare il miglior accordo possibile”.

Parole pronunciate prima della cena al Jules Verne, il ristorante panoramico di Alain Ducasse sulla Torre Eiffel, dove i due leader ritrovano Melania e Brigitte dopo un pomeriggio passato dalle due First Lady tra Notre Dame e una mini-crociera sulla Senna. “Una cena tra amici”, la definisce Macron, tra due nazioni “alleate da sempre”. Non meno cordiale Trump: “La Francia ci ha aiutato ad ottenere la nostra indipendenza, non dimentichiamolo mai”.

Se sul clima la strada resta comunque tutta in salita, i presidenti ‘novizi’ di Parigi e Washington manifestano grande intesa su Iraq, Siria e lotta al terrorismo. Insieme hanno concordato una “road map” per il dopoguerra e minacciato ancora Assad di una reazione immediata in caso di nuovo utilizzo di armi chimiche.

“Dobbiamo vincere le forze del male e della distruzione”, chiosa Trump, insistendo sull’imperativo di “rafforzare il nostro partenariato di sicurezza”. Dopo la cena alla Dama di Ferro, i due si ritroveranno per la tradizionale parata militare sugli Champs-Elysées. Un appuntamento ad alta portata simbolica, a cento anni dall’impegno delle truppe americane in sostegno della Francia nella Grande Guerra.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

14:36Coni: Malagò, limite mandati fa pulizia

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - "Non posso che essere grato e riconoscente al Governo per l'approvazione del provvedimento sul limite dei mandati" alla presidenza delle federazioni sportive. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla giunta nazionale in corso in Palazzo Vecchio a Firenze. "Mi ha fatto un piacere enorme che questo sia stato un provvedimento sostenuto dal governo ma anche dalle opposizioni - ha aggiunto Malagò - E' stato un provvedimento giusto, equo, che parte da lontano. Ho sempre sostenuto una legge dello Stato che mettesse i puntini sulle i su tutti i stakeholder del nostro mondo. Questo limite dei tre mandati è esattamente in linea con una indicazione, un suggerimento, fatto dal Comitato internazionale olimpico con una delibera di Thomas Bach. Si è fatto ordine e pulizia con questo provvedimento". Abbiamo avuto delle criticità ma sia nella parte sportiva, gestionale, di immagine, contabile, economica, ci siamo sempre fatti trovare all'altezza delle aspettative di un ente pubblico come il nostro".

14:34Calcio a 5:Italia travolge 7-0 Polonia in amichevole Genzano

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'Italia del Futsal parte bene. L'amichevole con la Polonia disputata oggi al PalaCesaroni di Genzano si è conclusa con un roboante 7-0. Splendida la cornice di pubblico, il palazzetto gremito in ogni ordine di posto, che ha visto gli azzurri di Roberto Menichelli avvicinarsi agli Europei in Slovenia con la marcia giusta. Ordine tattico, tenuta mentale ed entusiasmo sono state le chiavi di questa vittoria che già allo scadere della prima frazione aveva assunto le dimensioni della goleada con due reti realizzate da uno scatenato Calderolli. Lima, sua la doppietta, Baron e Merlim fanno il resto, chiudendo poi il match col risultato finale di 7-0. L'Italia partirà giovedì 25 gennaio alla volta di Novigrad per l'ultima amichevole contro la Francia (26 gennaio) e poi si trasferirà a Lubiana per esordire contro la Serbia il primo febbraio. Il ct Menichelli esprime la sua soddisfazione per il comportamento tenuto dai ragazzi in campo: "Mi è piaciuto lo spirito''

14:34Brexit:3 seggi in più al Pe per l’Italia

(ANSA) - BRUXELLES, 23 GEN - Tre seggi in più per l'Italia e costituzione di una 'riserva' di 46 posti da destinare a liste transnazionali e/o a nuovi, futuri Paesi membri: queste le principali proposte sulla gestione post-Brexit dei 73 seggi attualmente assegnati alla Gran Bretagna approvate oggi dalla commissione affari costituzionali del Pe con 21 voti favorevoli e 4 contrari. Le proposte, che si potrebbero applicare dalle elezioni del maggio 2019, dovranno ora essere votate dalla plenaria il mese prossimo e successivamente dal Consiglio europeo prima di tornare all'esame del Pe. I tre seggi in più verrebbero assegnati all'Italia nell'ambito della redistribuzione di 27 posti ai 14 Paesi che attualmente risultano sottorappresentati in termini di rapporto tra cittadini e seggi. In questo contesto a Francia e Spagna verrebbero assegnati 5 posti in più ciascuno, tre andrebbero all'Olanda e 2 all'Irlanda.

14:32Corea Nord minaccia lo stop ai Giochi

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Corea del Nord ha ventilato l'ipotesi di boicottare le Olimpiadi invernali di PyeongChang dopo la protesta di un gruppo di attivisti a Seul che ieri hanno dato fuoco a una bandiera del Nord e a foto del leader Kim Jong-un. "Non possiamo fare a meno di prendere in considerazione sul serio il seguito delle misure relative ai Giochi invernali", ha ammonito in un comunicato il Comitato per la riunificazione pacifica della Corea, sollecitando Seul a prendere rapidamente misure per evitare il ripetersi dell'episodio di ieri, avvenuto al passaggio alla stazione di Seul del team di Pyongyang impegnato nelle ispezioni dei siti delle performance artistiche. "Non tollereremo mai atti detestabili di hooligan conservatori che insultato la sacra dignità e i simboli della Corea del Nord. Se l'accordo Nord-Sud e il programma per la partecipazione del Nord alle Olimpiadi sono cancellati, la colpa sarà solo ed esclusivamente a carico dei gruppi conservatori e delle autorità sudcoreane", conclude la nota.

14:28Calcio: Hamsik in testa a testa con Juve contano nervi saldi

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - "Nel testa a testa con la Juventus conteranno tanti aspetti, anche quello dei nervi saldi. Ogni partita deve essere come una finale, non solo lo scontro diretto a Torino". Lo ha detto Marek Hamsik che oggi ha depositato al Museo Nazionale di Napoli nella mostra "Napoli nel mito" la maglia con cui ha segnato il gol numero 116 con il Napoli, superando Maradona come massimo bomber azzurro. "Sappiamo che da qui in avanti ogni punto vale molto - ha aggiunto il capitano del Napoli - la Juve ne perderà qualcuno, come anche noi ma l'importante sarà come si arriva alla fine. Stiamo facendo tutto il possibile per portare a Napoli la coppa dello scudetto, questa città se lo merita. Ci pensiamo tantissimo, ormai dopo oltre venti giornate siamo là e combattiamo per arrivare primi alla fine. Tutto il gruppo ha in testa il titolo, ci aspettano partite sulla carta facili ma sul campo difficili e allora dobbiamo tenere la testa bassa e portare a casa più vittorie possibili".

14:22Snowboard:sfide e show acrobatici,ecco il’King of Obereggen’

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Lo snowboard italiano ed internazionale farà tappa ad Obereggen cuore bolzanino del comprensorio del Latemar (con Pampeago e Predazzo). Grande attesa nel mondo dello snowboard per il 'King of Obereggen' in programma domenica 28 gennaio. L'evento, organizzato dall'associazione Skateboardproject-Bolzano e la società impianti Obereggen Spa, decreterà re e regina di snowboard e sci freestyle (categorie Under 16, Senior e Girls) dello snowpark altoatesino, tra i più conosciuti a livello italiano ed internazionale. I partecipanti si esibiranno in numeri acrobatici inediti davanti ad una giuria di esperti tra l'entusiasmo contagioso, come nelle scorse edizioni, di numerosi appassionati. In mattinata si svolgerà la gara principale, ad iscrizione gratuita, nella modalità Slopestyle. ''L'iscrizione alla gara sarà gratuita - spiega Stefano Tonini, presidente dell'associazione Skateboardproject-Bolzano - nostro auspicio è che ognuno possa trascorrere una bella giornata di puro snowboard e sci freestyle''.

14:15Boldrini, chiudere pagine Fb che inneggiano a fascismo

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "I siti e le pagine di Facebook, che aumentano continuamente, che inneggiano al fascismo e al nazismo vanno chiuse. Sono le pagine della vergogna". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini, nel corso del convegno "Perseguitati per Legge - 1938, ottant'anni fa le leggi razziali", organizzato a Montecitorio con l'Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei), in occasione del Giorno della Memoria. "Ho anche scritto a Zuckerberg per sottolineare quanto questa non sia una dimensione sostenibile con una democrazia", aggiunge.

Archivio Ultima ora