Tv: Young Pope candidato a Emmy, è il primo italiano

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Young Pope

Una immagine di scena di “The Young Pope”, l’attesa serie in dieci puntate firmata dal premio Oscar Paolo Sorrentino con protagonista Jude Law (Pio XIII), in onda dal 21 ottobre su Sky Atlantic HD.
ANSA/UFFICIO STAMPA

LOS ANGELES. – C’è anche The Young Pope di Paolo Sorrentino fra i candidati agli Emmy, gli Oscar della televisione che verranno consegnati il prossimo 17 settembre. La serie Sky prodotta da Wildside di Lorenzo Mieli e Mario Gianani, interpretata da Jude Law, ha ottenuto una candidatura per il miglior production design (per Ludovica Ferrario) e la migliore fotografia (per Luca Bigazzi).

E’ la prima volta che una serie di una società italiana riceve nomination agli Emmy. Le candidature sono state presentate a Los Angeles e hanno visto prevalere Hbo con 110 candidature, Netflix ne ha ottenute 91, Nbc 60, Fox 27. Tante le sorprese per quelli che sono considerati gli Oscar del piccolo schermo e che ora sempre più importanza stanno acquistando nel panorama dell’intrattenimento, visto il salto di qualità che ha fatto il mondo della serialità da qualche anno a questa parte.

Alcune di queste sorprese sono decisamente poco piacevoli, come quella subita da The Leftovers che non ha ottenuto nessuna candidatura per la sua terza ed ultima stagione. Altre hanno un sapore agro-dolce: the Americans, per esempio, il dramma che racconta la vita negli Stati Uniti di due agenti segreti sovietici ai tempi della guerra fredda ha visto i due protagonisti, Keri Russell e Matthew Rhys ottenere una nomination ciascuno, ma il titolo non concorrerà nella categoria miglior dramma.

Snobbato quest’anno anche Trasparent, la commedia targata Amazon che racconta il mondo transgender. Non è fra le migliori commedie anche se Jeffrey Tambor, già vincitore di un Emmy è fra i candidati. Molto bene invece hanno fatto Saturday Night Live e Westworld, che hanno ottenuto ben 22 candidature, Stranger Things e Feud arrivati a quota 18 e la commedia politica Veep con 17.

Ottimi risultati anche per la novità di quest’anno, This is Us, la serie targata Fox che interseca la vita di più generazioni e che al suo debutto agli Emmy ha ottenuto 11 nomination e fra queste quelle per la migliore serie drammatica e i migliori attori protagonisti (Milo Ventimiglia e Sterling K. Brown) e non protagonisti (Ron Cephas Jones e Chrissy Metz).

Altrettanto bene è andata a Genius, film per la tv prodotto da National Geographic che vede Geoffrey Rush interpretare Albert Einstein. Genius ha ottenuto 10 candidature fra cui non poteva mancare quella al protagonista Geoffrey Rush.

Fra gli snobbati infine due nomi spiccano fra tutti, quelli Rami Malek, che l’anno scorso aveva vinto l’Emmy per il suo ruolo in Mr. Robot e che quest’anno non ha ottenuto nemmeno una candidatura e Lena Dunham, la protagonista e creatrice di Girls, che dopo aver vinto con la prima stagione nel 2012 sperava di poter concorrere a questa ultima. Non sarà così.

Ma ecco le principali nomination: lo spin-off di Breaking Bad, Better Call Saul, l’escursus nella vita della regina Elisabetta The Crown, il politico House of Cards oltre che The Handmaid’s Tale, Stranger Things, Westworld e This Is Us sono i candidati alla categoria migliore serie drammatica. Atlanta, Black-ish, Master of None, Modern Family, Silicon Valley, Umbreakable Kimmy Schmidt e Veep sono invece le serie candidate per la miglior commedia.

Fra le attrici drammatiche appaiono i nomi di Viola Davis (Le regole del delitto perfetto), Claire Foy per The Crown, Keri Russell per The Americans, Evan Rachel Wood per Westwood, Robin Wright per House of Cards e Elisabeth Moss (The Handmaid’s Tale). Per la categoria attori drammatici oltre a Sterling K. Brown e Milo Ventimiglia per This Is Us e Matthew Rhys per The Americans, concorrono Anthony Hopkins per Westworld, Liev Schreiber per Ray Donovan, Kevin Spacey per House of Cards e Bob Odenkirk per Better Call Saul. Per la stessa categoria, sezione commedia, spiccano i nomi di Jane Fonda, Ellie Kemper, Julia Louis-Dreyfus, Zach Galifianakis, William H. Macy, Jeffrey Tambor.

Fra le miniserie approdano alla notte degli Emmy Big Little Lies, la terza stagione di Fargo, la storia della eterna lotta fra Bette Davis e Joan Crowford, Feud: Bette and Joan, quella del genio di Einstein in Genius” e infine il dramma targato HBO The Night Of.

Fra i film per la tv Black Mirror di Netflix dovrà vedersela con la storia vera raccontata in The Immortal Life of Henrietta Lacks, Dolly Parton’s Christ mas Of M any Colors: Circle Of Love, Sherlock: The Lying Detective e il racconto della truffa miliardaria di Bernie Madoff Wizard of Lies. Felicity Huffman, Nicole Kidman e Reese Witherspoon, per Big Little Lies e Jessica Lange e Susan Sarandon per Feud si contenderanno invece l’Emmy per le “limited series”.

Snobbato invece Jude Law, nei panni del diabolico papa Lenny Berardo in The Young Pope. Variety giustifica così la mancata candidatura di Law: “La corsa fra gli attori per le mini serie e film per la tv era semplicemente troppo affollata di grandi nomi: Ewan McGregor, Geoffrey Rush, Benedict Cumberbatch, Riz Ahmed, John Turturro e Robert De Niro”.

Le candidature sono state annunciate dalla star di Veep Anna Chlumsky, che ha ottenuto una candidatura in diretta e il protagonista di Criminal Minds Shemar Moore, gli Emmy Awards verranno consegnati domenica 17 settembre da Stephen Colbert.

(di Francesca Scorcucchi/ANSA)

Ultima ora

21:20Calcio: Florenzi, messaggio a Milik

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Ci vedremo al San Paolo e ci scambieremo la maglia. Fieri della nostra forza e più forti del nostro destino. Un grande abbraccio! Ale". Con questi messaggio, pubblicato sul proprio account di Twitter, il romanista Alessandro Florenzi ha dato appuntamento al collega del Napoli, Arkadiusz Milik, che, come il giallorosso, ha subito due gravi infortuni al ginocchio a poche settimane di distanza. L'attaccante dei partenopei oggi è stato operato a Roma e tornerà in campo fra cinque-sei mesi.

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

20:56Sport: Lotti palleggia con atleti paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Io vengo a giocare ragazzi. Invitatemi e vengo". Così il ministro dello Sport Luca Lotti che si è fermato a palleggiare con i calciatori della nazionale italiana Calcio Amputati al termine della inaugurazione del centro di preparazione paralimpica al Tre Fontane. Lotti si è fermato a palleggiare a lungo scherzando con gli atleti paralimpici che durante lo scambio del pallone lo esortavano ironicamente con queste parole: "Se cade (la palla, ndr) cade il governo".

20:47Calcio: condanna Agnelli, Malagò non si espone

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "La cosa peggiore è che il presidente di un Comitato olimpico giudichi una sentenza di primo grado. Penso che la giustizia sportiva ha tre gradi di giudizio, è giusto, doveroso, aspettare il completamento di tutto il percorso". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc che ha condannato a un anno di inibizione il presidente della Juve Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita dei biglietti ai tifosi. "Dispiace comunque che il calcio e il nostro mondo - ha aggiunto Malagò a margine dell'inaugurazione del Centro di preparazione paralimpica - ogni tanto vada agli onori o agli oneri delle cronache con delle cose che indubbiamente dispiacciono a tutti in assoluto". "Non commento le sentenze", ha invece detto il ministro dello Sport Luca Lotti. Per quanto riguarda le infiltrazioni dei mafiosi nel calcio - ha aggiunto - la Commissione Antimafia ha fatto un ottimo lavoro sul quale poter lavorare come parlamento e come governo per il futuro".

20:36Sport: Lotti esalta Centro Paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando si inaugura la grande infrastruttura di interesse strategico per tutto il Paese. L'augurio è che la Cittadella dello Sport Paralimpico possa essere un'altra pietra miliare su cui costruire il futuro". E' quanto espresso dal ministro dello Sport, Luca Lotti, intervenuto all'inaugurazione del centro di preparazione olimpica del Comitato Italiano Paralimpico al Tre Fontane. "Il cammino davanti a noi è ancora lungo - ha precisato Lotti - per questo il governo ha approvato lo stanziamento di altri 6.5 milioni per il completamento del Centro con un palazzetto polifunzionale e foresteria che lo farà diventare davvero all'avanguardia nel mondo".

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

Archivio Ultima ora