Ocse denuncia, in Italia dipendenti pubblici anziani e strapagati

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Dipendenti pubblici

Dipendenti ministeriali varcano i tornelli d’ingresso a Roma in una foto d’archivio. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

PARIGI. – Dipendenti statali troppo anziani, dirigenti pubblici strapagati e una forte sfiducia dei cittadini nei confronti del governo. Questo il quadro italiano descritto dall’Ocse nell’ultimo report ‘Uno sguardo sull’amministrazione 2017’, un documento biennale in cui l’organizzazione internazionale di studi economici fa il punto sulla situazione dei paesi membri, analizzando vari aspetti delle istituzioni.

Il presidente dell’Ocse, Angel Gurrìa, riconosce che “dieci anni dopo la crisi finanziaria globale, la ripresa economica non è abbastanza forte per produrre un miglioramento durevole o per ridurre le persistenti diseguaglianze”. In un simile contesto, la situazione dell’Italia non sembra essere delle migliori. Numeri alla mano, Roma presenta forti squilibri in diversi settori del pubblico, con conseguenti ripercussioni sulla redistribuzione della ricchezza e dell’impiego.

Primo fra tutti quello riguardante l’anzianità dei dipendenti statali. Nel 2015 l’Italia si conferma al primo posto con il 45,4% di impiegati al di sopra dei 55 anni e il 18% sotto i 34. Un primato negativo, soprattutto se confrontato alla media della zona Ocse, dove i lavoratori ultra-55enni sono solamente il 24%. Numeri preoccupanti, che secondo il report potrebbero mettere a rischio le “opportunità di rinnovo” delle amministrazioni.

Dati negativi anche per quanto riguarda i livelli di retribuzione. Sempre nel 2015, lo stipendio dei dirigenti pubblici apicali è stato di 347mila euro, contro i 231mila della media. Alti anche i compensi per ruoli di segreteria, pagati 49mila euro, circa tremila in più rispetto al resto della zona Ocse. Più contenute le retribuzioni per i professionisti con competenze specifiche, che hanno percepito 59.500 euro all’anno, una cifra minore se paragonata ai 78mila euro degli altri paesi.

Cala anche la fiducia degli italiani nei confronti del governo, ferma al 24%, sei punti in meno rispetto alle stime del 2007, così come l’apprezzamento nei confronti del sistema giudiziario, al 24%, lontano dal 55% riscontrato tra gli stati membri.

L’Italia si riprende sulle quote rosa, registrando nel 2015 una presenza femminile nel pubblico impiego tra il 51 e il 52%, un dato in linea con la media, che si attesta al 53%. Un risultato confortante, nonostante nell’intera area Ocse l’occupazione delle donne nel pubblico impiego è al 58% mentre nel privato è al 45%. Stime che, secondo il documento “rispecchiano condizioni di lavoro più flessibili nel settore pubblico rispetto al privato”.

(di Danilo Ceccarelli/ANSA)

Ultima ora

10:39Viabilità: chiuso traforo Gran San Bernardo

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Per un "problema di carattere tecnico" alle 8.50 è stato chiuso al traffico il traforo del Gran San Bernardo, che collega l'Italia alla Svizzera. "E' tutto al vaglio dei tecnici della società, stiamo conducendo delle valutazioni in merito. Al momento non sappiamo stimare i tempi per la riapertura", spiega un responsabile della Sistrasb, la Società italiana traforo del Gran San Bernardo. Il problema si è verificato "nella parte italiana" della galleria. La protezione civile della Valle d'Aosta ha applicato il piano per la viabilità che prevede il divieto di transito in salita per i mezzi pesanti. I veicoli leggeri possono invece percorrere il Colle del Gran Bernardo.(ANSA).

10:21Calcio: Allegri, ‘3 punti imparando a soffrire,ora il derby’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Gli 1-0 servono perché oltre ai tre punti in classifica si impara a soffrire". Doppio risultato per Massimiliano Allegri, che vede la Juventus lottare per 90' per avere la meglio sulla Fiorentina, unendo alla buona prova di carattere anche il primo posto in classifica in compagnia del Napoli. "Bene così, ora sotto con il derby!" ha aggiunto l'allenatore bianconero nel consueto tweet che accompagna la fine delle partite della Juventus, impegnata sabato sera all'Allianz Stadium contro il Torino.

10:19Contrada: difensore, sentenza conferma ruolo di Corte Europa

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - "Finalmente e senza mezzi termini: un pronuncia che conferma il ruolo protagonistico della Corte europea nell'ordinamento giuridico italiano, conferendo piena cogenza alle decisioni di Strasburgo". Il prof.Vittorio Manes, difensore di Bruno Contrada, commenta così la sentenza della Cassazione che ha dichiarato ineseguibile e improduttiva di effetti penali la condanna per l'ex numero 2 del Sisde. La sentenza, prosegue, è "molto coraggiosa e dai toni 'alti', decisamente consapevole della complessità dei problemi giuridici in gioco, che prende molto sul serio gli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo". E "detta una parola decisiva in ordine ai doveri del giudice nazionale che - a prescindere dalla condivisione della decisione europea sul caso concreto - non può sottrarsi alle pronunce di condanna del giudice di Strasburgo, a cui deve dare piena esecuzione, eliminando ogni effetto dell'eventuale sentenza di condanna 'domestica' ritenuta illegittima dalla corte Edu".(ANSA).

10:06‘Ndrangheta: arrestato in Olanda latitante Bonarrigo

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 21 SET - E' stato arrestato ad Amsterdam Gioacchino Bonarrigo, 33 anni, di Cinquefrondi, latitante da luglio 2011 quando evase dai domiciliari. L'uomo, ritenuto elemento di spicco della cosca Bellocco di Rosarno e con ramificazioni in Italia e all'estero, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga ed è stato arrestato dalla polizia olandese insieme ai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Destinatario di mandato di arresto europeo dal 2016, deve scontare anche 2 anni e 19 giorni di reclusione per armi e ricettazione. Dalla collaborazione tra i carabinieri del reparto operativo di Reggio e del Gruppo di Gioia Tauro e la polizia olandese, col raccordo del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, è emerso che il latitante, sotto false generalità, si muoveva in vari paesi europei, tra cui l'Olanda. E' stato quindi individuato in un quartiere del centro di Amsterdam e bloccato. (ANSA).

09:42Crolla solaio nella notte, quattro feriti a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 21 SET - Quattro persone - i genitori e i due figli - sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, a seguito di un crollo avvenuto in uno stabile di tre piani di via D'Alò Alfieri, a Taranto. Secondo le prime informazioni, pare che a cedere sia stato prima il solaio del terzo e ultimo piano (disabitato) che ha fatto poi cadere il pavimento con le macerie finite nella camera da letto del secondo piano. Una bambina sarebbe stata trasportata in codice rosso all'ospedale "Santissima Annunziata", ma non correrebbe pericolo di vita. Feriti in maniera non grave il genitori e il fratello sedicenne della piccola. Sul posto vigili del fuoco, 118, Polizia e carabinieri. L'edificio è stato sgomberato e messo in sicurezza.

09:38Morta la quindicenne ferita da ex compagno della madre

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA) - E' morta stamani la ragazza di 15 anni che ieri era stata ferita al volto da un colpo di pistola sparato dall'ex compagno della mamma, Antonio Di Paola, di 37 anni, che, dopo una fuga nelle campagne, si è ucciso con la stessa arma, una calibro 22. Nicolina Pacini stava andando a scuola quando è stata avvicinata da Di Paola, che le avrebbe chiesto della mamma, Donatella Rago, di 37 anni, fino ad un mese fa la sua compagna. Al rifiuto della ragazzina, l'uomo ha sparato colpendola al viso. Donatella Rago ha saputo della tragedia nella località della Toscana dove lavora e dove, pare, avesse cominciato una nuova relazione. Antonio Di Paola non si dava pace e voleva in tutti i modi ritornare con la donna che di recente lo aveva denunciato due volte per minacce, l'ultima un paio di settimane fa. Nicolina Pacini, per le condizioni di disagio famigliare, viveva con i nonni ai quali era stata affidata dai servizi sociali insieme con il fratello.

09:02Iraq: premier, cominciata operazione per riprendere Hawija

(ANSA-AP) - IRBIL, 21 SET - Le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riacquistare il controllo della città di Hawija (240 km a nord di Bagdad) in mano all'Isis: lo ha annunciato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. L'operazione e' cominciata oggi all'alba, solo due giorni dopo l'avvio dell'offensiva nella provincia occidentale di Anbar.

Archivio Ultima ora