La Sinistra in cerca di leader, dalla vecchia guardia a mister X

Pubblicato il 14 luglio 2017 da ansa

ROMA. – La ricerca di un leader è uno dei leit-motiv del centrosinistra Italiano, che nasce nel 1995 proprio quando Pds, Ppi, Verdi e Sdi danno vita all’Ulivo scegliendo Romano Prodi candidato premier, poi scalzato dagli stessi che lo avevano portato a Palazzo Chigi. Il regicidio è infatti il secondo tratto di fondo del centrosinistra.

Dopo la sfiducia al Governo Prodi da parte del Prc il 9 ottobre 1998, il professore chiede urne immediate, ma Pds e Ppi portano Massimo D’Alema a Palazzo Chigi. E’ lui il nuovo leader ma dopo la sconfitta della coalizione alle Regionali del 2000, si dimette.

Al governo va Giuliano Amato, ma inizia la “telenovela” per scegliere il candidato premier nel 2001. Sono contattati il Governatore di Bankitalia Antonio Fazio e Giovanni Bazoli, che il 21 aprile declina l’offerta. Rimangono in campo Amato e Francesco Rutelli finché il primo, il 25 settembre 2000 lancia la “staffetta” in favore dell’allora sindaco di Roma.

Il centrosinistra alle elezioni del 2001 corre diviso (Ulivo, Idv e Prc) e Berlusconi si afferma, ed ecco che la leadership di Rutelli è rimessa in discussione: a lanciare un Opa ostile sull’Ulivo è il segretario della Cgil Sergio Cofferati che il 23 marzo 2002 porta in piazza centinaia di migliaia di persone. Tenta la scalata anche Antonio Di Pietro, fino al ritorno di Romano Prodi che si impone attraverso le primarie dell’ottobre 2005.

Il governo dell’Unione da lui guidato vince le elezioni del 2006 ma a gennaio 2008 cade questa volta impallinato dall’Udeur: il Professore annuncia che farà “il nonno”. Nel frattempo era nato il Pd di Walter Veltroni, anch’egli incoronato alle primarie nell’ottobre 2007. Alle elezioni del 2008 raccoglie oltre 12 milioni di voti, ma soccombe a Berlusconi.

Inizia il logorio da parte di Massimo D’Alema e dei suoi che spinge Veltroni a mollare il 18 febbraio 2009. Alle primarie nell’ottobre 2009 si afferma Pierluigi Bersani, che deve rintuzzare il “rottamatore” Matteo Renzi, che ogni novembre organizza la Convention della sua area alla stazione Leopolda di Firenze. Bersani accetta la sfida e alla vigila delle elezioni convoca nel novembre 2012 primarie aperte per decidere la premiership: e in due turni le vince. Ma alle elezioni del febbraio 2013 ecco il flop, con 8,6 milioni di voti.

Dopo la fallita nascita di un governo da lui guidato, e il fallimento della candidatura di Prodi al Quirinale, Bersani lascia a fine aprile. L’8 dicembre inizia l’era Renzi: il primo leader del Pd a diventare premier.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

17:01Polizia: francobollo per la ‘stradale’

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Compie 70 anni la Polizia Stradale e riceve in regalo un francobollo celebrativo da 95 centesimi che sarà emesso il 28 novembre prossimo. La vignetta del francobollo - resa nota oggi da Poste Italiane - mostra tre immagini tipo ''figurina'' riunite insieme: un agente impegnato nel soccorso di un ferito ai margini di una strada, un agente che illustra alcune parti della motocicletta di servizio a due bambini e due agenti su motociclette intenti a pattugliare una strada. L'annullo speciale primo giorni di emissione sarà stampigliato a Roma; il bollettino illustrativo dell'emissione e' firmato da dal capo della Polizia Franco Gabrielli che ricorda, tra l'altro, che con circa 1500 pattuglie la Stradale vigila ogni giorno su quasi settemila chilometri di autostrade e su oltre 450 mila km della rete viaria primaria orientando l'attività alla riduzione degli incidenti stradali e al contrasto di fenomeni criminosi.

16:59Libri: ‘Ma il cielo è sempre più rossoblù, l’impresa Crotone

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - L'immagine di Davide Nicola lanciato in aria dai giocatori, la sera del 28 maggio, entra nella storia del Crotone. Il campionato è appena finito e i calabresi hanno ottenuto la salvezza in Serie A, scrivendo una grande storia. Uno scudetto paragonabile inversamente a quello della Juve, anche perché conquistato al culmine di una rimonta straordinaria. Penultima in classifica a poche giornate dalla fine, la squadra di Nicola taglia un traguardo insperato. L'impresa coinvolge una giornalista poco esperta di calcio come Maria Barresi, che ne diventa narratrice in un libro dal titolo 'Ma il cielo è sempre più rossoblù', un 'racconto calcistico ispirato a una storia vera' (edito da Minerva). Un evento che regala un'emozione, un momento di gloria, un sogno realizzato alla Calabria che crede nelle rimonte. La storia del Crotone, un po' come quella di ognuno di noi che, quando cade, sa di potersi rialzare. È la storia di una rivincita e di tanta speranza come dice il brano 'A mano a mano', del crotonese Rino Gaetano.(ANSA).

16:42Mdp-Si dice no a trattativa coalizione. Pd, avanti con altri

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Non c'è la "disponibilità" di Mdp, Sinistra italiana e Possibile "a una trattativa" con il Pd sulla coalizione, "in quanto le differenze sono su temi di fondo. Mi riferisco in particolare al lavoro, alla sanità universale e al no a una compagna elettorale sullo slogan meno tasse per tutti". Lo dice Maria Cecilia Guerra, capogruppo di Mdp, al termine dell'incontro con la delegazione Dem composta da Piero Fassino, Maurizio Martina e Cesare Damiano. "Il tempo è scaduto, non ci sono margini per nessuna intesa", aggiunge Giulio Marcon, capogruppo di SI-Possibile. Piero Fassino commenta: "C'è stato un confronto programmatico vero. Ma ci rispondono che non sussistono le condizioni politiche. Non posso che esprimere rammarico: non capisco perché ci si debba precludere il confronto ma come noto i matrimoni per farli bisogna essere in due e prendiamo atto della indisponibilità. Continueremo con le altre forze con cui abbiamo interloquito". "Non c'è mai un tempo limite" per trattare, puntualizza Maurizio Martina.

16:35Decreto su collegi elettorali in consiglio dei ministri

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il decreto sui collegi elettorali sarà, a quanto si apprende, all'esame del consiglio dei ministri, convocato per oggi alle 16.

16:26Vaccini: da Consulta ‘no’a Veneto,ricorsi infondati

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - La Corte ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull'obbligo dei vaccini. Secondo i giudici costituzionali, le misure in questione rappresentano una scelta spettante al legislatore nazionale. E questa scelta non è irragionevole, poiché volta a tutelare la salute individuale e collettiva e fondata sul dovere di solidarietà nel prevenire e limitare la diffusione di alcune malattie. Lo ha deciso al termine della camera di consiglio, rimarcando che il passaggio da una strategia basata sulla persuasione a un sistema di obbligatorietà dei vaccini si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali. E inoltre che in base alla legge la mancata vaccinazione non comporta l'esclusione dalla scuola dell'obbligo dei minori, che saranno di norma inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati.

16:18Ok definitivo a passaggio di Sappada al Friuli

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Via libera definitivo al passaggio del Comune di Sappada dalla Regione Veneto, a cui appartiene, alla Regione Friuli Venezia Giulia. L'Aula della Camera ha definitivamente approvato la proposta di legge in tal senso con 257 voti a favore, 20 contrari e 74 astenuti. Ad astenersi sono stati i deputati di Fi, Direzione Italia e Mdp. "Dispiace dirlo, ma con il voto di oggi, sul provvedimento per il distacco del Comune di Sappada dal Veneto al Friuli Venezia Giulia, il Parlamento italiano si è reso protagonista di una brutta pagina della storia democratica del nostro Paese. È stata messa in atto una forzatura ingiustificata, contro le legittime perplessità del Consiglio regionale del Veneto e contro l'articolo 132 della Costituzione, che in questo passaggio parlamentare non è stato in alcun modo rispettato". Lo affermano in una nota congiunta Paolo Sisto e Renato Brunetta, deputato e capogruppo di Fi alla Camera.

16:10Migranti: Prefetto Venezia, pronto ad ‘alleggerire’ Cona

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Trattative in corso, a Venezia, tra il Prefetto Carlo Boffi e i 55 migranti rimasti, dei tanti che avevano protestato per essere trasferiti dal centro di accoglienza di Conetta frazione di Cona nel veneziano. Il Prefetto nel corso di un incontro nel centro civico di Malcontenta (Venezia) ha rilevato come da 1.500 ospiti in breve tempo Conetta ha visto ridurre il numero di migranti a 1.100 ed ora a poco più di 800. Agli stranieri ha chiesto di rientrare a Conetta, sospendendo il rischio di perdita del diritto all'assistenza per la loro assenza, ma anche prospettando a breve un ulteriore trasferimento in altri luoghi di cento ospite in base al criterio dell'anzianità di permanenza. I migranti sono riuniti in assemblea e dall'esita di questa si valuterà il da farsi.

Archivio Ultima ora