Eterna Venus, a 37 anni in finale a Wimbledon per la nona volta

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Venus Williams batte Johanna Konta nella semifinale. EPA/NIC BOTHMA

LONDRA. – Otto anni dopo l’ultima volta, nove dopo l’ultimo trionfo: Wimbledon torna a sorridere a Venus Williams, che sabato sfiderà la spagnola Garbiñe Muguruza per il sesto sigillo ai Championships. Impressionante prova di superiorità dell’americana, che in due comodi set liquida la favorita dei sudditi di Sua maestà, Johanna Konta (64 62), e con i suoi 37 anni (compiuti lo scorso 17 giugno) diventa la finalista più anziana dai tempi di Martina Navratilova, qui in finale nel 1994, a 37 anni e 8 mesi.

L’ennesimo exploit di longevità di una campionessa infinita che alla 20esima visita all’All England Club stacca il biglietto della finale per la nona volta, la 16/esima finale Slam in carriera, la seconda quest’anno dopo quella (persa contro Serena Williams) a Melbourne. In totale sarà la finale numero 82 (49 i titoli vinti) in carriera. Numeri impressionanti, come i match che Venere ha disputato sull’erba, 101 (e sabato diventeranno 102), dietro solo all’inarrivabile Navratilova (134 partite) e Chris Evert (111).

In poco più di un’ora, l’americana, qui testa di serie n.10, ha impartito una vera e propria lezione di tennis alla più giovane Konta, che deve così rimandare di almeno un anno il sogno di eguagliare il record di Virginia Wade, ultima britannica a vincere i Championships nel 1977.

“Qui ho giocato molte finali, eppure giocarne una in più, a questo punto della mia carriera, è come una benedizione – la gioia incontenibile di Venere davanti ai microfoni -. Il pubblico? E’ stato molto gentile con me, nonostante ci fosse una britannica in campo. Johanna ha giocato benissimo, non mi ha regalato nulla. In avvio di match ho avvertito molta la pressione, ma mi ha aiutato l’esperienza”.

Sulla sua strada troverà sabato Garbiñe Muguruza, che dopo aver superato in poco più di un’ora Magdalena Rybarikova (61 61), spera di diventare la seconda spagnola, dopo Conchita Martinez (1994), regina di Wimbledon. “Entrambe giochiamo benissimo sull’erba. Sarà una partita molto difficile. Chiederò a Serena come fare per batterla. Vorrei che fosse qui, magari a giocare la finale al posto mio. Cecherò comunque di difendere al meglio il nome Williams”.

Per Muguruza si tratta della terza finale Slam, tutte giocate con una Williams dall’altra parte della rete (compreso il trionfo a Parigi, lo scorso anno). “Ho giocato davvero bene. In questo Wimbledon mi sto ritrovando, adesso mi aspetta una finale difficile, ma sento di essere pronta”, le parole della 23enne spagnola.

Ultima ora

21:55Calcio: Juventus, noie muscolari per Hoewedes

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La fortuna non aiuta Benedikt Hoewedes: dopo aver dedicato il suo primo mese nella Juventus a recuperare la forma fisica, il tedesco ha riportato un risentimento muscolare ai flessori della coscia sinistra, la cui entità verrà approfondita con esami strumentali nei prossimi giorni. Niente derby, dunque, sabato per il difensore, che avrebbe potuto far rifiatare qualcuno.

21:47Calcio: Roma, Schick fermo 15 giorni

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La Roma dovrà fare a meno di Patrik Schick fino alla gara con il Napoli in programma il 14 ottobre. L'attaccante, infortunatosi in occasione della gara con il Verona, sarà infatti costretto a star fermo per due settimane e tornerà quindi a disposizione del tecnico Di Francesco dopo la sosta, e dopo aver quindi saltato le gare con Udinese e Milan in campionato e Qarabag in Champions League. La prognosi è arrivata questa sera dopo che l'attaccante ceco è stato sottoposto ad ulteriori controlli clinico-strumentali che, spiega il bollettino medico emesso dal club giallorosso, "hanno confermato l'infortunio muscolare al retto femorale sinistro, mettendo in evidenza una quota di edema post-distrattivo nel terzo prossimale della giunzione mio-tendinea del muscolo".

21:25Calcio: Real Madrid, rinnovo record con Emirates

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Rinnovo di sponsorizzazione record per il Real Madrid, che ha deciso di prolungare fino al termine della stagione 2021-2022 l'accordo con Emirates. Lo anticipa "Palco23", web magazine spagnolo specializzato nello sport business. Il club presieduto da Florentino Perez avrebbe firmato con un anno di anticipo il rinnovo della sponsorizzazione alla cifra di circa 70 milioni all'anno (per un totale quindi di 280 milioni), un record assoluto. I campioni d'Europa in carica, infatti, supereranno i rivali del Barcellona (55 milioni da Rakuten) e il Manchester United (che ne incassa 62 dalla Chevrolet). Oltre allo sponsor sulla maglia, il Real sta anche chiudendo le trattative con la Adidas per il rinnovo della sponsorizzazione tecnica: l'intesa prevedrebbe introiti nell'ordine di 150 milioni a stagione e un accordo pluriennale.

21:05Calcio: De Biasi riparte dalla Liga, ad un passo dall’Alaves

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Gianni De Biasi sarà il nuovo allenatore dell'Alaves, ultima in classifica nella Liga spagnola e che ha appena esonerato Luis Zubeldía. Stando alla stampa locale, la società avrebbe trovato l'accordo con l'ex ct dell'Albania, che vanta già un'esperienza nel campionato spagnolo (ha allenato il Levante nel 2007-2008). Il 61enne tecnico trevigiano risponde al profilo che il club sta cercando: di nazionalità europea, non spagnolo, con esperienza nella Liga e attualmente senza contratto. Dopo aver allenato, tra le altre, Torino, Brescia e Udinese, De Biasi ha vissuto il suo miglior periodo come allenatore sulla panchina dell'Albania, portata ad una storica qualificazione all'Europeo in Francia. Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, il contratto di De Biasi vale fino alla fine della stagione, con opzione per l'anno successivo. L'Alaves dovrebbe ufficializzare il suo arrivo nelle prossime ore.

20:59Istruzione: in Serbia Forum Cina-16 Paesi est Europa

(ANSAmed) - BELGRADO, 21 SET - La collaborazione e le politiche nel campo dell'istruzione sono al centro di un incontro di due giorni apertosi oggi a Novi Sad, nel nord della Serbia, fra i rappresentanti di Cina e di 16 Paesi dell'Europa centro-orientale e balcanica. Alla conferenza, che si tiene all'Università del capoluogo della Voivodina, sono intervenuti la premier serba, Ana Brnabic, e il ministro dell'istruzione, Mladen Sarcevic, unitamente ai rappresentanti cinese e degli altri Paesi partecipanti. L'iniziativa '16+1' e' stata avviata negli anni scorsi dalla Cina con l'obiettivo di intensificare i rapporti con i Paesi dell'Europa centrorientale e balcanica. Nei giorni scorsi in Montenegro, nell'ambito di tale formato, si è tenuto un Forum tra i sindaci di Pechino e delle capitali dei 16 Paesi interessati. (ANSAmed).

20:38Iraq: autorità curde confermano referendum 25 settembre

(ANSA) - BEIRUT, 21 SET - Le autorità della regione autonoma del Kurdistan, in Iraq, hanno annunciato che il referendum sull'indipendenza, che pure ha valore consultivo, si svolgerà come previsto il 25 settembre, nonostante la Corte suprema di Baghdad abbia disposto la sospensione della consultazione in attesa di stabilirne la costituzionalità. Il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, ha detto che le trattative col governo federale continueranno anche dopo il referendum, e che l'indipendenza potrebbe essere dichiarata tra due anni. L'Alto consiglio per il referendum, presieduto da Barzani, ha detto che le operazioni di voto si svolgeranno alla data prevista, dopo che nei negoziati delle ultime settimane con il governo centrale di Baghdad, "nessuna alternativa è stata offerta al posto del referendum e a garanzia dell'indipendenza". "Siamo pronti a cominciare un dialogo serio, cordiale e sincero con Baghdad e la comunità internazionale dopo il referendum", ha detto Barzani in un comizio a migliaia di sostenitori.

20:37Corea Nord: Ue verso nuove sanzioni, bozza d’accordo

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - L'Ue va verso l'adozione di nuove sanzioni nei confronti della Corea del Nord. E' quanto si apprende da fonti europee. I 28 hanno raggiunto una bozza di accordo anche se manca ancora una formalizzazione che, secondo le previsioni, potrebbe arrivare alla prossima riunione del Consiglio Affari Esteri, in agenda il 16 ottobre.

Archivio Ultima ora