Bonucci e Juve vicine al divorzio. Post del difensore: “Ricomincio”

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Bonucci, Juventus

Leonardo Bonucci durante una sessione di allenamento. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

TORINO. – Una ‘pazza idea’ trasformatasi nella trattativa di mercato più suggestiva dell’anno. Un anno fa, quando suonavano le prime sirene inglesi, sembrava impossibile che Bonucci, una delle colonne della BBC bianconera, potesse lasciare la Juventus. Oggi invece il divorzio sembra cosa fatta, o quasi. Il numero 19 di Allegri è molto vicino a vestire la maglia del Milan, anche se la distanza tra richiesta Juve e offerta rossonera sarebbe ancora notevole: 40 contro 30.

L’agente di Bonucci, Alessandro Lucci, è impegnato ad avvicinare le parti. Le ultime ore sono state intense, quasi frenetiche mentre il difensore riprendeva ad allenarsi dopo le vacanze. Si è presentato a Vinovo e ha sostenuto le visite e i test fisici dopo avere postato un tweet a celebrare la ripresa della stagione, ma senza alcun riferimento alla Juventus. Un particolare che ha alimentato le voci e le illazioni.

La posizione della Juventus è la stessa tenuta nel caso Alves: nessun giocatore rimarrà in bianconero controvoglia. La sensazione è che il rapporto tra i campioni d’Italia e il difensore sia giunto al termine. Dal litigio con Allegri alla fine di Juventus-Palermo, con esclusione nel match di Champions a Oporto, alle presunte voci, mai confermate, su una lite negli spogliatoi di Cardiff, il rapporto tra Bonucci e la Juventus, e forse soprattutto proprio con il tecnico livornese, si è lentamente incrinato. Al punto da spingere ‘Leo’ ad accettare la corte del Milan.

Le pretendenti erano tante: dal Barcellona al Manchester City, oltre naturalmente al Milan e ad un timido inserimento dell’Inter. Ma la scelta di Bonucci sarebbe ricaduta proprio sui rossoneri. Nella trattativa non rientrerebbe direttamente De Sciglio: l’obiettivo del Milan è chiudere rapidamente per aggregare il calciatore nella tournée in Cina.

Se da un lato si allontana Bonucci, pare riavvicinarsi Patrick Schick: l’attaccante ceco, risultato non idoneo dopo i primi esami sostenuti al J Medical di Torino, si è sottoposto ad una nuova sessione di test medici a Roma. Alla presenza del presidente della Sampdoria, Ferrero, e dello staff medico della Juventus, Schick ha ripetuto gli esami.

I blucerchiati spingono per depositare il contratto, firmato da entrambe le squadre, che porterebbe nelle loro casse oltre 30 milioni di euro dilazionati in due anni. Di contro i bianconeri potrebbero proporre un prestito che permetta loro di valutare la risposta del calciatore, monitorando di continuo la sua salute. Tra voci e ipotesi, le certezze in casa Juventus arrivano direttamente dal campo: test fisici al mattino e allenamento nel pomeriggio per i difensori Bonucci, Barzagli, Chiellini e Lichtsteiner, i centrocampisti Lemina, Marchisio e Pjanic e l’attaccante croato Mandzukic.

Ultima ora

12:52Svastica su cartello scuola Anna Frank a Pesaro

(ANSA) - PESARO, 19 NOV - "Ignoranti e delinquenti. Siete contro la storia e l'umanità. Faremo denuncia contro ignoti e ripuliremo subito. Non vanno sottovalutati certi comportamenti di pericolosa intolleranza e nuovo estremismo. Continueremo il lavoro sulla memoria nelle scuole affinché i valori di libertà e uguaglianza siano per sempre. #wepesaro". Così il sindaco di Pesaro Matteo Ricci sulla svastica disegnata sul cartello della scuola intitolata ad Anna Frank disegnata nella notte da ignoti con una bomboletta spray color nero.

12:51Spari dopo lite in movida Napoli, quattro ragazzi feriti

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - Quattro giovanissimi feriti da colpi di arma da fuoco: è il bilancio di una sparatoria avvenuta la scorsa notte in via Carlo Poerio, nel quartiere Chiaia, tra i crocevia più affollati della movida napoletana. Sull'episodio indaga la polizia: a quanto pare gli spari sarebbero avvenuti in seguito a una lite tra due comitive. Coinvolto un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 19 anni, alcuni dei quali provenienti dall'hinterland partenopeo e già noti alle forze dell'ordine. Il ferito più grave è un sedicenne, colpito al torace, ricoverato con prognosi riservata. Ferita al petto anche una ragazza di 19 anni, che dovrà essere operata per estrarle un proiettile dal seno. Nel bilancio dei feriti anche un ragazzo che ha riportato la frattura del setto nasale, probabilmente in seguito a una caduta.

11:27Catalogna: Juncker, ‘sono molto preoccupato, é un disastro’

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "La Catalogna è una grande, una enorme preoccupazione. Non mi piace la situazione che ha causato: è un disastro": lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, nel corso di un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais. "Per molti versi, ha reso tesa l'atmosfera politica, ha provocato una frattura interna nella società spagnola e nella società catalana", ha proseguito Juncker sottolineando che questa situazione "crea problemi nelle famiglie, tra amici. È triste. Questo non dovrebbe mai essere successo". "Il nazionalismo è un veleno", ha sottolineato: "Fuori dall'Europa mi chiedono se la Spagna si trova in uno stato di decomposizione: se il Paese sta per rompersi in due. Io dico di no, che la maggior parte degli spagnoli si oppone all'indipendenza, che neanche in Catalogna la maggioranza è chiara. Il governo e la Generalitat possono discutere il grado di autonomia, ma l'Europa è un club di nazioni e non accetto che le regioni vadano contro le nazioni".

11:21Francia: sondaggio Ifop-Jdd, popolarità Macron risale al 46%

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risale la popolarità del presidente francese Emmanuel Macron, secondo il barometro Ifop-Jdd, l'inquilino dell'Eliseo recupera quattro punti a novembre rispetto al mese precedente assestandosi al 46%. Come ricorda il Journal di Dimanche (Jdd) la popolarità di Macron era decisamente calata durante l'estate. Il presidente recupera in particolare ben 7 punti, al 22%, tra i simpatizzanti de La France Insoumise, il partito del populista di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon.

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

Archivio Ultima ora